HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA CULUMBENA BIANCA
ROMAGNOLO
1887
COMPARAZIONE DE LA CULUMBEINA BIANCA CON TRE FIABE DEL CUNTO DE LI CUNTI DI GIAMBATTISTA BASILE (LA STORIA CORNICE, I TRE CEDRI, IL CORVO),
CON  BIANCANEVE E I SETTE NANI
DEI FRATELLI GRIMM, E CON LA FIABA POPOLARE BOLOGNESE BIANCA COME NEVE ROSSA COME SANGUE



LA CULUMBENA BIANCA


LA COLOMBINA BIANCA
Ui era una volta un re, ch l’ aveva un fiol; ste fiol tott al sir l’andeva a fé rabir una povra vecia, a murtei e lom da la finistra.

Sta povra vecia dai ’na volta, dai do, dai tre la se stufè e l’ al dess:

- Se duress a vnir a fem arabir intent ch’ un ha truvè una ragaza bianca cumm è e latt e rossa cumm è e sangv.

C’era una volta un re, che aveva un figlio, e questo principe tutte le sere andava a far arrabbiare una povera vecchia, a spengergli il lume dalla finestra.

Questa povera vecchia sopporta una volta, sopporta due, sopporta tre, alla fine si infuriò e gli disse:

- Siccome non la smetti di farmi arrabbiare ti dico che dovrai trovare una ragazza bianca come il latte e rossa come il sangue.

Allora e fiol de re l’ andè a ca da su peder, ’t un gran sprazisum e ui dess:

- Me bab am voi fer e spos.

Su pedar ui dess:

- Fat pur e spos ch a so cuntent.

- Me a voi una ragaza bianca cumm è e latt e rossa cumm è e sangv.

E pedar ui dess ch l’ era una materia, che acsè una ragaza l’ an s atrova brisa.

- L’ è impussebil, cumm vut fè.

E lo:

- Tant è, bab, me a la voi. Cumm daga un caval e ’na borsa ad quatren che me a vagh a girer e mond e fintent ch an la ho truveda, me an torn a ca.

Allora il figlio del re tornò a palazzo dal padre e con grande disperazione gli disse:

- Babbo mio, voglio sposarmi.

Suo padre gli disse:

- Sposati pure, che io son contento.

- Io voglio una ragazza bianca come il latte e rossa come il sangue.

Il padre gli disse che parlava di un tipo di ragazza che proprio non esiste.

- È impossibile trovarla, come farai?

E lui:

- Eppure, babbo, io la voglio. Mi dia un cavallo e una borsa di quattrini, che io possa andare in giro per il mondo, e finché non la avrò trovata, non tornerò a casa.

Uss tulò un brev caval e una bela borsa ad quatren e pò via ch uss avviè pr e mond. Quand e fo là, che fo un pez che gireva uss incuntrè int un vcin ch ui dmandè un pò ed caritè e lo ui la fè, e ste vcin ui dè una nus, un avulena e una amandla, e pu ui dess ch ull j amachess int i su bsogn. Prese un buon cavallo e una bella borsa di quattrini, e poi via! Si avviò per il mondo. Quando arrivò in un posto, dopo un bel po’ che viaggiava, incontrò un vecchietto, che gli chiese un po’ di carità, e lui gliela fece, e questo vecchino gli diede una noce, una nocciola e una mandorla, e poi gli disse di schiacciarle quando fosse stato nel bisogno.

Quand e fo lè ch l’ era un pez che gireva ui vens in ment ch l’ aveva sta nus e u la macò. In che mentar ch u l’ amacheva e sintè ch la geva:

- Pianino, pianino che m’ amaccate il mio ditino.

E e saltò fora una piò bela ragaza bianca cumm è e latt e rossa cumm è e sangv. E lo allora ui dess:

- Me a voi ch a siva la mi sposa.

E lì la dess:

- Al da bè da dem?

- No.

- Gnenca me cun lo an i starò.

Allora lo l’ andè da una funtana e pò l’amachè l’avulena, e e sintè l’ istess:

- Pianino, pianino che m’ amaccate il mio ditino.

E e saltè fora una ragaza piò bela dla prema, bianca cumm è e latt, rossa cumm è e sangv. E lo ui dess:

- A voi ch a siva la mi sposa.

- Al da bè e un anel da dem?

- No.

- Alora gnenca me cun lo an i starò.

Allora lo l’ andè int ’na zitè, e e cumprò un anel un bicher e pò 1’ andò at na funtana e e machè l’ amandla. E e sintè una vos ch la geva:

- Pianino, pianino che m’ ammaccate il mio ditino.

E e saltè fora una ragaza piò bela at caljeter do, bianca cumm è e latt, rossa cumm è e sangv. Allora lo ui dess:

- A voi ch a siva la mi sposa.

Lì la i dess:

- Al un anel e da bè da dem?

- Se ch a l’ ho.

- Allora enca me cun lo ai stagh. Mo intent un va brisa ben che me a venga a ca cun lo achse mel vstida, intant che lo e va int la zitè a to i vstì, me a l’ asptarò a qua so int la vetta at ste zris.

