HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA GRASTA DI LU BASILICÒ
SICILIANO
1870-1913

’Na vota s’arricunta ca cc’era un patri, e avίa ’na figghia chi si chiamava Rusidda, e la mannava a la scola nni ’na maistra; pirchì a la casa nun avίa a nuddu. Sta maistra avίa un àstracu, chi vinia a facciu di lu Re. Stu Re avίa un figghiu, ch’affacciava spissu spissu ’nta stu pitterra. ’Na jurnata s’attruvò a ’ffacciri Rusidda e cantava nto nto ron tò! nto nto ron tò! e lu Riuzzu cci spijau:


- Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

Rusidda ’un cci sappi arrispunniri: e si nni iju nni la maistra, confusa. La maistra cci dissi:
- Chi hai?
Rusidda cci rispusi:
- M’ha dittu lu Figghiu di lu Re:

Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

- E tu, si ’n’àutra vota iddu ti spija, cci dici:

E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu?
       
Si racconta che c’era una volta un padre che aveva una figlia di nome Rosellina, e la mandava a scuola da una maestra, perché a casa non c’era nessuno che le potesse insegnare qualcosa. Questa maestra aveva una casa a pianterreno, con un porticato che dava sul giardino del re, che aveva un unico figlio. Questo principe si affacciava spesso a guardare il giardino. Il principe un giorno vide Rosellina che dal portico si affacciava sul giardino e cantava: trallarallà trallarallà trallarallà!
Allora il principe le domandò:

Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

Rosellina non gli seppe rispondere, e andò dalla maestra rabbuiata. La maestra le disse:
- Che hai?
Rosellina rispose:
- Il figlio del re mi ha detto:

«Rosellina trallarallà
Le foglie al basilico le sai contar?»

- E tu, se te lo chiede un’altra volta, rispondigli così:

«E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?»

A lu ’nnumani matinu Rusidda si nni iju di nuovu ’nta lu pitterra a ’ffacciari. Passa lu Riuzzu e cci dici:

- Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

- E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu?

A lu Riuzzu cci parsi sta cosa un sfreggiu, pirchì iddu ’un cci sappi arrispunniri; e pinsò di urdiriccinni, ’n’àutra a idda. Si va a ’ppatta cu la maistra e cci dici:
- Si vui mi faciti ristari ’na sira sutta lu lettu unni si curca Rusidda , io vi fazzu un bonu cumprimentu.
La maistra cci l’accurdau; e vinni l’ura ca si curcau Rusidda. Mentr’era a lettu, pigghiò lu Riuzzu un spuntuni e misi a pùnciri a Rusidda di suttu li tavuli; Rusidda si dispirava; rispunniu la maistra:
- Chi cosa hai ca ti disperi?
- Ahi! signura maistra, chi purci! Ahi! signura maistra, chi cimici!
Lu ’nnumani a jornu lu stissu catùniu; si nni iju Rusidda a lu stissu pitterra: e lu Re cci spijò:


- Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini ce’è ’nta lu basilico?

- E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu?

- Rusidda , chi cosa hai ch’un dormi?
Ahi! signura maistra, chi purci!
Ahi! signura maistra, chi cimici!

La mattina dopo Rosellina tornò ad affacciarsi sul giardino. Passò il principe e le disse:

- Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

- E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?

Al principe queste parole parvero uno spregio, e là per là rimase senza parole. Allora cominciò a pensare a come renderle la pariglia. Andò a trovare la maestra e le propose un patto:
- Se voi mi fate stare sotto al letto in cui dorme Rosellina, vi darò una bella ricompensa.
La maestra non seppe dirgli di no.
Quella sera come al solito Rosellina si mise a letto, e il principe aspettò che si addormentasse. Allora con uno spillone cominciò a pungere Rosellina da sotto il letto. Lei si lamentava, e la maestra le diceva:
- Rosellina, di che ti lamenti?
- Ahi! Quante pulci signora maestra! Ahi! Quante cimici signora maestra!
Il giorno dopo come al solito Rosellina andò ad affacciarsi sul giardino, e il principe le chiese:



- Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

- E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?

