ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

FIABE ITALIANE ANTICHE, REGIONALI E ALLOGLOTTE

PARABOLA
 DEL FIGLIOL PRODIGO

Vangelo secondo Luca
CEI

PARABOLA
DEL FIGLIOL PRODIGO

Versione saurana
1835
PARABOLA
DEL FIUL PRODIGH

Versione istroveneta
s.d.

LA PARBULA
DEL FIL FRAIN
PARABOLA
DEL FIO PRODIGO

Versione triestina
s.d.


PARABOLA
DEL FIUL PRODIG

Versione muglisana

1845



PARABULA
DEL FI PRODIGH

Versione tergestina
1841


PARABULA
DEL FI PRODIG

Versione concordiese
di Lestans (Sequals) PD s.d
.









PARABOLA
 DEL FIGLIOL PRODIGO
PARABOLA
DEL FIGLIOL PRODIGO
PARABOLA
DEL FIUL PRODIGH
LA PARBULA
DEL FIL FRAIN

Vangelo secondo Luca
CEI
Versione saurana
1835
Versione istroveneta
s.d.
Versione bisiaca
2008
11
Un uomo aveva due figli.
Is ist ander gabn, as ot geht zvean sine:
Un omo el gaveva do fioi.

'N omo al va di fii.
12
Il pi giovane dei due disse al padre: Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta. Ed egli divise tra loro le sue sostanze.
und der jingare van do sine sot saime voter: Voter, gebraussar main tl. Und er getin ihrn tl.
El pi zovine el g dito a el pare: Pare, dame la banda che la me speta de tuta l'eredit.Cus el pare g spart in do la soa eredit. Al pi zvin, in zerca de bgui, al ghe dimand a s pare: Tata, deme fra cos che varo de vr de la redit. E 'l pare, basta che 'l se cuntnt, al ghe d fra dut quel che 'l ghe vara tochst.
13
Pochi giorni dopo, il figlio pi giovane, raccolte tutte le sue cose, part per un paese lontano e l sperper il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto.
Und nat vil toge darnoch der jingare sun tuet ollis zome, geat hin in baita lanter, und sell ottar ollis sains varschveinzet in lusporkaitn.
Dopo un fi de zorni el fio pi zovine, dopo gaver ingrum le so robe, el x partido per un paese sai lontan indove che el se g magn tuti i schei cole batone.
Desp un par de zorni, quel fiol, ciote sso dute le s robe, l' 'nd ta 'na vila luntana onde che l' fru malamentre quel che ghe va d fra s pare.

14
Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominci a trovarsi nel bisogno.
Un beinar ollis gr ot geht, ist a groasser hunger auskemen ime sell lonte, un er rot ongeheivet za noatan.
Co che el g finido tuto, in quel paese no se rivava pi a catar gnanca un tochetin de pan per colpa de na carestia e lu g scomins a acorzesene. Co l' sbagaz duti i bezi che 'l va, par zonta, 'n ta quela vila la xe vignuda 'na bocna de carista e cuss 'l s' cat dut descun, senza un che 'l ciame d.
15
Allora and a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mand nei suoi campi a pascolare i porci.
Un geat hin, und tuetsi untran heare vame sell lonte. Und der do heare schiketn in sai dorf, de schvaine za pasean.
Aloi se g meso a disposizion de un sior del logo e sto lo g mand in tei campi a vardar i porci.
Ta quei stati, l' scugn datarse a menar a passn i porzi de un sior de quele bande.
16
Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla.
Und er hiet gebelt sain pauch villn mitter nmela, das de schvaine ont gessn, und kans otmese gebn.
Quel poareto qua pensava de impignirse co le robe che magnava i porci, ma no rivava a catar nisun che ghe ne dassi.
Pa'la granda lodra che 'l va, al se vara pass anca cu'le carbule ta l'lbio dei porzi; ma gnanca de quele, a lo, gnissn i ghi ni da.
17
Allora ritorn in s e disse: Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame!
Ober bidrin in kemen, st ar: Bivl knechte im mains voters hause ont proat ibr und iber, und i d sterbe va hunger!
Perz el x riv a pensar tra de lu: Quanti servi a casa de mio pare i g almen el pan per sopraviver e qua mi no tegno gnente!
Torn in s, al s' disst: Quanti fami, ta'l lgo de me pare, i bondnzia de pan, e mi cul a btar bava.
18
Mi alzer, andr da mio padre e gli dir: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te;
j bill ausstean, und gean za maime voter, und sognme: Voter, i on gesindiget geign himbl, und geign di:
Andar de lu e ghe disar: Pare g pec contro el Ciel e contro de ti,  Diman bogna che me levo bonra e che vago a l de me pare par dsarghe: Tata, fasst pec contra 'l Ziel e contra de vu;
19
non sono pi degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati.
i pin niemar birdich za sain geneinet dai sun: schetzemi as bi an van dain knechte. no me sento pi de farme ciamar tuo fio. Tratime come un tuo servo, te prego. no xe de iust, savu, che me nom como vostro fil. Par quel ve dimando de cignrme conpagno de un dei fami che v.
20
Si alz e torn da suo padre. Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gett al collo e lo baci
Und steat auf, und geat za saim voter. Er ist ober nou bait hin gebn, und sotn sai voter, und erporbntsi ibrin, geatme inkeignt, und volt af sain hols, und pussetn.
E cus che el g desiso de tornar del pare. Co el jera ancora lontan de casa, el pare lo g notado e, con un bel fi de comozion indoxo, ghe xe and incontro, lo g ciolto e basado per benin.

