HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA FOLA DI BIANCA COME NEVE
E ROSSA COME SANGUE
1883
BIANCA COME NEVE
E ROSSA COME SANGUE

Ai era una volta un re e una rigeina, ch’ in psevn’ aveir fiù, e i pregon tant al zil del fouren, tant ch’ la rigeina dvintò gravida e la parturè un bel fandsein. Que po’ al chersè, es dvintò un belossom zoven. Un dè, l’era d’ inveren es i era una gran neiv, al preinzip andò a cazza e l’amazò un falcon. Sta povra bistia la veins zò e la cascò so int’ la neiv; la mandava fora del sangv dalla frè ch’ tinzè la neiv, e al preinzip, ch’ stava a guardar al dess:

- I ein me an turò mujer fenna ch’ an trov onna ch’ sia  bianca c’ me qla neiv e rossa c’ me quel sangv. E tot malinchonich l’andò a ca, es dess a so pader e a so mader ch’ al vleva andar a zercars la mujer, ch’ foss cmod l’ aveva det. I su cminzon a cunsiarel, mo lo batè sod e l’andò. Al girò tot un dè, e in t’ al tard al truvò un bosch e al si mess deinter. Quand l’ av fat puch pass al truvò un vcein ch’ i dmandò la carità; ai la fe po’ al dess:

- Em saressi insgnar dov stava una zouvna bianca com’ è neiv e rossa com’ è sangv?

- Mo se bein – al rspous al vcein. – L’ ha d’ andar da quel la là, e al truvarà una frada in tera, e lo ch’ al l’ alza sò e al vdrà una scala ch’ cundus dinanz a un palaz. Al s’ ha d’arpiatar dop un alber e ch’ l’ aspeta ch’ tourna a ca la mader, e ch’ al seinta quel ch’ la dis, e po’ lo ch’ al dega atartant quand la seppa turnà vì.

Al ringraziò al vec’ es aviò.

    


C'erano una volta un re e una regina, che non avevano avuto figli, e pregarono il cielo di far loro la grazia tanto e tanto che finalmente la regina rimase incinta e al giusto tempo partorì un bel bambino. Il principino crebbe e diventò un bellissimo giovane. Un giorno d’inverno, quando la neve aveva steso la sua coltre sulla città, sui campi e sui boschi che la circondavano, andò a caccia e ammazzò un falcone. Questa povera bestia cadde dal cielo e finì sulla neve, dove sgorgando copioso il sangue dalla sua ferita tinse la neve, e il principe, che era lì a guardarlo, disse:

- Io non prenderò moglie finché non troverò una ragazza che sia bianca come questa neve e rossa come questo sangue. E tutto preso dalla malinconia il principe tornò a casa, e disse a suo padre e a sua madre che voleva andar per il mondo a cercarsi una sposa, che fosse bianca come neve e rossa come sangue. I suoi genitori cercarono di dissuaderlo, ma lui tenne duro e se ne andò.

Viaggiò per un giorno intero, e a sera giunse al limitare di un bosco, nel quale entrò. Dopo pochi passi incontrò un vecchietto che gli chiese la carità, e lui gliela fece, e poi gli chiese:

- Lei mi potrebbe mica indicare dove si trovi una giovane bianca com’ è neve e rossa com’ è sangue?

- Ma certo – gli rispose il vecchietto. - Lei deve andare da quella parte là, e troverà una lastra di ferro: la alzi e vedrà una scala che porta davanti a un palazzo. Si nasconda dietro a un albero, e aspetti che la madre torni a casa, senta bene quel che dice e lo ripeta per filo e per segno quando la madre sarà uscita.

Il principe ringraziò il vecchio e si mise in cammino.

Al truvò la frada, l’ andò zò, e al vest un gran palaz ch’ era seinza port, in mez a un bel zardein; al s’ arpiatò, es asptò ch’ vgness la mader, che quand la fo sotta la fnestra la dess:

- Bianca e rossa, manda zo le tue bionde trezze e tira so la tua cara madre, ch’ è tot afanà.

