HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

L'AUGEL BELVERDE
ITALIANO VENETO
1551-1553

C'erano una volta a Fontaniva, città nobile e prosperosa, tre sorelle belle, cortesi e piene di grazia, nonostante fossero figlie di un fornaio, che nel suo forno cuoceva il pane per gli altri.
Un giorno le tre sorelle erano nel giardino che a loro  piaceva tanto, quando passò il re Ancillotto, che per divertirsi andava  a caccia  con una bella compagnia. Brunora, che era la maggiore,  vedendo  quella nobile e allegra compagnia, disse: "Se io avessi il maestro di casa del re come mio sposo, sono sicura che con un  bicchiere di vino disseterei tutta la corte". "E io,"disse Lionella, "posso assicurare che se avessi il segretissimo cameriere del re come sposo farei tanta tela con un fuso del mio filo che  rifornirei di camicie finissime  tutta la corte". "E io," disse Chiaretta, che era la più piccina e anche la più bella, "posso dire che se avessi il re come mio sposo gli farei tre gemelli,  due maschi e una femmina, e ciascuno di loro avrebbe i capelli inanellati sulle spalle scintillanti di fili d'oro, una collana  d'oro intorno al collo e una stella in fronte".
Uno dei cortigiani sentì queste parole, e subito corse dal re e gli raccontò esattamente quello che avevano detto le tre fanciulle. Allora il re le fece venire in sua presenza e le interrogò una ad una su quello che avevano detto in giardino,  e loro  tre con grande cortesia risposero proprio con le stesse parole.  Questo piacque molto al re, e subito il maestro di casa sposò  Brunora, il cameriere Lionella, e lui prese Chiaretta. E anziché  andare a caccia tornarono tutti a palazzo, dove furono festeggiate solennemente le nozze.
La madre del re però non era affatto contenta, perché Chiaretta, per quanto bella, gentile, garbata nel parlare, era di basso lignaggio, non certo adatta alla nobiltà di un re, e poi non poteva sopportare che un maestro di casa e un cameriere fossero diventati cognati di re Ancillotto. La  suocera prese a odiare Chiaretta ogni giorno di più, non poteva vederla né sentirla, ma per non contraddire suo figlio teneva l'odio nascosto dentro di sé.
Presto Chiaretta rimase incinta, e re Ancillotto ne fu immensamente felice perché sperava di vedere i figli che gli aveva promesso la sua sposa, ma in quel tempo partì a cavallo per visitare terre straniere,  dopo aver raccomandato  la regina e i figli che stavano per nascere alla sua vecchia madre. Lei  non amava e non poteva vedere la nuora, eppure promise al figlio che le avrebbe dedicato tutte le sue cure.
Mentre il re era in terre straniere, la regina Chiaretta partorì  tre bambini, due maschi e una femmina, e tutti, come aveva promesso al re quando era ancora una fanciulla, avevano i capelli  inanellati e sparsi sulle spalle, con una graziosa catenella al collo e la stella in fronte. La crudele e malvagia madre del re,  priva di pietà e ardente di odio terribile e mortale, appena nacquero i bei bambini decise senza esitazione di farli subito morire, perché nessuno sapesse mai nulla di loro e perché la regina cadesse in disgrazia presso il re suo sposo. C'era anche questo:  che nelle due sorelle, siccome Chiaretta era regina e signora di tutti, era nata un'invidia smisurata contro di lei, e con le loro tresche e la loro malignità facevano di tutto perché quella pazza della madre del re la odiasse sempre di più.
Quando la regina partorì, nacquero a corte tre cani botoli, due maschi e una femmina, che avevano una macchia chiara in fronte e una specie di segno bianco intorno al collo. Spinte da un'ispirazione diabolica le due sorelle  invidiose presero i tre cagnetti e li portarono alla crudele suocera, si inchinarono e le dissero: "Signora, noi sappiamo che non ami e non hai cara la nostra sorella, giustamente, perché è di bassa origine e non è adatta al re tuo figlio una donna così scadente. Sapendo questo noi siamo venute per aiutarti, e ti abbiamo portato questi tre cagnolini stellati in fronte, dicci cosa ne pensi".  Alla suocera piacque molto questa cosa, e pensò di portarli alla nuora, che ancora non aveva visto i suoi figli, dicendole che erano quelli
i bambini nati da lei. E perché nessuno scoprisse l'inganno, ordinò subito alla levatrice di andare a dire alla regina che i figli che aveva partorito erano tre cani botoli, poi andò da Chiaretta con le due sorelle e dissero: "Guarda regina, che bei frutti ti sono nati! Tienili di conto, così quando torna il re vedrà questa bella roba". E glieli misero accanto, dicendole che sono cose che capitano.
Così le tre donne scellerate avevano realizzato i loro piani, restava solo una cosa: far morire i tre bambini innocenti. Prepararono una cassetta impeciata, ci misero dentro i piccini, la chiusero, e la buttarono nel fiume che scorreva lì vicino, perché la corrente li portasse via. Ma il Cielo che protegge gli innocenti non permise che accadesse loro del male, e sul fiume passò  un mugnaio che vide la cassetta, la prese e l'aprì, trovandovi i bambini che ridevano. E siccome erano bellissimi pensò che fossero figli di una gran signora, che avendo combinato qualcosa di  losco  li avesse abbandonati alle acque. Richiusa la cassettina   se caricò sulle spalle, andò a casa e disse: "Guarda moglie mia cosa ho trovato in riva al fiume, ti faccio un regalo". La donna,  visti i bambini, li accolse con affetto e li allevò come se fossero stati suoi. Chiamarono i maschi Salvo e Fluvio, e la femmina Ondina, perché erano stati salvati dal fiume.