Quando da tanto tempo era in giro, gli venne in mente che aveva questa noce e la schiacciò. Mentre la schiacciava sentì una voce che diceva così:

- Pianino, pianino che mi schiacciate il ditino.

E ne saltò fuori una ragazza bellissima, bianca come il latte e rossa come il sangue. Allora lui disse:

- Voglio che siate la mia sposa.

E lei disse:

- Avete da darmi qualcosa da bere?

- No.

- Neanche io con voi starò. – E sparì.

Allora il principe andò accanto a una fontana e schiacciò la nocciola, e di nuovo sentì una voce:

- Pianino, pianino che mi schiacciate il mio ditino.

E ne uscì fuori una ragazza più bella della prima, bianca come il latte e rossa come il sangue. Lui le disse

- Voglio che siate la mia sposa.

- Avete qualcosa da bere e un anello per me?

- No.

- Neanche io con voi starò. – E sparì.

Allora il principe andò in una città, e comprò un anello e un bicchiere, poi, accanto a una fontana, schiacciò la mandorla. E sentì una voce che diceva:

- Pianino, pianino che mi schiacciate il ditino.

E uscì fuori una ragazza ancora più bella delle altre due, bianca come il latte e rossa come il sangue. Allora lui le disse:

- Voglio che siate la mia sposa.

Lei gli disse:

- Avete un anello e qualcosa da bere per me?

- Sì che ce l’ho.

- Allora anch’io con voi starò. Ma ora non va per niente bene che torni a palazzo con voi così malvestita. Mentre andrete in città a prendermi delle belle vesti, io vi aspetto lassù sul ciliegio.

Bsogna mo savè, che in sta zitè ui era una vcina ch l’ aveva tre fiol ch’  andeva a 1’ acqua a sta funtena.

Quand la granda, la va a l'acqua la s’ affaza sovra la funtena, la ved l’ ombra ad chla ragaza int l’ acqua, la cred ch sea la su e quand la s ved ch l’ era acse bela la dess:

- Am maravei ad mi mama mandem a l’ acqua ch a so acse bela.

E la buttò all' aria agli urzett e la s’ andò a ca, tott inquieta cun su medar ch la la mandeva a l’ acqua ch l’ era acse bela.

Al su sureli el s mesn a rider e al dessn:

- Va pu la tsi un bel rosp.

E dis la mzena:

- Mett a qua che ades ai andarò me a tu l’ acqua.

Va a cumprè gli urzett e s’ va a l’ acqua. Ma quant l’ ariva e la s’ affaza sovra la funtena ch la ved sta bela faza, la dis:

- Oh, l’ ha mo propri rason la mi surela ch l’ è tanta bela.

E pò la botta pr’ aria agli urzett anca lì, e la va a ca bravand cun su medar ch la l’ aveva mandeda a l’ acqua ch l’ era acsè bela. Allora la pznena la dis:

- Me ai ho pora ch ai aviva pers e giùdezi tott e do a fé ad stai materi che a que, spte mo ch ai andarò me.

Compra agli urzett e s’ va a l’ acqua. Quant l’ ariva a la zò e la s’ fa sovra la funtena e ch’ la ved ch’ è acsè bela, la botta pr aria agli urzett e pò la dis:

- Al j ha mo rason al mi sureli am maravei ad mi medar ch’ la z manda a l’ acqua ch a sen acsè beli.

La ragaza ch l’ era in vetta de zris e ch la vdeva tott sti beli sen, l’ an putet piò tnè la risa e la s’ mess a ridar fort. Allora quella ch’ era sotta la guardò in so e la dess:

- A t si mo te t zè fatt rompar tott agli urzett, speta me.

La muntò so ant e zris e lai piantè un spilon accant un ureccia. Sta ragaza la dvintè una bela culomba bianca e la vulè veia. E li la s mess a le int e post a sptè e fiol de re.

Ora, bisogna sapere che in questa città c’era una vecchietta che aveva tre figlie che andavano a prender l’acqua a questa fonte. Quando tocca alla più grande, va alla fonte e ci si affaccia, vede riflessa la bella, crede che di esser lei e vedendosi tanto bella dice:

- Mi meraviglio che la mia mamma mi mandi a prender l’acqua, bella come sono!

Getto via gli orcioli e se ne tornò a casa, tutta arrabbiata con sua madre che mandava lei, bella com'era, a prender l’acqua. Le sue sorelle si misero a ridere e le dissero:

- Ma va’! Sei bella come una rospa!

E la sorella di mezzo disse:

- Suvvia, ora ci andrò io a prendere l’acqua!

Va a ricomprare due orcioli e s’avvia verso la fonte. Ma quando arriva alla fonte e si affaccia, vede quella faccia bellissima e dice:

- Oh! Come son bella, ha ben ragione la mia sorella!

E poi lancia in aria gli orcioli, e va a casa brontolando contro sua madre che mandava lei, bella com’era, ad attingere l’acqua.

La più piccina disse:

- Io ho paura che abbiate perso la testa tutte e due a far ragionamenti di questa specie, ma aspettate, ci vado io.

