HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

O DENTE DOO
1911
IL DENTE DORO

Dunca na vota la gh ea en re. E sto re ch i aveva mogee e na figia. Cos a vor n veit, en beo giorno a mogee la se cacia n leto moota, e la va n fin de morte. Ma prima de moie la ciama s ma e la ghe diza :
Mia che me a mo ; e se te te vore sposae n autra dona, mia de no sposae fintanto che te ne n trevi na  ch agia en dente doo.
Morta a regina, o re i se meta sbito en serca de na dona che l avesse o dente doo, per fae come gh aeva dito a s prima mogee n pnto de morte. E i manda en zio tti i s servitoi pe er mondo cor pato ch i zio enfin ch i ghe la trevo. Ma zia che t arezia, dopo avee zi r mondo per tti i versi, aa fin i torno ndar dao re coe bale en man, perch zovene con en dente doo pe er mondo ne ghe n ea, autro, mi n po o destin ! che proprio a figia d o re !
E o re ch i ne voreva negae a volont dea s prima mogee morta, i ciama s figia, i ghe conta a cosa come la sta, e i ghe diza che mia ch i se sposo.
A ve lasso die sta povea fante sentindo sta cosa, la se cacia nte n cianto, e nte na despeassion, che cianzeva e che se despeava l ea sta povea fantela. E no savendo come mteghe remedio, na bela matin la se issa fito fito de n leto e la va nte r camposanto sorve aa tomba de s mae, e l tta cianzente la comensa a lamentasseghe :

Caa mam, caa mam !
Che testamento t mai lass
Che a figia la deve sposae r pap !

E sbito la senta na voze a partie de n fondo aa tomba, che la ghe diza:
Se ne te v sposae t pae, dighe che te n o sposi s i ne te cata n vestido con tti i campanin doo.
E a figia la va da s pae e la ghe meta r pato. E o re i gh emprometa de contentala. Ven a note, e n mentre che o re i n leto ch i ne p dorme, i senta z pea strade na voze de n omo ch i grida :
A che voresse catae na roba con tti i campanin d oo ? !
I ea o diao stravest da omo.
O re i manda sbito de fa n servitoe, i se fa catae r vestido, e tto contento a l indoman i o regala aa figia, che quando la r veda la se meta torna a cianze e a despeasse. E la retorna daa tomba de s mae, e la ghe torna a die :

Caa mam, caa mam !
Che testamento t mai lass
Che a figia la deve sposae r pap !

E a voze dea mae la se fa ressentie de n fondo aa tomba e la diza  :
  Se ne te v sposalo, dighe ch i te cata n autra roba con o so, a lna e e stele.
E a figia la va da s pae, e la ghe diza torna de lautro vestido, e s pae i ghe emprometa de sercarghelo.
E aa note torna o diao z pea strade i se senta a gridae :
A che v catae n beo vestido con o so, con a lna e con tte e stele ? !
E o re i remanda dasbrivo a catalo, e i o red a s figia speando che sta vota la sia contenta. Ma le tant la recianza e la se redespea, e la retorna daa tomba de s mae a lamentasse :

Caa mam, caa mam !
Che testamento t mai lass
Che a figia la deve sposae r pap !

