home
albero del sito
pubblicazioni
favole
fabulando
incontri biblio-sitografia
scuola
cv
link
e-mail

adalinda gasparini HOME PAGE
psicoanalisi e favole


Walter Crane "Beauty and the
                              Beast"

Wystan Auden, Alla memoria di Sigmund Freud
In Memory of Sigmund Freud

23 settembre
1939-2017
A Sigmund Freud nel suo ottantesimo compleanno
The Eightieth Birthday of Sigmund Freud

 





















Wystan Hugh Auden
In Memory of Sigmund Freud
Read by Tom O'Bedlam, YouTube

In memoria di Sigmund Freud *

settembre 1939







When there are so many we shall have to mourn,
when grief has been made so public, and exposed
     to the critique of a whole epoch
   the frailty of our conscience and anguish,

of whom shall we speak? For every day they die
among us, those who were doing us some good,
     who knew it was never enough but
   hoped to improve a little by living.

Such was this doctor: still at eighty he wished
to think of our life from whose unruliness
     so many plausible young futures
   with threats or flattery ask obedience,

but his wish was denied him: he closed his eyes
upon that last picture, common to us all,
     of problems like relatives gathered
   puzzled and jealous about our dying.

For about him till the very end were still
those he had studied, the fauna of the night,
     and shades that still waited to enter
   the bright circle of his recognition

turned elsewhere with their disappointment as he
was taken away from his life interest
     to go back to the earth in London,
   an important Jew who died in exile.

Only Hate was happy, hoping to augment
his practice now, and his dingy clientele
     who think they can be cured by killing
   and covering the garden with ashes.

They are still alive, but in a world he changed
simply by looking back with no false regrets;
     all he did was to remember
   like the old and be honest like children.

He wasn’t clever at all: he merely told
the unhappy Present to recite the Past
     like a poetry lesson till sooner
   or later it faltered at the line where

long ago the accusations had begun,
and suddenly knew by whom it had been judged,
     how rich life had been and how silly,
   and was life-forgiven and more humble,

able to approach the Future as a friend
without a wardrobe of excuses, without
     a set mask of rectitude or an
   embarrassing over-familiar gesture.

No wonder the ancient cultures of conceit
in his technique of unsettlement foresaw
     the fall of princes, the collapse of
   their lucrative patterns of frustration:

if he succeeded, why, the Generalised Life
would become impossible, the monolith
     of State be broken and prevented
   the co-operation of avengers.

Of course they called on God, but he went his way
down among the lost people like Dante, down
     to the stinking fosse where the injured
   lead the ugly life of the rejected,

and showed us what evil is, not, as we thought,
deeds that must be punished, but our lack of faith,
     our dishonest mood of denial,
   the concupiscence of the oppressor.

If some traces of the autocratic pose,
the paternal strictness he distrusted, still
     clung to his utterance and features,
   it was a protective coloration

for one who’d lived among enemies so long:
if often he was wrong and, at times, absurd,
     to us he is no more a person
   now but a whole climate of opinion

under whom we conduct our different lives:
Like weather he can only hinder or help,
     the proud can still be proud but find it
   a little harder, the tyrant tries to

make do with him but doesn’t care for him much:
he quietly surrounds all our habits of growth
     and extends, till the tired in even
   the remotest miserable duchy

have felt the change in their bones and are cheered
till the child, unlucky in his little State,
     some hearth where freedom is excluded,
   a hive whose honey is fear and worry,

feels calmer now and somehow assured of escape,
while, as they lie in the grass of our neglect,
     so many long-forgotten objects
   revealed by his undiscouraged shining

are returned to us and made precious again;
games we had thought we must drop as we grew up,
     little noises we dared not laugh at,
   faces we made when no one was looking.

But he wishes us more than this. To be free
is often to be lonely. He would unite
     the unequal moieties fractured
   by our own well-meaning sense of justice,

would restore to the larger the wit and will
the smaller possesses but can only use
     for arid disputes, would give back to
   the son the mother’s richness of feeling:

but he would have us remember most of all
to be enthusiastic over the night,
     not only for the sense of wonder
   it alone has to offer, but also

because it needs our love. With large sad eyes
its delectable creatures look up and beg
     us dumbly to ask them to follow:
   they are exiles who long for the future

that lives in our power, they too would rejoice
if allowed to serve enlightenment like him,
     even to bear our cry of ‘Judas’,
   as he did and all must bear who serve it.

