HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

SAN GIORGE
1938

     Alzabbe l'ècchie o cìele,
     E vedìbbe nu galle,
     Cudde jève S. Giorge,
     Se n' ève partute sènza male penzìre.
     A cchjò na zetella per la vì:
     - "Addò và, zitèlla mìe? " -
     - "Voche alla morte co me manne Ddì" -
     - "Assèttete nu picche, zetèlla mie,
     Quande se vedì tutte bagnate
     De le lagreme de la zetèlla amate,
     Nge decì: - "cè cos'è, zetèlla mie?" -
     - "Jè pu serpènde ca m' av' a mangià." -
     - "Non avènne pavure, fide in Dì,
     Ca m' av' ajetà pe chédde ca fasche." -
     Subete S. Giorge s'alzò in groppe,
     E o serpènde nge ammenò na botte.
     U serpènde alla cote s' attercegghiò,
     E subete all' èrte s' alzò.
     Ma chembarisce nu iàngele do cièle:
     - "Ferme, S. Giorge, e sande cavaliere.
     Ca iòsce n agghia vénge cusse sande punde;
     La vettòrie sop' o demonie av' a jèsse la mìe. " -
     Allora S. Giorge cu chertidde mmane,
     La cape o serpènde, svèlte, nge tagghjò.

Alzò gli occhi al cielo,
e vide un gallo,
lui, san Giorgio, andava,
era partito senza cattivi pensieri.
Incontrò una fanciulla per la via:
- Dove vai fanciulla mia?
- Vado alla morte come mi manda Dio.
- Siediti un poco, fanciulla mia,
Quando si vide tutto bagnato
delle lacrime della fanciulla amata,
le disse: - Che cos'hai fanciulla mia?
- È per il serpente che mi deve mangiar.
- Non averne paura, confida in Dio,
che mi aiuterà per quello che faccio.
Subito san Giorgio montò in groppa
e il serpente gli diede una botta.
Il serpente la coda attorcigliò,
e subito si rizzò.
Ma apparve un angelo dal cielo:
- Fermo, san Giorgio, santo cavaliere,
che oggi devo venire con questa lama santa,
vittoria sul demonio dev'essere la mia.
Allora san Giorgio impugnato il coltello,
il capo al serpente svelto tagliò.


Paolo Uccello, 1470


___________________________________________
TESTO

Saverio La Sorsa, Leggende poetiche di Puglia; Catania: Prampolini, 1938; p. 145.

___________________________________________
TRADUZIONE
© Adalinda Gasparini 2010.

___________________________________________

IMMAGINE Paolo Uccello, San Giorgio e il drago (1470); Londra, National Gallery.
Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Paolo_Uccello_047b.jpg; consultato il 24 ottobre 2011.


 © Adalinda Gasparini
Online dal 10 gennaio 2010
Ultima modifica: 2 ottobre 2018