Cun quel pinsir, l' ciap 'l ganbn e 'l xe 'nd delngo a l de s pare. Co 'l iera dro par rivar, s'anca uncra tan va del lgo, s pare insts de in cau i l' lum e, de primo entro, cugnuss. Lra, dut in t'un, s pare, most de gil de cr ma anca de cuntentza, al ghe xe 'nd 'ncontraghe, i lo ciap a brazacl e i lo bas.
21
Il figlio gli disse: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono pi degno di essere chiamato tuo figlio.
Und sotme dar sun: Voter, i on gesindiget geign himbl, und geign di; i pin niemar birdich za sain geneinet dai sun.
El fio ghe disi: Pare g peca contro el Ciel e contro de ti; no me poso pi far ciamar tuo fio. In ta quel al fil al ghe dise: Tata, fasst pec contra 'l Ziel e contra de vu; no xe de iust, savu, che me nom como vostro fil.

22
Ma il padre disse ai servi: Presto, portate qui il vestito pi bello e fateglielo indossare, mettetegli l'anello al dito e i sandali ai piedi.
Ober der voter st sain knechte: Pringet ulux her searste kld, und laigetn on, und tuatme sringle  an de hond, und housn an de visse:
Ma el pare el g ciamado i servi disendoghe: Fas in freta! Port qua el vestio pi bel e coverzelo, meteghe l'anel al dedo e le scarpe ai pi.
'Nveze s pare, propio pa'l ben de vita che 'l ghe vola, al ghe orden driodemn ai fami: lo! Port cul e mteghe al vist pi bel ta'l dos, le scofe nve ta i p, e l'anl ta'l d.
23
Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa,
und trt her a gemei stats kolb, und barbressn, und hoassat mochn:
Ciap el vedelo pi graxo e copadelo. Magnemo, fasemo feston
Ciol al vedl pi gras, coplo e rustlo, che desp lo magnaremo e faremo fria.
24
perch questo mio figlio era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato. E cominciarono a far festa.
vassellpegn mai sun ist gebn gestorbn, und ist bider lantich bortn; ar ist gebn valourn, und ist bider bortn arvunen. Und haiunt on da hoassat: perch sto mio fio el jera morto e xe torn vivo, el jera perdudo e el xe stado catado denovo. Cus tuti i g scomins a far feston. Parva che sto me fil al se va pird e anci 'l xe torn de nu a vvar, al iera como mort e 'l xe st cat. E i s' mit a frair.
25
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, ud la musica e le danze;
ober dr altare sai sun ist aus gebn im valde: und beinar ist kamen, und ist nont pame hause gebn, ottar geheart sgesong:
Ma el fio mazor el jera dro tornar dei campi e, rente ala casa, el g sentido el casin;
Intant al fil pi vc', che 'l iera dro vignr de i larghi, onde che 'l iera sta ta'l opra par duta la zornada, co 'l xe riv ta'l curtu l' sint che drento ta'l lgo i iera dro sonar e far bi.
26
chiam uno dei servi e gli domand che cosa fosse tutto questo.
und riefet an van knechte, und vorschetn, bas dos soche bolt sogn.
cus g ciam un servo de el pare domandadoghe: Cossa xe tuta sta roba?. Dato che gnissn i lo va virt de sta na, al ghe dimand a un fami: Parva de ch, dmesto, fli fria?.
27
Quello gli rispose: Tuo fratello qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perch lo ha riavuto sano e salvo.
Und er sotme: Is ist kamen dai prueder, und dai voter ot geteatet a gemaistats kolb, debail arn ot bider gesund arhottn. E el servo ghe risposi: X tornado tuo fradel e vostro pare ne g fato copar el vedelo pi graso, perch el fio x tornado san e salvo. Al fami al ghe respondst: Vostro pare l' vul che copmo al vedl pi gras, che lo rustimo e, cun quel e antro nesessario, l' volst che naltri duti insma magnmo e fmo fria, parva che al xe torn in fama san e salvo, desp 'na zia de tenp, vostro fradl.
28
Egli si indign, e non voleva entrare. Suo padre allora usc a supplicarlo.
Obrer ist zournich bortn, und ot net gebelt innin gean. Und geat aussin sai voter, und heivetn on za pitan.
A scoltar quela roba el se g inrabiado e no el ghe ne voleva saver de entrar anca lu. El pare aloi x and fora e lo g pregado

