HOME PAGE
FAVOLE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL






ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

HOME PAGE


     

Ancora, ancora, ancora... La psicoanalisi come scienza lenta. 2 Per non morire
Piccolo festival di casi lirici
Leggere e rileggere il Decameron
in tempi di pandemia, guerra e crisi climatica

La parità è una favola?


Brano finale del Fairinfo di Fabulando (2015), Ancora, ancora, ancora... che, per suggerimento di Marco Dallari, è diventato il capitolo finale del libro Lupus in fabula. Le fiabe nella relazione educativa, nella collana da lui diretta Notti di luna vuota (C. Chellini e A. Gasparini, Erickson 2017) Questo testo riprende e rielabora La psicoanalisi o la scienza lenta, inedito che si trova fra i materiali on line relativi al Piccolo Festival dei Casi di Freud, in occasione del primo incontro del ciclo Freud a teatro. I casi di Freud. (20 novembre 2020)
Storie intorno all'Uomo dei lupi in cura dagli psicoanalisti (11 dicembre 2020)
Storie intorno al Presidente Schreber: Il libro dove tutto si scrivee. (12 marzo 2021)

Corso di formazione sulle fiabe di Fairitaly ONLUS con Fenysia, Scuola di linguaggi della cultura, condotto da A. Gasparini, C. Chellini e L. Cioni.
Il corso si è svolto online, su piattaforma Zoom, dal 28 settembre al 16 novembre 2022, il mercoledì, in 7 lezioni di 2 ore
Grazie ai e alle partecipanti, per l'attenzione e il calore.







LA PSICOANALISI COME SCIENZA LENTA 2

Un'analisi che non si interrompa nel momento in cui un sintomo disturbante scompare dura molti anni. Ai tempi di Freud durava meno, ma le sedute erano quattro ogni settimana, mentre ora sono una o due. I maligni dicono che il ritmo di tre o quattro sedute ogni settimana oramai è accettato obtorto collo solo dagli aspiranti analisti di certe associazioni.
L'inconscio ha un ritmo, o, meglio, molti ritmi, che alterna senza chiederci il permesso. Non conosce, come ci ha insegnato Freud, il tempo, la morte, l'altro. Non rende conto a istituzioni o persone, nemmeno alla coscienza alla quale è irreversibilmente abbinato. Vita e morte sono concetti relativi per l'inconscio, dove vige, a quanto sembra, una concezione degli opposti come quella di Eraclito. Che ai tempi di Platone era già considerato l'oscuro: ci vorrebbe un tuffatore delio, diceva Socrate, per toccarne il fondo.
Ma non c'è nessun fondo inaccessibile dove giaccia l'ignoto, la profondità viene evocata per collocare l'ignoto fuori dal discorso e procedere dove si può, come se non ci fossero altre dimensioni. Quel che è necessario in psicoanalisi – per praticarla, ma anche per leggerla proficuamente - è un pensiero che non eviti la contraddizione, soprattutto quando insiste e non si fa sciogliere, come il nodo di Gordio.

Alessandro sapeva che chi non avesse sciolto quel nodo non avrebbe conquistato l'Oriente, e lo tagliò con la spada. Il gesto di Alessandro sulla via dell'India è simile alla risposta di Edipo alla Sfinge sulla via di Tebe: gli eroi civilizzatori sono tali perché sanno tagliare corto, con una spada e con un pensiero affilati. O con un bisturi.
La loro storia ci dice che sono conquistatori, che risolvono gli enigmi e mettono un fermo alle contraddizioni, come ci dice che non possono evitare la tragedia. Quel che hanno conquistato lo perdono, il loro regno si dissolve. Il cammino eroico traccia la storia dell'uomo escludendo quel che si sottrae alla spada o si perde nella velocità. Nella nostra storia. Edipo corre da Corinto a Tebe, corre assassinando Laio, corre cercandone l'assassino, trova se stesso e avendo visto si acceca.
Giunto nel demo di Colono, ad Atene, dato che la città della sua sepoltura trionferà sui nemici, sceglie di lasciare questo mondo nella città governata da Teseo, rifiutando di seguire, liberamente o con la forza, uno dei suoi figli contro l'altro.
Perché Freud non dice nulla dell'Edipo a Colono, e della scelta di privilegiare la città giusta e abbandonare la famiglia ingiusta?  Ma l'aveva letto? E noi, lo leggiamo?


fiaba favola mito psicoanalisi psicanalisi adalinda gasparini scuola versione collettiva fiabe favole miti sitografia e-mail curriculum vitae favole antiche dialettali alloglotte letteratura interpretazione narratologia narrazioni storytelling fiabe popolari tradizionali simboli simbolo  Freud Jung Lacan Klein

www.alaaddin.it è online dal 1994
Ultima revisione: 22 novembre 2022