E a s mama dar fondo dea tomba la ghe rediza :
Caa figia, agi tanta passensia, e dighe a t pae che s i v che t o sposi ch i te cata n autra roba con tto o cielo, e r mae e i pescadoi ch i pesco da loo.
E a  figia d o re a va dar pae e la gh o diza : e o re e i torna a rempromteghe de trovaghe r vestido. E aa note la repassa o diao vest da omo, e i sbragia soto ae fenestre d o re :
A che v na roba coo cielo, e r mae, e i pescadoi ch i pesco da loo ?
E o re  i cata anca sta roba, e a l indoman i torna daa figia speando d avela content. Ma come ao solito a figia d o re la ne se p decide, e la rev nte r camposanto a pregae davanti aa tomba dea s mam :
Caa mam, ma dunca che sia propio ito ch a devo sposae r pap ?
E a voze de s mae la ghe responda :
Sta alegra, che sta vota l l rtima. Dighe a t pae che te v anca en vestido tto de legno, e cen de cantoe. E quando e te lave trov, aloa mtetelo n dosso, lgheghe drento dee cantoe i trei vestidi, mteghe enseme tte e m gioie e e memoie ch a t ho lass, e poi scapa de n ca de t pae, e vatene a ziae pe er mondo, che te vede che t ave sempre ben.
Tta contenta a figia d o re la torna a ca e la fa come gh ha ito a regina morta. E aa note torna o diao, e i grida soto aa fenestra d o re :
A che v catae na roba tta de legna ? a che v catae na roba tta de legna ! ?
E o re i cata anca st autra gonela, e i la regala a s figia, che sta vota la fa mostra d esse contenta, e la mprumeta a s pae de sposalo. E aa note envece, en mentre che tti i en anca dorm, sito me sito te la ciapa r portante e la scapa de n ca. E camina camina, finarmente la veda da lntan en lmetin picenin picenin. E camina camina, finarmente l ariva dao lmeto, e la se treva davanti a n gran palassio ch i ea er palassio d o re de quei posti. E la veda fa dea porte da na stala n staleo ch i neteza n cavalo, e la ghe domanda s i podesse per quela note lassala dormie ente a stala.
Ande a dilo a o re, i ghe fa o staleo, e voi come a nome ?
Maieta.
E o staleo i va e i domanda ao re er permesso. Er figio de sto re, ch i ea presente, anca l i prega s pae de miae de contentae sta povera fante. E Maieta tta contenta la rengrassia o staleo, e la se meta a daghe na man a polie i cavali, e ghe toca gisto quelo der figio d o re, che a l indoman quand i r veda coss beo lstro e polito i resta ncant, e i diza ao staleo :
Mia che stanote a devo andae a na festa da balo, e ch a revoi r cavalo lstro e polito come aoa.
E o staleo i torna ente a stala, e i diza a Maieta de repolie ben er cavalo der figio d o re. Ma Maieta la ghe fa :
Si, ar poli me, ma basta che r figio d o re me porta con l aa festa da balo.
O staleo i se d nte scciopon d aride, e i va da r figio d o re e per falo aride i gh o diza. E r figio d o re i ghe diza che per tta risposta i ghe daga na stafil.
Come de fati l antraven. E Maieta la pia la stafil e la sta sita. Ma quando l verso a mezanote, che tti i en adorm, cosa la fa ? la se vesta con a roba dai campanin doo, la sauta a cavalo a n cavalo, e via aa festa da balo. Er figio d o re quando i la veda coss bela e coss ben vest, che la paeva na figia de n re, sbito i se n en namoa e i comensa a faghe l ase. E le apena che la se n ascorza la serca de andassene. E r figio d o re i ghe diza che prima de lassalo la ghe diga armeno de che paese l.
E la ghe responda:
De Stafil ! e la scapa via come r vento, e la lassa l avil come n strasson.
A lindoman cheve che pe andae a n autra festa er figio d o re i ha de besogno der cavalo dato arecato, e o staleo i ordina torna a Maieta de strgiaghelo. E le la ghe diza :
S, ma con pati ch i me ghe porta anca me.
E o staleo i l arediza ar figio d o re, ch i ghe diza che per tta resposta i ghe daga en scciafo.