Il re Ancillotto passava il tempo in allegria, pensando che al ritorno avrebbe trovato tre meravigliosi bambini, ma le cose non andarono come sperava lui, perché sua madre quando sentì che stava arrivando al palazzo gli si fece incontro e gli disse: "La tua cara moglie invece di tre bambini ha partorito tre cani botoli".  E dopo averlo portato nella camera dove Chiaretta giaceva addolorata per il parto, gli mostrò i tre cagnolini che aveva accanto.  La regina piangeva a dirotto, dicendo che non aveva partorito i cani, ma le tre sorelle confermarono tutto quello che aveva detto la madre. Sentendo questo il re rimase sconvolto, e quasi cadde in terra per il dolore, poi quando si riprese si sentì incerto,  non riusciva a capire a chi doveva credere, ma alla fine pensò che fossero vere le parole di sua madre. Vedendo che la povera Chiaretta era affranta dal dolore e sopportava con nobiltà il  disprezzo delle sorelle e della suocera, il re ne sentì pietà e non volle condannarla a morte, ma ordinò che fosse chiusa sotto il posto dove si rigovernavano i piatti e i tegami, e che per cibo non avesse altro che la spazzatura e i rimasugli che cadevano da una grata in quella cella puzzolente.
Mentre l'infelice regina si trovava in quella prigione dove si nutriva d'immondizia, la moglie del mugnaio cresceva i tre gemelli, e ogni mese tagliava i loro capelli inanellati, dai quali cadevano grosse pietre preziose e bianche perle, tanto che il mugnaio smise di macinare il grano e diventò ricchissimo, mentre  i bambini crescevano nell'abbondanza. Erano già grandi quando sentirono parlare il mugnaio e sua moglie, e scoprirono che non erano figli loro, ma che erano stati trovati in una cassettina portata dal fiume. Furono molto colpiti da questa cosa e, desiderosi di cercare la loro fortuna, si accomiatarono dai genitori adottivi e partirono. Questa cosa non piacque al mugnaio e a sua moglie, che si videro privati delle ricchezze che uscivano continuamente dalle loro chiome d'oro.
Salvo, Fluvio e Ondina si misero in cammino, e dopo tanti giorni giunsero a Fontaniva, la città del re Ancillotto loro padre, e qui affittarono una casa in cui vivevano insieme provvedendo ad ogni loro necessità con il ricavato delle pietre preziose e delle perle che cadevano dal loro capo. Un giorno accadde che il re andando a passeggio per le sue terre con un seguito di cortigiani per caso passò da dove abitavano i tre gemelli, che non avendo ancora visto né conosciuto il re scesero per le scale e andarono sulla porta, si tolsero il cappello e, chinando le ginocchia e la testa, lo salutarono con grande cortesia. Il re, che aveva la vista di un'aquila, li guardò bene in viso, e quando vide che avevano una stella d'oro in fronte, sentì un'agitazione che gli sconvolgeva il cuore, perché quei tre giovani potevano essere i suoi figli. Così si fermò e chiese: "Chi siete? E da  dove venite?". Loro risposero con umiltà: "Noi siamo poveri forestieri venuti ad abitare nella tua città", e il re disse: "Ne sono molto lieto, e come vi chiamate?". Il primo rispose: "Salvo", e il secondo: "Il mio nome è Fluvio". "E io," disse la sorella, "mi chiamo Ondina". "Vi prego di venire tutti insieme a pranzo da me". I giovani erano arrossiti, e siccome alla nobile richiesta non si poteva dire di no, accettarono l'invito.
Il re, tornato a palazzo, disse a sua madre: "Signora, oggi mentre ero a passeggio per svagarmi un po', ho incontrato per caso due bei giovani e una fanciulla piena di grazia, e tutti e tre avevano una stella d'oro in fronte: se non mi sbaglio sembrano quelli che mi aveva promesso la regina Chiaretta". Sentendo queste parole la vecchia scellerata si mise a ridere forte, ma in cuor suo sentì una pugnalata. Allora fece chiamare in segreto la vecchia comare che come levatrice aveva assistito al parto e le disse: "Lo sapete, mia cara comare, che i figli del re vivono, e  sono più belli che mai?". La comare rispose: "Com'è possibile signora? sono affogati nel fiume!". La vecchia regina disse:  "Dalle parole del re io ho capito che sono vivi, e ora dovrai darti da fare, altrimenti noi corriamo un pericolo mortale". Rispose la comare: "Stai tranquilla signora, che  spero di fare in modo tale che moriranno tutti e tre".
La comare se ne andò e si diresse subito alla casa di Salvo, Fluvio e Ondina; trovò la fanciulla sola, la salutò e si mise a parlare con lei, e dopo un po' di tempo le disse: "Avresti per caso, mia cara, l'acqua che balla?", Ondina le rispose di no, e la donna disse: "Oh! Mia cara, quante belle cose vedresti se tu ce l'avessi! perché bagnandoti il viso con l'acqua che balla diventeresti ancora più bella di come sei". Disse la fanciulla: "E come potrei fare per averla?"; la comare rispose: "Manda i tuoi fratelli a cercarla, che la troveranno, perché non è tanto lontana da queste terre", e dopo aver detto questo se ne andò. Quando tornarono a casa Salvo e Fluvio, Ondina andò loro incontro, e li pregò in nome del bene che le volevano di cercare in ogni modo di portarle questa preziosa acqua che balla. Salvo e Fluvio la prendevano in giro e rifiutavano di andare, perché non sapevano proprio dove cercarla, ma poi, sentendosi pregare tanto e con tanta dolcezza dalla loro amata sorella, presero un'ampolla e partirono insieme.
I due fratelli avevano cavalcato ormai per tanto tempo, quando giunsero a una fonte cristallina, dove una candida colomba si rinfrescava. Senza alcun timore la colomba disse: "O giovani, che cosa andate a cercare?"; Fluvio le rispose: "Noi cerchiamo quell'acqua preziosa che, come dicono, balla". "Oh, poverini!", disse la colomba, "e chi vi manda a cercare quell'acqua?"; rispose Salvo: "Nostra sorella". Disse allora la colomba: "Voi andate sicuramente verso la morte, perché là ci sono molti animali velenosi che appena vi vedono vi divorano. Ma lasciate a me questo compito, e vi porterò io l'acqua che balla". Prese l'ampolla che avevano i giovani, se la legò sotto l'ala destra e si alzò in volo; e dopo essere andata dove si trovava l'acqua meravigliosa e aver riempito l'ampolla, ritornò dai fratelli che aspettavano con grande desiderio il suo ritorno.
Dopo aver ricevuto l'acqua e aver ringraziato di cuore la colomba, i giovani tornarono a casa, e la diedero a Ondina, dicendole chiaramente che non doveva più chiedere servizi di quel genere, perché avevano rischiato di morire.
Non erano trascorsi molti giorni quando il re rivide i tre gemelli, ai quali disse: "Perché dopo aver accettato il mio invito non siete venuti a desinare con me quel giorno?"; loro con grande umiltà risposero: "Urgentissime faccende, maestà, sono state causa di questo". Allora disse il re: "Vi aspetto in tutti i modi domani a pranzo da me".
