HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE


C'era 'na vorta un re che cciaveva tre fiji; e siccome voleveno pijà' mmoje tutt'e ttre, nun sapeva propio chi ddaje. Quant' un giorno e' re li chiamò e je disse : _
— A vvojantri ; èccheve 'ste tre ppalle d'oro: annate in cima ar monte e ttiratele ggiù ; indove 'ste tre palle se poseranno, lli scejerete quella che v'averete da pijà' ppe' spòsa.
Infatti li fiji de' re vvanno sur monte, e, ccome er padre j' aveva commannato, buttorno ggiù ognuno una de quele palle.
Quant'ecchete che la palla der più ggranne entrò drento la bbottega de'na fornara, quella der mezzano annò drent'a la bbottega de 'na macellara, e quella der più ppiccolo, che sse chiamava Nicolino, j'agnede drent'a un fosso.
Li fratelli ppiù ggranni agnédeno subbito in queli siti indove ereno annate le palle, e ddisseno a le regazze che cc'ereno, che lloro se le sarebbeno sposate. Fatto questo, incominciorno a mminchionà' er fratello ppiù cciuco, dicènnoje che sse fusse annato a ttrova la moje drent'ar fosso.
E Nnicolino infatti se n'agnede giù ar fosso e incominciò a ddì': — Chi cchiamo, che qui nun c'è gnisuno? Mo' cchiamo 'na ranocchia e bbôna notte.
Infatti incominciò a cchiamà' :
— Rana, rana !
Quant'ecchete che ddar fonno der fosso se senti' arisponne :
— Chi è cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama.
— M'amerai quanno bbella me vederai.
— Che vvôi da me ? — je domannò la ranocchia ?
E llui allora je disse ch'er padre volenno ammojà' li tre fiji, j'aveva dato 'na palla peròmo e cche la sua era ita a ccascà' drent'a quer fosso.
— Dunque — dice — te so' vvienuto a ddì' cche ttu sei la mi' spòsa.
E llei j'arispose, dice :
— Va bbene ; quanno me vôi, viemme a pijà'.
Lui dice :
— Sì.
E sse n'agnede a ccasa dar padre.
Er padre quanno seppe che ttutt'e ttre ss'ereno scerti la moje, disse :
— Va bbene. Mo' pperò vederemo chi de 'ste tre ssarà la riggina.
E ppe' pprovà' quale de le tre ssarebbe stata scérta, diede a li fiji 'na bbracciata de lino, e je disse che l'avéssino portato a le moje loro e cche quella de le moje eh' avesse fatto e' rèfe ppiù ffino, quella sarebbe stata la riggina.
Allora quelli préseno ognuno la parte sua: li ppiù ggranni lo portorno da le regazze loro, e je s'ariccommannorno che cciavesseno fatto e' refe ppiù ffino che ssii possibile, perchè cchi lo faceva ppiù ffino, je dìsseno, sarebbe stata la riggina ; quello ppiù cciuco se prese er su' fagotto de lino, se n'agnede ar fosso, e cchiamò :
— Rana, rana.
— Chi è cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama.
— M'amerai quanno bbella me vederai.
— Che vvôi da me ? — je fece la ranocchia.
E lui :
— Te so' vvienuto a pportà' ccerto lino da fila'. Io te lo lasso. Però abbada de fa' è' refe ppiù ffino che ssii possibile ; perchè ha ddetto mi' padre che cquella che lo farà mmejo, sarà ffatta riggina.
La ranocchia se prese e' llino, e Nicolino tutto malinconico se n'arignéde a ccasa.
Passati otto giorni, er padre chiamò li fiji, e je disse che fússeno iti a pijà' e' refe che aveva da esse' fatto. Li fiji vanno ognuno da la su' regazza, e pijeno e' refe ; Nicolino va ar fosso e cchiama :
— Rana, rana !
— Chi è cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama,
— M'amerai quanno bbella me vederai.
— Che vôi ? — je fece la ranocchia ?
E llui :
— Hai finito da fila' que' llino ?
Dice :
— Sì : bbùtteme ggiù un canestro che tte lo manno su.
Nicolino mannò ggiù er canestro, prese e' refe, e se n'annò ddar padre.
Er padre incomincia a vvardà' tutti e ttre li gnómmeri de refe, e ddice ;
— Quello de la fornara è bbello, quello de la macellara è mmejo, ma cquello de la ranocchia è er più bbello de tutti. Dunque la ranocchia sarà la riggina.
Li fratelli j'incominciorno a ddi':
— Ma Ppapà, che vve dite? Com'è ppossibile che 'na ranocchia sii la riggina ?
Allora er padre disse :
— Nun famo ppiù cchiacchiere : a vojantri, ripijàteve ognuno e' refe vostro, ariportatelo a le vostre regazze, fàtejelo tesse, e cquella che ffarà la mejo tela sarà la riggina.
E ccome vorse er padre, accusi ffu ffatto. Nicolino, com' er solito, agnede ar fosso e ddisse:
— Rana, Rana.
Chi è cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama.
— M'amerai quanno bbella me vederai.
E je dette e' refe, dicennoje che cciavesse fatto la tela; che llui da lli a otto giorni la sarebbe ita a ripija. Pàsseno l'otto giorni; e tutti e ttre li fiji de' re vvann'a ripija la tela, e la riporteno ar padre.
Er padre l'incominciò a vvardà' e ffaceva, dice:
— Nun c'è cche ddi', la tela de la fornara è bbella, quella de la macellara è mmejo, ma quella de la ranocchia è bbella assai. Dunque la ranocchia sarà la riggina.