E coss lantraven. E Maieta sito. Ma cheve che verso a mezanote la se meta er vestido con o so, a lna e e stele, la remonta a cavalo a n cavalo, e via aa festa da balo. E er figio d o re quand i la reveda i se narennamoa torna come n mato, e i se gharetaca ai carcagni a faghe a corte. E le dopo n po la o salta e la ghe diza che la deve partie ; e l i ghe redomanda onde l che la va. E le la ghe responda :
A Scciafo ! e via come r vento, e la o lassa l muco e avil come na pessa leda.
A lindoman gh lrtima festa, e r figio d o re i se meta ente a testa de voree scrovie assoltamente che l sta zovena che la fa r fa tanto patie. Maieta la resseva lordine de dae torna arecato ar cavalo e la rediza ao staleo ch i faga r piazee de redie ar figio d o re se armeno per l rtima vota i la porta a r velion. Er figio d o re ch i aveva autro pea testa, i gh aresponda de mandala via de n ca sua adrita. E i parta pea festa.
E Maieta, ao solito, verso a mezanote la se vesta ben e la se meta a gonela coo cielo, cor mae e con i pescadoi ch i pesco da loo, la se gimbra ben con tti i oi e e gioie de s mae, la monta a cavalo a n autro cavalo, e via aa festa da balo.
E apena che la compaissa ente a sala, ao solito r figio d o re i se ghe meta d entorno a faghe mile galantaie e mile squsimi, ennamo come n gato ch i ne n p ci. E le aa solita oa la ghe fa tanti salti pe andassene, e quando l l che la monta a cavalo, r figio d o re i gh anfia n dido n bel aneo d oo con en diamante grosso coss. E le via come r vento.
Ma r figio d o re ch i aveva n za misso a s poste, i gh asbriva da dar n servitoe a cavalo per miae donde la va. E sto servitoe dai e dai e tapla dadar a sta fantela che la cora come r vento, ma i ne p mai aciapala. E camina camina camina, aa fin cheve chi gh squasi daa rente. E le la se vorta, e la r veda ; e aloa la se leva de n senta na borsa recam tta cena de monee d oo e la ghe la cacia. Aloa l i s aferma, e i china per coila, e le ntanto torna via, e la ghe spaissa davanti.
A ve lasso pensae com i aresta r figio d o re quando i ariva a ca sua e i senta che ne s poss aguantala ! I cianza e i se despea e i comensa a sentisse mao, a ne mangiae, a ne dormie, e a deventae magro come n ciodo. Tanto che n beo giorno i se meta n leto e scciao, dizendo che per l oamai l forn, che i veda ben ch i ne p ci dala n pesso, s i n areveda armeno anca na vota quela bela fante dee trei feste da balo. Ma s, vatela a sercae ! A regina, trista com a pod capie, la serca de consolalo per tti i versi, ma tant l come dae lincensso ai morti ! Sto poveo zove a poghetin per poghetin i se n va n cativa salte.
Ma cheve che na bela matin en mentre che n cosina i prepao na speta de brodo consm pe er figio d o re, cheve che capita Maieta, che la domanda ar chgo er permesso de faghela propio le coe s man, ch i vedean che r figio d o re i n reste contento. Come de fati Maieta la se meta d entorno aa spa, e nte daghe arecato, senssa fassene ascorze la bta drento aa zata l aneo che r figio d o re i gh avea dato a sea de lrtima festa da balo. E poi la scapa sbito ente a stala, e la se vesta ben con a roba coo cielo, cor mae e con i pescadoi ch i pesco da loo, e la se meta d entorno tte e gioie che gh aveva lass a s mam.
Quando r figio d o re i veda en fondo aa zata o s aneo, a ne ve digo gnente com i aresta ! I ciama sbito a regina e i v savee per forssa chi ch ha fato a spa. Serca de s, serca de l, finarmente compaissa davanti ar mooto Maieta tta lzente, e bela come na stela, e la diza ar figio d o re :
Eco chi ha fato a spa !
Er figio d o re, vdela, sentila e passaghe tto i n atimo. I se bta z dao leto, i ghe va ncontro, i se la baza e i se l abrassa, e i ghe diza se la v esse s mogee.
Le la ghe conta tta la s stoia de n sima enfina n fondo, e poi la ghe disa de s. E a l indoman con gran feste e con gran siali i fan o sposalissio.