- Rosellina, che hai che non dormi?
Ahi! Quante pulci signora maestra!
Ahi! Quante cimici signora maestra!

- Ah! maistra, vui m’aviti tradutu.
Rusidda si nni iju a la casa di sò patri.
- Pirchì, - cci dici lu patri, – ’un cci vô’ stari cchiù nni la maistra?
- Cc’è lu Riuzzu chi mi ’ncueta; ch’appena affacciu ’nta lu pitterra, mi dici:


Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’ntra lu basilico?

E io cci rispunnu:

E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu?

Assira mi curcavi nni la maistra , e fici ’na nuttata di vutàrimi e svutàrimi, chi cridia ch’eranu purci e cimici; ma la cosa ’un era chista: ch’era lu Riuzzu chi mi ’ncuitava.
- Zittu, figghia mia - cci dici lu patri - ca ora pensu io, chiddu ch’hê fari.
Accatta lu megghiu cavallu chi cci puteva essiri , e poi fici fari ’na cintura tutta un pezzu d' oru.
- Pigghiati sta cintura, mèttiti a cavallu, e ha’ a jiri a passiari sutta lu palazzu di lu Re.
Accussì fici Rusidda: si misi a cavaddu, e dda cintura ’mmanu, e a gridari:


- A cu’ vasa lu culu a la mè mula,
Io ci dugnu sta bella cintura!

Lu Riuzzu la fici chiamari:
- Viniti ccà, ca lu vasu io;
E cci vasò lu culu a la mula. Rusidda dùnacci un razzuni a la vèstia, e la vèstia arranca, e lu Riuzzu arristau cu lu culu vasatu, e idda cu la cintura ’mmanu, gridannu:


- Lu culu a la mula lu vasàstivu;
Ma la cintura nun l’avistivu.

E si nni iju.


Rosellina andò dalla maestra e le disse:
- Ahi! Signora maestra, mi avete tradito! – e se ne tornò a casa da suo padre.
- Perché – il padre le chiese – non vuoi più stare dalla maestra?
- Perché c’è il principe che mi fa arrabbiare, che appena mi affaccio sul giardino mi dice:


«Rosellina trallarallà,
le foglie al basilico le sai contar?»

E io gli rispondo:

«E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?»

Ieri sera a casa della maestra sono andata a coricarmi e ho passato tutta la notte a rigirarmi nel letto e a lamentarmi per le punture delle pulci e delle cimici. Ma non erano pulci e cimici: sotto il letto c’era il principe che mi punzecchiava!
- Zitta figlia mia – disse il padre - che ora ci penso io a sistemare la faccenda!
L’uomo comprò la mula più bella che si potesse trovare, e si fece fare una cintura tutta d’oro.
- Vestiti da uomo, – disse alla figlia - prendi questa cintura, monta a cavallo della mula, e va’ a cavalcare sotto al palazzo del re.
Rosellina fece quello che le aveva detto suo padre, e cavalcava sotto il palazzo del re gridando con la cintura in mano:

- Chi alla mia mula il culo bacerà
La cintura d’oro in premio l’avrà.

Il principe la fece chiamare:
- Venite qua, che glielo bacio io.
Il principe baciò il culo alla mula, ma Rosellina diede un colpo di speroni e la mula partì a razzo. Il principe restò a mani vuote dopo aver baciato il culo alla mula, mentre Rosellina con la cintura in mano gridava:


- Baciaste il culo alla mia mula
Ma non aveste la bella cintura!

E se ne andò.
Lu ’nnumani matina Rusidda si nni iju arrèri nni la maistra.
- Rusidda, arrèri ccà vinisti?
- Sissignura; mè patri voli chi vegnu.
E iju a ’ffacciari arrèri rini lu pitterra.
Affaccia lu Riuzzu:
- Rosa, Rusidda, assai havi ch’ ’un ni videmu
- ’Un cci haju pututu vèniri, - dici Rusidda - ch’haju avutu chi fari.
Si vôta lu Riuzzu:
- Lu sai chi ti dicu?


Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

- E tu, Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’é ’nta lu stiddatu?

- Ahi! signura mastra, chi purci!
Ahi! signura mastra, chi cimici!