Compra gli orcioli e va alla fonte, quando arriva allo specchio d’acqua e vedendosi così bella lancia in aria gli orcioli e dice:

- Hanno ragione le mie sorelle, mi meraviglio di mia madre, mandare una figlia tanto bella come me a prender l’acqua!

La ragazza che era in cima al ciliegio a vedere tutte queste scene non ce la fece più a trattenersi e scoppiò a ridere. Allora la ragazza che era giù, guardò in su e disse:

- Sei stata tu allora a farci rompere tutti gli orciolini! Aspettami che ora vengo.

Si arrampicò sul ciliegio e le piantò uno spillone accanto a un orecchio. La bella ragazza diventò una colomba bianca e volò via, e lei si mise al suo posto ad aspettare il figlio del re.  

Quand l’ arivè che vest ch l’ era acsè brotta l’ arvanzè incantè.

- Ah, - li la i dess, - ui è da fè al maravei! Am avì lassè a qua a e vent, a e sol e a la guaza, e pò a vlì fevan maraveja s a so dvintè brotta.

Allora e fiol de re u la vstè e pò iss mesn in viaz pr’ ander a ca.

E fiol de re 1’ aveva za avisè su pedar ch l’ aveva truvè sta bela

sposa, bianca cumm è e latt e rossa cumm è e sangv. Figurev e re ch l’ aveva fatt tott i preparativ pr’ anderi incontar e pr’ avder sta gran blezza. Quand ch’ j arivè i cminzipiè tott a guardes un cun

l’ etar e a dir:

- Duv èla totta sta gran blezza?

E lì la i dess ch u l’ aveva lasseda all’ acqua, a e sol e a e vent, e che lì la era dvanteda acse. Allora sobit e fò preparò un gran noz par la sposa.

Lassegni mo tott in sela a divertiss e anden da e cugh.

In che mentar che cusineva ui ariva una bela culomba int la finestra e la i dis :
- Addio bel coco.
E lo ui dis:

- Addio bela columbina.

E lei:


         - Il coco si possa indurmintare,
        perché l' alesso e l' arrosto si possa bruciare,
        che la regina non possa mangiare.
        Io me ne vado via,
        me ne dispiace sol dello marito mio.

E cugh uss indurmintò e l’ aless e l’ arost as brusò.

L’ era l’ ora d’ ander a tevla; e re e va in cusena a vdè parchè ch’ uss terda. E cugh uss era studiè par mettr insen un etar dsnè, mo l’ era indrì. E cminzipiè a dì:

- A momenti a momenti, che stega pazient che a momenti a vnen.

Ma quand l’ era so l’ arost un eltra volta, e turné la culomba a fer

e medesum salut. E cugh uss indurmintò e l’ aless e 1’ arost uss turnè a brusè. E re uss inquietè piò fort e e vens in cusena e e cminzipiè a bravè. Allora e cugh ui dess:

- Sacra curona ch’ um ascolta. L’ ha da savè che quand a j ho l’ arost a mumenti cot e ven una culumbena in vetta dla fnestra e pò l’am dis: «Addio bel coco», me a degh: «Addio bela colombina». E li l’ am arspond: «Il lesso e il rosto si possa

bruciare perchè la regina non possa mangiare. Io me ne stendo le

ali e me ne vado via, me ne dispiace sol de lo marito mio».


Quando il principe arrivò e la vide così brutta, rimase impietrito.

- Ah, - gli disse lei, - di che vi meravigliate? Mi avete lasciato qua al vento, al sole e alla rugiada, e poi vi meravigliate se sono diventata brutta!

 Allora il figlio del re la vestì, la mise in carrozza e si mosse verso casa.

Il figlio del re aveva annunciato a suo padre che aveva trovato questa bella sposa, bianca come il latte e rossa come il sangue. Figuratevi il re che aveva fatto tanti solenni preparativi per andare incontro alla giovane coppia e vedere questa grande bellezza. Quando arrivò il corteo tutti cominciarono a guardarsi l’un l’altro dicendo:

- Ma dov’è tutta questa gran bellezza?

E lei disse che il principe l’aveva lasciata all’acqua, al sole e al vento, che l’avevano fatta diventare così.

Ora sono tutti nel salone, lasciamoli lì e andiamo dal cuoco.

Mentre cucinava arriva una bella colomba, entra dalla finestra e gli dice:

- Buondì bel cuoco.

E lui le risponde:

- Buondì bella colombina.

E lei cominciò a cantare:

 

Si possano il cuoco addormentare,

e lesso e arrosto bruciare:

che la regina non possa mangiare.

Io me ne vado via,

sol mi dispiace per il marito mio.

 

In un batter d’occhio il cuoco cadde addormentato e si bruciarono e lesso e arrosto.

Arriva l’ora di andare a tavola; il re va in cucina a vedere come mai si tardi. Il cuoco stava cercando di organizzare un altro desinare, ma era ancora indietro.

Si mise a dire:

- A momenti a momenti, aspetti con pazienza che a momenti il pranzo arriva.

