ADALINDA GASPARINI                PSICOANALISI E FAVOLE



IL FIGLIUOL PRODIGO IN QUATTRO VERSIONI FRIULANE


PARABOLA
 DEL FIGLIOL PRODIGO

PARABOLA
DEL FIO PRODIGO
PARABOLA
DEL FIUL PRODIGH
PARABULA
DEL FI PRODIGH
PARABULA
DEL FI PRODIGH

Vangelo secondo Luca
Versione triestina
s.d.
Versione muglisana
1840 c.a.
Versione tergestina
1841
Versione Concordiese
di Lestans (Sequals) PD s.d.
11
Disse ancora: źUn uomo aveva due figli.
Un omo el ga avu' do fioi.
Un om cha doi fiuoi.
Un ˛mis l'hau b¨ d˛ fi˛i.
Un om al veva doi fis.
12
Il pi¨ giovane dei due disse al padre: źPadre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta╗. Ed egli divise tra loro le sue sostanze.
El pi¨ giovine de lori ga dito un giorno a su pare: źCaro pare vojo che me dŔ la parte de ereditÓ che me toca, e cussi' el pare ga sparti' la parte dei fioi in do'╗.
Il plui picciul dis: Pare, vegni in za, vuoi la mia part de chiampi e de chiasi, e lui dis te darai quel che te vien
El fi pl¨i z˛uem um di el ghÓu dit a s˛u pare: missi˛r pare u˛i che me dŔi la mŔja part de l'ereditÓ che me uŔm: e s˛u pare hÓu sparti la roba in d˛i, e 'l ghÓu dÓ la s˛ua part che ghe tocheua.
Il pi zovin al dţs al pari: Pari dami la part dal patrimoni ca mi speta. Il pari al divţt tra di I˘r la roba.
13
Pochi giorni dopo, il figlio pi¨ giovane, raccolte tutte le sue cose, partý per un paese lontano e lÓ sperper˛ il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto.
Pochi giorni dopo el fio pi¨ giovine ga ingrumÓ la sua roba e el xŔ andÓ via in un paese assai lontan, dove che l 'se ga magnÓ tuto el suo con le donazze.
Dopo de puoi di a la ingrumÓ la roba, e a xe zu via, no se sa dola, e lÓ a la magna tutt'el so per no aver gi¨dizi.
Chel fi plui zouem, dop˛ poch dý l'hau ingrumÓda la s˛ua roba, e 'l xe z¨ uia int¨m pajŔs lontÓm, lontÓm, e inl˛ l'hau magna dut el s˛u colis femenis chiatiuis. Dopo p˘s dţs il fi pi zovin, cjapadas su la s˘s robas, al partis par un paţs lontan e lý al Ó strassat dut chel c'al veva, vivint da barabba.
14
Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominci˛ a trovarsi nel bisogno.
Dopo che l 'ga consumÓ tuto, xe capitada una grandissima carestia in quel paese: alora lu el ga cominciÓ ad acorzerse che nol gaveva pi¨ gnente, e gnanca un bocon de pan de meter in boca.
Quant'che e la consuma tutt'el so; xe vegn¨ la chiarestia grand in quel louc, e non aveva gnent de magnar.
Dop˛ che l'hau consumÓ dut el so¨ (sic) malamÚnt xe uign¨da in chel pajŔs una granda caristia, e lu che 'l jera deuentÓ um pouer stracom, i. 
Quanc'al veva spindut, in chel paţs a Ŕ capitada una granda miseria e lui al si Ŕ cjatÔt prest sensa nuia.
15
Allora and˛ a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mand˛ nei suoi campi a pascolare i porci.
Pensando al mal che 'l ga fato, el se ga deciso de andar de un benestante perchÚ lo ciolessi al suo servizio, e quel sior lo ga mandÓ nela sua vila a pascolar i porchi.
E dopo la miseria la fat zier a servir da un siour de quel louc; e per so chiastik a la mett¨ a pascular i curin.
el xe z¨ da um si˛r, aci˛ che'l ghe dÓis nÓlch de fa per bruscÓsse um toch de pam; chel si˛r l'hau b¨ compassiom, e l'hau manda int˛la s˛ua mandria a pascola i tempora. Alora al Ŕ sűt sor paron che lu a mandat a pass˛n cui pursis.
16
Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla.
 Lu el jera fini ' in tanta miseria che 'l desiderava de impignirse la panza cole ghiande che magnava i porchi e no jera nissun che ghe ne dassi.