Al preinzip vest la fiola mandar zò el trezz e tirar sò so mader; l’ era po’ sira e al s’ mess c’ teis so in t’ l’ erba, e acsè al passò la not, mo apenna dè, che ecco al vest mandar zò istessameint la mader dalla fnestra. Quand al fo passà un psulet, l’ansò sott’ alla fnestra es dess:

- Bianca e rossa, manda zo le tue bionde trezze e tira so la to cara mader, ch’ è totta afanà.

La Bianca e rossa mandò zo el trez senza star a guardar ater, e lo s’ atacò e so ch’ l’ andè. Quand la ragazza vest ste zouven l’ av a inspirtar dalla pora, ma lo al la cminzò a calmar e a diri chi l’ era, e ch’ l’ era vgnò per vleirla spusar. Quand la ragazza sintè csè l’ as cunsulò, e alora lo i cuntò cum l’ era arivà fein lè, e tot quei ch’ l’ era suzess. L’ ai dè po’ da magnar, es e sten in cunversazion totta qla mateina: quand fo tard la dess:

- Svelti pur ch’ an vegna mi mader! – E la sbatè una bachteina in tera e al preinzip dvintò un fasset ed vid.


          
  

Trovò la lastra di ferro, scese, e vide un gran palazzo senza porte in mezzo a un bel giardino; si rimpiattò, aspettò che arrivasse la madre, che quando fu sotto alla finestra disse:

- Bianca Rossa, manda giù le tue bionde trecce e tira su la tua cara madre, che è tutta ansimante.

Il principe vide la figlia mandar giù le trecce e tirar su la madre; era sera: si distese sull’erba e così passò la notte, ma appena fece giorno, ecco che vide calare la madre dalla finestra allo stesso modo. Lasciò passare un pochino di tempo, poi andò sotto alla finestra e disse:

- Bianca Rossa, manda giù le tue bionde trecce e tira su la tua cara madre, che è tutta ansimante.

La Bianca Rossa mandò giù le trecce senza badare ad altro, lui prese le trecce stringendole forte e salì. Quando la ragazza vide questo giovane stava per svenire dalla paura, ma lui subito cercò di calmarla, e le disse chi era e che era venuto perché a voleva sposare. Queste parole rassicurarono la ragazza, e vedendola consolata il principe le raccontò come era riuscito ad arrivare fino da lei, e tutto quello che gli era successo. Lei allora gli diede da mangiare, e passarono la mattina in dolci conversazioni. Quando fu tardi, lei disse:

- Presto, presto, che non arrivi mia madre! – Detto fatto batté in terra una bacchettina e il principe diventò un fascetto di sarmenti di vite.

Veins la mader e apenna ch’ la fo deinter la ciapò al fasset per metrel in t’ al fugh, mo la Bianca e rossa cminzò a dir:

- No, mama, per carità ch’ la lassa star quel fasset!

E lì geva:

- Mo perchè?

Basta, l’ al lassò star es messen a magnar e dopel i andon a let. Alla mateina la mader andò vì al solit. Aloura la ragazza, tols la bachetta, la la batè in tera, e al preinzip turnò quel d’ premma. La Bianca e rossa i dè da magnar e anch quel dè i al passon in algrì. Al preinzip pregava la ragazza a scapar vi cun lo, mo le l’ an i vleva andar. Quand fo vers sira, la Bianca dess:

- Mo andein pur che a momenti è que la mama.

La tols la solita bachetta, la batè in tera e al preinzip dvintò una bela meila, che apenna ch’ la la vest so mader, la la ciapò e si dess un musgot, e la lassò star d’ magnarla del gran pregarla ch’ fe la fiola.