One rational voice is dumb. Over his grave
the household of Impulse mourns one dearly loved:
     sad is Eros, builder of cities,
   and weeping anarchic Aphrodite.

Quando ne avremo tanti e tanti da piangere, quando
il dolore sarà diventato comune a tutti, e la fragilità
         e l'angoscia della nostra coscienza saranno esposte
       alla critica di un'epoca intera
      
di chi avremo voglia di parlare? Perché muoiono fra noi,
giorno dopo giorno, quelli facevano qualcosa di buono per noi,
           pur sapendo che non sarebbe mai bastato,
         speravano di migliorare qualcosa, vivendo.

Così questo dottore: a ottant'anni voleva ancora
pensare alla nostra vita, alla cui sregolatezza
           tanti che sembrano i giovani del futuro,
          chiedono obbedienza, con lusinghe o minacce,

ma quel che desiderava gli fu negato: chiuse gli occhi
sull'ultimo quadro, comune a tutti noi, un quadro
           di problemi che si affollano come parenti
         confusi e gelosi per il nostro morire.

Perché intorno a lui c'erano ancora, fino all'ultimo istante,
quelli che aveva studiato, la fauna della notte,
           e le ombre ancora in attesa di entrare
         nel cerchio luminoso del suo riconoscimento

si volsero altrove con la loro amarezza quando
fu portato via dalla passione della sua vita
           per rendere alla terra, a Londra,
         un ebreo importante che era morto in esilio.

Solo l'Odio era felice, sperando di incrementare
la sua attività, e la sua squallida clientela
           che crede di potersi guarire uccidendo
         e coprendo di ceneri i giardini.

Gente ancora viva, ma in un mondo che lui ha cambiato
semplicemente volgendosi
indietro senza falsi rimpianti;
           non ha fatto altro che essere onesto
         come un bambino e ricordare come un vecchio.

Non lo fece con astuzia: disse semplicemente
al Presente infelice di recitare il Passato
           come una lezione di poesia finché prima o poi
         non fosse inciampato in quel verso: là dove

erano cominciate le accuse, tanto tempo fa,
e d'un tratto avrebbe saputo da chi era stato giudicato,
           e come la sua vita era stata ricca e sciocca,
        
e sarebbe stato umilmente perdonato dalla vita,

avrebbe saputo avvicinarsi al Futuro da amico
senza un intero guardaroba di scuse, senza
            una maschera di rettitudine oppure
         
imbarazzanti gesti troppo familiari.

Nessuna meraviglia che le vecchie culture della presunzione
avessero previsto nella sua tecnica dell'inquietante
           la caduta dei prìncipi, il collasso
         dei loro lucrosi schemi di frustrazione:

se ci fosse riuscito, allora la Vita Ordinata
sarebbe diventata impossibile, il monolita dello Stato
           si sarebbe spezzato e si sarebbe impedita
         l'associazione dei vendicatori.

Certo si appellarono a Dio, ma Freud continuò a scendere
per la sua strada, come Dante, fra la Perduta Gente, 
           fino alla fossa fetente dove i disgraziati
         vivono la brutta vita dei reietti,

e ci mostrò cosa sia il male, non fatti, come credevamo,
che devono essere puniti, ma la nostra mancanza di fede,
           la nostra tendenza disonesta a negare,
         la concupiscenza dell'oppressore.

E se qualche traccia della posa autocratica,
della paterna severità di cui diffidava, ancora
           restavano attaccate alle sue parole e a i suoi lineamenti,
         era una mano di vernice protettiva

per uno che per tanto tempo aveva vissuto fra nemici:
se spesso sbagliò e fu assurdo qualche volta,
           per noi lui non è più un singolo individuo,
         ma un intero clima di opinione.

nel quale passiamo le nostre vite diverse:
come il tempo Freud può solo ostacolarci o aiutarci
,
           chi è orgoglioso può essere anroa orgoglioso, però
         gli riesce meno facile, il tiranno tenta

di sistemarlo ma non gliene importa tanto:
Freud circonda senza rumore ogni nostro modo di crescere
           e si estende, finché l'uomo stanco, per quanto lontano sia
          anche nella più remota miserabile contea,

non si rincuora e sente nuovo sangue nelle sue vene,
finché il bambino, sfortunato nel suo piccolo Stato,
           un focolare dove la libertà non ha accesso,
         un alveare il cui miele è allarme e paura,

si calma rassicurato sull'esistenza di una via di fuga,
mentre trante cose abbandonate da così tanto tempo
           sul prato della nostra negligenza,
         rivelati dalla sua luce sempre coraggiosa

sono tornate a noi e tornano preziose;
giochi che credemmo di dover gettare per crescere,
           piccoli rumori di cui non osavamo ridere,
         smorfie che facevamo quando nessuno ci guardava.