E i fan en beo pranso grande e grosso,
E a me a sono soto aa ta e i me cacio n osso
Ch i m aresta z per er canoosso...
Toca n po ch com a gh ho grosso !

Dunque cera una volta un re, un re che aveva moglie e una figlia. Che volete, cos and, che un brutto giorno la moglie si ammal, si allett, e si ridusse in fin di vita. Prima di morire chiam suo marito il re e gli disse:
Guarda che ora muoio, e se mai unaltra donna sposare vorrai, che abbia con me in bocca un dente dor trovare la dovrai.
La regina mor, il re la seppell e poi cominci a cercare una donna col dente dor, come aveva promesso alla sua prima moglie in punto di morte. I suoi servitori per il mondo mand, che cercassero in lungo e in largo una donna col dente dor. E quelli andarono in tutti i paesi del mondo, guardando in tutte le bocche delle donne, e di qua e di l e per mare e per terra, ma alla fine gli tocc tornar dal re avviliti senza aver trovato nulla, perch non cera nessuna donna con un dente dor, tranne che, ma guarda un po, la figlia del re!
E il re obbediente alla prima moglie morente, la figlia sua chiam, questa faccenda le raccont, e alla fine disse:
Vedi che ora io ti sposer.
Poverina questa bambina ve lo lascio immaginare, disperata si rinserr in camera sua piangente, a torcersi le mani e a disperarsi da far piet. Non sapendo come fare la piccina si lev da letto la mattina presto presto e and sulla tomba a pregare, a chiamare la sua mamma, e piangendo diceva cos:

Cara mamm, cara mamm!
Bel testamento che mhai lasci!
La figlia deve sposar il pap!

Dal fondo della tomba una voce si sent:
Se con pap non ti vuoi sposare, allora digli che ti deve trovare una veste di campanin dor.
E la figlia and dal suo padre re, la richiesta gli present:
Io certo ti far, disse il re, una veste di campanin dor.
Venne la notte, il re era a letto e dormire non poteva, quando una voce gi per strada gridare sent:
Una veste tutta di campanin dor chi la vuole comprar?
Un uomo sembrava, ma era il diavolo quello l.
Il re non ci pens, invi per strada un servitor, e la veste si fece comprare di campanin dor, e tutto contento alla figlia la mand.
Ma la bambina poverina quando la vide si disper, e si mise a piangere e a lacrimare. Dalla mamma morta ritorn, e ancora la chiam, disse cos:
       
Cara mamm, cara mamm!
  Bel testamento che mhai lasci!
  La figlia deve sposar il pap!

Dal fondo della tomba la mamma parl:
Se con pap non ti vuoi sposare, allora digli che ti deve trovare una veste ancor pi bella, con il sole la luna e le stelle.
E la figlia and dal padre re, questa nuova richiesta port, e il padre re senza esitare le disse che la poteva accontentare.
Quella notte il diavolo torn, e sotto il palazzo reale grid:
Chi vuol comprare una veste preziosa, doro e dargento ricamata, col sole, la luna e le stelle lucenti?
Il re anche questa veste compr, e ancora alla figlia la mand. Ma la povera bambina disperata, tutta piangente, come una fontana, alla tomba ritornata la sua mamma supplic:
         
Cara mamm, cara mamm!
Bel testamento che mhai lasci!
La figlia deve sposar il pap!