Sintuda 'na tala, al fil pi vc' ghe xe vign su 'na fota fin a no voler gnanca 'ndarghe rente. Ma s pare, inacrt, al xe 'nd fra debt e i l' preg de 'ndar drento cun li.
29
Ma egli rispose a suo padre: Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici.
Obrer ompratet, und st saime voter: Schau bi vil jr as i di schon on gedient, un ostper nia a kiz gebn, mit main mign za geniessan.

ma el fio el ghe g dito: Pare, mi te iuto e te servo de un bel toco, no g mai sgarado nisun tuo ordine e no g mai podesto ciorme un cavretin per far festa anca mi co i miei amisi.  Propio 'n ta quel, al fil pi vc' l' zerca lra de farghe cognossr par che mutu, dro de quele ne, al iera rest tantn malpago. A mi, che fago 'l mus de ani anori par vu, tata, e che no mai desubid a gnissn dei vostri rdeni, no me v mai d gnanca un cavrt par pacir cu'i me amzi.
30
Ma ora che tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso.
Ober hietse as ist kemen dronder dai sun, as ollis mittn huern ot var schvainzet, osteme geteatet a gemeistats kolb. Deso sto tuo fio, dopo che se g speso tuto co le batone, x torn, per lu ti g fato copar el vedelo pi graso. Nveze par sto fil, torn noma che co 'l fin de fliscr duti i bezi che l' b cu'le babze, oltra de vrlo vist e calz de nu, anci v fasst copar anca al vedl pi gras par farghe le freghe.
31
Gli rispose il padre: Figlio, tu sei sempre con me e tutto ci che mio tuo;
Und er stme: Mai lieber sun, du pist ollban mi mier, und ollis bas main ist, ist dain:
Ghe risposi aloi el pare: Fio mio, ti ti son sempre co mi e tuto quel che go xe tuo,
Drio de quel dir, s pare al ghe respondst: Fil, ti te me xe senpre sta dogna, e gne roba ma la xe senpre stada, ssto, anca tva.
32
ma bisognava far festa e rallegrarsi, perch questo tuo fratello era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato.
is ist ober bol pillich gebn hoassat za mochan, und za eruradansi, bail dai prueder ist gebn gestorbn, und lebet bider, ari st gebn valourn, und ist bider bortn arvunen. ma dovevimo far sto feston e boresso, perch sto tuo poaro fradel el jera morto e x tornado vivo, el jera perduto e xe stado catado denovo. Ma scogna, mo, che fmo fria, parva che to fradl al iera como mort e 'l xe torn de nu a vvar, al se va pird e 'l xe st cat.