Ritornato a palazzo il re disse alla madre che aveva rivisto i giovani con la stella d'oro in fronte, e la vecchia si spaventò:   fatta di nuovo chiamare la comare  in segreto le raccontò tutto,  pregandola di darsi da fare per il grande pericolo che correvano.  La vecchia le disse di non preoccuparsi e di non aver paura di nulla, perché lei avrebbe fatto in modo tale che nessuno li avrebbe mai più visti.
Lasciò il palazzo e andò a casa della fanciulla, che era sola, e le chiese se ancora non le avevano portato l'acqua che balla. Ondina rispose che l'aveva, ma che per portargliela i suoi fratelli avevano corso dei grandissimi pericoli. "Eppure io vorrei proprio," disse la vecchia, "che tu mia cara avessi il pomo che canta, perché tu non hai mai visto una cosa tanto bella, né hai mai sentito un canto così soave e dolce". La fanciulla disse:  "Non so come fare per averlo, i miei fratelli non vorranno andare a cercarlo, perché hanno rischiato di morire senza speranza di salvarsi"; "Te l'hanno pur portata l'acqua che balla, e non sono morti. E come ti hanno trovato l'acqua ti troveranno il pomo che canta", disse la vecchia, e se ne andò.
La comare se n'era appena andata, quando arrivarono a casa Salvo e Fluvio, e Ondina disse loro: "Io, fratelli miei, vorrei tanto vedere e sentire il pomo che canta con tanta dolcezza. E se non farete in modo che possa averlo, state certi che la mia vita tra poco finirà". Sentendola parlare così i fratelli la sgridarono aspramente, dicendo che non volevano rischiare la vita per lei,  com'era già accaduto in passato. Ma Ondina li pregò e pianse tanto, che Salvo e Fluvio decisero di accontentarla in tutti i  modi, qualunque cosa dovesse capitare.
Allora montarono a cavallo e partirono, e cavalcarono tanto che giunsero a  un'osteria, dove entrarono chiedendo all'oste se per caso poteva insegnare loro dove trovare il pomo che canta dolcemente. "Sì," rispose l'oste, "ma non ci potete andare, perché il pomo è in uno  splendido giardino, sorvegliato da una bestia dalle grandi ali spiegate, che uccide tutti quelli che si avvicinano". "Come  potremo fare noi, che abbiamo deciso di averlo in  tutti i modi?". "Se mi ascolterete," disse l'oste,  "riuscirete  a prenderlo, la bestia non potrà nuocervi e non morirete. Prendete questa veste fatta tutta di specchi, e quando sarete vicini  al giardino uno di voi la indosserà, ed entrerà dalla porta aperta, mentre l'altro resterà fuori attento a non farsi vedere. La bestia attaccherà quello che sarà entrato, ma vedendo se stessa negli specchi cadrà a terra immediatamente, così lui potrà avvicinarsi all'albero del pomo che canta e  prenderlo con garbo, poi senza voltarsi indietro uscirà dal giardino".
I fratelli ringraziarono a lungo l'oste, poi partirono e seguirono tutti i suoi consigli, così riuscirono a prendere il pomo  che canta, e lo portarono alla sorella, pregandola di non costringerli mai più a intraprendere imprese tanto pericolose.
Passati molti giorni il re vide i giovani, e dopo averli fatti avvicinare disse: "Per quale ragione non siete venuti a desinare da me secondo l'ordine che vi avevo dato?". Fluvio gli rispose: "Non c'è altra ragione, maestà, che ci ha fatto disobbedire al tuo ordine, solo certi affari ci hanno trattenuto". Disse il re:  "Vi aspetto domani, e fate in modo di non mancare, a qualunque  costo". Salvo disse che se avessero potuto liberarsi da certe loro faccende ci sarebbero andati molto volentieri.
Ritornato al palazzo il re disse di nuovo alla madre che aveva rivisto i giovani, li aveva nel cuore, pensando sempre a quelli che gli aveva promesso Chiaretta, e non poteva trovare pace finché non venivano a desinare con lui. La madre del re sentendo questo discorso si mise in un'agitazione ancora peggiore delle  altre volte, avendo paura di essere scoperta. E così impaurita e infuriata mandò a chiamare la comare e le disse: "Io credevo proprio, comare mia, che i fanciulli oramai fossero morti e che non se ne sarebbe sentito più parlare, invece loro sono vivi, e noi  corriamo un pericolo mortale. Datti quindi da fare, o moriremo  tutte". Disse la comare: "Grande signora, state tranquilla e non  agitatevi, perché farò in modo che sarete contenta di me, e non avrete più alcuna notizia di loro".
Decisa a farla finita andò dalla fanciulla, e dopo averla salutata le chiese se aveva ricevuto il pomo che canta. Ondina rispose di sì e allora la vecchia astuta e maligna disse: "Pensa mia cara, che quello che hai ora non è nulla, se non potrai avere anche una cosa  molto più bella e preziosa delle  altre due". "E che cosa sarebbe, nonnina, questa cosa tanto bella di cui mi parli?", disse la fanciulla; la vecchia le rispose: "L'Augel Belverde, mia cara, che parla giorno e notte, e racconta cose meravigliose. Se tu lo possedessi, potresti chiamarti  felice e beata". E dopo aver detto queste parole andò via.
Appena sentì arrivare i fratelli, Ondina andò loro incontro, e li pregò di soddisfare il suo unico desiderio. E quando le chiesero che cosa desiderava, lei rispose: "L'Augel Belverde". Fluvio, che si era visto venire addosso ad ali spiegate la bestia feroce e velenosa, ricordava bene il pericolo e si rifiutava decisamente di partire alla ricerca. Ma Salvo, dopo essersi rifiutato anche lui per un bel po' di tempo, pieno di amore fraterno  e commosso dalle lacrime che non smettevano di scendere dagli occhi di Ondina, decise di accontentarla e convinse anche suo  fratello. Così partirono insieme a cavallo, e dopo molte giornate di viaggio giunsero in un prato fiorito e verdeggiante, al centro  del quale cresceva un albero altissimo dalla chioma rigogliosa,  circondato da tante statue di marmo che parevano vive, e lì vicino c'era un ruscello che bagnava il prato. Su quest'albero l'Augel Belverde tutto contento saltellava di ramo in ramo, articolando parole che non parevano umane ma celestiali. I giovani smontarono dai loro cavalli, che lasciarono liberi di pascolare, e si avvicinarono alle figure di marmo, ma appena le toccarono diventarono statue anche loro.