E la mamma dal fondo della tomba parl:
Se il pap non vuoi sposare, cara figlia abbi pazienza, va da lui, e digli che tu sposarlo non potrai finch unaltra veste avrai, con il cielo, con il mare e con i pescatori a pescare.
E la povera figlia del re va dal padre a dirgli com, che sposarlo non potr se una veste non le trover con il cielo, con il mare e con i pescatori a pescare. Il re promette che gliela far, e la notte ripass il diavolo sbraitando sotto il palazzo del re: 
Chi vuole una veste col cielo, col mare e con i pescatori a pescare?
Il solito servitore di corsa and a comprare questa veste col cielo, col mare e con i pescatori a pescare. E il re il giorno seguente alla figlia la regal sperando ormai di farla contenta. Ma come al solito la figlia del re decidersi non pot, al camposanto torn a pregare, la sua mamma a supplicare:
Mamma cara, sposare mi toccher il re che mio pap?
E la madre dalla tomba profonda parl:
A tuo padre chiederai una veste di legno legnoso, con un cassetto meraviglioso. Appena lo riceverai svelta svelta lo indosserai e poi parti, e vai e vai, via dal palazzo del tuo pap, per il mondo vasto andrai e un gran bene troverai.
La poverina ora contenta torn dal padre, gli disse che voleva un abito di legno legnoso con un cassetto meraviglioso. Il padre promise:
Te lo dar.
E di notte il diavolo torn a gridare per via sotto il palazzo del re:
Chi vuole una veste di legno legnoso con un cassetto meraviglioso? Chi vuole una veste di legno legnoso con un cassetto meraviglioso?
Per ordine del re il servitore torn a comprare quella veste di legno legnoso con il cassetto miracoloso, e il re felice la figlia chiam:
Padre mio caro disse sua figlia ora son pronta, ti sposer.
Il re felice cominci a chiamare cuochi e serventi per organizzare una gran festa. Ma la figliola in segreto fugg, tutta coperta di legno legnoso, e nel cassetto meraviglioso portava con s i vestiti belli e della madre tutti i gioielli.
Senza fermarsi la va e la va, per boschi e valli: dove sar? Anche impaurita, la principessa, non si fermava, andava e andava nel buio fitto finch non vide un lumicino brillare lontano. Affrett il passo, e dopo un po, un  gran palazzo reale trov. La luce era davanti a una stalla e lo stalliere strigliava un cavallo.
Giovane, dice, per questa notte, posso dormire qua sulla paglia? posso dormire in questa stalla?
Al re domander, rispose lo stalliere, ma il tuo nome non lo so.
Maieta Legnosa lei gli rispose.
Lo stalliere sal dal re e gli chiese per carit di ospitare nella stalla la pellegrina di legno vestita. C'era anche il figlio del re, che il padre suo preg, e il re disse di s. Maieta Legnosa tutta contenta, lo stalliere ringrazi. Poi laiut a pulire i cavalli, e fece bello proprio quello del figlio del re: quando lo vide il giorno seguente questo principe pens che il suo cavallo mai era stato tanto lucente, pulito e bello. Allora disse allo stalliere:
Vado stanotte alla festa da ballo, e cos voglio il mio cavallo.
Lo stalliere torn nella stalla, disse a Maieta:
- Pulisci il cavallo.
Ma Maieta gli rispose:
Il cavallo pulir, se il figlio del re mi porta con s.
Lo stalliere a ridere scoppi, and dal figlio del re e per farlo ridere glielo raccont. E il figlio del re ordin allo stalliere di dare a Maieta una staffilata per riposta.
Lo stalliere tir la staffilata, Maieta Legnosa la prese e rest silenziosa. Ma a mezzanotte, quando tutto taceva, dal cassetto meraviglioso del suo abito legnoso prese la veste di campanin dor, mont a cavallo di un cavallo, e via di corsa alla festa da ballo. Il figlio del re, appena la vide tanto bella, pens che fosse una figlia di re, come un pazzo se ne innamor, la voleva corteggiare. Quando Maieta lo scopr, gli disse che voleva lasciar subito la festa, e il figlio del re la preg prima di lasciarlo di dirle almeno quale fosse il suo paese.
E lei rispose:
Da Staffilata! e via fugg lieve come il vento, lasciandolo abbattuto come un cencio.
Il giorno dopo per la seconda festa da ballo il figlio del re voleva il cavallo ancora tutto pulito e splendente. Lo stalliere disse a Maieta Legnosa che stava a lei preparare il cavallo, e lei rispose:
Preparo il cavallo per la festa da ballo, se il figlio del re mi ci porta con s.