C.E.I.
ArDLiS
Archivio digitale della lingua saurana
In questo sito vedi gli originali, scritti a mano. Chiediamo scusa per le imperfezioni e gli errori della nostra trascrizione.
Dialettando. Racconti. Friuli Venezia Giulia
Versione aggiornata della traduzione di Ivan Crico della "Parabola del Figliol Prodigo" in bisic, "sermo rusticus" di tipo veneto del monfalconese, sett. 2008


https://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Lc15%2C11-32
ultimo accesso: 1 maggio 2024
https://archiviosauris.uniud.it/testi/parabola-figliol-prodigo/figliol-prodigo-1
ultimo accesso: 1 maggio 2024
https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=10786
ultimo accesso: 1 maggio 2024
https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=10680
ultimo accesso: 1 maggio 2024


PARABOLA
 DEL FIGLIOL PRODIGO

Vangelo secondo Luca
CEI

PARABOLA
DEL FIGLIOL PRODIGO

Versione saurana
1835
PARABOLA
DEL FIUL PRODIGH

Versione istroveneta
s.d.

LA PARBULA
DEL FIL FRAIN
PARABOLA
DEL FIO PRODIGO

Versione triestina
s.d.


PARABOLA
DEL FIUL PRODIG

Versione muglisana

1845


PARABULA
DEL FI PRODIGH

Versione tergestina
1841


PARABULA
DEL FI PRODIG

Versione Concordiese
di Lestans (Sequals) PD s.d.
 






PARABOLA
DEL FIO PRODIGO
PARABOLA
DEL FIUL PRODIGH
PARABULA
DEL FI PRODIGH
PARABULA
DEL FI PRODIGH

Versione triestina
s.d.
Versione muglisana
1840 c.a.
Versione tergestina
1841
Versione Concordiese
di Lestans (Sequals) PD s.d.

