HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA FONTANA CHE BRILA, L'ALBARO CHE CANTA E L'UCELIN BELVERDE
1991
LA FONTANA CHE BRILLA, L'ALBERO CHE CANTA E L’UCCELLIN BELVERDE

In de o stato gh’era il coprifuoco
e nessuno podea nar fora de sera,
quando l’era la tal ora,
nessuno nasea fora.

El re l’era bon,
nol g’avea ni so mama ni so bupà,
ma do sie agre,
e lì vissin al palasso reale,
ghe stasea na fameia con tre butele,
ste butele l’era tre bele fiole,
d’istà gh’era on caldo che no se podea resistare,
–  ma oto che moren chi indentro le disea,
   gh’era come on mureto e de là el palasso reale,
   se noantre se scondem lì le disea,
   se meten lì soto no ne ede gnessuni,
   e sten lì e ciapen on po’ de fresco,
anca el cogo del palasso reale,
porocan el stasea tuto el dì a spignatar col fogo,
el ghea on caldo da morir,
–   ma se mi ao fora el dis,
  possibile ch’el me eda,
  che mora dal caldo chi indrento,
  mi ao fora el dis,
e lì el dasea fora da la porta de drio,
che gh’è on fosseto de aqua fresca,
el se oltaa lì ne l’erba,
che lì gh’era el mureto
e le butele l’era oltè de là,
sempre poco distante,
lu l’era on po’ basso,
però el sentea quel che disea le butele.

E caspita el ghe va na sera,
el ghe ne va nantra,
anche le butele le nasea là fora,
le stasea fora on quarto d’ora,
parché proprio no le ghe ne podea più,
le se rinfrescava on poco e dopo le sparea,
e stesso fasea lu,
na sera el sente che le di del cogo,
alora enrissa le rece e l’ascolta,
e disea una de ste butele,
–  se mi podesse sposarea el cogo del re l’ha ito,
   no te se l’ha dito el me piase da morir,
   no te se cossa faria per sposarlo,
–  eh la disea quelaltra
   cossa faressito che te se pena bona de far da magnar,
–  che discorsi che te fè l’ha dito,
   ma seto che se fusse dal re,
   con tuto quel ben di Dio che gh’è l’ha ito,
   farea na cucina l’ha ito,
   che tuto el mondo no i darea mai isto,
   e dopo no te se che pransi prepararea,
–  cosa uto mai la disea quelaltra,
–  ben l’ha ito,
   orea proprio proar
   alora se ede cossa saria bona de far,
e nantra la disea la seconda
–  invese mi l’ha ito oria sposar el cocio,
   parché l’ha ito intanto l’è on bel butel,
   e dopo l’ha ito ghe metaria su na scuderia,
   con di cavai l’ha ito pì bei che gh’è,
–  eh la pì soana la g’ha dito,
   voaltre l’ha dito,
   ti el cogo e ti el cocio,
   e mi l’ha dito vorea sposare el re,
–  eh el re ti l’ha ito,
–  sì l’ha dito
   parché el re l’è pì belo de tuti l’ha ito,
   e dopo se me sposesse el re,
   te giuro che me compro tri gemei in t’on colpo,
   du buteleti l’ha ito biondi,
   con la carnagion de late e vin,
   e na butina l’ha ito bela,
   che tanto che l’è bela l’ha ito
   la garia anca la stela in fronte,
–  eh le dise quelaltre,
e lì le va indrento in casa.

El cogo l’ha sentio,
e sicome sta butela la ghe piasea,
ensoma el va dal re.
–  g’avaria na roba l’ha ito re da contarghe,
   ma l’ha ito g’ho anca paura,
–  ben dime cossa gh’è l’ha ito,
–  eh parché g’ho paura ch’el me meta in preson,
–  cossa l’ha dito,
   sa eto fato che roba eto combinà l’ha ito
–  non so se parlo l’ha ito,
–  ben insoma contemela,
–  eh l’ha ito l’è na roba l’ha ito
   el ghe entra anca lu in te sta storia,
   ma no orea de finire male,
ensoma a sto re gh’era egnù na curiosità,
–  me godarea proprio saere come l’è sta storia,
alora el ghe conta el fato,
– eh te si nà fora,
– sì re so nà fora apena lì
  e g’ho sentio par cossì e cossì,
el re l’ha scoltà de ste tre butele,
e dei discorsi che l’avea fato,
el ghe pensa sora e dopo l’ha ito,
– senti l’ha ito,
  mandeme a ciamare ste butele,
quando che so mama l’ha sentio,
che el re le manda a ciamare,
– adesso el ve mete in preson l’ha ito,
  a voler nar fora se no se pol,
  se ho vivesto mi endrento,
  podei vivere anca vualtre,
ste butele le va là tute tremanti da sto re,
– elo vera el dis che s’endè fora la tal sera,
  e che nè fora ogni sera cossì e cossì l’ha dito,
– sì vostra maestà le ghe di,
  no ghe podeino pì moreine dal caldo,
– ben mi no son morto,
  ma elo vera che avì dito questo e questo,
  se l’è vera alora dovì mantegnere quel che avì dito,
– noantre semo pronte mestà,
e in sto modo el re dispone i sposalizi,
e tuti i pare contenti de sta novità.