Ma li fratelli de Nicolino incominciorno a ddì':
— Ma Ppapà, che vve fate ; le regazze nostre so' ttante bbelle, e vvoi volete fa' riggina 'na ranocchia.
Allora e' re disse :
— Pe' contentavve ve farò fa' ll'urtima prova. Eccheve tre bbelli cagnoletti da latte, portateli ognuno a le vostre regazze, e dditeje che fra un mese l'annerete a ripija' : quella che l'averà allevato mejo sarà la riggina.
Li fratelli ppiù ggranni portorno li cagnoletti a le regazze de loro, e Nicolino se n'agnede a portallo ggiu ar fosso. Dice:
— Rana, rana !
— Chi è cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama.
— M'amerai quanno bbella me vederai.
E je diede er cagnoletto, e je disse che l'allevasse bbene, che llui fra un mese, se lo sarebbe ariito a ripija.
Ecchete che ppassato che fu er mese, li tre fìji vanno ognuno a ripija li tre ccani, e li porteno davanti a' re. Er padre li guarda bbene bbene e incomincia a ffa' :
— Questo de la fornara è un gran ber cane da caccia ! Ma nnoi de cani da caccia ce n' avemo tanti bbelli, che questo cqui è un de ppiù.
Poi guardò er cane de la macellara e ffece:
— Questo pure è un gran ber cane da guardia ma nun fa ppe' ccasa nostra, perchè nnoi ciavemo tanti servitori e ssordati pe' ffacce la guardia, che a mmettecce un cane sarebbe propio inutile.
E quanno vidde er cane de ranocchia, fece :
— Oh, questo si ch'è ggrazioso !
Infatti era un cagnolino tutto lindo e ppindo, ciuco, ciuco, che ppareva 'na galanteria. Er padre fece :
— Ecco un cane che ffa ppe' ccasa nostra. E ssiccome è er mejo de tutti e ttre, chi l'ha allevato sarà ffatta riggina.
Li fìji ppiù granili incominciorno a llagnasse com'er solito ; ma e' re, senza stalli nemmanco a ssenti', je fece :
— Adesso annate ognuno a ppijavve la vostra spósa, e ddoppo armerete a sposa'.
Li fratelli ppiù ggranni agnédeno a pijà' le spóse loro senza stacce tanto a ppensà', perché ereno du' bbelle giuvinotte. Ma quer povero Nicolino, poveretto, se disperava. Prese, montò in legno e agnede ggiù ar fosso.
Dice : — Rana, rana.
— Chi e cche mme chiama ?
— Nicolin che ppoco t'ama.
— M'amerai quanno bbella me vederai.
Lui je fece :
— Sbrighete, monta in legno; che oggi bbisogna ch'annamo a sposa'.
E ranocchia fece :
— Eccheme.
E ccor un sarto zompò drento a' llegno.
Li servitori quanno la viddeno, figurateve le risate che sse féceno, sotto cappotto ! E intanto Nicolino smagnava; e tutt' arincantucciato drent'a llegno, piagneva piagneva. Arivati che furno a ppalazzo, la ranocchia fa un zompo, e ssale li scalini ; la ggente tutti a ride'; e Nicolino appresso tutt'addolorato,
Quanno che llei fu arivata in de le cammere, senza volè' nemmanco una cammeriera che la vestisse, s'arinchiuse drento e ddisse ;
— Ce penso da me.
Intanto ereno venuti tutti l'invitati, e li fratelli più ggranni, co' le du' spose vestite de gala, che ereno du' gran bellezze, l'annàveno facenno conosce a ttutti quanti li signori. Antro che quer povero Nicolino nun ciaveva faccia a ccomparì', e sse ne stava tutt'affritto a ssede' da 'na parte de la sala, senza mmanco fa' un fiato. Ma quanno fu ll'ora che sse doveva annà' a sposa', e' re ffece a Nnicolino :
— Nicolino, è inutile che cce stai a ppensà' ttanto; sbrighete a ppijà' la spósa, e annamo in chiesa.
Allora Nicolino se fece coraggio, e annò ddrento a la cammera a pijà' ranocchia; ma ccerca, cerca, ranocchia min se trovava ppiù. Entra pe' ccaso in un'antra cammera, e tte trova 'na bbella pacioccona tutta, vestita da riggina che stava a ssede' a aspetta'.
Eh ! Nicolino arestò dde sale ! La salutò e je fece :
— Scusate si sso' entrato ; ma siccome annavo cercanno la spósa mia che l'avevo lassata cqui...
— Chi annavio cercanno ranocchia ? — je fece quella.
E llui je fece a nìmezza bbocca, dice :
— Si.
— Bbè', ranocchia so' io — je fece lei.
Figurateve Nicolino ! Dice :
— Come ? voi ! Questa nu' rame la bbevo pe' ddavero.
Allora quella je fece :
— Sì : sso' ppropio io. Avete da sape' che io ciavevo 'n'affatatura ; e rimanevo ranocchia sin'a ttanto che nun avessi trovato un giuvinotto che, ssenza sape' ch'ero bbella, m'avessi sposato.
Nicolino, contento com'un matto, la prese sotto ar braccio, la portò in de la sala andove stàveno l'antre spóse, e ffece a ttutti l'invitati :
— Signori mii, ve presento la spósa mia.
E arimaseno tutti come ttanti merlotti. Allora er padre vorse sape' ccome stava la faccenna, e quanno ebbe saputo tutto quanto, je fece:
— Sete propio degna d'esse la riggina, perchè ggià ssete la riggina de le bbelle.
Furno fatte le nozze. Accusì :