E lÓ a bremava de implirse la panza de quella glanda che magneva i curin: e nissun no ghe dava nient.
La fÓm che lo tormenteua ghe fiŔua brama de impignisse la panza de chŔlis jÓndis che magnŔuem i temporai, e niss¨m ghe ne deva. Al varŔs mangjÔt encja las carobulas dai pursis, ma nissun a i las deva.
17
Allora ritorn˛ in sÚ e disse: źQuanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame!
Alora el ga cominciÓ fra de lu a dir: źQuanti servi in casa de mio pare i ga del pan che ghe vanza, e mi qua in 'sto paese miserabile moro de fame!
A sa revist del mal che al ha fat, e a la dit tra de lui, pensanti che a chiasa sova i famei ghe magnava in abondanzia, e che lui crepava dalla fam.
In chela uolta l'hau scomencÓ pensaghe su; e l'hau dýt: quanti famŔi in chiÓsa de mio pare che gham del pam plui del s˛u bis˛gn, e mi chil˛ me muar de fam!
Alora al Ó rifletűt: Duciu chei ch'a lavorin in cjasa cun gno pari e an pan avonda e io invessi a patýs la fan.
18
Mi alzer˛, andr˛ da mio padre e gli dir˛: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te;
Vojo partir de qua, vojo andar da mio pare e ghe dir˛: pare mio go pecÓ contro el ciel e contro de vu ',
Allora a sa da curajo e a la dit tra de lui: vuoi turnar da mio Pare a chiasa sova, e quant che sarai lÓ dirai: Pare, hai fallÓ cui Iddio e anca contra de vous.
Mi uŔi zý uia de ca, e zierÓi da mei pare, e ghe dirai: Missi˛r pare hai pecÓ contra el Si˛r Idio, e contra de u˛i: Mi jevarai e i sarai da gno pari e i disarai: Pari io i ai pecjÔt cun-tra Diu e cunrta di te, 
19
non sono pi¨ degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati╗.
e per questo mi no son pi¨ degno de esser ciamÓ vostro fio, ve prego de tegnirme almeno come un dei vostri servi╗.
No mert de gesser nanca clama vuestro fiul: chiuleme almanc, e dieme da magnar come ai famei.
mi no soi plui degn d'Ŕsse uestro fi, uŔ prŔi de mŔteme a serui coi uestri famŔi.
no pos pi clamamý ci˛ fi. Tratimi come un dai ciei gars˘ns.
20
Si alz˛ e torn˛ da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gett˛ al collo e lo baci˛
E difati el xe subito parti ' de lÓ, el xe andÓ de su pare. Quando ch ' el jera ancora lontan,su pare lo ga conossu ', e avendoghe fato compassion, el ghe xe andÓ incontro , el se ga butÓ al colo, el ghe ga da tanti basi.
A sa chi˛lt su e a xe andÓ de so Pare. E luntan strada so Pare la vist che a ziva da lui; e vedientolo, a sa mot a compassion, e a xe zu contra de lui, e cu a xe sta erient a la chiapÓ a brazzacuol, e a la scuminsÓ a bazarlo.
In chŔla u˛lta el se ghau leva su, e 'l xe z¨ adritura da sou pare: quand che l'jera aim˛ lontÓm, e che sou pare l'hau uid¨, el se ghau moss¨ a misericordia e prest el ghe xe z¨ incontra, e 'l se gha butÓ sul col, e l'hÓu bussa.
Al partis e al si invia da si˘ pari. Il pari a lu ti viodűt da lontan e ingropÔt al i je lÔt incuntri e lu Ó bussÔt,
21
Il figlio gli disse: źPadre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono pi¨ degno di essere chiamato tuo figlio╗.
E su fio ghe ga dito: źPare mio go pecÓ contro el ciel e contro de vu ' , mi no son pi¨ degno de esser ciamÓ vostro fio╗.
Allora st˛ mamo spluntý del pentiment gha dit: Pare, hai fallÓ cui Iddio e con vous, no mert de gesser nanca clama vostro fýul.
In chela u˛lta ghÓu dýt chel sou fi: missi˛r pare hai pecÓ contra el Sior Idio, e contra de u˛i, mi no soi plui degn che me chiamŔi uestro fi:

22
Ma il padre disse ai servi: źPresto, portate qui il vestito pi¨ bello e fateglielo indossare, mettetegli l'anello al dito e i sandali ai piedi.
Alora su pare ga dito ai sui servi: źPresto portŔ qua el pi¨ bel vestito, vestilo e meteghe anche l 'anel al dedo e le scarpe ai pie,
El Pare allora inves dÚ rimpruverarlo a la manda chior el viestiment plui biel che a gaveýiva, Ŕ a ga dit meteghe in dei un aniel, e in pei le schiarpi.
e s˛u pare ghÓu dit ai soui famŔi: portei ca prest el plui biel abit, uestilo, e meteghe in tola soua mam l'Ónul, e lis schiÓrpis in t˛i s˛ui pei,
dopo al dţs ai servidors: Prest, puartait uchý il vistit pi biel e vistilu, i metţs l'anel taI dŕt e i sandui tai peis.

23
Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa,
e portŔ qua un vedel grasso, e mazzelo, perchŔ volemo magnar, e star alegramente;
E zie in stalla, e chiodÚ el pli¨ biel vidiel, e mazzolo che vuoi che magnemo, e stiemo allegramente.
menei cÓ um uedŔl grass, e copŔlo che lo magnarŔm, e farŔm alegrýa,
Copait il vigjel pi gras e fasin fiesta 
24
perchÚ questo mio figlio era morto ed Ŕ tornato in vita, era perduto ed Ŕ stato ritrovato╗. E cominciarono a far festa.
mentre sto fio che 'l jera morto el xe tornÓ vivo, el jera perso, el xe sta trovÓ╗. Dopo i se ga messo a magnar alegramente.
PerchÚ de lui credeva che a fous mourt, e inves a xe viu, e gera perd¨ e lo von chiatÓ; e ades i ha principiÓ magnar.
percŔ chest mei fi el jera muart e l'hau torna uiu, el se jera piard¨, e l'hauŔm trouÓ; e dop˛ i xem zudi a magnÓ alegramŔnt.
parcŔ che gno fi, c'al era muart, al Ŕ tornÔt a vivi, al era pierdűt e al Ŕ tornÔt a cjatÓ. E an tacÔt a fÔ fiesta.
25
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udý la musica e le danze;
Su fradel pi¨ grande el jera in campagna, quando che el xe tornÓ e che el se avicinava ala casa, sentindo i soni e i canti che i fazzeva in casa,
Ma el frade plui vecchio che gera a foura in chiamp, che a ziva a chiasa, cu a gera azzient, a la sint¨ sugnar, e chiantar.
El fi plui uŔch el jera int˛la mandria. Quand' che l'hau tornÓ, e che jera rent la chiasa l'hau sentý che soneuem, e chianteuem alegramŔnt,
Il fi pi veciu al era tai cjamps. Tornant a cjasa, al Ó sintut la musica e il baI;
26
chiam˛ uno dei servi e gli domand˛ che cosa fosse tutto questo.
el ga ciamÓ un dei servitori e el ghe ga domandÓ cossa che jera quela roba,
A la clama un dei suoi om, e a ga dumandÓ cose xe in chiasa. l'hau chiamÓ um famei e Ĺl ghau domandÓ percŔ che feuem tanta alegrýa;
al Ó clamÔt un fa-mei e ai Ó domandÔt se c'al era sussedűt. 
27
Quello gli rispose: źTuo fratello Ŕ qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perchÚ lo ha riavuto sano e salvo╗.
e lu ga risposto: źXe tornÓ vostro fradel, e vostro pare el ga fato mazzar un bel vedel grasso, perchÚ el ga visto su fio che xe tornÓ san e salvo╗.
El om ga respond¨, xe vign¨ vuestro frade, e vuestro Pare ha fat cupar el plui biel vediel che gera in stala, perchÚ el xe turnÓ san a chiasa.
e chel famei ghau dit: xe uign¨ [forma corretta da altra] uestro fradel, e uestro si˛r pare l'hau fat copÓ um uedel grass, perce che l'hau torna sam e salf.