11
Un omo el ga avu' do fioi.
Un om cha doi fiuoi.
Un mis l'hau b d fii.
Un om al veva doi fis.
12
El pi giovine de lori ga dito un giorno a su pare: Caro pare vojo che me d la parte de eredit che me toca, e cussi' el pare ga sparti' la parte dei fioi in do'.
Il plui picciul dis: Pare, vegni in za, vuoi la mia part de chiampi e de chiasi, e lui dis te darai quel che te vien
El fi pli zuem um di el ghu dit a su pare: missir pare ui che me di la mja part de l'eredit che me um: e su pare hu sparti la roba in di, e 'l ghu d la sua part che ghe tocheua.
Il pi zovin al ds al pari: Pari dami la part dal patrimoni ca mi speta. Il pari al divt tra di Ir la roba.
13
Pochi giorni dopo el fio pi giovine ga ingrum la sua roba e el x and via in un paese assai lontan, dove che l 'se ga magn tuto el suo con le donazze.
Dopo de puoi di a la ingrum la roba, e a xe zu via, no se sa dola, e l a la magna tutt'el so per no aver gidizi.
Chel fi plui zouem, dop poch d l'hau ingrumda la sua roba, e 'l xe z uia intm pajs lontm, lontm, e inl l'hau magna dut el su colis femenis chiatiuis. Dopo ps ds il fi pi zovin, cjapadas su la ss robas, al partis par un pas lontan e l al strassat dut chel c'al veva, vivint da barabba.
14
Dopo che l 'ga consum tuto, xe capitada una grandissima carestia in quel paese: alora lu el ga cominci ad acorzerse che nol gaveva pi gnente, e gnanca un bocon de pan de meter in boca.
Quant'che e la consuma tutt'el so; xe vegn la chiarestia grand in quel louc, e non aveva gnent de magnar.
Dop che l'hau consum dut el so (sic) malamnt xe uignda in chel pajs una granda caristia, e lu che 'l jera deuent um pouer stracom, i. 
Quanc'al veva spindut, in chel pas a capitada una granda miseria e lui al si cjatt prest sensa nuia.
15
Pensando al mal che 'l ga fato, el se ga deciso de andar de un benestante perch lo ciolessi al suo servizio, e quel sior lo ga mand nela sua vila a pascolar i porchi.
E dopo la miseria la fat zier a servir da un siour de quel louc; e per so chiastik a la mett a pascular i curin.
el xe z da um sir, aci che'l ghe dis nlch de fa per bruscsse um toch de pam; chel sir l'hau b compassiom, e l'hau manda intla sua mandria a pascola i tempora. Alora al st sor paron che lu a mandat a passn cui pursis.
16
 Lu el jera fini ' in tanta miseria che 'l desiderava de impignirse la panza cole ghiande che magnava i porchi e no jera nissun che ghe ne dassi.
E l a bremava de implirse la panza de quella glanda che magneva i curin: e nissun no ghe dava nient.
La fm che lo tormenteua ghe fiua brama de impignisse la panza de chlis jndis che magnuem i temporai, e nissm ghe ne deva. Al vars mangjt encja las carobulas dai pursis, ma nissun a i las deva.
17
Alora el ga cominci fra de lu a dir: Quanti servi in casa de mio pare i ga del pan che ghe vanza, e mi qua in 'sto paese miserabile moro de fame!
A sa revist del mal che al ha fat, e a la dit tra de lui, pensanti che a chiasa sova i famei ghe magnava in abondanzia, e che lui crepava dalla fam.
In chela uolta l'hau scomenc pensaghe su; e l'hau dt: quanti fami in chisa de mio pare che gham del pam plui del su bisgn, e mi chil me muar de fam!
Alora al riflett: Duciu chei ch'a lavorin in cjasa cun gno pari e an pan avonda e io invessi a pats la fan.
18
Vojo partir de qua, vojo andar da mio pare e ghe dir: pare mio go pec contro el ciel e contro de vu ',
Allora a sa da curajo e a la dit tra de lui: vuoi turnar da mio Pare a chiasa sova, e quant che sarai l dirai: Pare, hai fall cui Iddio e anca contra de vous.
Mi ui z uia de ca, e zieri da mei pare, e ghe dirai: Missir pare hai pec contra el Sir Idio, e contra de ui: Mi jevarai e i sarai da gno pari e i disarai: Pari io i ai pecjt cun-tra Diu e cunrta di te, 
19
e per questo mi no son pi degno de esser ciam vostro fio, ve prego de tegnirme almeno come un dei vostri servi.
No mert de gesser nanca clama vuestro fiul: chiuleme almanc, e dieme da magnar come ai famei.
mi no soi plui degn d'sse uestro fi, u pri de mteme a serui coi uestri fami.
no pos pi clamam ci fi. Tratimi come un dai ciei garsns.
20
E difati el xe subito parti ' de l, el xe and de su pare. Quando ch ' el jera ancora lontan,su pare lo ga conossu ', e avendoghe fato compassion, el ghe xe and incontro , el se ga but al colo, el ghe ga da tanti basi.
A sa chilt su e a xe and de so Pare. E luntan strada so Pare la vist che a ziva da lui; e vedientolo, a sa mot a compassion, e a xe zu contra de lui, e cu a xe sta erient a la chiap a brazzacuol, e a la scumins a bazarlo.
In chla ulta el se ghau leva su, e 'l xe z adritura da sou pare: quand che l'jera aim lontm, e che sou pare l'hau uid, el se ghau moss a misericordia e prest el ghe xe z incontra, e 'l se gha but sul col, e l'hu bussa.
Al partis e al si invia da si pari. Il pari a lu ti viodt da lontan e ingropt al i je lt incuntri e lu busst,
21
E su fio ghe ga dito: Pare mio go pec contro el ciel e contro de vu ' , mi no son pi degno de esser ciam vostro fio.
Allora st mamo splunt del pentiment gha dit: Pare, hai fall cui Iddio e con vous, no mert de gesser nanca clama vostro ful.
In chela ulta ghu dt chel sou fi: missir pare hai pec contra el Sior Idio, e contra de ui, mi no soi plui degn che me chiami uestro fi:

22
Alora su pare ga dito ai sui servi: Presto port qua el pi bel vestito, vestilo e meteghe anche l 'anel al dedo e le scarpe ai pie,
El Pare allora inves d rimpruverarlo a la manda chior el viestiment plui biel che a gaveiva, a ga dit meteghe in dei un aniel, e in pei le schiarpi.
e su pare ghu dit ai soui fami: portei ca prest el plui biel abit, uestilo, e meteghe in tola soua mam l'nul, e lis schirpis in ti sui pei,
dopo al ds ai servidors: Prest, puartait uch il vistit pi biel e vistilu, i mets l'anel taI dt e i sandui tai peis.