Lo stalliere al figlio del re questa risposta rifer, e il principe ordin allo stalliere di dare uno schiaffo a Maieta Legnosa.
Cos fu fatto e Maieta Legnosa se lo prese silenziosa. Ma ecco che a mezzanotte lei prese dal cassetto meraviglioso la veste col sole la luna e le stelle, mont splendente a cavallo di un cavallo e via al galoppo alla festa da ballo. E il figlio del re riconobbe la bella, la stessa fanciulla del primo ballo, e sempre pi innamorato non la lasciava un solo istante, voleva sapere come si chiamava, dove abitava. Ma lei dopo un po di tempo lo salut e svelta svelta se ne and, mentre lui la supplicava di dirgli almeno il paese.
Schiaffo! grid lei montando a cavallo.
Corse via svelta come il vento, mentre lui restava avvilito, ammutolito e immusonito.
E venne il giorno dell'ultima festa, e il figlio del re era deciso a scoprire chi fosse mai la bella che amava, la fuggitiva che non conosceva. Maieta la Legnosa, quando arriv lo stalliere e gli disse di pulire, di lustrare ancora il cavallo, gli disse di pregare il figlio del re che almeno una volta la portasse con s. Il figlio del re non ne volle sapere, and in collera e disse allo stalliere che scacciasse Maieta Legnosa, non voleva pi vederla, era troppo impertinente. Poi a cavallo, corse al ballo.
Maieta attese la mezzanotte per indossare la terza veste, con tutto il cielo e il mare e i pescatori a pescare, con le gioie della mamma si orn, mont a cavallo su un cavallo e via di corsa alla festa da ballo.
E appena apparve nella sala, il figlio del re le si mise accanto, con mille moine le stava sempre addosso, come un gatto innamorato a pi non posso. E lei al solito gli fa tanti saluti, e quando l che monta a cavallo, il figlio del re le infila al dito un anello, tutto doro con un gran diamante. E lei scapp correndo come il vento.
Il figlio del re non poteva sopportare di lasciarla andare senza scoprire dove cercarla e un servitore a cavallo mand, che la inseguisse per scoprire dov'era diretta. E il servitore dai e dai e vai e vai dietro alla fanciulla che va come il vento, e lui dietro e vai e corri e corri e vai quasi la tocca, tanto vicino, ma lei si volta e lo vede, e allora una borsa di monete d'oro tira fuori e gliela lancia. L'oro abbaglia il servitore che si ferma, si china e la raccoglierla, e lei intanto lei corre via, e sparisce in un battibaleno.
Quando il servitore ritorn e disse al figlio del re che aveva perso la bella, e perch, il principe come si disper! Piangeva e piangeva e non si consolava, e di l a poco si sent male, non mangiava, non dormiva, dimagriva, e alla fine si mise a letto. Disse che per lui era ormai finita, se non poteva pi rivedere la sua amata, la bella misteriosa delle tre feste da ballo. Ma nessuno poteva immaginare dove mai andarla a cercare!
La regina madre, triste da non si dire, cercava di consolarlo, gli diceva che gli avrebbe concesso tutto quello che voleva, ma era inutile. Il povero figlio del re era malato senza speranza, non lasciava pi la sua stanza, e i medici che lavevan visitato disperavano che si sarebbe rialzato.
Ma ecco che una bella mattina mentre preparavano in cucina una zuppetta col brodo consomm per il figlio del re, ecco che capita Maieta, e domanda al cuoco se pu prepararla con le sue mani, e dice che lei sa come far contento il figlio del re. E cos Maieta si mette intorno alla stufa, e senza farsene accorgere butta dentro alla zuppetta lanello che il figlio del re le aveva dato durante lultima festa da ballo. Poi scappa subito dentro alla stalla, si lava e indossa la sua veste col cielo, col mare e con i pescatori a pescare, e per finire si mette i gioielli della sua mamma, tanto belli.
Quando il figlio del re vide il suo anello in fondo alla tazza del consomm, non vi dico come rest! Chiama subito la regina e ordina che si informi: chi ha fatto quella zuppetta? Cerca di qua, domanda di l, alla fine si presenta al principe malato Maieta bella come una stella, e gli dice:
Ecco chi ha fatto la zuppa consomm!
Appena il figlio del re la vide e la sent, i mali lo lasciarono, dal letto si alz, le and incontro e la baci, e abbracciandola teneramente le chiese se lo voleva sposare.
Lei allora gli raccont tutta la storia da cima in fondo, e poi gli disse di s. E lindomani con grandi feste e si celebrarono le nozze.