Co' ppani e ttozzi,
'Na gallina verminósa,
Evviva la spòsa ! -

                                                                                                                                                                                                                          

— Sbrighete, monta in legno; che oggi bbisogna ch'annamo a sposa'.
E ranocchia fece : — Eccheme.







___________________________________________
TESTO

Novelle, favole e leggende romanesche. Raccolte da Giggi Zanazzo. Tradizioni pololari romane.Volume primo. Torino-Roma, Società Tipografico-Editrice Nazionale, già Roux de Vjarengo, 1907; pp. 163-171.
http://www.archive.org/stream/novellefavoleele00zanauoft#page/n3/mode/2up; accessed 20 settembre 2011.
___________________________________________
IMMAGINE Immagine tratta da https://eventhorizonmagazinecom.files.wordpress.com/2017/06/event-horizon-prototype.pdf; ultimo accesso 30/09/2018. Rielaborata da A.G.,


___________________________________________
NOTE


Mo' cchiamo 'na ranocchia Per comprendere la fiaba della principessa ranocchia, che ha la sua versione al maschile, altrettanto bella, si può pensare alla difesa per idealizzazione: accettare come sposa una ranocchia, o un ranocchio come sposo, significa tollerare la caduta dell'idealizzazione. Solo in questo modo è possibile che la bruttezza che l'idealizzazione copriva riveli una ricchezza sepolta e fino a quel punto inaccessibile. La fiaba non descrive la realtà, è una mappa che consente di proteggere i propri desideri, l'eros che per ogni soggetto è il carburante dell'essere. In questo caso ricorda di non arretrare inorriditi di fronte alla bruttezza, e per bruttezza andrà considerato quel che disgusta e respinge, non quel che comunemente è considerato brutto. Una versione affascinante dell'incontro fra bruttezza femminile e bellezza maschile è nella storia di Madama Ranocchia e del cavalier Galvano, raccontata da Heinrich Zimmer ([1957] Il re e il cadavere. Storie della vittoria dell'anima sul male; Milano: Adelphi 1993). A proposito della bruttezza e della bellezza, vedi anche, di chi scrive, La luna nella cenere.

Peròmo Peròmo : per ciascuno. Dicesi sempre così, o che si parli di persone o di cose, e in qualunque genere. (Nota dell'Autore)


Ssii Sia e sii, sono una medesima voce. Sia per solito lo dicono alla fine del periodo, e sii quando è intercalato in esso. (Nota dell'Autore)

Galanteria Galanteria: per l'uso di questa parola vedi anche Re porco, quando escono galanterie dalla mandorla, dalla noce, e dalla nocciola. Si chiamavano galanterie gli oggetti della Wunderkammer (Camera delle meraviglie) nella quale si raccoglievano oggetti preziosi e stupefacenti dal secolo XVI al XVIII.
___________________________________________
Fabulando. Carta fiabesca della successione
Vedi anche Rana rana in formato e-book e altre note sulla fiaba.












 © Adalinda Gasparini
Online dal 10 febbraio 2011
Ultima modifica 30 settembre 2018