Tuti no iè contenti,
so sie no le vol che el sposa sta butela,
– ma sito mato a sposar quela butela lì,
  ma no capissito che no l’è na butela par ti,

  e lì ma chi ma là,
  – ensoma l’ha ito lo sposo,
fato sta che re cogo e cocio i s’ha sposà,
quela che ha sposà el cogo l’ha fato miracoli,
la fasea on magnar straordinario,
quela de l’omo dei cavai meio ancora,
quela del re l’è restà incinta de tri gemei,
– adesso g’ha da vegnare tri gemei,
le se disea le sie agre
e intanto lu el parte par la guera,
el cogne nar ià distante,
el seitava scrivar a sta dona a casa,
come la sta come no la sta,
e caspita so sie la ghea na rabia che no le podea più,
e vien che la regina partorisse tri gemei,
le sie le ciapa e le fa sparire ste creature,
e le g’ha scrito a so neodo,
che la soa dona la gabù tri simioti,
che l’è morti subito e l’è morta anca ela,
invese i l’ha messa in te nicio in cania,
e lì le ghe mandava da magnare ogni tanto,
e le ha fato na tomba per ela e i butini,
e lu poareto quando l’è egnù a casa,
el nasea su la tomba de la so dona,
e su quela dei so gemei,
le sie le ghe disea,
– no se podea far de meio,
  ma i era oribili a vederse,

  i iera di mostri umani,
  la morte l’è stà liberazion,
el re scoltava sempre ste parole,
e nol saea cossa pensare.



Fato sta che lì è passà vint’ani,
on giorno el re el se alsa,
el vede on palasso belooo,
– ma el dise cossa gh’è sucesso,
  sarà on po’ de giorni anca che no vardo,
  ma el dise i l’ha fato su molto impressia,
el vede un andar e vegner de gente,
e vissin a lu on giardin,
che de più bei no ghe n’era,
el vede che gh’è tri ragassi drento,
du butei e na butela bei,
– ma guarda che bei butei,
la butela la g’avea perfin la stela in fronte,
– arda quela creatura con la stela in fronte,
  come la me disea la me dona,
e sto fato l’avea impressionà tanto,
e gh’è nata la curiosità de parlar con sti butei,
– el vegna mestà el vegna drento la g’ha dito,
l’era la butela che ghe parlava,
quando el passava lì davanti,
el se fermava a vardar sta meraveia de giardin,
– ma prova vedar che beleza de giardin,
e sti tri butei che iè na sodisfasion parlarghe,
el ghe disea con le sie agre,
queste l’è s’ha insospetio de sta novità,
– quel servo el n’ha tradio,
  nol ià fati scomparire nel bosco
  come g’aveimo dito a so tempo,
  iè proprio lori tri le g’ha dito,
alora le ciama ne vecia strega,
le ghe dà on sacheto de schei,
– te devi far morire quei tri butei,
  che g’ha el giardin dove va el re a catarli,
– no stè bacidar che ghe penso mi,
e cussì la va sta vecia con i so propositi,
la se ferma come per caso davanti al giardin,
–  cossa sito lì che te fè l’ha dito,
la butela la passava el tempo a curare i fiori,
–  son chi l’ha dito che curo el me giardin,
   parché a mi el me pare el pì belo del mondo,
–  eh no la dis nol d’è mia,
   mi el mondo l’ho girà tante olte,
   so cossa che me digo,
   t’insegno mi cossa te gh’è da far
   parché el deventa el giardin pì belo del mondo,
   bisogna che te ghe meti la fontana che brila,
   te pianti l’albero che canta l’ha dito,
   e su le rame l’ucelin belverde,
–  ma dove se trovele ste bele robe l’ha dito,
   mi no g’ho visto gnessuni che ghe l’ha,
–  te lo digo mi che le gh’è l’ha dito,
   e fin che no te gh’è quei l’ha dito,
   no te gh’è el giardin pì belo del mondo,
sta butela la s’ha avilio,
ma no la g’ha podù dir altro,
parché la veceta l’era ’ndà via.