Ma quando stava cuocendo un altro arrosto, tornò la colomba e l’arrosto bruciò. Il re padre si infuriò e andò in cucina a sgridare il cuoco, che gli disse:

- Sacra corona, ascoltatemi. Dovete sapere che quando il mio arrosto è quasi cotto viene una colombina a posarsi in cima alla finestra e poi mi dice: «Buondì bel cuoco», io le dico: «Buondì bella colombina». E lei mi risponde: «Il lesso e l’arrosto si possano bruciare, che la regina non possa mangiare. Io stendo le mie ali e vado via, mi dispiace xzxzsoltanto per il marito mio».

E re e dess:

- A voi mo ster a que me a vde quand la ven cusa ch la fa.

Ed ecch che quand 1’ arost l’ è a momenti cot, l’ ariva la culumbena in vetta a la fnestra e la fa e su salut. Quand la è par dì: «Io me ne stendo le ali e me ne vado via, me ne dispiace solo de lo marito mio», e re ch l’ era nascost dop a la fnestra e saltè fora par ciapela.
La culumbena allora la i vulè in vetta dla spala. E re u la ciapè e pò u la cminzò e carezè e su la purtè d là int la sela a fela vdè a la sposa de su fiol cun tott i furastir. Mo la sposa ch la la cnusè un bisinen la cminzò a bravè, a di ch un era creanza purtei un animel int la stenza da snè e ch’ ui dess la veia, e che puteva ess un segni ad mel auguri, e ch l’ era sporca, ch l’ era una schifenza. Lo u la sfregheva e e geva:

- Mo no, an vdi cumm la è sivla, cumm la è pulida - e int e sfreghè che feva e sintè ch’ l’ aveva una gnoca drì un ureccia.

- O puvrena sintì ben a que ach quel dur ch l’ ha dri a st’ ureccia. Cuss ai avrala mai!

E la sposa la geva:

- Ficchela fora ch la i avrà de mel.

Il re disse:

- Voglio stare qui io, e vedere quando viene la colomba e cosa fa.

Ed ecco che appena 1’arrosto è quasi cotto, arriva la colombina, si posa in cima alla finestra e fa il suo saluto. Quando sta per dire «Io stendo le mie ali e vado via, mi dispiace soltanto per il marito mio», il re, che era nascosto dietro la finestra saltò fuori per acchiapparla.

La colombina allora gli volò su una spalla, il re la prese in mano e accarezzandola la portò nella sala e la fece vedere alla sposa di suo figlio con tutti gli invitati stranieri. Ma la sposa che si insospettì cominciò a gridare, che non era educato portare un animale nella sala da pranzo, e che la mandasse via, e che poteva essere un segno di malaugurio, e che era sporca, e che era una schifezza.

Il vecchio re l’accarezzava e diceva:

- Ma no, non vedete com’è buona, com’è tutta bianca e pulita – e mentre la toccava sentì che aveva un rigonfio dietro l’orecchio:

- O poverina, ma senti che cosa dura che ha qui dietro all’orecchio. Cosa avrà mai?

E la sposa diceva:

- Buttatela fuori, che sarà un brutto male.


Mo e re u la sfreghè tent, ui de tent, che sintè ch’ l’ era una mazzola d’ ’na goccia. Ui tirò dentar, ui cavè l’ aguccion e la culumbena turnè una bela ragaza cumm l’ era premma, bianca cumm è e latt e rossa cumm è e sangv.

Allora j avanzè tott incantè a vdè sta bela ragaza. E e fiol de re e dess:

- Questa l’ è la mi sposa.

E li la i arspundè:

- Se, me a so la vostra sposa, mo cal ragazi che lè al vgniven a l’ acqua al vdeva la mi ombra int la funtena, al cardeva d’ esser lor, al ficcheva vi al j urzett e me um scapò da ridar. Quella che lè l’ am sintè, la vens so l’ am piantè l’ aguccion e me a dvintè una culomba, a vulè veia e lea l’ ass mess i mi penn e pò la vens a fev da sposa.

Allora e fiol de re e dess:

- Ve gevia mo, bab, che la mi sposa l’ era bianca cumm è e latt e rossa cumm è sangv?

E pò i spuien la brotta, i vsten la bela di vsti da sposa e pò i tens cunsei cun tott i curtigen ad quel ch s’ aveva da fè ad chl’ etra ragaza.
Allora tott i dess ch’ l’ass meriteva d’ esar bruseda int e mez dla piaza. Allora i fen una bela massa ed legna i glia lighen a lassò in vetta, i ji de’ fogh da dsotta e tott i stevan a vdela. E fiol de re allora uss spusè la bela e fe fer un noz, un pantoz. Viva la galena barbisona, viva la bela sposa.

Lergh la foja stret la veia,
Gi la vosta ch’ a j ho dett la mea.
S’ am dì un panett, cun una sardela,
Av ne degh un’ etra dal piò beli.