23
e port qua un vedel grasso, e mazzelo, perch volemo magnar, e star alegramente;
E zie in stalla, e chiod el pli biel vidiel, e mazzolo che vuoi che magnemo, e stiemo allegramente.
menei c um uedl grass, e coplo che lo magnarm, e farm alegra,
Copait il vigjel pi gras e fasin fiesta 
24
mentre sto fio che 'l jera morto el xe torn vivo, el jera perso, el xe sta trov. Dopo i se ga messo a magnar alegramente.
Perch de lui credeva che a fous mourt, e inves a xe viu, e gera perd e lo von chiat; e ades i ha principi magnar.
perc chest mei fi el jera muart e l'hau torna uiu, el se jera piard, e l'haum trou; e dop i xem zudi a magn alegramnt.
parc che gno fi, c'al era muart, al tornt a vivi, al era pierdt e al tornt a cjat. E an tact a f fiesta.
25
Su fradel pi grande el jera in campagna, quando che el xe torn e che el se avicinava ala casa, sentindo i soni e i canti che i fazzeva in casa,
Ma el frade plui vecchio che gera a foura in chiamp, che a ziva a chiasa, cu a gera azzient, a la sint sugnar, e chiantar.
El fi plui uch el jera intla mandria. Quand' che l'hau torn, e che jera rent la chiasa l'hau sent che soneuem, e chianteuem alegramnt,
Il fi pi veciu al era tai cjamps. Tornant a cjasa, al sintut la musica e il baI;
26
el ga ciam un dei servitori e el ghe ga domand cossa che jera quela roba,
A la clama un dei suoi om, e a ga dumand cose xe in chiasa. l'hau chiam um famei e l ghau domand perc che feuem tanta alegra;
al clamt un fa-mei e ai domandt se c'al era sussedt. 
27
e lu ga risposto: Xe torn vostro fradel, e vostro pare el ga fato mazzar un bel vedel grasso, perch el ga visto su fio che xe torn san e salvo.
El om ga respond, xe vign vuestro frade, e vuestro Pare ha fat cupar el plui biel vediel che gera in stala, perch el xe turn san a chiasa.
e chel famei ghau dit: xe uign [forma corretta da altra] uestro fradel, e uestro sir pare l'hau fat cop um uedel grass, perce che l'hau torna sam e salf.
Il famei ai rispundt: al tornat cjo fradi e cjo pari al fat cop il vigjel pi gras par vilu tornat a v san e salf.
28
A sentir tuto questo, el se ga stzzi ', e nol ga voludo entrar. Su pare ch 'el se ga inacorto el xe vign fora e el ga cominci a pregarlo che l 'entrassi in casa
Allora a lui ghe xe salt la rabia; e a no deva zier nianchia a chiasa. Ma el Pare ghe sa accourt, xe vign foura lui, e a la preg. Sientnd sta roba l'hau chiap una ffa malignaza, e noi uoleva zi drent in chiasa. Quand che sou pare l'hau sient cussi el xe z fora da chest fi plui uich e lo prejua ch'el uigniss drent.
Il fi al si rabit e nol voleva entr. Alora il pari al vignt for e tu ti pret di entr in cjasa.
29
e lu rispondendo a su pare ga dito: Vard xe tanti ani che mi ve servo e no go mai trasgredi ' i vostri comandi, e no me gav mai d un cavreto per magnarlo con i mii amici,
El fiul ga respond. Dopo taint agn che lavor assai, e mai vai desubedi no su-nei sta mai bon de darme un chiaveret che zis a magnar coi miei amis.
In chela volta el ghau respst a sou pare: uari missir pare, xem tant agn che u fac el fami, e u ghai smpre ubid, e mai che me ues d um caurt per fa un alegria coi mei amici;
Ma lui al ti rispundt: io i ri servs da tanciu agns e no ai mai di-subidit un ci ordin e tu no tu mi as mai dat un cavret par f fie-sta cui gnei amigos.
30
ma dopo che xe torn questo vostro fio, ch 'el ga consum tuto el suo cole donazze, gav subito fato mazzar un vedel grasso. Ma ben ades che xe vegn vuestro ful, dopo che a la magna tut el so culle femini de-st-mont ghevi fat mazzar el plui biel vidiel che gavon. e aim che xe torn chel schiauca col de uestro fi, che l'hau magna dut el su clis uchis, ghaui fat cop um uedl grass;
Ma ades che chistu cj fi c'al a strasst las tos sostansas cun las putanas, tu tu i as copat un vigjel gras.
31
Su pare ga risposto: Fio mio, ti te xe sempre con mi, e tuta la mia roba xe tua.
E lui ghe respont al fiul; ti son sta sempre azzient de mi, e quel che xe mio xe anca to: ma su pare ghu respost: caro fi ti som sempre com mi, e dut chel che xe mi xe anchia tu,
Alora gi rispunt il pari: Tu fi, ru sos simpri cun me e dut se c'al gno al ancja ci;
32
Bisognava pur far una festa e star alegramente, perch sto tuo fradel el jera morto, el xe torn vivo, el jera perso, el xe st trov.
Bognva per legrezza far quel che hai fat, e far fiesta, perch to frade gera muort, e xe torna viu, e gera perd e lo von chiat. scugnva donca fa una granda fiesta, e st alegrament, perc chest tou fradel ch'el jera muart l'hau torna uiu; e'l jra piard, e 'l se trouest.
ma coventava fa fiesta pars che chistu ci frad al era muart, al tornt a vivi, al era pierdt e al tornt a cjat.