Alora egna casa so fradei i ghe dis,
– cossa gh’eto che te si cussì avilia,
– ah la dis,
  mi credea d’aerghe el giardin pì belo del mondo,
  invesse è passà na vecia e l’ha dito de no,
  che ela la g’ha visto la fontana che brila,
  l’albero che canta con l’uselin belverde,
– ben i l’ha ito,
  no essare avilia che nem in serca,
– ma no che l’è istesso,
  dove volio nar in serca coi pericoli che gh’è,
  anca se no g’ho el giardin pì belo del mondo,
ma so fradei i decide de sercare ste novità,
parte prima quel piassè vecio,
e prima de metarse in strada,
el ghe dà n’anel co na piera rossa,
– quando te vedi l’ha dito,
   che el rosso vien scuro che el se intorbolisse,
   quelo l’è segno che son in pericolo,
l’è partio e lu l’è nà l’è caminà,
avanti avanti e da na parte e nantra e staltra,
ma no l’è bon de catar sta fontana che brila,
sto albero che canta e l’uselin belverde,
e l’era ormai sfinio sto butel,
–  chi no se cata altro,
e l’era quasi deciso de tornare indrio,
e intanto el va in de n’ostaria,
taca el caval lì fora a la finestra,
–  me ponso du tri giorni e dopo torno de olta,
el va endrento e lì gh’è on vecio,
–  indo eto el dis ragasso,
   cossa gh’è da novo l’ha dito,
lu el ghe conta la storia,
–  me sorela parché no la g’ha,
   e so in giro da tanti mesi che serco l’ha dito,
   e no so bon de catar,
–  mi sarea indo el gh’è l’ha dito,
   ma l’è meo che no te insegna,
   parché l’ha dito l’è on bruto posto da nar,
–  ma alà el me le diga che mi par me sorela,
–  par to sorela la capisso l’ha dito,
   ma quei che va là l’ha dito,
   ghe n’è molti pochi che ven de olta,
ma ensomma el se fa spiegar de sto vecio.


Alora lì sto vecio el ghe dis,
–  te vè là nel tal posto el g’ha dito,
   là l’ha dito te trovi on cancel,
   te vè rento da sto cancel l’ha ito,
   te vè avanti che là gh’è tute statue,
   e te vè avanti avanti avanti,
   fin che te cati la fontana che brila,
   te ghe ne tol na bosseta,
   l’albero che canta bison che te tai on rameto,
   e dopo che te ciapi l’uselin belverde,
   però ti quando te si rento da la porta del cancel,
   tuti i te tira tuti i te urla,
   parché quele statue che gh’è là,
   iè tuti ragassi come ti che ghe nà in cerca
   da ste robe che te vol par to sorela,
   se ti te le olti indrio l’ha dito,
   te resti de piera parché te deventi pietrificato,
–  eh no el di mi no me sucede mia,
e lu el parte el va,
el va rento in de sto cancel grando,
là gh’è pien de statue tante statue,
–  eh scolta eh,
là quando l’è rento i lo ciama,
–  scolta oltete indrio dame tòcame fame,
e lu avanti el ten duro,
–  scolta questa,
ma lu el se sforsa el se sforsa,
l’è rivà rente la fontana,
–  adesso ghe son el dis,
   me togo su l’aqua,
ma in de quel che l’è arente la fontana,
no l’è stà pì bon de tegner duro,
–  scolta varda chi questo quelaltro,
el se olta e l’è restà pietrificà con la testa indrio,
so sorela la vede che el rubin el se intorbidisse,
alora la dise a so fradel,
–  varda l’ha dito che è successo calcossa la dis,
–  ben adesso vao in serca de lu,
e anca lu el ghe lassa n’anel a so sorela,
–  se el diamante deventa scuro l’ha dito,
   alora mi è sucesso anca mi calcossa,
e fato sta ch’el parte anca lu e via.









Alora el parte el va el va el va,
el domanda a ci l’incontraa notizie,
–  è passà on butel cussì e cussì el dise,
–  sì el dis el vecio de l’ostaria
   l’è passà dae chi el dis,
   l’era preciso de ti,
   mi ghe l’ho dito de no nar in quel posto,
   e no sta nar anca ti,
   ve toca come quei altri el dis,
   torna indrio da to sorela,
   che l’è meio erghene uno de fradei,
   pitosto che suceda,
–  no no l’ha ito,
   se me fradel l’è là ghe ao anca mi,
l’è partio e l’è nà anca lu,
el vecio el ghe disea che lì gh’era un incantesimo,
che se uno l’è bon de tor de l’aqua la pianta e l’ucelin,
le statue le deventa omeni come prima,
el va rento e quando l’è rento,
–  eh ti scolta,
e qui e là e arda cossa te gh’è,
e lu avanti avanti e avanti sto butel,
l’è resistio l’ha resistio,
fin che el gh’ea na man ne l’aqua,
el s’ha girà indrio e l’è restà cossita,
l’è deventà de piera anca lu,
a casa soa l’anel da rosso el ven scuro,
la butela la se despera,
– varda sao fato l’ha dito,
  par l’albero che canta la fontana che brila
  e l’ucelin belverde ho perso i fradei,
  adesso parto anca mi,
la ciapa el caval e la parte,
el re el vede che no gh’è pì sti butei lì,
el s’avea acorto che la butela l’è avilia,
el se mete malinconia anca lu,
l’era quasi malà sto re.