Il famei ai Ó rispundűt: al Ŕ tornat cjo fradi e cjo pari al Ó fat copÓ il vigjel pi gras par vilu tornat a vÚ san e salf.
28
Egli si indign˛, e non voleva entrare. Suo padre allora uscý a supplicarlo.
A sentir tuto questo, el se ga stzzi ', e nol ga voludo entrar. Su pare ch 'el se ga inacorto el xe vign¨ fora e el ga cominciÓ a pregarlo che l 'entrassi in casa
Allora a lui ghe xe saltÓ la rabia; e a no deva zier nianchia a chiasa. Ma el Pare ghe sa accourt, xe vign¨ foura lui, e a la pregÓ. SientŔnd sta roba l'hau chiapÓ una f¨fa malignaza, e noi uoleva zi drent in chiasa. Quand che sou pare l'hau sient¨ cussi el xe z¨ fora da chest fi plui uiŔch e lo prejŔua ch'el uigniss drent.
Il fi al si Ŕ rabiÔt e nol voleva entrÓ. Alora il pari al Ŕ vignűt for e tu ti preÔt di entrÓ in cjasa.
29
Ma egli rispose a suo padre: źEcco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici.
e lu rispondendo a su pare ga dito: źVardŔ xe tanti ani che mi ve servo e no go mai trasgredi ' i vostri comandi, e no me gavŔ mai dÓ un cavreto per magnarlo con i mii amici,
El fiul ga respond¨. Dopo taint agn che lavor assai, e mai vai desubedi no su-nei sta mai bon de darme un chiaveret che zis a magnar coi miei amis.
In chela volta el ghau resp˛st a sou pare: uarŔi missi˛r pare, xem tant agn che uŔ fac el famŔi, e uŔ ghai sŔmpre ubidý, e mai che me ues dÓ um caurŔt per fa un alegria coi mei amici;
Ma lui al ti rispundűt: io i ri servýs da tanciu agns e no ai mai di-subidit un ci˛ ordin e tu no tu mi as mai dat un cavret par fÓ fie-sta cui gnei amigos.
30
Ma ora che Ŕ tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso╗.
ma dopo che xe tornÓ questo vostro fio, ch 'el ga consumÓ tuto el suo cole donazze, gavŔ subito fato mazzar un vedel grasso╗. Ma ben ades che xe vegn¨ vuestro fýul, dopo che a la magna tut el so culle femini de-st¨-mont ghevi fat mazzar el plui biel vidiel che gavon. e aim˛ che xe tornÓ chel schiauŔca col de uestro fi, che l'hau magna dut el s˛u c˛lis uÓchis, ghauŔi fat copÓ um uedŔl grass;
Ma ades che chistu cj˛ fi c'al a strassÔt las tos sostansas cun las putanas, tu tu i as copat un vigjel gras.
31
Gli rispose il padre: źFiglio, tu sei sempre con me e tutto ci˛ che Ŕ mio Ŕ tuo;
Su pare ga risposto: źFio mio, ti te xe sempre con mi, e tuta la mia roba xe tua.
E lui ghe respont al fiul; ti son sta sempre azzient de mi, e quel che xe mio xe anca to: ma s˛u pare ghÓu respost: caro fi ti som sempre com mi, e dut chel che xe mŔi xe anchia t˛u,
Alora gi rispunt il pari: Tu fi, ru sos simpri cun me e dut se c'al Ŕ gno al Ŕ ancja ci˛;
32
ma bisognava far festa e rallegrarsi, perchÚ questo tuo fratello era morto ed Ŕ tornato in vita, era perduto ed Ŕ stato ritrovato╗.
Bisognava pur far una festa e star alegramente, perchŔ sto tuo fradel el jera morto, el xe tornÓ vivo, el jera perso, el xe stÓ trovÓ╗.
BognŔva per legrezza far quel che hai fat, e far fiesta, perchÚ to frade gera muort, e xe torna viu, e gera perd¨ e lo von chiatÓ. scugnÚva donca fa una granda fiesta, e stÓ alegrament, percŔ chest tou fradel ch'el jera muart l'hau torna uiu; e'l jŔra piard¨, e 'l se trouest.
ma coventava fa fiesta parsÚ che chistu ci˛ fradý al era muart, al Ŕ tornÔt a vivi, al era pierdűt e al Ŕ tornÔt a cjatÓ.