Versione redatta dagli iscritti al corso di Lingua e letteratura friulana; s.d.
La versione muglisana, a p. 576,  datata fra il 1842 e il 1843 da Carlo Salvioni, che indica l'autore del manoscritto: Martino  Pulgher. era stato delegato comunale di Muggia dal 1846 al 1848, Podest dal 1849 al 1850, rappresentante comunale dal 1850 al 1863. Pulgher era uno dei pochi uomini colti di Murgia.
Giuseppe Mainati, Vicario Corale Curato della Cattedrale di S. Giusto in Trieste. La versione tergestina, a pag. 573, datata al 1841 da Carlo Salvioni, che indica l'Autore del manoscritto. Versione redatta dagli iscritti al corso di Lingua e letteratura friulana; s.d.

https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=81; ultimo accesso: 17/06/2023
https://it.wikipedia.org/wiki/Dialetto_muglisano
ultimo accesso: 18/06/2023
https://it.wikipedia.org/wiki/Dialetto_tergestino;
ultimo accesso: 8 febbraio 2023
https://m.dialettando.com/poesie-racconti/detail/?id=83; ultimo accesso: 17/06/2023











https://it.wikipedia.org/wiki/Categoria:Dialetti del Friuli-Venezia_Giulia

Bisiacco bisiaco
dialetto della lingua veneta

Friulano carnico dialetto della lingua friulana

Friulano centro-orientale dialetto della lingua friulana
Friulano occidentale o concordiese dialetto della lingua friulana Il figliol prodigo, in questa pagina
Friulano orientale, sonziaco o goriziano
varianti della lingua friulana

Gradese dialetto della lingua veneta

Istrioto lingua romanza dell'Istria meridionale
La Conzazenera, in questo sito
Muglisano dialetto romanzo, estinto
Il figliol prodigo, in questa pagina
Po nasen, Barsko o dell'Alta Val Torre
dialetto dello sloveno

Pordenonese variante della lingua veneta

Resiano variante della ingua slovena
La duaicessa; in questo sito
Saurano isola alloglotta germanofona
Il figliol prodigo, in questo sito; manoscritto online
Tergestino dialetto romanzo, estinto
Il figliol prodigo, in questa pagina
Triestino dialetto della lingua veneta
Il figliol prodigo, in questa pagina
Veneto udinese dialetto fra friulano e veneto







______________________________

IMMAGINI


Albrecht Drer, Il figliuol prodigo, 1495-1496, wikipedia; ultimo accesso: 30 aprile 2024.

I dialetti e le lingue del Friuli Venezia Giulia, VIVALDI, Universit Humboldt di Berlino;
http://www2.hu-berlin.de/vivaldi/index.php?id=mF348&lang=de; ultimo accesso: 30 aprile 2024.






Online dal 19/11/2023
Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2024