Ben la butela l’è nà,
e la camina anca ela la core
l’ha fato tuti i giri de sti butei,
la domandava a la gente la ghe rispondea,
– ièn isti iè passè da chi iè nà verso là,
e via via l’ha seguio la strada de so fradei,
finché l’è rivà là dal vecio,
– ma se no iè ste boni to fradei
  no staghe nar no staghe nar,
  l’è on pecato che te fai che le robe lì,
  no andarghe no narghe,
el l’ha scongiurà de no nar rento dal cancel,
ghe fasea pecà ste creature,
– epur ghe vago l’ha dito,
  là gh’è me fradei,
e la va la riva rento e le statue,
– oltete indrio varda de qua,
uno el le ciapava da on brasso quelaltro da nantro,
insoma la se sentea tirar da tuti i cantoni,
l’ha tegnù duro fisso,
l’è sta bona de rivar a l’aqua,
lì la ghe n’ha tolto su na bosseta,
dopo l’ha taià na rameta e ciapà l’uselin,
l’uselin se l’ha messo in sen cossita,
e là tute le statue iè deentè come prima,
so fradei baci e abraci,
la gente tuta se saludava,
– ti ando steto ando sito,
i iha fato na festa
che no s’era mai visto de uguale,
dopo ela l’ha dì ai fradei,
–  adesso nen a casa,
l’è partia ela con sti fradei,
e l’è egnù casa nel so palasso
e quando l’è sta là nel so palasso
l’ha butà l’aqua ne la fontana,
e s’ha fato subito on brilantio,
l’albero che cantava col vento
l’è egnù grando de tuto on colpo,
e caro da Dio il re l’ha isto sta butela,
l’ha isto alegri anca i butei,
ela la ciama come prima,
– sua maestà...
ormai el egnea fora con el baston de strapegon,
  el vedo molto so,
  el vegna trovarne nel me giardin,
el vede sta beleza mai vista,
e darente a la butela lu el se sentea meio.











On giorno el g’ha invità i butei,
– bison che vegnì on giorno a casa mia,
lori i aceta subito,
– ma dal me useleto l’ha dito la butela,
  dal me useleto no posso stacarme,
  se el me permete vegno con l’ucelino belverde,
– ma sì l’ha dito el re,
el re fa preparare on pranzo da re,
so sie no le volea che l’invitesse i tri butei,
– che olì o che no olì l’ha dito,
  qua comando mi che son el re,
quando i vien i se senta davanti a lu,
lu el pensava vardandoli ben,
– se i volesse essare me fioi,
  me piasaria che i fusse me fioi,
le done invese le seitava vardar sti tri butei,



no le saea pì cossa dir,
le capea che quei lì i era i tri gemei,
che ele le avea fato scomparire nel bosco
ma se vede che el servo no l’avea fato secondo i ordini,
e lì intanto i ha pransà,
i s’ha godesti e i g’ha discorso,
e a un bel momento se mete parlare
anca l’ucelino belverde,
– ma guarda ch’el parla l’ha dito el re,
– sì mi parlo l’ha dito l’ucelino belverde,
  e so storie che ti no te conossi,
– alora contemele l’ha dito el re,
e cossì l’ucelino belverde el l’ha comincià a contare,
el s’ha messo su la testa de na botilia,




















– na olta tre butele l’ha sposà
  on re on cogo del re e el cocio del re,
a ste parole tuti i se mete fermi a scoltare,
e lì el ghe conta che el re l’è nà in guera
e ghè nato tri gemei,
le sie agre e cative le ià fate portare ia,
ma nel bosco na veceta g’ha fato da balia,
e che so mama de sti tre butini,
l’era ancora sarà drento en cantina al scuro,
tegnua con la fame da le sie del re,
– questi iè i tre gemei l’ha dito,
  che sono i tuoi tre figli
  e la moglie toa l’è al scuro de la cantina,
alora el re l’ha ciapà i putei a brazocolo,
e l’è corso so a liberare quela pora dona,
e le sie iè sta punie come se deve,
e i g’ha fato na gran festa tuti insieme,
e ancora iè là che i vive felici.




In questo stato c’era il coprifuoco
e nessuno poteva uscir la sera,
quando scoccava quella certa ora
nessuno più doveva uscire fuori.
Non aveva il buon re babbo né mamma,
solo viveva con due zie crudeli,
e lì vicino al palazzo reale,
ci stava una famiglia con tre figlie,

tre floride bellissime sorelle.
Quell’estate faceva troppo caldo:
– Ci toccherà di morire richiuse? –
dicevan le fanciulle sospirando,
– Andiamo a frescheggiare dietro al muro!
chi mai ci vede nascoste laggiù?
Orsù prendiamo un po’ di frescolino! –
E anche il cuoco a palazzo reale,