- Lu culu a la mula lu vasàstivu,
Ma la cintura nun l’avistivu.

E lu Riuzzu arristò ’ncurrivatu arrèri. Dici:
- Va beni,ora ti nn’hê fari una io.
Lu ’nnumani si vesti di marinaru cu ghistri di pisci, e misi a passiari abbanniannu:
- Haju pisci, haju pisci!
Rispunni Rusidda:
- Signura maistra, accattamu li pisci!
- A quantu nni vuliti? - spija la mastra.
- Io chi vinnu pisci pi picciuli? li vinnu pi vasati.
- Ma chi diciti veru? Io ora la staju sintennnu sta cosa, ca li pisci si vinninu pi vasati! Chi cosi scumpunuti!
- Io vi dicu veru:

Si vui mi dati ’na bedda vasata,
Io vi dugnu ’na bedda frittata.

Rusidda, locca , si fici ’ngagghiari: cci detti ’na vasata. Pigghiò lu Riuzzu, e si nni fuiju, e li pisci si li purtau. Lu Riuzzu si spogghia di marinaru e si nni va nni lu pitterra:

- Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

- E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu!

- Ahi! signura mastra, chi purci!
Ahi! signura mastra chi cimici!

- Lu culu a la mula lu vasastivu,
Ma la cintura nun l’avistivu.

- La vasatedda mi la dasti,
Ma pisciteddi ’un ni manciasti!

L’indomani Rosellina tornò dalla maestra.
- Rosellina, sei ritornata?
- Sissignora, mio padre così ha voluto.
E andò nel portico e si affacciò sul giardino. La vide il principe che stava alla finestra:
- Rosa, Rosellina, era tanto che non ci si vedeva!
- Non sono potuta venire – disse Rosellina – perché ho avuto da fare.
Il principe allora a lei:
- Sai che ti dico?



- Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

- E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?

- Ahi! Quante pulci signora maestra!
Ahi! Quante cimici signora maestra!

- Baciaste il culo alla mia mula
Ma non aveste la bella cintura!

E così il principe restò un’altra volta scornato. Si disse: “Ma bene, ora te lo faccio vedere io”.
Il giorno dopo si travestì da marinaio con due ceste piene di pesci, e si mise a girare per le vie della città:
- Pesce fresco! Pesce fresco!
Rosellina disse:
- Signora maestra, compriamo un po’ di pesce? – E al finto marinaio:
- Quanto lo fate pagare questo pesce?
- Non vendo pesce per denari, ma ve lo cedo in cambio di baci.
- Ma dite davvero? Questa poi non l’avevo mai sentita dire, che i pesci si vendano in cambio di baci! Che cose di fantasia!
- Ve lo dico per davvero:

- Se solo un bacio mi donate
il fritto di pesce ve lo mangiate.

Rosellina fu un po’ troppo ingenua, e gli diede un bel bacio. Ma il principe se ne andò e non le lasciò neanche un pesciolino. Poi si tolse gli abiti da pescivendolo, si rivestì con quelli da principe e andò in giardino:

- Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

- E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?

- Ahi! Che pulci signora maestra!
Ahi! Che cimici signora maestra!

- Baciaste il culo alla mia mula
Ma non aveste la bella cintura!

- Un bel bacio me l’hai dato
Ma il fritto di pesce non l’hai mangiato.

- Sì! ti l’hê fari custari sta botta - dici Rusidda.
Pigghiò e si nni iju; e si nni iju nni sò papà, e cci lu iju a cuntari.
- Ora, figghia mia, ti levu sta visazioni, e nun ti cci mannu cchiù a la mastra.
Lu Riuzzu tantu tempu ch’ ’un vitti a Rusidda, nni cadiu malatu di la pena. Lu patri:
- Chi hai, figghiu mio? Dimmi: chi è la tò malatia?
- Sugnu malatu; mi sentu mali; chiamatimi Giunta.
E vinniru li medici pi la Giunta. La malatia cchiù cci aggravava, cà a Rusidda nu la videva. Rusidda si vesti d’un medicu furasteri; va a palazzu, e cci dici a lu criatu:
- Purtàticci la ’mmasciata a lu Re, ca cc’è un medicu furasteri pi fàricci stari bonu la figghiu.