Ma il re continuò a massaggiarla, tanto e tanto che capì che era una goccia di vetro. Prese la goccia e tirandola estrasse lo spillone, e la colombina si ritrasformò nella bellissima ragazza che era, bianca come il latte e rossa come il sangue.

Tutti si alzarono da tavola e si avvicinarono per vedere questa ragazza bella senza pari. E il figlio del re disse:

 - Questa è la mia sposa.

E lei rispose:

- Sì, io sono la vostra sposa, ma quelle ragazze che venivano a prender l’acqua si specchiavano nella fonte, e vedendo la mia immagine credevano che fosse la loro, e allora buttavano via gli orciolini, e a me scappò da ridere. Quella là mi sentì, venne sul ciliegio, mi piantò lo spillone e io mi trasformai in colomba, volò via e lei si mise le mie vesti e poi venne a sposarsi.

Allora il figlio del re disse:

- Ecco, babbo, ora ci credete che la mia sposa era bianca come il latte e rossa come il sangue?

Poi spogliarono la brutta, fecero indossare alla bella gli abiti da sposa e poi tennero un consiglio con tutti i cortigiani per decidere cosa fare dell’altra ragazza.

Allora tutti dissero che si meritava d’esser bruciata viva in mezzo alla piazza. Fecero una bella catasta di legna, la fecero salire in cima e ce la legarono, poi le diedero fuoco e tutti assistettero allo spettacolo. Poi il principe sposò la bella, e fu uno sposalizio a tutti assai propizio.
Evviva la gallina bargigliosa, evviva la bella sposa!

 

Larga la foglia, stretta la via,

dite la vostra che ho detto la mia.

Se mi date un panetto con un sardella,

ve ne dico un’altra ancora più bella.


Ma, arrivata alla fonte, la schiava rivide la bellissima immagine riflessa nell'acqua, e gridò: - La mia bellezza non ha rivali! Dovrei sposare un principe, non stare qui a faticare per una padrona che mi maltratta. (Dal Cunto de li cunti, I tre cedri)
[La sorella maggiore] va alla fonte e ci si affaccia, vede riflessa la bella, crede di essere lei e vedendosi tanto  bella dice: - Mi meraviglio che la mia mamma mi mandi a prender l'acqua, bella come sono! (Da La culumbena bianca)



SPUNTI DI COMPARAZIONE FRA LA CULUMBEINA BIANCA, TRE FIABE DEL CUNTO DE LI CUNTI DI GIAMBATTISTA BASILE (LA STORIA CORNICE, I TRE CEDRI, IL CORVO), BIANCANEVE E I SETTE NANI, E BIANCA COME NEVE ROSSA COME SANGUE
(work in progress)
Storia cornice
(Basile, 1634-1636)
Il corvo
(Basile, 1634-1636)
I tre cedri
(Basile, 1634-1636)
Biancaneve e i sette nani
(Fratelli Grimm, 1812)
Bianca come neve rossa come sangue
(Emilia, 1883)
La colombina bianca
(Romagna, 1887)
Un paggio della principessa di Vallepelosa, malata di malinconia, la fa ridere per la prima volta rompendo un orciolo d'olio a una vecchietta, che stizzita lancia un incantesimo: la principessa dovrà vagare finché non troverà il principe Taddeo addormentato nella sua tomba, e dovrà svegliarlo riempiendo una brocca con le sue lacrime. (Storia cornice)
Il re non vuole sposarsi finché andando a caccia non uccide un corvo e vedendo il nero delle sue piume e il rosso del suo sangue, sul bianco di una pietra di marmo, si innamora perdutamente di una donna con quei colori (Il corvo)
L'unico figlio del re non vuole sposarsi finché tagliandosi un dito non fa cadere una goccia di sangue su una ricotta e desidera una sposa con quei colori. (I tre cedri)
Una regina - del re non si fa cenno - cucendo si punge e vedendo il sangue sulla neve desidera una creatura con questi colori e con il nero dell'ebano della sua finestra per i capelli (Biancaneve e i sette nani)
Il principe erede al trono, nato dopo un tempo disterilità, uccide un falcone e si innamora della combinazione di colori del sangue e della neve sulla quale l'animale cade (Bianca come neve rossa come sangue)
L'unico figlio del re infastidisce una vecchia rompendogli il lume sulla finestra, e lei stizzita gli lancia un incantesimo: dovrà vagare finché non troverà la bella bianca come latte e rossa come sangue. (La colombina bianca)
Quando il bianco è il colore del latte o della ricotta l'andamento della fiaba è meno tragico. Il riferimento è in questo caso al nutrimento primario, materno, minaccioso in quanto regressivo, mentre se il bianco è il colore del funebre marmo o dalla gelida neve il riferimento è all'assenza di vita.
Nel primo caso si ha una lunga ricerca, nel secondo un passaggio nella morte (il fratello del re che diventerà una statua di marmo ne
Il corvo). Il nero, anch'esso colore dell'assenza di luce, quindi della morte, compare solo nelle storie nelle quali il bianco è assenza di cita (marmo o neve, non latte o ricotta).  La fiaba che ha in Biancaneve la sua versioen più famosa è la sola nella quale la protagonista ha i capelli neri. Va considerata quindi una storia di come si apre con sofferenza e rischio mortale - con una morte apparente della protagonista femminile o la pietrificazione del protagonista maschile - la relazione umanizzante tra ìnvisibile e invisibile, vivo e morto, presente e assente. Anche nella fiaba popolare emiliana Bianca come neve rossa come sangue si trova il riferimento al gelo della morte e di seguito il motivo della pietrificazione)