tutto il dì cucinava accanto al fuoco,
pativa un caldo quasi da morire:
– Se me ne vado fuori a frescheggiare, 
di nascosto, chi mai lo saprà?
devo restar qua dentro a soffocare?
Io esco, – dice, e fuori dalla porta
di dietro, dove scorreva un ruscello
contento si distese, si godeva

la frescura dell’erba, accanto al muro.
C’erano le sorelle lì vicino,
e lui di sotto poteva sentire
quel che dicevano di dietro al muro.
Ci andò la prima sera, e la seconda,
e poi la terza: anche le sorelle,
uscivan fuori un pochino la sera,
per non morir di caldo, un quarto d’ora

stavan al fresco e poi tornavan dentro,
e tornava anche il cuoco nel palazzo.
Una sera si misero a parlare,
di cose appassionanti per il cuoco,
che drizzate le orecchie le ascoltava,
disse la prima: – Io vorrei sposare
del re il bel cuoco, che mi fa impazzire,
per sposarlo non so cosa farei!
 
– Oh! – disse la seconda, – e che faresti?
non sai quasi far nulla da mangiare!
– Ma che dici? – la prima le rispose,
– sappi che se vivessi nel palazzo,
con tutto il ben di Dio che c’è in cucina,
preparerei dei piatti eccezionali,
vivande prelibate, sopraffine,
e i pranzi che farei, che meraviglia!

– Come faresti? – chiese la seconda,
– Ah, se mi sposo col cuoco del re,
vedranno tutti che cosa so fare! –
La seconda sorella disse: – Invece
io vorrei proprio sposare il cocchiere,
è così bello che mi fa morire,
poi gli farei, – disse, – una scuderia,
con i cavalli più belli del mondo.

– Oh, – disse la più piccola, – che brave!
Tu sposi il cuoco, tu sposi il cocchiere,
e io mi sposerò col re in persona,
– Ha detto il re?! – Ho detto proprio il re,
– perché, mie care, è il più bello che c’è,
e se divento la sposa del re,
darò alla luce tre bimbi gemelli,
due maschi belli coi capelli d'oro

e l’incarnato come vino e latte,
e una bambina bella, tanto bella,
che sulla fronte avrà brillante stella.
– Oh! – dissero le altre, – ed in silenzio
insieme tutte tornarono dentro.
Non si era persa il cuoco una parola,
la sorella maggiore gli piaceva,
così decise di contarlo al re.

– Avrei una storia bella da contare,
sire, però, sapete, ho paura. –
Il re rispose: – Suvvia, dimmi che c’è,
– Ecco, ho paura che mi imprigioniate,
– Ma cos’è, cosa mai mi hai combinato?
– Non so se parlo, – dice, – Dai, racconta,
– Sapete, – disse il cuoco, – in questa storia,
si parla anche di vostra maestà…

ma non vorrei fare una brutta fine! –      
Il re oramai era proprio curioso:
– Devi contarmi tutta questa storia! –
Allora raccontò com’era andata,
– Andavi fuori, con il coprifuoco! –
– Maestà, perdonatemi, vi prego,
e perdonate anche le tre sorelle 
le ho sentite parlare quella sera. –

Il re pensava alle belle sorelle,
alle parole sentite dal cuoco,
ci rifletté un pochino e poi decise:
– Che le sorelle vengano da me! –
Venne a sapere la madre per prima
che il re voleva vederle a palazzo:
– Ora vi mette in prigione, – diceva,
– uscire mentre c’era il coprifuoco!

Ma se io non son morta senza uscire,
anche voi potevate stare in casa.
Le sorelle partirono tremanti,
– È vero o non è vero, – disse il re,
– che quella certa sera siete uscite,
e che tante altre sere usciste fuori?
Le sorelle risposero: – Maestà,
dentro faceva un caldo da morire –

– Eppure stando dentro io non son morto, – 
dice, – ma è vero quel che avete detto?
Se è vero, mantenete le promesse!
– Siamo agli ordini vostri, o maestà! –
Ordina sua maestà di preparare
tre matrimoni, e tutti eran contenti.
Non tutti eran contenti, le due zie
non volevano questo matrimonio:

– Ma sei matto a sposar quella fanciulla?
che razza di regina ti ritrovi! –
E sì e no e dai e su e giù,
– La voglio e me la sposo, – disse il re.
Il cuoco si sposò la prima figlia,
che un banchetto mai visto preparò,
la seconda il cocchiere sposò,
fece le stalle più belle del mondo.