Lu Re allura lu fici acchianari
Pi disidderiu di lu figghiu gualiri.
Subbitu ’n cammara lu fìciru antrari...
- Maistà, prima di io assirvari
’Na cosa sula cci vogghiu avvirtiri:
Si senti vuci nun havi a currìri
Cà chistu è signu di l’animigghiurari;
La prima cammara m’aviti a ’nchiujri,
E a lu scuru lu vogghiu visitari.
Lu Re, p’amuri di sò figghiu gualiri,
Zoccu iddu dissi cci vosi accurdari.
La prima cammara si misi a curriri,
A vuci forti si misi a gridari:
- Veni la Morti cu l’anchi torti,
Lu figghiu d’ ’u Re si vinni a pigghiari!

E Rusidda niscίu.
Lu Re cci misi a spijari a lu medicu, e lu medicu:
- Nenti Maistà; sò figghiu è gualutu. Comu dumani agghiorna; ’nta lu pitterra l’aviti a mintìri; pirchì io cci spijavi tutti cosi: voli ’na picciotta chi si chiama Rusidda; io ora cci hê jiri e cci hê jiri a diri nni la sò maistra chi si nni jissi nni lu pitterra, ca accussì lu Riuzzu pò stari bonu.
- Dutturi, tuttu chiddu chi fa, - dici lu Re - sia ben fattu. Pi l’amuri di me figghiu, nun sacciu
chiddu chi fari.
Lu ’nnumani Rusidda si nni iju nni la maistra.
- Rusidda, tu ccà si’?
- Mi vinni a ’llianari; vogghiu pigghiari un pocu d’aria, ch’havi assai ch’ ’un cci vaju nni lu pitterra.
Lu Re comu agghiurnau, lu primu pinseri chi appi, purtari a sò figghiu nni lu pitterra. Affaccia Rusidda, e lu Riuzzu misi a suspirari, e a diri:

- Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’é ’nta lu basilicò?

- Ancora ti spèrcia, cu tuttu ca si’mortu? - dici Rusidda –

E tu Re ’ncurunatu,
Quantu stiddi cc’è ’nta lu stiddatu?
- Ahi! signura mastra, chi purci!
Ahi! signura mastra, chi cimici!
- Lu culu a la mula lu vasàstivu,
Ma la cintura nun l’avistivu.
- ’Na vasatedda mi la dasti,
Ma pisciteddi ’un ni manciasti!
- Veni la Morti cu l’anchi torti
A lu figghiu d’ ’u Re si vinni a pigghiari.

Lu Re sintennu diri accussì, detti ordini a li so’ vascialli d’ ’un fari nèsciri a Rusidda di dda casa; poi la fa vèniri a palazzu:
- Comu va sta cosa, m’aviti a cuntari.
- Maistà, io hê jutu a la mastra; ca nun haju matri; haju affacciatu ’nta lu pitterra, e lu Riuzzu m’ha truzziatu.
E cci cuntau tuttu lu catùniu.
- Ora, Maistà, m’havi a fari la grazia, ca mi nn’havi a fari jiri a la casa.
- E comu ti nni vai, ca m’ha’ fattu mòriri un figghiu!
- Nenti, io mi nni vogghiu jiri!
E tantu fici, ca lu Re nni la fici jiri. Lu Riuzzu dissi allura ca la vulia pi mugghieri; lu Re e la Riggina pi l’amuri di lu figghiu, nenti guardannu ca eranu genti riali, jeru nni lu patri e cci jeru a parrari:
- Io a me figghia cci la dugnu, - dici lu patri - ma m’hannu a dari quaranta jorna di tempu.
Rusidda si fici purtari un saccu di farina, ’na quartàra di meli e ’na carrabba, e nni furmò ’na pupa quant’era idda. Poi quannu fu ura di curcarisi cu lu Riuzza, idda cci dissi:
- Io m’affruntu a spugghiarimi davanti di vui; nisciti ’nta l’àutra cammara, quantu mi spogghiu e
mi curcu.
Iddu niscίu; idda pigghió la pupa e la curcau ’nta lu lettu, e si pigghiò li lazzi di li moddi ’mmanu. Trasίu lu maritu, e cci dici:
- Ti rimienti, Rusidda, quannu io ti dissi:

Rusidda ntontorontò,
Quantu pampini cc’è ’nta lu basilicò?