Quand a fon a qlater dè, la madr’ andò vi e sobit la Bianca e rossa tols la bachetta es fe arturnar al preinzip ch l’ aveva un musgot in t’ l’ urecia. Quand al fo arturnà al cminzò a dir ch’ l’ era stof ed qla vetta, e a pregarla ch’ andass cun lò. Li resisteva, mo zò l’ as i era tant inamurà ch’ la fe la risoluzion ed dir d’ se, e i pinson sobit d’ andar vì.

La tols sigh la so bachetta, un maron, un nus e una clura; pò la mandò el trez zò dalla fnestra e al preinzip s’ i atacò e l’ andò zò, po li cmandò alla bachetta e l’ andò zo anca li. E vi ch’ i s’ massen a corer.

La mader l’ andò a cà, e que ciama par la fiola ch’ mandass zo el trez, mo ’ndson dava meint. Essend fadà la cminzò a rampigars so pr’ al mur, e acsè l’ andò deinter.

Quand la vest ch’ an i era piò la fiola la turnò vi es i cminzò a dari drì. I zuven aveven fat un pzol d’ strà; la Bianca s’ vultò es vest da luntan so mader, e la dess:

- Oh puvret no, ecco la mama!

E cavò fora la nuz, la l’ avers, ed ecco veins tanta la gran nebia, ch’ an si vdeva piò da que e lè, mo so mader cminzò a supiar e supiar, tant ch’ la nebia andò vi e inanz ch’ l’ andò. Da lè e un poch la Bianca s’ volta e la tourna a veder so mader, e lì avra ’l maron, e al cumparè una zada tant alta, ch’ l’ ans pseva passar. Mo la fada furò un bus e inanz ch’ la tirò. E que cor pur, mo da lè e poch la ragazza s’ tourna a vultar, e ved so mader ch’ l’ ai era quasi al spal, e lì ciapa la clura, averla, e al veins tant al gran fugh ch’ l’ an al psè passar, mo quand la mader l’ ai fo avsein, la dess:

- Oh, bricona, da zò ch’ an t’ poss arzonzer at augur che se on basarà to marè an s’ rcorda piò ed te.

- Aviv sintò? – Dess la Bianca al preinzip. – Badà mo d’ en ve lassar basar.

I giron fenn ala sira, e po’ i intron in t’ una lucanda, e que i passon la not. Qlatra mateina al preinzip dess:

- Mgnarà ch’ a vada inanz me avertir i mi e a far e a far far i preparativ pr’ al matrimoni.

- Andà pur – la arspous la Bianca – mo arcurdav d’ en ve lassar basar.

- En dubitar – dess al preinzip, e ai dè di gran quatrein e vi ch’ l’ andò.

L’arivò al so palaz, e av lass imazinar la cuntintezza di su a vedrel, e a sintir ch’ l’ aveva truvà la spousa ch’ al vleva. Soul ai c’ piasè, che lo an s’ vols lassar basar, dop tant teimp ch’ in l’ aveven vest. Basta i prinzipion a dar i urden d’ preparar al palaz pr’ al spusalezzi, po’ g’ non tot aligher, e alla sira is n’ andon a let. Mo quand al zouven fo indurmintà la rigeina andò deinter in tla stanzia, l’ ai andò sovra es al basò.

- Tu mo, - la dess, - in cu t’ n ha vlo ch’ at basa, at ho mo basà adess.

Qlatra mateina al preinzip ved ch’ ai era tant artesta ch’ adubavan al palaz’, ch’ i purtaven di mobil nuv, e vdend tot quel so d’ souvra, al dess cun i su:

- Mo cuss’ è mai tot sti cambiameint?

- Mo an avì det cha v’ fa spous, e ch’ avì d’andar a tor la spousa?

- Mo me an me son insugnà mai d’ dir quest, e an so cuss i deghen.

Que so mader la seguitò dir, ma lo bateva sod ch’ an saveva gneint.

Al re e la rigeina dessen tra lor ch’ al geva essr’ imberiagh quand l’ arivò e in dessen piò ater.