La sorella regina restò incinta:
– Vedremo se verranno i tre gemelli, –
dicevano le zie crudeli, quando
al re toccò partire per la guerra,
ma ogni giorno scriveva alla sua sposa,
e le sue zie morivan dalla rabbia.
Come lei mise al mondo i tre gemelli,
due maschi dai capelli tutti d’oro,

e una bambina con la stella in fronte,
li presero e li fecero sparire
le zie. Scrissero al re: – Caro nipote,
la tua povera sposa ha partorito
tre orribili scimmiotti, sono morti
e anche la madre è morta poverina. –
L’avevan chiusa sotto alla cucina,
in una fossa buia: da una grata

cadevano gli avanzi andati a male,
bucce di frutta, ossi già spolpati.
Poi fecero tre tombe al cimitero,
e quel povero re, tornato a casa,
andava sul sepolcro della sposa,
e su quelli dei suoi figli gemelli,
mentre le zie dicevano – Nipote
non c’era nulla di meglio da fare,   

ma quanto erano brutti, ma che orrore,
erano proprio mostri repellenti,
la morte è stata una liberazione. –
Il re ascoltava le loro parole
ma non sapeva che cosa pensare.
Passa il tempo, passarono vent’anni,
un giorno il re si affacciò alla finestra,
e vide un nuovo bellissimo palazzo:

– Ma, – dice, – chi l’avrà mai costruito?
l’ultima volta che m’ero affacciato
non c'era nulla, han lavorato svelti!
E vede gente che si muove intorno,
e poi un giardino di grande bellezza,
alberi alti e fiori variegati,
e nel giardino tre giovani belli,
una sorella insieme a due fratelli.

– Cari giovani belli, – pensò il re –
sembrano quelli che un dì la mia sposa
mi promise, anche la stella splende
sulla fronte di quella giovinetta! –
Il re commosso voleva parlare
ai tre giovani belli nel giardino,
andò al cancello ed ammirava i fiori:
– Venite, entrate, signore, guardate, –

la bella dalla stella lo invitava,
– Ma vedeste il giardino quanto è bello,
e quei tre giovani, mi fanno felice –
lui diceva alle zie, già insospettite.
– Il servo infame certo ci ha tradito,
disobbedendo all'ordine nostro
nel bosco non li ha uccisi, dei suoi
tre figli ecco il re si è innamorato –.

Chiamarono una vecchia strega, a lei
donarono una borsa piena d'oro:
– Noi ti ordiniamo di far rovinare
i tre giovani belli del giardino
che han conquistato il cuore del re.
– Vedrete presto mie care signore,
sparire i giovani, appassire il giardino. –
La vecchia strega si fermò al giardino:

– Che stai facendo? – chiese alla fanciulla,
che amava coltivare tutti i fiori,
– Mi diletto del mio caro giardino
il più bello del mondo, non ti pare?
– Mia cara, – disse la vecchia, – lo sai
che ho girato tutto il mondo? e ti dico
che al tuo giardino manca qualche cosa,
il più bello del mondo ancor non è.

Ti ci vorrebbe la fonte che brilla,
dovresti avere l’albero che canta,
e poi sui rami l’Augellin  Belverde!
– Dove si trovan queste belle cose?
non conosco nessuno che ce l’ha!
La vecchia strega le disse – Oramai
io te l’ho detto, e finché non avrai
queste tre cose, sai che il tuo giardino

non è il giardino più bello del mondo. –
Triste divenne allora la fanciulla,
ma non poté domandare più nulla,
perché la vecchia era di già sparita.
Quando i fratelli tornarono a casa:
– Che t'è successo, perché sei avvilita?
– Credevo fosse il nostro giardino
quello più bello del mondo, ma no,

disse una vecchia, stamani: “Ti manca
fonte che brilla e albero che canta
e sulla rama l’Augellin Belverde”.
– Torna a sorridere, cara sorella,
presto li avrai, noi li andremo a trovare.
– Vi prego, dove mai volete andare,
ci son troppi pericoli, restate,
è pur sempre un giardino molto bello,

anche se mancan le tre meraviglie. –
Ma i suoi fratelli vollero partire,
per procurarle le tre meraviglie,
andò per primo il fratello maggiore,
e salutando le diede un anello,
con una gemma rossa come il sangue:
– Cara sorella, quando tu vedrai
che il rubino si fa torbido e scuro,

saprai che mi è successa una disgrazia. –
E andò col suo cavallo, e vai e vai,
avanti e ancora avanti, e qua e là,
ma non riusciva a trovar la fontana
che brilla, e neanche l’albero che canta
né l’Augellin Belverde. Era sfinito
e si disse quel giovane: – Oramai,
mi tocca ritornare a mani vuote. –