E la pupa cci calò la testa.
- Ti rimienti quannu ti vinni a vìnniri li pisci pi vasati?
E la pupa cci calò la testa. Iddu cci sicutau tutti li dumanni; all’urtimu cci spijau:
- E ti nni penti di tuttu chiddu chi m’ha’ fattu?
E la pupa jisau la testa facennu signali di no. Comu iddu vitti accussì, tira ’na sciabbula e arranca ’nta lu coddu di la pupa; comu duna, si spezza la carrabba ch’era ’mmenzu lu coddu, e nesci lu meli. Iddu pi la rabbia si licca la sciabbula; e dissi:
- Oh! ch’è duci lu sangu di mè mugghieri! E cui mi teni ca m’ammazzu! ora ca persi a mè mugghieri accussì duci?
Comu iddu dici accussì, nesci la Rusidda di sutta lu lettu e dici:
- Viva sugnu! Viva sugnu!
E s’abbrazzaru.


       E la pupa di zuccaru e meli
      
Si la manciaru maritu e mugghieri.


«Questa volta devo proprio fartela pagare!» si disse Rosellina, e detto fatto se ne andò. Se ne andò dal suo babbo, e gli raccontò tutto per filo e per segno.
- Ora, figlia mia, ti levo questa fissazione: dalla maestra non ti ci mando più.
Il principe non vedeva più Rosellina, e passò tanto e tanto tempo senza mai vederla che si ammalò di melanconia.
- Figlio mio, che hai? – disse il re. – Dimmi, che è questa tua malattia?
- Sono malato, mi sento tanto male, chiamate i dottori a consulto.
Vennero i dottori, lo visitarono e tennero consulto, ma non sapevano come curarlo. La malattia si aggravava perché non vedeva più Rosellina.
Allora Rosellina si travestì da dottore straniero, andò a palazzo e disse al guardaportone:
- Andate a dire al re che qua c’è un medico straniero che può guarire il suo figliolo.


Il re allora lo fece salire
Perché potesse il figlio guarire
E nella camera lo fece entrare.
- Maestà, ora lo vado a visitare
Ma di una cosa vi devo avvertire:
Se sentite grida non dovete venire,
Sennò, ve lo dico, non può migliorare.
La camera sua la dovete oscurare
Perché nel buio lo voglio visitare.
Il re per amore del figlio malato
Volle che tutto gli fosse accordato.
Il medico entrò nella camera oscura
Gridando forte da fare paura:
- Ecco la morte con le ossa torte
Viene a rapire il figlio del re.

E Rosellina uscì dalla stanza di corsa. Il re  cominciò a farle domande, e il falso medico gli rispose:
- Ecco, Maestà, vostro figlio è guarito. Quando domani viene giorno, fatelo portare in giardino. Io l’ho interrogato e mi sono fatta dire tutto: lui vuole una fanciulla che si chiama Rosellina, e io ora vado da lei e vado a dire alla sua maestra che la lasci andare in giardino. Così vostro figlio guarirà.
- Dottore, tutto quello che dice di fare si farà fatto e si farà come si deve.  Per amore di mio figlio non so più a che santo votarmi.
Il giorno dopo Rosellina si ripresentò alla maestra:
- Rosellina, sei proprio tu? – disse la donna.
- Sono venuta a distrarmi un po’ e a prendere un po’ d’aria, è tanto tempo che non vado in giardino…
Il re, appena si fece giorno, non pensò ad altro che a portare suo figlio in giardino. Rosellina si affacciò sul giardino, e il principe sospirando disse:




- Rosellina trallarallà,
Le foglie al basilico le sai contar?

- Insistete anche se siete mezzo morto?