Nella celeberrima Biancaneve (Fratelli Grimm, 1812), il desiderio di unire il calore vitale del sangue e il freddo della neve o del marmo è espresso dalla regina e si incarna nella figlia. Al bianco come assenza di vita corrisponde una condizine simile alla morte, che subisce la protagonista femminile, in conseguenza del fatto che il desiderio di unire vita e morte è della madre regina.
La principessa subito dopo aver riso parte alla ricerca del principe dormiente. (Storia cornice)
Il fratello del re innamorato parte alla ricerca della sposa desiderata dal fratello. (Il corvo)
Il principe parte alla ricerca della sposa col colore della ricotta e del suo sangue. (I tre cedri)
Appena cresciuta la figlia con i colori desiderati diventa il bersaglio del desiderio omicida della madre che non sopporta la perdita del proprio primato. Si osservi qui la mancanza del padre. (Biancaneve e i sette nani)
Il principe parte alla ricerca della sposa con i colori di cui si è innamorato, prednendocongedo dal padre e dalla madre che cercano di dissuaderlo (Bianca come neve rossa come sangue)
Il padre ammonisce il figlio che quel che cerca è impossibile, ma il principe ereditario parte dicendo che non tornerà finché non avrà trovato la sposa che unisce quei due colori. (La colombina bianca)
Il padre mette in guardia il figlio: cerca cose dell'altro mondo. Ma il figlio deve trovare ciò che solo può fondarlo come soggetto: la sua personale posizione in rapporto al visibile e all'invisibile, vale adire alla realtà della vita, del presente (sangue) e della morte o della regressione (neve, marmo, latte, ricotta. Senza stabilire questo rapporto fondativo non ci sono nozze, ovvero non c'è generazione, non c' è ascesa al trono, ovvero riconoscimento della morte come parte dell'esistenza.
Per questo i genitori si sentono felici quando i loro figli e le loro figlie hanno figli: perché l'apertura al futuro indica l'apertura al passato. Questo ovviamente avviene un varie misure, e non è letterale, anche se in un range piuttosto ampio di normalità l'esperienza dei figli porta a riconoscere l'eredità ricevuta dai genitori, che è eredità biologica, delle vita.
Nel suo viaggio di ricerca la principessa riceve da tre fate una noce, una castagna e una nocciola. (Storia cornice)
Il fratello minore trova tre magnifici doni per il re suo fratello, e poi rapisce la bella che desidera, figlia di un negromante. (Il corvo)
Dopo aver girato tutto il mondo e aver perso tutta la sua fornitura, il principe riceve dall'ultima di tre orche sorelle tre cedri. (I tre cedri)
Biancaneve condannata a morte è risparmiata dal cacciatore e si rifugia dai sette nani, dai quali ottiene protezione in cambio di lavori femminili. (Biancaneve e i sette nani)
Il principe incontra un vecchietto che gli dice dove trovare la bella con quei colori: troverà una lastra di ferro, l'aprirà ed entrerà sottoterra, dove in un'altissima torre vive la sua bella. (Bianca come neve rossa come sangue)
Dotato di danari e cavallo il principe parte, e dopo un certo tempo incontra un vecchietto che gli chiede l'elemosina, e ricevendola gli fa dono di una noce, una nocciola e una mandorla. (La colombina bianca)
Il ritmo ternario caratterizza tutte queste storie, ma in questa fase solo quelle col protagonista maschile. Nella fiaba di Bianca come neve rossa come sangue la l'orga o strega che tiene prigioniera la protagonista femminile nella torre corrisponde a quella di Prezzemolina, ma pare sia la madre, non la rapitrice della protagonista. In ogni caso la madre di questa Bianca-e-Rossa, come la madre di Biancaneve (che diventerà la matrigna solo nelle edizioni successive alla prima) è di fermare la figlia con i due colori, della vita e della morte, creatura quindi magica. La maturità generativa della figlia significa l'invecchiamento della madre, quindi se la figlia no ncresce la madre non invecchia. Chissà se chiamare la nuora putìna in Emilia, bimba a Livorno, indipendentemente dall'età, non addolcisca il passaggio da madre a nonna, rendendo meno ostile la suocera nei confronti della nuora.
La principessa di Vallepelosa trova il sepolcro dove giace come morto il principe Taddeo, riempie la brocca quasi fino all'orlo, poi stremata si addormenta. Arriva una schiava che con due lacrime colma la brocca e fa credere al principe di averlo svegliato lei. Così il principe sposa la schiava. (Storia cornice)
Il principe conduce al re suo fratello la sposa che cercava. Gli dà anche i tre doni, ma spezza la spada, uccide l'aquila, azzoppa il cavallo. E nascondendosi nella camera da letto uccide il drago venuto a divorare gli sposi, ma il re crede che intendesse ucciderlo e lo imprigiona. Il fratello allora racconta la storia e si trasforma in una statua di marmo. (Il corvo)
Il principe apre i tre cedri, e non essendo pronto a dissetare le prime due belle le perde, mentre ottiene che resti con lui la terza. Lascia la bella su un albero vicino a una fonte per andare a preparare il corteo nuziale, ma una schiava nera per tre volte va ad attingere acqua e crede che l'immagine riflessa sia la sua: la terza vede la bella sull'albero e salendo da lei le conficca uno spillone nel capo, e la bella fugge trasformandosi in colomba. (I tre cedri)
Per tre volte la madre resasi irriconoscibile cerca di uccidere Biancaneve, e mentre le prime due i nani sventano i suoi piani, la terza volta Biancaneve cade come morta e viene posta in una cassa di cristallo. (Biancaneve e i sette nani)
Seguendo le istruzioni del vecchietto il principe entra nella torre e riesce a convincere la bella a fuggire con lui. Bianca-e-Rossa prende tre frutti magici , noce, castagna e nocciola, con i quali riesce a fermare la madre che li rincorre, ma non può evitare la maledizione per la quale il principe la dimentica e sta per sposare un'altra. (Bianca come neve rossa come sangue)
Il principe apre uno dopo l'altro i tre frutti, e mentre le prime due belle color latte e sangue spariscono perché lui non è pronto a dare loro da bere e un anello, la terza resta con lui. Gli dice di andare avanti a preparare il corteo nuziale e resta ad aspettarlo su un albero, da dove vede le tre sorelle che vengono ad attingere acqua e credono che l'immagine della bella nella fonte sia la loro. La terza si accorge di lei, e ficcandole in testa uno spillone la trasforma in colomba e si fa sposare dal principe. (La colombina bianca)