E si fermò di fronte a un’osteria,
legò il cavallo fuor della finestra:
– Vo’ riposarmi solo qualche giorno
in questo ostello, poi farò ritorno. –
Ma dentro c’era un vecchio, che gli chiese:
– Dove vai, caro giovane, e chi sei?
Al vecchio raccontò tutta la storia:
– Mancano queste cose a mia sorella,

e da mesi le cerco inutilmente,
e vado e vado, e non le so trovare.
– Lo saprei, caro giovane, ma è meglio
che tu non sappia, meglio che tu ignori
la via che porta al luogo maledetto. –
– Ve ne prego, indicatemi la via
per contentare la sorella cara! –
– Per la sorella cara, ti comprendo,

ma, – disse, – di quanti sono andati
nessuno mai ne ho visto ritornare. –
Ma il giovane insistette per sapere, 
e il vecchio infine gli indicò la via:
– Quando sarai arrivato nel giardino
che cerchi, troverai un cancello grande:
entra e procedi, vedrai tutto intorno
statue, e va’ avanti, avanti ancora va’,

finché vedrai la fontana che brilla,
allora tu ne prendi una boccetta,
dall’albero che canta tagli un ramo,
e lesto afferri l’Augellin Belverde.
Bada che appena varcato il cancello
ti sentirai chiamare, ed afferrare
per le vesti, invocare per pietà:
perché tutte le statue che vedrai

eran giovani vivi come te,
e cercavano quelle stesse cose
che tu ora vuoi per la sorella cara:
sta’ ben attento, se ti volterai
anche una sola volta, resterai
gelido marmo, statua fra le statue.
– Oh! – disse, – no, a me non può accadere!
E parte e va, e giunge al gran cancello,

entra ed è circondato dalle statue:
– Oh! ascolta! Tu, fermati un istante! –
come fu dentro presero a chiamarlo,
– Ascolta, fermo, girati, mi guardi?  –
Si fece forza e procedette avanti,
– Ascolta la mia storia, guarda me! –
Ma lui resiste e va senza voltarsi,
e finalmente vede la fontana,

– Ormai ci sono, – dice, – ora attingo
una boccetta d’acqua prodigiosa. –
ma non aveva più forze e ascoltando
– Giovane caro, ascolta, abbi pietà, –
lui si volse e divenne come pietra
con il capo voltato, come stava.
Quando vide il rubino intorbidito,
non più rosso lucente, tutto scuro,

la sorella gridò: – Ahimè, disgrazia
certa è accaduta al fratello lontano!
– Ora io parto, lo vado a cercare, –
disse il secondo, e le diede un anello:
– Cara sorella il limpido diamante
se vedrai farsi opaco tu saprai
che ho fallito la prova, e la disgrazia
mi ha vietato di renderti felice. –

Partì questo fratello e cavalcando
se incontrava qualcuno gli chiedeva:
– Vedeste un giovane bello e gentile?
Nell’osteria il vecchio gli rispose:
– Passò di qui il giovane che cerchi,
ti somigliava come goccia d’acqua,
gli dissi inutilmente di restare,
ma tu no, te ne prego, non andare,

o finirai come tutti quegli altri!
diventerai una statua, senza vita.
Ritorna a casa dalla tua sorella,
perché le resti almeno un fratello,
una nuova disgrazia si prepara.
– No, no, – gli disse, – se il fratello mio
è andato, andrò, lo seguirò pur io. –
Non c'era modo di farlo restare,

e il vecchio allora gli insegnò i segreti:
se un giovane, uno solo, ci riusciva,
prendeva acqua alla fonte che brilla,
tagliava un ramo all’albero che canta,
e se prendeva l’Augellin Belverde, 
le statue si sarebbero animate,
tornerebbero i giovani alla vita.
Appena il giovane varcò il cancello:

– Oh! ascoltami, guarda chi son io! –
Sentiva, ma diritto procedeva,
il giovane che ancora resisteva,
fino a riempire d’acqua la boccetta,
ma poi si volse, diventò di marmo,
di lui solo la statua era rimasta.
A casa il suo diamante si è scurito,
e la sorella piange disperata:
– Guarda, – dice, – che ho fatto! per avere
l’acqua che brilla e l’albero che canta

con l’Augellin Belverde sopra un ramo
ho perso i miei carissimi fratelli!
Ora io partirò –  e saltò a cavallo
e partì la sorella. Il re la vide,
vide il suo viso bagnato di pianto,
la vide sola senza i suoi fratelli
e si ammalò di gran malinconia.

La sorella correva per la via,
al galoppo lei andava a perdifiato,
rifaceva la strada dei fratelli,
fino dal vecchio, dentro l’osteria:
– Ma se i fratelli tuoi hanno fallito,
bella fanciulla, come puoi riuscire?
perché morire vuoi insieme a loro?