Per tanto tempo Ondina aspettò ansiosamente il ritorno di Salvo e Fluvio, ed ebbe paura di averli perduti per sempre, senza alcuna speranza di riabbracciarli. Mentre aveva questo grande dolore e piangeva per la triste morte dei suoi fratelli, decise tra sé e sé di tentare la sorte, e salita su un bel cavallo si mise in viaggio, cavalcando tanto che arrivò nel luogo in cui l'Augel  Belverde stava sul ramo di un grande albero parlando dolcemente.  Appena entrò nel prato riconobbe i cavalli dei suoi fratelli che brucavano le fresche erbe; poi guardandosi attorno con attenzione vide Salvo e  Fluvio trasformati in due statue che erano tali e quali a loro e ne rimase stupefatta.
Allora smontò da cavallo, si avvicinò all'albero, stese la mano  e afferrò l'Augel Belverde. Quello, vedendosi privato della libertà, disse: "Ti prego, mia dolce fanciulla, di lasciarmi andare e di non trattenermi fra le tue mani, e vedrai che al momento giusto te ne verrà un gran bene". Ondina gli rispose: "Non ti accontenterò di sicuro, se prima non farai tornare vivi i miei  fratelli". Allora l'uccello disse: "Guardami sotto l'ala sinistra, e troverai una penna molto più verde delle altre, con dei piccoli segni gialli: prendila, avvicinati alle statue e con la  mia penna tocca i loro occhi, appena lo farai i tuoi fratelli torneranno in vita". Ondina gli alzò l'ala sinistra, trovò la  penna come le aveva detto l'uccello, poi andò vicino alle figure di marmo, toccò i loro occhi ad uno ad uno con la penna e subito  le statue si trasformarono in esseri viventi. Vedendo i suoi  fratelli vivi come prima, con immensa gioia li abbracciò e li baciò.
Siccome Ondina aveva ottenuto ciò che gli aveva chiesto,  l'Augel Belverde la pregò di restituirgli la  libertà,  promettendole di ricompensarla generosamente, se un giorno avesse avuto bisogno del suo aiuto. Ma Ondina gli disse: "Non ti libererò mai, finché non avremo scoperto chi sono i nostri veri  genitori, quindi abbi pazienza". I fratelli discussero a lungo su chi doveva tenere l'uccello, e alla fine si accordarono di lasciarlo con Ondina, che lo teneva con grande amore e gli dedicava  tutte le sue cure. Poi rimontarono a cavallo e tutti contenti ritornarono a casa.
Il re, che spesso era passato davanti alla casa dei tre gemelli, non li aveva più visti e non capiva cosa fosse successo; chiese notizie ai vicini, ma gli risposero solo che da tanto tempo non erano a casa.
Poco tempo dopo che erano tornati videro il re, che chiese cos'era successo, perché erano mancati così a lungo. Salvo rispose che alcuni fatti straordinari li avevano trattenuti molto lontano, e per questa ragione non erano andati da lui a palazzo,  gli chiedevano perdono ed erano pronti a rimediare. Il re capì che avevano corso grandi pericoli e si sentì commosso, e non volle andare via di là senza portarli con sé a desinare. Senza farsi vedere, Salvo prese l'acqua che balla, Fluvio il pomo che canta e Ondina l'Augel Belverde, andarono felici a palazzo col re e si sedettero alla sua tavola. La malvagia madre del re e le  due sorelle invidiose, vedendo una fanciulla così bella e due giovani così aggraziati e cortesi, dagli occhi splendenti come stelle del firmamento, cominciarono a sospettare, e sentivano una grande agitazione.
Salvo, finito il desinare, disse al re:  "Maestà, noi vogliamo, prima che sia sparecchiata la tavola, farti vedere alcune cose che ti piaceranno moltissimo", e presa una coppa d'argento ci mise dentro l'acqua che balla e la posò sulla tavola. Fluvio mise la mano in tasca, prese il pomo che canta, e lo posò accanto all'acqua. Ondina, che teneva in grembo l'Augel Belverde, subito lo posò sulla tovaglia. Allora il pomo cominciò un dolcissimo canto, e l'acqua a questa musica cominciò a ballare meravigliosamente. Il re e tutti i cortigiani erano così contenti vedendo queste cose, che non stavano nella pelle dalla gioia. Ma paura e agitazione aumentarono per la madre scellerata e le sorelle crudeli, perché temevano a ragione per la loro vita. Quando il canto e il ballo finirono, l'Augel Belverde cominciò a parlare e disse: "Sacra maestà, cosa meriterebbe chi avesse voluto la morte di due fratelli e una sorella?". La madre del re volle rispondere per prima: "Dovrebbe essere bruciata viva", e così dissero anche le sorelle invidiose. Allora l'acqua che balla e il pomo che canta alzarono la voce dicendo: "Ah! Madre bugiarda e piena di scelleratezza, tu ti condanni da te stessa! E voi malvage e invidiose sorelle, con la maligna comare sarete condannate a un unico supplizio!". Il re sentendo queste parole era rimasto attonito, ma l'Augel Belverde continuò a parlare così: "Maestà, questi sono i tuoi tre figli, quelli che tanto hai desiderato! E la loro madre innocente è ancora nella puzzolente cella sotto l'acquaio".
Il re ordinò subito che Chiaretta fosse liberata e vestita come si conviene a una regina, e quando fu pronta Chiaretta si presentò al  re e, nonostante fosse stata tanti anni nella fetida prigione, la sua bellezza era intatta. Allora l'Augel Belverde raccontò ai presenti questa storia, dall'inizio alla fine, con tutto quello che era successo.
Il re finalmente, comprendendo cos'era accaduto, pianse di gioia e abbracciò forte la sua sposa e i suoi tre cari figli, poi, siccome nella grande felicità non pensarono più all'acqua che balla,  al pomo che canta e all'Augel Belverde, i tre esseri magici scomparvero tutti insieme.
Le donne malvage e crudeli furono giustamente punite, mentre il re Ancillotto con la regina Chiaretta vissero insieme felici e contenti, dopo aver celebrato le nozze della principessa Ondina con un potente re e aver lasciato il trono di Fontaniva a Salvo e Fluvio, che regnarono a lungo in pace e prosperità.
Ma ogni tanto si vede nell'aria una scia verde screziata d'oro, come se fosse passato ancora l'Augel Belverde.