Passò qualch temp, e al preinzip andand a cazza l’ aveva vest una ragazza ch’ i piaseva, e finalmeint un dè al dess cun i su ch’ la vleva spusar. Quand la rigeina sintè csè, l’ ai dess:

- Fa pur quel ch’ a vli, mo badà bein ch’ la sia la bona.

Al fe tot i preparativ e quand fo ’l dè, l’ andò a tor la spousa. Lasseini mo lour e andein da la Bianca, ch’ essend afadà la saveva incossa, e quand fo ’l dè del spusalezi, la so fste da om, es andò al palaz del re, la zercò del cugh, e l’ ai dmandò s’ l’ aveva bisogn d’un sguater. Al cugh an i pars veira a torel, perché a i era tant i gran invidà a g’ nar, che lo an saveva cmod es far a far incossa.

La Bianca donca intrò in cuseina es cminzò a lavurar. Quand fo tard la dmandò al cugh s’ al fuss cunteint ch’ l’ a fess una piatanza. Al cugh dess:

- Mo fa pur so, basta ch’ la sia cossa che s’ fazza prest.

- Vo an i avì da pinsar - dess la Bianca.

L’ asptò ch’ foss l’oura dla tavla, e quand i fonn a l’arost, lì andò in t’ un canton, la sbatè la so bachetta in tera, e al cumparè deinter a una bela fiameinga tri pizon arustè, tant bein acumudà ch’ i pareven viv. Al cherdinzir i purtò in tavla, e quand fo l’ oura d’ magnari sti pizon cminzon a sbatr’ el i ali, e on saltò so a c’ corer es dess, vultands al preinzip:

- T’ en t’ arcord ed la bela Bianca e rossa, ch’ ta fat tant pr’ aveirla?

E qlater seguitava:

- T’ en arcord l’auguraz ed so mader, che se qualcon at basava t’ en t’ sress piò ’rcurdà d’ li?

Seguitava qlater:

- T’ en t’ arcord t’ la lassas in t’ una lucanda giandi t’ l’ andav po’ a tor?

In quel meinter che i pizon c’ cureven, al preinzip ai turnò incossa a la memoria, es ciamò ’l cugh per saveir chi aveva fat qla pietanza. Al cugh arspous:

- Un sguater ch’ m’ è capità.

E al preinzip dè ourden d’ farel vgnir sobit. Intant la Bianca aveva sbatò la bachetta, e lì era turnà fste di su pagn, e piò bela d’ premma; e acsè l’ intrò deintr’ alla sala del g’ nar. Al preinzip al l’ arcgnussè sobit es cours abrazzarla, presentandla ai su e a tot c’ mè la so veira spousa.

La rigeina po’ cunfsò d’aveirel basà quand al durmeva, e acsè fo spiegà incossa. A quella ch’ aveva tolt al re ai dè una gran dota, e al la spusò, cun un ater preinzip. E lour i sten seimper cunteint.

E me ch’ ai era sotta la tavla an me tuccò gnanc un oss, am tucò un pez d’ persot che quel louv ed (e qui si fa il nominativo di una delle persone che ascoltano) al m’ al magnò tot.

Ecco venne la madre, e appena entrata prese il fascetto per buttarlo nel fuoco, ma Bianca Rossa cominciò a dire:

- No, mamma, per carità, lasci stare quel fascetto!

E la madre:

- Ma perché?

Basta, alla fine lo lasciò stare, si misero a mangiare e poi andarono a letto. Al mattino la madre andò via come sempre. Allora la ragazza prese la bacchetta, la batté in terra, e il principe tornò quello di prima. La Bianca Rossa gli diede da mangiare e anche quel giorno lo passarono in grande allegria. Il principe pregava la ragazza di scappare con lui, ma lei non voleva andar via. Quando scese la sera, Bianca Rossa disse:

- Oh! Sbrighiamoci, che sta per arrivare la mamma.