E voi sapete, principe coronato,
Quante stelle ha il cielo stellato?
- Ahi! Che pulci signora maestra!
Ahi! Che cimici signora maestra!
- Baciaste il culo alla mia mula
Ma non aveste la bella cintura.
- Un bel bacio me l’hai dato
Ma il fritto di pesce non l’hai mangiato.
- Viene la Morte con le ossa torte,
Viene a rapire il figlio del re.

Quando il re sentì queste parole, ordinò al corpo di guardia di impedire a Rosellina di lasciare quella casa. Poi ordinò che fosse condotta a palazzo.
- Come sta questa faccenda? – le disse. – Me lo devi raccontare.
- Maestà, io stavo dalla maestra, perché non ho la mamma. Mi sono affacciata sul giardino, e il principe mi ha preso in giro. - Gli raccontò tutto il loro contrasto, poi disse:
- Ora maestà, fatemi la grazia, lasciatemi tornare a casa mia.
- E come puoi andartene, dopo aver quasi fatto morire il mio unico figlio?
- Ma io me ne voglio andare a casa mia! – e tanto fece e tanto disse, che il re la lasciò andare.
Allora il principe disse al padre che la voleva sposare, e il re e la regina, per amore del loro unico figlio non pensarono che Rosellina non era di stirpe reale. Andarono dal padre e gli fecero la proposta:
- Io mia figlia ve la do – disse il padre – ma le vostre maestà devono darmi quaranta giorni di tempo.
In quei quaranta giorni Rosellina si fece portare una sacco di farina, una brocca di miele e un vaso di vetro, e impastò e cosse una pupa, con tutti i fili per muoverla, tale e quale a lei. Dopo le nozze, quando fu ora di andare a letto, Rosellina disse al principe:
- Io mi vergogno a spogliarmi davanti a voi, andate per un poco in un’altra stanza, giusto il tempo che mi spogli e mi metta sotto le coperte.
Lui uscì, lei prese la pupa, la mise a letto al suo posto, e poi si nascose tenendo in mano i fili.
Ecco che entra il marito e le dice:
- Ti ricordi, Rosellina, di quando ti chiesi:

- Rosellina trallarallà,
le foglie al basilico le sai contar?

E la pupa abbassò il capo, facendo segno di sì.
- E ti ricordi di quando ti venni a vendere i pesci in cambio di baci?
La pupa abbassò di nuovo il capo.
Lui continuava a farle domande, e lei faceva segno di sì, che ricordava tutto. Alla fine il principe le chiese:
- E ti sei pentita di tutto quello che mi hai fatto passare?
E la pupa girò la testa di qua e di là, per dire di no. A questo segno lo sposo sguainò la sciabola e tagliò il collo della pupa: ruppe così il vaso che era nel collo, e sgorgò il miele. Era tanto arrabbiato che volle leccare la sciabola, ma appena l’ebbe fatto, gridò:
- Oh! Com’è dolce il sangue della mia sposa! Nessuno potrà impedirmi di uccidermi ora che ho perduto una moglie tanto dolce!
Appena in tempo Rosellina uscì di sotto al letto:
- Sono viva! Sono viva!
E si abbracciarono.

       
Di zucchero e miele è fatta la pupa
       
Moglie e marito la mangiano tutta.



  

 
___________________________________________
TESTO Giuseppe Pitrè, Fiabe novelle e racconti popolari siciliani. Raccolti e illustrati da Giuseppe Pitrè. Con Discorso preliminare, Grammatica del dialetto e delle parlate siciliane, Saggio di novelline albanesi di Sicilia e Glossario; in: Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane, Palermo: L. Pedone–Lauriel, 1870–1913, voll. 25; voll. 4–7; ristampa anastatica, Bologna: Arnaldo Forni Editore 1985, 4 voll. Vol. I, pp. 35–44. Raccontata da Agatuzza Messia.
___________________________________________
TRADUZIONE © Adalinda Gasparini 2018
___________________________________________
IMMAGINE Rielaborata da Arthur Rackham, Peter Pan in Kensington Gardens. Tratto da https://www.pinterest.it/pin/436778863830655715/?lp=true; ultimo accesso 4 ottobre 2018.
 

© Adalinda Gasparini
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Online dal 7 marzo 2018
Ultima revisione 4 ottobre 2018