La principessa di Vallepelosa schiacciando i suoi frutti magici finisce col mettere dentro la schiava ususrpatrice un'irresistibile desiderio di fiabe, e così comincia il Cunto. Dopo I tre cedri, che già hanno inquietato la schiava, alla quale però Taddeo non permette di interrompere i racconti, la principessa racconta la sua storia, smascherando l'usurpatrice. (Storia cornice)
Disperato il re passa il suo tempo accanto alla statua del fratello, fino a quando un negromante gli dice che può farlo tornare in vita sacrificando i suoi due bambini. Senza esitare il re segue questa procedura, e quando lo sa la sua sposa vorrebbe morire, e così accadrebbe se non apparisse il negromante suo padre a rimettere tutto a posto. (Il corvo)
Alle nozze del principe con l'usurpatrice la colomba arriva nella cucina ma per ordine dell'usurpatrice stessa viene spennata e messa in pentola. Ma dall'acqua dicottura versata in un vaso nasce un albero di cedro che rapidamente raggiunge il piano su periore e fa tre frutti, che il princioe coglie, dai quali ottiene come la prima volta la sua bella. (I tre cedri)
Biancaneve giace nella cassa di cristallo vegliata dai nani finché un principe non si innamora di lei e la porta a palazzo: durante il viaggio una scossa le fa uscire di bocca il boccone della mela avvelenata e così si sveglia (Biancaneve e i sette nani)
Bianca-e-Rossa sa cos'è successo e si fa assumere come sguattero, poi cucina un piatto fatato nel quale tre piccioni parlano fra loro rivolgendosi al principe raccontandogli la sua storia con la bella e facendogli così tornare la memoria. (Bianca come neve rossa come sangue)
La bella entra dal cuoco durante il pranzo nuziale e con una formula magica lo fa addormentare in modo che lesso e arrosto si bruciano per due volte. Il re padre va a vedere che succede in cucina e prendendo la colombina la porta accarezzandoal nella sala da pranzo, dove l'usurpatrice cerca di farla mandare via. Ma il re padre accarezzandola sente lo spillone e lo toglie la colombina, così si ritrasforma nella bella color latte e sangue. (La colombina bianca)
Si osservi come la presenza attiva del maschile, donatore o re padre, addolcisca il carattere tragico che ha questo tipo di fiaba nel caso che le attanti femminili siano più potenti ovvero non limitati dal maschile.
L'usurpatrice viene sepolta viva, la principessa di Vallepelosa sposa Taddeo, e si compie il Cunto de li cunti, ovvero il racconto dei racconti. (Storia cornice)
Il negromante fa tornare in vita i due bambini e permette a tutti di vivere felici e contenti. Il negromante potrebbe ricordare Prospero nella Tempesta di Shakespeare, che con la sua arte magica rimette a posto quel che altri hanno mandato in rovina. (Il corvo)
L'usurpatrice pronuncia da sé la sua sentenza di morte, e viene bruciata sul rogo nella piazza della città. (I tre cedri)
Il principe azzurro sposa Biancaneve e alla festadi nozze viene invitata la madre, che viene costretta a ballare con scarpe di ferro arroventate, finché cade a terra morta. (Biancaneve e i sette nani)
Come il principe non ha colpa, essendo stato baciato nel sonno dalla madre, così non ne ha la sposa che viene riccamente dotata e sposa un altro principe. I due protagonisti si sposano e vivono felici e contenti. (Bianca come neve rossa come sangue)
L'usurpatrice viene bruciata in mezzo alla piazza e la Bella si sposa col principe e vivono felici e contenti. (La colombina bianca)