Ma lui ci augura qualcosa di più. Essere liberi
vuol dire spesso esser soli. Freud voleva unire 
           le metà disuguali fratturate dal nostro
         benintenzionato senso di giustizia,

voleva ridare alla più grande lo spirito e la volontà
che la più piccola possiede ma può usare soltanto
          per aride dispute, voleva ridare al figlio
        la ricchezza di sentimento della madre:

ma più di tutto voleva ricordarci
di essere entusiasti della notte,
           non solo per il senso di meraviglia
         che lei sola sa offrire, ma anche

perché lei ha bisogno del nostro amore. Con grandi occhi tristi
le sue amabili creature guardano verso l'alto e mute
           ci pregano di invitarle a venire con noi:
          sono esuli che si struggono per il futuro

che è nelle nostre mani, anche loro gioirebbero
se fossero ammesse a servire come lui
la luce,
           anche a sopportare il nostro grido "Giuda!",
         come ha fatto lui e come deve fare chi la serve.

Una voce della ragione è muta. Sulla sua tomba
la casata dell'impulso piange la morte di chi ha tanto amato:
           è triste Eros, costruttore di città,
         e sta piangendo l'anarchica Afrodite.
          



   * Traduzione di Adalinda Gasparini, rivista con l'assistenza di David Ginsborg.











Lettera di auguri a Freud per il suo ottantesimo compleanno

Thomas Mann, Romain Rolland, Jules Romains, Herbert G. Wells, Virginia Woolf, Stefan Zweig





June, 17, 1936

Sir: The eightieth birthday of Sigmund Freud gives us the welcome opportunity of offering our congratulations and homage to the Master whose discoveries have opened up the way to a new and profounder understanding of mankind. He has made eminent contributions to medicine, psychology, philosophy and art, and has been for two generations the pioneer in exploring the hitherto unknown regions of the mind. Intellectually independent, “ein Mann mit erzenem Blick”—as Nietzsche said of Schopenhauer—able to stand alone and draw to himself disciples, he followed his chosen path and advanced truths, which just because they uncovered what was hidden and illuminated what was obscure, seemed dangerous and alarming. Everywhere he put forward new problems and changed old standards. The results of his work have extended the field of research, and the stimulus he gave to creative thought made even his opponents his debtors. Future ages may reconstruct or limit this or that conclusion, but his questions will never be silenced nor his achievements permanently obscured. The ideas he formulated and the terms he coined have become part of our daily life, and in every field of knowledge, in literature, art, research, history of religion, prehistory, mythology, folklore, pedagogy and, last but not least, in poetry, we can trace his influence. The most memorable achievement of our generation will be, beyond doubt, the psychological achievement of Sigmund Freud.

We cannot picture the intellectual world today without his work, and we rejoice in his presence among us and in his unabated activity. May our gratitude accompany his days.









«Sir: L'ottantesimo compleanno di Sigmund Freud ci offre la gradita occasione di porgere le nostre congratulazioni e i nostri omaggi al Maestro le cui scoperte hanno aperto la via a una nuova e più profonda comprensione del genere umano. Ha fornito eminenti contributi alla medicina, alla psicologia, alla filosofia e all'arte ed è stato per due generazioni il pioniere dell'esplorazione delle regioni della mente ancora ignote. Intellettualmente indipendente, «ein Mann mit erzenem Blick» - come Nietzsche disse di Schopenhauer - capace di stare solo e di portare a sé allievi, ha seguito il sentiero che ha scelto e verità avanzate, che, perché scoprivano ciò che era nascosto e illuminavano ciò che era oscuro, sembravano pericolose e allarmanti. Ovunque egli ha esposto nuovi problemi e cambiato vecchi standard. I risultati del suo lavoro hanno ampliato il campo della ricerca, e lo stimolo che ha dato al pensiero creativo ha reso suoi debitori perfino i suoi oppositori. Gli anni a venire potranno ricostruire o limitare questa o quella conclusione, ma le sue domande non saranno mai messe a tacere e le sue conquiste non saranno mai definitivamente oscurate. Le idee che ha formulato e i termini da lui coniati sono entrati a far parte della nostra vita quotidiana, e in ogni campo della conoscenza, letteratura, arte, ricerca, storia delle religioni, preistoria, mitologia, folklore, pedagogia e, last but not least, in poesia, siamo in grado di rintracciare la sua influenza. Il più memorabile successo della nostra generazione sarà, senza ombra di dubbio, le conquiste psicologiche di Sigmund Freud.