In Provino, a very famous and royal city, there lived in ancient times three sisters, fair of person, gracious in manners, and courteous in bearing, but of base lineage, being the daughters of a certain Messer Rigo, a baker who baked bread for other folk in his oven, Of these one was named Brunora, another Lionella, and another Chiaretta. It happened one day when the three sisters were in their garden, and there taking much delight, that Ancilotto the king, who was going to enjoy the diversion of hunting with a great company, passed that way. Brunora, the eldest sister, when she looked upon the fair and noble assemblage, said to her sisters Lionella and Chiaretta, 'If I had for my husband the king's majordomo, I flatter myself that I would quench the thirst of all the court with one glass of wine.' 'And I,' said Lionella, 'flatter myself that, if the king's private chamberlain were my husband, I would pledge my self to make enough linen from a spindle of my yarn to provide shifts of the strongest and finest make for all the court.' Then said Chiaretta, 'And I, if I had the king himself for my husband, I flatter myself that I would give him three children at one birth, two sons and a daughter. And each of these should have long hair braided below the shoulders, and intermingled with threads of the finest gold, and a golden necklace round the throat, and a star on the fore head of each.'
Now it chanced that these sayings were overheard by one of the courtiers, who hastened to the king and told him of the young girls' discourse, and the king, when he heard the tenour thereof, at once commanded that they should be brought before him, and this done, he examined them one by one as to what they had said in the garden. Where upon each one, with the most respectful words, told the king what she had spoken, and he was much pleased thereat. So then and there he wedded Brunora to the majordomo and Lionella to the chamberlain, while he himself took Chiaretta to wife. There was no hunting that day, for the whole company returned to the city, where the marriages were celebrated with the greatest pomp. But the mother of Ancilotto was greatly wroth at his marriage, for however fair Chiaretta might be in face and figure, and graceful in her person, and sweet and modest in her conversation, the queen mother held it to be a slight to the royal dignity that her daughter-in-law should be of vile and common descent, nor could she endure it that the majordomo and the chamberlain should be brothers-in law of the king her son. These things kindled so hotly the rage of the queen- mother against Chiaretta that she could scarce endure her presence; nevertheless she hid her wrath so as not to offend her son. In due time (by the good pleasure of Him who rules over all), Chiaretta be came with child, to the great joy of the king, whose fancy at once busied itself with the prospect of the lovely progeny he had been promised.
Just at the time when Chiaretta was expecting to be brought to bed, Ancilotto was forced to make a journey to a distant country and to abide there some days, and he directed that, during his absence, his mother should see to the welfare of the queen and of the children who, he hoped, would soon be born. The queen-mother, though she hated her daughter-in-law, let not the king see this, and assured him that she would take the greatest care of them all, while he might be away, and before the king had been gone many days (as Chiaretta when she was a virgin had pledged) three lovely children, two boys and a girl, were born. Likewise their hair was braided below their shoulders, and they bore golden chains on their necks and golden stars on their foreheads. The queen-mother, whose hatred against Chiaretta burned as malignantly as ever, no sooner cast her eyes upon the innocent children than she determined to have them put away privily, so that no one might know they had even been, and that Chiaretta might be disgraced in the sight of the king. And besides this, Brunora and Lionella had grown to regard their sister with violent hate and jealousy since she had become their sovereign, and lost no chance to aggravate, by all sorts of cunning wiles, the spite of the queen-mother against Chiaretta.
On the very same day that the queen was delivered, it chanced that there were born in the stable-yard three black mongrel pups, two dogs and a bitch, which, by some strange freak, had white stars on their foreheads and bore round their necks traces of a gorget. This coming to the knowledge of the two sisters, they took the pups away from the dam and brought them to the queen-mother, and with humble salutations said to her: 'We know, madam, that your highness has little love for our sister, and quite justly; for she is of humble stock, and it is not seemly that your son and our king should have mated with such an one. Hence, knowing the mind you have towards her, we have brought you here three mongrel pups, which, as you will see, were born with a star on their foreheads, and you can deal with them as you list.' At these words the queen-mother was much pleased, divining well their evil intent, and she contrived to bring to her daughter-in-law, who as yet had not seen the children she had borne, the three whelps, telling her at the same time they were her own offspring. And for the better hiding of this trick the wicked old woman bade the midwife to tell the same story to the queen. So when she herself and the two sisters and the midwife returned to the chamber, they presented to the queen the three mongrel whelps, saying, 'See, O queen, the fruit of your womb! Cherish it well, so that the king, when he comes back, may rejoice in the fair gift you have made him.' And with these words the midwife put the mongrels by her side, consoling her and telling her that such mischance as hers happened now and then to persons of high estate.
These wicked women having carried out this barbarous work, it only remained for them to contrive a cruel death for the three lovely children of the queen. But God mercifully held them back from soiling their hands with the blood of their kin. They made a box, which they waxed within, and, having put the children therein, they closed it and cast it into the river to be borne away by the stream. But God in His justice would not allow these innocents to suffer. As the box floated along it was espied by a certain miller named Marmiato, who haled it out and opened it, and found within three smiling children. Seeing how fair and graceful they were, he deemed them to be the children of some noble lady who, to hide her shame, had committed this crime. Having taken home the box he said to his wife, who was called Gordiana, See here, wife, what I have found in the river; it is a present for you.' Gordiana received the children joyfully, and brought them up as if they had been her own, giving to one the name of Acquirino, to another Fluvio-as they had been found in the river-and to the girl that of Serena.
Ancilotto, when he came back from his journey, was in high spirits, for he fully expected to find on his return that Chiaretta had fulfilled her pledge and given him the three fair children as she had promised; but the issue was not what he hoped, for the cunning queen- mother, when she saw her son drawing near, went to meet him, and told him that the wife he prized so highly had given him, instead of three children, three mongrel dogs. And having brought him into the chamber of the unfortunate Chiaretta, she showed him the pups which were lying beside her. The queen began to weep bitterly and to deny that the dogs were her offspring, but her wicked sisters came and declared that everything the old mother had said was the truth. The king when he heard this was greatly disturbed, and fell to the ground grief-stricken. After he had come to himself he could scarce believe such thing could be; but at last he gave ear to his mother's false tale. But Chiaretta's dignity and sweetness, and the patience with which she bore the insults of the courtiers, won him over to spare her life, and to sentence her to be kept in a cell under the place where the cooking pots and pans were washed, and to be fed on the garbage which was swept off the dirty sink.