Il tema è il rapporto fra visibile invisibile - ovvero tra vita e morte - senza il quale non si realizza il soggetto maschile: il principe no nsisposa né può succedere al padre. Un principe che non vuole diventare re o sposarsi, si innamora dell'unione tra vita e morte, e intraprende un viaggio per comprenderlo, ovvero per trovare e prendere la sposa che unisce bianco e rosso, con la quale è pronto per ascendere al trono. (Spunti di comparazione scritti fra il 30 e il 31 dicembre 2018)






___________________________________________
TESTO NAPOLETANO DELLA STORIA CORNICE, OVVERO DELLA FAVOLA DELLA PRINCIPESSA DI VALLEPELOSA CON TRADUZIONE ITALIANA A FRONTE
http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FA_1996/FA_XVII_Tre_cedri.html#NTRODUZZIONE

http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FA_1996/FA_XVII_Tre_cedri.html#SCOMPETURA
___________________________________________
TESTO NAPOLETANO DE LO CUORVO CON TRADUZIONE ITALIANA A FRONTE
http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FD_Campania_Lo_cuorvo.html
___________________________________________
TESTO NAPOLETANO DE LE TRE CETRA CON TRADUZIONE ITALIANA A FRONTE
http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FA_1996/FA_XVII_Tre_cedri.html#I_TRE_CEDRI
___________________________________________
BIANCANEVE E I SETTE NANI DEI FRATELLI GRIMM CON TRADUZIONE ITALIANA A FRONTE
http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Biancaneve/Biancaneve-IT.html
___________________________________________
BIANCA COME NEVE ROSSA COME SANGUE Carolina Coronedi Berti, Al sgugio di ragazù; Bologna: Premiato Stabilimento Tipografico Successori Monti, 1883; pp.80-84.
Ristampa anastatica, Favole bolognesi, San Lazzaro di Savena, Arnaldo Forni Editore, 2000

http://www.alaaddin.it/_TESORO_FIABE/FD_Emilia_Bianca_e_Rossa.html.
___________________________________________
LA CULUMBEINA BIANCA



TRADUZIONE ITALIANA
Giuseppe Gaspare Bagli, "Saggio di novelle e fiabe in dialetto romagnolo", in Atti e Memorie della R. Deputazione di storia patria per le provincie di Romagna, Terza Serie, Volume V (Anno Accademico 1886-87), Bologna, Presso la R. Deputazione di Storia Patria, 1887, pp. 119-123; https://ia800203.us.archive.org/4/items/attiememorie00bologoog/attiememorie00bologoog.pdf; ultimo accesso: 30 dicembre 2018.

© Adalinda Gasparini 2018.
___________________________________________

IMMAGINI Immagine de I tre cedri: Warwick Goble: Giambattista Basile. Stories from the Pentamerone. E. F. Strange, editor. Warwick Goble, illustrator. London: Macmillan & Co. 1911.
Fonte: http://www.surlalunefairytales.com/illustrations/pentamerone/15goble.html; consultato il 7 ottobre 2018.

Immagine de La colombina bianca, da Goble, modificata da Adalinda Gasparini.
___________________________________________

NOTE

Vedi, in questo stesso sito la versione albanese di sicilia dei Tre cedri: La bedda di li setti citri, e quella trentina, L'amor dei tre naranzi.

Carlo Gozzi trasse da questa fiaba di Basile L'amore delle tre melarance. Vedi: Le fiabe di Carlo Gozzi, a cura di Ernesto Masi, Bologna: Zanichelli 1885; 2 voll.. Disponibili online il vol. I (http://archive.org/stream/lefiabedicarlog00masigoog#page/n6/mode/2up) e il vol. II (http://archive.org/stream/lefiabedicarlog00malagoog#page/n7/mode/2up; entrambi consultati il 15 giugno 2012).
Alla fiaba teatrale di Carlo Gozzi si ispirò Sergej Prokof'ev per L'amore delle tre melarance, Op. 33 (1919), della quale aveva scritto personalmente il libretto (prima rappresentazione: Chicago, 30 dicembre 1921) (http://it.wikipedia.org/wiki/L'amore_delle_tre_melarance; consultato il 12 giugno 2012). Dall'opera trasse una suite orchestrale con lo stesso titolo, Op. 33b (1919, rivista nel 1924). Su YouTube si trovano varie esecuzioni della Suite, vedi, ad esempio: https://www.youtube.com/watch?v=-umL0NgxvLY; consultato il 7 ottobre 2018.



 
© Adalinda Gasparini
Online dal 10 gennaio 2003
Ultima modifica 31 dicembre 2018