No, non andarci, non ci devi andare! –
La scongiurava il vecchio di restare
di non varcare quel grande cancello,
gli dispiaceva per le tre creature,
– Ma devo andare, – disse lei, – ci sono
i miei fratelli laggiù, – e già galoppa,
e presto giunge al giardino incantato,
varca il cancello ed ecco sente dire:

– Voltati indietro! guardaci! ci senti? –
Si sentiva toccare questo braccio,
poi l’altro, le tiravano la veste
si sentiva sfiorare da ogni parte,
ma tenne duro senza vacillare.
Arriva alla fontana dove attinge
una boccetta dell’acqua che brilla,
taglia un ramo dall’albero che canta,

e l’uccellino se lo mette in seno:
e in quell’istante tutte tornan vive
le statue, in vita tornano i fratelli
sani e belli si abbracciano e di baci
e di carezze mai non sono sazi.
Tutti i giovani là si salutavano,
–  Tu dove vai e tu di dove sei? –
fecero festa, ma una festa grande

che mai l’uguale s’era visto al mondo.
Infine la sorella disse: – Andiamo
a casa miei carissimi fratelli –
Cavalcando arrivarono al palazzo
e quando sono entrati nel giardino,
lei versò l’acqua dentro alla fontana,
che tutta scintillò per il giardino.
Poi piantarono il ramo canterino

e l’albero cresceva a vista d’occhio
e intonava col vento una canzone,
con l’Augellin Belverde in mezzo ai rami.
O, cara meraviglia! il re la vide,
la Bella dalla stella sulla fronte,
vide anche i due giovani felici,
e si sentì chiamare come prima:
– Sire, venite! – camminava lento

reggendosi al bastone, ma contento:
– Vi vedo molto giù, caro signore
venite qui, nel nostro bel giardino. –
Quando il re vide tutta la bellezza
del mondo nel giardino della bella,
sentì che gli tornava un po’ il vigore.
Subito li invitò per desinare:
– Voglio che siate ospiti alla reggia! –

Dissero – sì  – i fratelli, ma la bella:
– Non posso, – disse, – lasciare l’Augellino
Belverde, dal caro uccellino
non posso separarmi, mio signore:
posso portare l’Augellin Belverde?
– Ma certo, – disse il re, – io l’avrò caro.
E fece preparare un grande pranzo,
le sue zie non volevano invitarli,

– Sia che vi piaccia, sia che non vi piaccia,
comando io, – disse, – che sono il re. –
A tavola sedevano di fronte
al re i giovani belli e lui sognava,
li guardava ammirato, si diceva:
– Fossero stati così i miei gemelli,
avessi avuto io questi tre figli! –
Le zie crudeli guardandoli fissi,

non trovavano più nulla da dire,
erano i tre gemelli, lo vedevano,
non eran morti piccoli nel bosco,
il servo certo le aveva tradite.
Quando stava finendo il desinare,
dal seno della Bella uscì il Belverde,
si mise in cima a una bella bottiglia
e poi parlò, disse parole umane.
– Ma guarda! parla! – disse sua maestà.

– Sì, parlo, – disse l’Augellin Belverde,
e racconto anche storie che non sai. –
– Vorrei sentir la storia che non so, –
disse il sovrano all’Augellin Belverde.
– Tre belle giovani sposarono un dì
il re e il cuoco e il cocchiere del re, –
raccontò l’uccellino, e ancora disse
del re, che era partito per la guerra,

dei tre gemelli venuti alla luce,
e delle zie crudeli, vere streghe:
– Una vecchietta li trovò nel bosco,
mentre la mamma di questi bambini,
è ancora al buio, sotto alla cucina,
per miracolo è viva la regina,
e questi, questi sono i tuoi gemelli,
capelli d’oro, pelle di latte e sangue,

e la tua figlia con la stella in fronte:
i figli partoriti dalla sposa,
che al buio languisce sotto la cucina! –
Allora il re abbracciando i suoi figlioli,
corse con loro a liberar la sposa,
e punì duramente le sue zie,
e tutti insieme fecero una festa
e sempre, sempre vissero contenti.

...Le sie agre e cative le ià fate portare ia..

___________________________________________

TESTO Dino Coltro, Fole lilole. Fiabe della tradizione orale veronese. Venezia: Marsilio 1991. Pp. 85–96.
___________________________________________
TRADUZIONE © Adalinda Gasparini 2010. Vedi: L'Augel Belverde, versione italiana di Adalinda Gasparini (1996) dalle Le piacevoli notti di Giovan Francesco Straparola.
___________________________________________

IMMAGINE Riferimenti mancanti.
___________________________________________

NOTE
...El ghe dà n’anel co na piera rossa... Il motivo della pietra dell'anello che si scurisce se chi l'ha dato è in pericolo di vita, cosicché la sorella sapendo della sua condizione e può soccorrerlo è presente in molte fiabe popolari. Il motivo è già nel romanzo popolare di Fiorio e Biancofiore, ripreso da Giovanni Boccaccio nel Filocolo (1336). Vedi: Il cantare di Fiorio e Biancifiore, in Vincenzo Crescini, Bologna: Romagnoli-Dall'Acqua 1889 (vol. I), e 1899 (vol. II); vol.II pp. 65-228. Il libro fu stampato in soli 202 esemplari per ordine numerati. Online: http://www20.us.archive.org/stream/ilcantaredifior00cresgoog#page/n9/mode/2up;
ultimo accesso, 28 aprile 2012.





 © Adalinda Gasparini
Posted 10 January 2003
Last updated: 26 September 2018