While the unhappy queen passed her life in this filthy wise, feeding upon carrion, Gordiana, the wife of the miller Marmiato, gave birth to a son who was christened Borghino and brought up with the three foundlings. When Gordiana went to cut the hair of these there often fell out of it many precious stones and great white pearls; so with these riches Marmiato was able to give over the humble calling of a miller, and to live with his wife and the four children a life of ease and delicacy. But when the three foundlings had come to years of discretion they learned by chance that they were not the children of Marmiato and Gordiana, but had been found floating in a box on the river. As soon as they knew this they became very unhappy, and resolved to go their way and try their fortune elsewhere, much to the chagrin of their foster-parents, who saw they would no longer enjoy the rich harvest of jewels which was wont to fall from the children's locks and starry fore heads. The brothers and their sister having left Marmiato the miller and Gordiana, they all wandered about for some days, and at last came by chance to Provino, the city of Ancilotto their father, where they hired a house and lived together, maintaining themselves by selling the jewels which still fell out of their hair. One day the king, who was riding into the country with some of his courtiers, chanced to pass the house where the three were living, and they, as soon as they heard the king was coming, ran down the steps and stood bareheaded to give him a respectful salutation. They had never seen Ancilotto, so his face was unknown to them. The .king, whose eyes were as keen as a hawk's, looked at them steadily, and remarked that on their foreheads there was something like a golden star, and immediately his heart was filled with strong passion, and he felt that they might prove to be his children. He stopped and said to them: 'Who are you, and from whence do you come?' And they answered humbly, 'We are poor strangers who have come to dwell in this your city.' Then said Ancilotto, 'I am greatly pleased; and what are you called?' Whereupon they replied that one was named Acquirino, and the other Fluvio, and the sister, Serena. The king then bade them to dinner with him next day; and the young people, though they were almost overcome by his gracious invitation, did not venture to de cline it. When Ancilotto returned to the palace he said to his mother: 'Madam, when I was abroad to-day I came by chance upon two handsome youths arid a lovely maiden, who, as they had golden stars on their foreheads, must be I think the children promised to me by Queen Chiaretta.'
The wicked old woman smiled at the king's words, making believe they were but fancy, but within she felt as if a dagger had smitten her heart. Then she bade them summon the midwife who had been present at the birth, and said to her in private, 'Good gossip, do you not know that the king's children, so far from b dead as we hoped, are alive, and are grown up as beautiful as the day?' 'How can this be?' replied the woman; 'were they not drowned in the river? Who has told you this?' The queen mother answered: 'From what I gather from the words of the king I am almost sure they are alive. We must be up and doing at once, for we are in great danger.' 'Do not be alarmed, madam,' said the midwife, 'I have in mind a plan by which we can now assuredly compass the destruction of all the three.'
The midwife went out, and immediately found her way to the house of the king's children, and, finding Serena alone, she saluted her and talked of many things. After she had held a long discourse with her, she said,' My daughter, I am curious to know if you have in your house any water which can dance.' Serena, somewhat surprised at this question, answered that she had not any. 'Ah, my daughter,' said the gossip, 'what de- lights you would enjoy if you had some of it! and if you could bathe your face in it you would become more beautiful even than you are now.' Said the girl, with her curiosity aroused, 'And how can I get it?' 'Have you not brothers?' the gossip asked. 'Send them to fetch it; they will easily find it, for it is to be had not far from these parts.' And with these words she departed. After a little Acquirino and Fluvio came back, and at once Serena began to beseech them that they would do their best, for the love they bore her, to get for her some of the wonderful dancing water; but they laughed at her request as a silly fancy, and refused to go on a fool's errand, seeing that no one could say where it was to be found. However, persuaded at last by the petition of their sister, whom they loved very dearly, they departed together to do her bidding, taking with them a phial to hold the precious water. When they had gone several miles they came to a fountain out of which a snow-white dove was drinking, and they were amazed when the bird spoke to them these words: 'What seek ye, young men?' To this Fluvio answered, 'We seek the precious dancing water.' 'Wretched youths,' said the dove, 'who sends you on such a quest as this?' 'We want it for our sister,' said Fluvio. 'Then you will surely meet your deaths,' said the dove, 'for the water you are in search of is guarded by many fierce beasts and poisonous dragons, who will certainly devour you; but if you must needs have some of it, leave the task to me, for I will surely bring it back to you;' and having taken the phial the dove flew away out of sight.
Acquirino and Fluvio awaited her return with the greatest anxiety, and at last she came in sight, bearing the phial filled with the magic water. They took it from her, and, having thanked her for the great service she had rendered them, re turned to their sister and gave her the water, exhorting her never to impose such another task upon them, because they had nearly met their deaths in at tempting it. A short time after this the king again met the two brothers and said to them: 'Why did you not come to dine with me after accepting my invitation?' 'Gracious majesty,' they answered with profound respect, 'a pressing errand called us away from home.' Then said the king, 'To-morrow I shall expect to see you without fail.' The youths having made their apology, the king re turned to the palace, where he met his mother and told her he had once more seen the youths with the stars on their foreheads. Again the queen-mother was greatly perplexed, and again she bade them summon the midwife, to whom she secretly told all she had heard, and at the same time begged her to find a way out of the danger. The gossip bade her take courage, for she would so plan this time that they would be seen no more. The midwife went again to seek Serena, whom she found alone, and asked her whether she had got any of the dancing water. 'I have it,' the girl replied,' but the winning of it nearly caused the death of my brothers.' 'The water is fair enough,' said the woman, 'but you ought to have like wise the singing apple. You never saw fruit so fair to look upon, or listened to music so sweet as that which it discourses.' 'But how shall I get it? 'said Serena; 'for my brothers will never go in search of it, seeing that in their last venture they were more in peril of death than in hope of life.' 'But they won the dancing water for you,' said the woman, 'and they are still alive; they will get for you the singing apple just as harmlessly;' and, having spoken, she went her way.
Scarcely had the midwife gone when Acquirino and Fluvio came in, and again Serena cried out to them: 'Oh, my brothers! I hear now of another wonder, more beautiful far than the dancing water. It is the singing apple, and if I cannot have it I shall die of vexation.' When Acquirino and Fluvio heard these words they chid her sharply, affirming that for her sake they were reluctant to brave again the risk of death. But she did not cease her prayers, and she wept and sobbed so sorely that the brothers, seeing that this new desire of hers came from her inmost soul, again gave way and agreed to satisfy it at whatever risk. They mounted and rode on till they came to an inn, and demanded of the host whether he could let them know where was to be found the apple which sang so sweetly. He told them he knew thereof, and warned them of the perils which lay in the path of anyone bold enough to seek to pluck it. 'It grows,' he said, 'in the midst of a fair garden, and is watched day and night by a poisonous beast which kills without fail all those who come nigh to the tree.' 'What then would you counsel us to do?' said the youths; 'for we are set upon plucking the apple at all cost.' 'If you will carry out my behests,' said the host, 'you may pluck the apple without fear of the poisonous beast or of death. You must take this robe, which, as you see, is all covered with mirrors, and one of you must put it on, and thus attired enter the garden, the door of which will be found unfastened; but the other must bide without and be careful not to let himself be seen. And the beast forth with will make for the one who enters, and, seeing an exact similitude of him self reflected by the mirrors, will fall down to the ground, and then the adventurer may go quickly up to the tree and pluck tenderly the singing apple and without once looking behind him quit the garden.' The young men thanked their host courteously, and observed all his directions so faithfully that they won the apple without mischance, and carried it back to Serena, and again besought her no more to compel them to run into such danger. Thus for a second time they failed to keep their engagement with the king, who, meeting them again a few days afterwards, said: ' For what reason have you once more disobeyed my commands and failed to come and dine with me?' Fluvio answered as be fore that some weighty matters of business had intervened and kept them from doing themselves the great honour the king had proposed for them. Then said the king, 'You must come to-morrow, and see that you fail not.' Acquirino promised obedience, and the king re turned to his palace, where he met his mother and told her he had again seen the two youths, that he was more firmly persuaded than ever that they must be the children promised him by Chiaretta, and that he would feel no rest till they should have eaten at his table. The queen-mother when she heard that they yet lived was in sore terror, doubting not that her fraud had been discovered, and thus, struck with grief and terror, she sent for the midwife and said to her: 'I surely thought the children were dead by this time, and that we should hear no more of them; but they are alive, and we stand in peril of death. Look therefore to our affair; otherwise we shall be lost.' 