Noi non sapremmo figurarci l'odierno mondo intellettuale senza il suo lavoro, e gioiamo della sua presenza tra noi e della sua instancabile attività. Possa la nostra gratitudine accompagnare i suoi giorni.»



Thomas Mann, Romain Rolland, Jules Romains, Herbert G. Welles, Virginia Woolf, Stefan Zweig
New Republic
(traduzione nostra)
 
Jules Romain
Thomas Mann Romain Rolland Jules Romains Herbert G. Wells Virginia Woolf Stefan Zweig
 
   






     Ciò che limita il vero non è il falso, è l'insignificante.
     (René Thom)


     C
ompito urgente, essenziale: creare una logica dell’assurdo.
     Definire nei limiti del possibile il  criterio del vero e del falso nell’ambito trascendente in cui la contraddizione
è legittima, l’ambito del mistero.
     Occorre più rigore in questo ambito che in matematica.
     Un rigore nuovo, di cui oggi non si ha idea.
 
    
Il criterio è che un’assurdità vera è un riflesso, una trasposizione, una traduzione di una delle assurdità irriducibili della condizione umana.
    
Occorre dunque indagare su queste assurdità irriducibili.
    
(Simone Weil)



L’esperienza insegna che la peggior forma di patriottismo è quella di chiudere gli occhi davanti alla realtà, e di spalancare la bocca in inni e in ipocriti elogi, che a null’altro servono se non a nascondere a sé e agli altri i mali vivi e reali. [...] Vi sono due modi di amare il proprio Paese: quello di dire apertamente la verità sui mali, le miserie, le vergogne di cui soffriamo, e quello di nascondere la realtà sotto il mantello dell’ipocrisia, negando piaghe, miserie, e vergogne […] Tra i due modi, preferisco il primo.
[...]
Né vale la scusa che i panni sporchi si lavano in famiglia. Vilissima scusa: un popolo sano e libero, se ama la pulizia, i panni sporchi se li lava in piazza. Ed è cosa inutile e ipocrita invocare la carità di Patria. […] Ho forti dubbi che la Patria, per la quale si pretenderebbe invocare tale specie di carità, sia la vera Patria degli italiani. Credo piuttosto sia quella che Carducci chiamava “La Patria di lor signori”; cioè l’Italia dei servi e dei padroni, un’Italia che non merita né pietà né rispetto. (Curzio Malaparte, Il Tempo illustrato, 1956)
 
«Riconosco che il mio libro è una grave offesa (intenzionalmente arrecata) per la coscienza di tutti coloro, napoletani o no, i quali non amano la verità, vorrebbero proibir che sia detta, e arrossiscono non già del fatto che certe cose avvengano, ma del fatto che certe cose siano dette. Per costoro io non ho che disprezzo.» (Dalla lettera di Malaparte in risposta al bando morale del comune di Napoli)

  


     Vivere è stare svegli
     e concedersi agli altri,
     dare di sé sempre il meglio
     e non essere scaltri.
     Vivere è amare la vita
     coi suoi funerali e i suoi balli,
     trovare favole e miti
     nelle vicende più squallide.
     (Angelo Maria Ripellino)







last update: 03/10/17  

fiaba favola mito psicoanalisi psicanalisi adalinda gasparini scuola versione collettiva fiabe favole miti sitografia e-mail curriculum vitae favole antiche dialettali alloglotte letteratura interpretazione narratologia narrazioni storytelling fiabe popolari tradizionali simboli simbolo  Freud Jung Lacan Klein