E fecero un bel pranzo grande e grosso
E mentre ero sotto alla tavola mi buttarono un osso
Che mi rimase gi per il gargarozzo:
Tocca un po qui come ce lho grosso!


___________________________________________
TESTO

Ubaldo Mazzini, Saggio di folklore spezzino; Archivio per la etnografia e la psicologia della Lunigiana, diretto da G. Sittoni e G. Podenzana, La Spezia, 1911; pp. 6974.

___________________________________________
TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2010.

___________________________________________

IMMAGINE Arthur Rackham, The Fairy Tales of the Brothers Grimm; London: Constable and Company Ltd. 1909; consultato il 27 ottobre 2011.
Fonte: http://creativejournal.ru/cinderella-istoriya-zolushki-chast-i; consultato il 27 ottobre 2011.
___________________________________________
NOTE


Mia che me a mo ; e se te te vore sposae n autra dona, mia de no sposae fintanto che te ne n trevi na  ch agia en dente doo.

Il re padre vuole sposare sua figlia. La madre, morendo, ha fatto promettere al marito di sposare solo la donna come lei. In questa fiaba ligure la futura sposa dovr avere come lei un dente d'oro, altrove addirittura si toglie il dente d'oro e lo d di nascosto alla figlia, facendosi poi promettere dal marito che non sposer altra donna che quella con un dente d'oro. In molte versioni la regina morendo fa promettere al re di sposarsi sono con una donna bella come o pi di lei, alla quale, come in Perrault, andr bene il suo anello, ecc.

Maieta Legnosa

Maieta come le sue sorelle del tema Pelle d'asino e come Cenerentola vuole essere riconosciuta dal principe nella sua natura che comprende il legame con la madre elaborato nel lutto, durante il servizio alla sua corte nascosta dalla veste di legno. La veste di legno ricorda il lutto perch rimanda alla bara, e perch il legno materia viva della natura. Legno in spagnolo si dice madera.

Io certo ti far, disse il re, una veste di campanin dor.

Il re padre donando gli abiti meravigliosi intende possedere la figlia, ma allo stesso tempo la dota di quel che le servir a sedurre il suo futuro sposo nella reggia lontana. Compare qui il diavolo, presente in quasi tutte le leggende d'incesto medievali e rinascimentali, che spinge a peccare.

E a voze dea mae la se fa ressentie de n fondo aa tomba e la diza

L'aiutante materno qui la madre morta, alla quale chiede aiuto Maieta, e che le d le stesse indicazioni delle nutrici, delle venditrici di belletti e delle fate madrine di altre versioni di Pelle d'asino.

I ciama sbito a regina e i v savee per forssa chi ch ha fato a spa.

Il motivo della regina madre che aiuta il principe a scoprire  chi ha preparato la zuppa consomm, qui appena accennato, analogo a quello che appare, pi marcato, in Maria De Legna e Maria Intavolata.

















Adalinda Gasparini
Posted 10 April 2005
Last updated: 26 September 2018