'Noble lady,' said the mid wife, 'take heart. This time I will work their bane without fail, and you will bless me therefor, seeing that they will trouble you no longer;' and the woman, full of rage at her failure, again repaired to the house of Serena, where she found the girl alone. With crafty speech she inquired of Serena whether she had in deed got the singing apple, and the girl made answer that she had. Then said the cunning woman: 'Ah, my daughter, you must think that you have nothing at all if you do not get one thing more, the most beautiful, the most graceful thing in the world.' 'Good mother, what may this fair thing be?' said the girl. The old woman replied: 'It is the beautiful green bird, my child, which talks night and day, and speaks words of marvellous wisdom. If you had it in your keeping you might indeed call your self happy;' and, having thus spoken, she went her way.
Acquirino and Fluvio came in almost directly after she was gone, and Serena forthwith began to beg them to do her one last favour, whereupon they asked her what might be this boon which she desired. She answered that she wanted the beautiful green bird. Fluvio, who had plucked the apple guarded by the venomous beast, was still haunted by the peril of his adventure, and refused to go in quest of the bird. Acquirino, though for a long time he too turned a deaf ear, was finally moved by the brotherly love he felt and by the hot tears of grief which Serena shed, and determined to satisfy her wish. Fluvio also agreed to accompany him, and, having mounted their horses, they rode for several days, until at last they came into a flowery green meadow, in the midst of which stood a lofty tree surrounded with marble statues which mocked life by their marvellous workmanship. Through the meadow there ran a little stream, and up in the tall tree lived the beautiful green bird, which hopped about from bough to bough in lively fashion, uttering the while words which seemed rather divine than human. The young men dismounted from their palfreys, which they left to graze at will, and went close to the marble statues to examine them; but, as soon as they touched these, they themselves were turned into marble as they stood.
Now Serena, when for several months she had anxiously looked for the return of her dear brothers Acquirino and Fluvio, began to despair and to fear she would never see them more, and, over come with grief at their unhappy fate, she resolved to try her own fortune. So she mounted a mettlesome horse, and rode on and on till she came to the fair meadow where the green bird was hop ping about on the tall tree and softly talking. There the first things she saw was her brothers' horses, which were grazing on the turf, and, casting her eyes upon the statues, she saw that two of them must be Acquirino and Fluvio, for the unhappy youths, though turned into marble, retained their features exactly as in life. Serena dismounted, and going softly up to the tree she laid hands on the green bird from behind, and he, finding himself a prisoner, besought her to let him go, and promised that at the right time and place he would remember her. But Serena answered that first of all he must restore her brothers to their former state, upon which the bird replied: 'Look then under my left wing, and there you will find a feather much greener than any of the others and marked with yellow. Pluck it out and touch with it the eyes of the statues, and then your brothers will return to flesh and blood.' Serena raised the wing, and found the feather, and did as the bird had directed, and the statues of Acquirino and Fluvio at once became living men and embraced their sister joyfully.
This wonder being accomplished, the bird again besought Serena to give him his liberty, promising that if she would grant his prayer he would come to her aid, whenever she might call upon him; but Serena was not to be thus cajoled, and declared that before she would let him go free he must help them to find their father and mother, and that until he had accomplished this task he must be her prisoner.
There had already arisen some dispute amongst the three as to who should have the bird in keeping, but in the end they settled that it should be left in charge of Serena, who tended it with great care and watched over it. The affair having come to this happy issue, they mounted their horses and rode home. Meantime Ancilotto had often passed by their house, and finding it empty was much astonished, and inquired of the neighbours what had become of them; but all he could learn was that nothing had been seen of them for many days. They had not been back long before the king again rode by, and, catching sight of them, asked how it was that nothing had been seen of them for so long, and why they had disregarded his commands so often. Acquirino answered with deep respect that some amazing troubles and adventures had befallen them, and that if they had not presented themselves at the palace before his majesty as he had desired it was through no want of reverence. They were all anxious to amend their conduct in the future.
The king, when he heard they had been in tribulation, was moved to pity, and bade them all accompany him back to the palace to dinner; but before they set forth Acquirino filled secretly a phial with the dancing water, Fluvio took the singing apple, and Serena the talking bird, and they rode back with the king and joyously entered the palace with him and sat down at the royal table. It chanced that the queen-mother and also the two sisters of Chiaretta marked them as they passed, and observing the beauty of the maiden and the handsome bright- eyed youths, they were filled with dread and suspicion as to who they might be. When the royal banquet had come to an end, Acquirino said to the king: 'May it please your majesty that, before we take our leave, we should show your majesty some marvels which may delight you;' and with these words he poured into a silver tazza some of the dancing water, while Fluvio put his hand into his bosom and drew therefrom the singing apple, which he placed beside the water. Serena also brought out the talking bird, and set it on the table. Immediately the apple began to sing most sweetly, and the wonderful water to dance, so that the king and all the courtiers were delighted and laughed aloud with pleasure; but the queen-mother and the wicked sisters were smitten with dire dismay, for they felt that their doom was near.
At last, when the apple and the water had ceased to sing and dance, the bird opened its mouth and said: 'O sacred majesty! what doom should be dealt to those who once plotted death against two brothers and a sister? 'Then the cunning queen-mother, scheming to excuse herself, cried out: 'No lighter doom than death by burning;' and in this condemnation all those who were present agreed. To answer her the singing apple and the dancing water said straightway: 'Ah, false and cruel woman! your own tongue has doomed yourself, and those wicked and envious sisters of the queen, and the vile midwife, to this horrible death.'
When the king heard these words his heart grew cold with terror; but before he could speak the talking bird began and said: 'O sacred majesty! these are the three children you longed for, your children who bear the star on their fore heads; and their innocent mother, is she not to this day kept a prisoner under the filthy scullery?' Then the king saw clearly how he had been tricked, and gave order that the unhappy Chiaretta should be taken out of her noisome prison and. robed once more in her royal garments. As soon as this had been done, she was brought into the presence of the king and of his court; and though she had for so long time suffered such cruel usage, she retained all her former loveliness. Then the talking bird related the strange history from beginning to end, and the king, when he knew it all, embraced tenderly Chiaretta and their three children; but the dancing water and the singing apple and the talking bird, having been set at liberty, disappeared straightway.
The next day the king commanded to be lighted in the centre of the market a huge fire, into which he caused to be thrown, without pity, his mother and the two sisters of Chiaretta and the midwife, so that in the presence of everybody they might be burnt to death. And Ancilotto lived happily many years with his beloved wife and his beautiful children, and, having chosen for Serena an honourable husband, he left his two sons the heirs of his kingdom.