C.E.I.
Versione redatta dagli iscritti al corso di ôLingua e letteratura friulanaö; s.d.
La versione muglisana, a p. 576,  Ŕ datata fra il 1842 e il 1843 da Carlo Salvioni, che indica l'autore del manoscritto: Martino  Pulgher. era stato delegato comunale di Muggia dal 1846 al 1848, PodestÓ dal 1849 al 1850, rappresentante comunale dal 1850 al 1863. Pulgher era uno dei pochi uomini colti di Murgia.
Giuseppe Mainati, Vicario Corale Curato della Cattedrale di S. Giusto in Trieste. La versione tergestina, a pag. 573, Ŕ datata al 1841 da Carlo Salvioni, che indica l'Autore del manoscritto. Versione redatta dagli iscritti al corso di ôLingua e letteratura friulanaö; s.d.

https://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Lc15%2C11-32
ultimo accesso: 18/06/2023
https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=81;
ultimo accesso: 17/06/2023

https://it.wikipedia.org/wiki/Dialetto_muglisano
ultimo accesso: 18/06/2023
https://it.wikipedia.org/wiki/Dialetto_tergestino;
ultimo accesso: 8 febbraio 2023
https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=83
ultimo accesso: 17/06/2023





___________________________________________
Panorama deI dialetti del Friuli Venezia Giulia
https://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Dialetti del Friuli-Venezia_Giulia

Bisiacco (dialetto della lingua veneta)

Friulano carnico (dialetto della lingua friulana)

Friulano centro-orientale (dialetto della lingua friulana)

Friulano occidentale o concordiese (dialetto della lingua friulana)
in questa pagina: Il figliol prodigo

Friulano orientale, sonziaco o goriziano (varianti della lingua friulana)

Gradese (dialetto della lingua veneta)

Po nasen, Barsko o dell'Alta Val Torre (dialetto dello sloveno)

Pordenonese (variante della lingua veneta)

Resiano (variante della lingua slovena)
in questo sito: La duaicessa

Muglisano (dialetto romanzo, estinto)
in questa pagina: Il figliol prodigo

Tergestino (dialetto romanzo, estinto)
in questa pagina: Il figliol prodigo
 
Triestino (dialetto veneto)
in questa pagina: Il figliol prodigo

Veneto udinese (dialetto di transizione tra friulano e veneto)

Istrioto, lingua romanza dell'Istria meridionale
in questo sito: La Conzazenera
___________________________________________

IMMAGINE Illustration by Albrecht DŘrer, Il figliuol prodigo, 1495-1496, wikipedia, accessibile con un click sull'immagine stessa. Ultimo accesso: 17/06/2023.


Online dal 18/06/2023






Pagina online dal: 26/09/18
Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2021