Prese la solita bacchetta, la batté in terra e il principe diventò una bella mela. Appena la madre vide questa mela, la prese e gli diede un morso, e rinunciò a mangiarla solo per le grandi preghiere che le fece sua figlia.

Il giorno dopo la madre al solito se ne andò, e Bianca Rossa prese la bacchetta e fece ritornare il principe, che aveva un morso nell’orecchio. Ripresa la sua forma, il principe cominciò a dire che si era stancato di quella vita, e a pregarla di fuggire insieme a lui. Lei resisteva, ma si era tanto innamorata che finalmente si decise a dirgli di sì, e pensarono di andarsene immediatamente.

Bianca Rossa prese la bacchetta, una castagna, una noce e una nocciola; poi calò le trecce dalla finestra e al principe vi si attaccò e scese, poi diede un comando con la bacchetta e scese anche lei. E via che si misero a correre.

La madre andò a casa, e chiamava la figlia a squarciagola perché mandasse giù le trecce, ma non c’era nessuno ad ascoltarla. Essendo fatata la madre cominciò ad arrampicarsi sul muro, e così andò dentro. Quando vide che sua figlia non c’era più tornò fuori e cominciò a inseguire i fuggitivi. I giovani avevano fatto un bel pezzo di strada: Bianca Rossa si voltò e vedendo sua madre di lontano disse:

- Oh, poveri noi, ecco la mamma!

E, tirata fuori la noce, l’aprì, ed ecco venne tanta ma tanta nebbia, che non ci si vedeva da qui a lì. Ma sua madre cominciò a soffiare e soffiare, tanto che la nebbia si aprì e riprese l’inseguimento.

Di lì a poco Bianca Rossa si voltò e di nuovo vide sua madre: allora aprì la castagna e crebbe una siepe di rovi tanto alta che non poteva passare. Ma la fata fece un buco e riprese a inseguirli. E correva e correva, ma dopo poco la ragazza si voltò per la terza volta e vide sua madre che era quasi alle loro spalle, e allora prese la nocciola, l’aprì, e ne divampò un fuoco che non la fece passare. Ma quando la madre fu vicina a loro disse:

- Oh, briccona, visto che non ti posso raggiungere ti mando questa maledizione: che se qualcuno bacerà tuo marito, lui non si ricordi più di te.

- Avete sentito? – Disse la Bianca Rossa al principe. – Ora badate bene di non lasciarvi baciare.

Camminarono fino a sera, poi entrarono in una locanda, dove passarono la notte. La mattina dopo il principe disse:

- Bisognerà che io vada avanti a dare la notizia ai miei genitori e a far fare i preparativi per il matrimonio.

- Andate pure – gli rispose la Bianca Rossa – ma ricordate di non lasciarvi baciare.

- Non dubitate – disse il principe, gli lasciò un sacchetto di monete e se ne andò.

Arrivò al suo palazzo, e vi lascio immaginare la contentezza dei suoi genitori quando lo videro, e quando seppero che aveva trovato la sposa che voleva lui. L’unico dispiacere fu che non volle farsi baciare, dopo tanto tempo che era stato lontano dai suoi genitori.

Basta: cominciarono a dare ordini di preparare il palazzo per lo sposalizio, poi cenarono tutti contenti e quando fu l’ora se ne andarono a letto. Ma il principe si era appena addormentato, quando la regina entrò nella sua camera, si chinò su di lui e lo baciò.

- Ecco fatto, - disse, - oggi non hai voluto che ti baciassi, e io ti ho baciato ora.

La mattina dopo il principe vide che c’erano tanti artisti che addobbavano il palazzo e portavano nuovi mobili. E vedendo tutto sottosopra disse ai suoi genitori:

- Ma cosa sono mai tutti questi cambiamenti?

- Ma non avete detto voi che vi sposate, e che dovete andare a prendere la sposa?

- Ma io non mi sono mai sognato di dire una cosa del genere, e non capisco di che parliate.