Ma Ondina gli disse: - Non ti libererò mai, finché non avremo
scoperto chi sono i nostri veri  genitori, quindi abbi pazienza.

___________________________________________

TESTO
Giovan Francesco Straparola, Le piacevoli notti, a cura Giuseppe Rua. Bari: Gius. Laterza & Figli Tipografi-Editori-Librai, 1927. Online: http://www.intratext.com/IXT/ITA2969/_INDEX.HTM; consultato il 19 aprile 2013.

Vedi: Le piacevoli notti. A cura di Donato Pirovano. Roma: Salerno Editrice, 2000. 2 Tomi. Notte quarta, favola III. Tomo I, pp.
274-294.

___________________________________________
TRADUZIONE ITALIANA © Adalinda Gasparini 1996, da Giovan Francesco Straparola (1554–1557) Le piacevoli notti. Notte quarta, favola III.
___________________________________________
ENGLISH TRANSLATION
The Facetious Nights of Straparola. Translated by W. G. Waters; illustrated by E. R. Hughes A.R. W.S. London: Lawrence and Bullen 1894. http://www.surlalunefairytales.com/facetiousnights/night4_fable3.html;ultimo accesso 15 ottobre 2018.
___________________________________________

 

ALTRE VERSIONI
Lo stesso tema è nella Historia della Regina Stella et Mattabruna; di nuovo ristampata e ricorretta; Firenze: 1569. Sta in: Cantari novellistici dal Tre al Cinquecento. A cura di Elisabetta Benucci, Roberta Manetti e Franco Zabagli. Introduzione di Domenico De Robertis. Roma: Salerno Editore, 2002; 2 tomi. Tomo II, pp. 839-862.

Non è azzardato ipotizzare che esistessero ai tempi di Straparola versioni a stampa di questa storia in ottava rima, e che ne circolassero antecedenti versioni orali o manoscritte: si tratterebbe della antica parente, piuttosto stretta, della favola riportata in questa pagina. Si veda anche, in questo sito, la centesima novella del Decameron, Griselda, che presenta significative analogie con questa storia.

Vedi anche La fontana che brila l'albaro che canta e l'ucelin belverde, narrazione veneta in versi di Dino Coltro, (1991), con traduzione italiana a fronte.

Vedi la carta di questa fiaba anche in Fabulando. Carta fiabesca della successione, per accedere all'e-book e ad altre note sulla fiaba stessa: http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Augel-belverde/Augel-belverde-IT.html.
Per fiabe del tipo dell'Augel belverde di Straparola, vedi la Carta del labirinto dell'impegno impossibile: dal quadrante sud-nord-est-ovest si accede, oltre che a L'augel belverde in formato e-book, alla Princess Belle-Étoile  (Parigi, 1698), a L'uccello Bulbul-Hezar (Parigi 1709-1717) che fu pubblicata come ultima storia narratada Shahrazad al sultano nella prima versione europea delle Mille e una notte; Le figlie dell'erbivendolo (Palermo 1870-1913) fiaba popolare siciliana, e Il canto e 'l sono della Sara Sibilla (Firenze 1880)
, fiaba popolare toscana.

Vedi  inoltre questa fiaba anche in VENETO. Fiabe antiche e popolari d'Italia, testi originali con traduzione a fronte a cura di Adalinda Gasparini e Claudia Chellini. Forlì: Foschi Editore 2018, pp. 246-288.

___________________________________________

IMMAGINE Warwick Goble: Giambattista Basile. Stories from the Pentamerone. E. F. Strange, editor. Warwick Goble, illustrator. London: Macmillan & Co. 1911.
Fonte: http://www.all-art.org/world_literature/images/p/goblepent31.jpg; consultato il 24 ottobre 2011. 
___________________________________________
RIFERIMENTO MITOLOGICO

Nella storia di Ipsipile, o Issipile o Isifile, protagonista della omonima tragedia di Euripide, rinarrata da Stazio nella Tebaide, da Ovidio nelle Metamorfosi, e da Dante nella Commedia (Purgatorio XXVI, vv. 94-96) si ritrovano: la donna messa ingiustamente a morte per infanticidio (o imprigionata crudelmente, come in questa fiaba), la perdita dei figli neonati, e il lieto fine che viene dai figli che tornano a salvare la madre. La morte del neonato si trova nella favola di Straparola Doralice, e, solo minacciata, nella favola calabrese La ricotta janca, nonché nella favola romagnola del rospo Ohimè.
Nell'isola di Lemno, di cui era regina Ipsipile, veniva trascurato il tempio di Afrodite, che si vendicò provocando una tale alitosi nelle donne dell'isola che nessun uomo desiderò più avvicinarle. Da allora gli uomini di Lemno preferirono le schiave trace, e le donne si vendicarono sterminandoli tutti, inclusi i loro figli, fratelli e padri. Solo Ipsipile salvò di nascosto il padre Toante, i cui genitori erano Arianna e Dioniso. Passato un certo tempo giunse a Lemno Giasone, che con gli Argonauti era diretto nella Colchide, sedusse la regina e l'abbandonò incinta, dopo averle giurato eterno amore, come avrebbe fatto di lì a poco con Medea. Ipsipile diede alla luce due gemelli, Euneo e Deipilo.
Quando le donne di Lemno scoprirono che Ipsipile le aveva tradite, la condannarono a morte, ma lei riuscì a fuggire con i bambini. Furono catturati dai pirati e venduti come schiavi. Serva di Licurgo re di Nemea, Ipsipile aveva cura del figlio del re, e quando lei mostrò una fontana ai sette re che andavano ad assediare Tebe, il bambino venne soffocato da un serpente (come minaccia di fare il rospo Ohimè, ricordato sopra). I sui due figli però arrivarono in tempo per fermare l'esecuzione. La donna venne quindi salvata grazie all'intervento dei suoi due figli. Dante dice che vedendo Guido Guinizzelli avrebbe voluto correre ad abbracciarlo come fecero i due figli con Ipsipile (cit):

Quali ne la tristizia di Ligurgo
si fer due figli a riveder la madre,
tal mi fec' io, ma non a tanto insurgo,

Dante si trattiene, anche perché per lui e Guido il tempo della finale salvezza non è ancora giunto: Guido è ancora tra le fiamme e Dante è ancora vivo.

Prendete questa veste fatta tutta di specchi...

E si avvicinarono alle figure di marmo, ma appena le toccarono diventarono statue anche loro.
Per il motivo della pietrificazione, ricorrente sia nelle fiabe europee che nelle Mille e una notte, occorre ricordare la pietrificazione provocata dallo sguardo di Medusa. Signora che fa perdere la testa, andar fuori di sé, quindi regina assoluta dell'unheimlich freudiano, che turba al punto di provocare la morte per pietrificazione, Medusa, come l'Augel Belverde, può essere affrontata da un movimento inverso a quello diretto del maschile fallogocentrico: Perseo cammina all'indietro  e ne guarda l'immagine riflessa nello specchio/scudo. Allo stesso modo qui ci si può avvicinare all'Augel belverde solo con una veste fatta tutta di specchi. In tutte le nostre versioni della fiaba è la sorella a riuscire dove il maschile è pietrificato.






 © Adalinda Gasparini
Online dal 10 gennaio 2010
Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2018