Sua madre insisteva che lui lo aveva detto, ma lui non cedette e continuò a dire che non ne sapeva proprio nulla.

Il re e la regina si dissero che quando era tornato doveva essere ubriaco, e non ne parlarono più

Passò qualche tempo, e il principe mentre andava in carrozza aveva vide una ragazza che gli piaceva, e finalmente un giorno disse ai suoi genitori che la voleva sposare. Quando la regina sentì questo discorso, gli disse:

- Fate pur quel che volete, ma badate bene che sia la volta buona.

Si fecero tutti i preparativi, e quando fu il giorno stabilito andò a prendere la sposa.

Lasciamo loro e andiamo da Bianca Rossa, che essendo fatata sapeva tutto, e quando fu il giorno dello sposalizio, si vestì da uomo, andò al palazzo del re, cercò il cuoco, e gli chiese se aveva bisogno di uno sguattero. Al cuoco non parve il vero di prenderlo, perché c’erano tanti invitati a pranzo, che lui non sapeva come fare a preparare tutto.

Così Bianca Rossa entrò in cucina e cominciò a lavorare. Quando era vicina l’ora di pranzo, chiese al cuoco se gli dispiaceva che preparasse una pietanza. Il cuoco disse:

- Ma fa’ pure, basta che sia una cosa che si prepara alla svelta.

- Voi non ci pensate - disse Bianca Rossa.

Aspettò che si mettessero tutti a tavola, e quando arrivarono all’arrosto, lei andò in un angolino, batté in terra la sua bacchetta, e apparve una bella fiamminga con tre piccioni arrosto, così ben accomodati che parevano vivi. Il credenziere li portò in tavola, e quando fu l’ora di mangiarli questi piccioni cominciarono a battere le ali, e uno si alzò, cominciò a parlare, e rivolgendosi al principe disse:

- Te ne ricordi della bella Bianca Rossa, che hai fatto tanto per averla?

E un altro si alzò e seguitò il discorso:

- Te ne ricordi di quando sua madre le lanciò la maledizione, che se qualcuno ti avesse baciato non ti saresti più ricordato di lei?

Continuò il terso:

- Te ne ricordi che la lasciasti in una locanda dicendo che saresti tornato a prenderla?
Nel mentre che i piccioni discorrevano, al principe tornò tutto alla mentre, e chiamò il cuoco per sapere chi aveva preparato quella pietanza. Il cuoco rispose:

- Uno sguattero che mi è capitato in cucina.

E il principe diede ordine di farlo venire immediatamente. Intanto Bianca Rossa aveva battuto a terra la bacchetta, e si era rivestita dei suoi abiti, ancora più bella di prima: e così entrò nella sala dove stavano pranzando. Il principe la riconobbe subito e corse ad abbracciarla, presentandola ai suoi genitori come la sua vera sposa. La regina poi confessò di averlo baciato mentre dormiva, e così tutto fu chiarito. Alla ragazza che il re aveva sposato fecero una ricca dote, e si sposò con un altro principe. E loro furono sempre felici e contenti.

E a me che ero sotto al tavolino non toccò nemmeno un ossicino, poi mi toccò un pezzo di prosciutto ma quel lupo lì (il narratore a questo punto indica uno dei presenti) me lo mangiò tutto.



______________________________________

TESTO

Carolina Coronedi Berti, Al sgugiol di ragazù; Bologna: Premiato Stabilimento Tipografico Successori Monti 1883; Ristampa anastatica, Favole bolognesi; San Lazzaro di Savena: Arnaldo Forni Editore 2000. Pp. 80–84.
______________________________________
TRADUZIONE © Adalinda Gasparini 2018
______________________________________
IMMAGINE Arthur Rackham, Rapunzel, 1909. https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/98/Arthur_Rackham_Rapunzel.jpg Ultimo accesso: 31 dicembre 2018.

Online dal: 31 dicembre 2018
Ultima revisione: 31 dicembre 2018