HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

IR PAPAGAL - LA BOATA PERDA
1872
IL PAPPAGALLO - LA BAMBOLA PERDUTA


Ina vota u jera n re chlheiva da and a ra uera e lha arcmand a so muj che fintant che chilla a steiva fora a n duveiss nenta surt fora dar palase ; pirch u jera n atir re ch u r heiva ausija e chilla lheiva pau ch u ra rubeiss. Primma dand via ist re u crumpa n papagal e u l porta a su muj e poi l and via. Ist re che laureiva rub culla riginnha u girava turn ar palase. L ha vist ina vgeta ch r era ina strija, a i  ha dicc: mi as csa t hai e asun bunnha a fte uar e fte parl cun culla dona che ti it vai a sirch, basta che ti ti m daghe n argall. E chille: mi at dagg cull chi t voi; uarda ca si n t fai nent mi at mass. Ista donna a ra matin a s vistiss ben e ra va ar palase dista riginnha e ra diss ch ra v parl a ra riginnha. E r ha dicc: mi asun so lalla e asun avnija a anvideira ch i fa ir nousse dme fija. Chirra squase squasi a j andava, ma ir papagal ai ha dicc ch a n j stega nenta and ch u capitr m ; ch am daga ment a mi, a parl pr u so ben. C'era una volta un re che doveva andare alla guerra, ma c'era anche un'altro re al quale piaceva tanto la regina, e il re aveva paura che gliela rubasse. Cos il re raccomand alla sposa di non lasciare mai il palazzo finch lui era lontano, poi, prima di lasciarla, compr un pappagallo, glielo diede, e part.
Il re che voleva prendere la regina per s girava intorno al palazzo. Lo vide una vecchietta che era una strega, e gli disse:
Io so cosa ti manca, e ti potrei guarire, se solo tu mi regalassi qualcosa.
E lui:
Io ti dar tutto quello che vuoi, ma bada che se non mantieni tua promessa io ti uccido.
Il giorno dopo questa vecchia si vest come si deve e and a palazzo, chiese di parlare con la regina e le disse:
Sono la tua nonnina, e sono venuta a invitarti alle nozze di mia figlia.
La regina stava per accettare l'invito, ma il pappagallo le disse che non era proprio il caso che ci andasse, che le sarebbe successo qualcosa di brutto:
Da' retta a me, regina, che io parlo per il tuo bene.
E u i n ha dicc tante che chirra r ha dicc ch u i fa m ra testa che pir culla matin an j p nenta and. Ir papagal anlura u i ha dicc: an pagament mi at cuintr ina listoria bela tant: Dis che ina volta n re lheiva ina fija sula, sensa n fradei n surele, e chirra pr avei cheichadin dra so et da f ir cumedie a s faja f ina buata granda cme chirra, d ir midem mur, titt cme chirra. Dapartitt anda ch r andava r aureiva ra so buata adrera e guai a chi ch u i ra tuccava! U ven ch i feivo ina vota ina cacia e chirra asse r ausija and cun s pare ant i bousc, e quandi ch i sun stai l a j avn tanci nimis e i han mass so pare e rub ra fija, e i r han purtaja aluntan e poi i r han lassaja and. Chirra an savinda and ch r andava r andaja a ina curt dina riginnha e a s bitaja a sirv e r ha f tantu ben che so patrunnha r aureiva p ben a chirra ch a titte ir serve ch r heiva danprimma. Lur atre anrabiaje han dicc antra lur:   ista mata r tropp favurija; fummra an p case cun cheica maciaverica.

E tanto fece e tanto disse che la regina le mand a dire che aveva mal di testa e che per quel giorno non poteva uscire.
Allora il pappagallo le disse:
Per ricompensa ora ti racconter una storia meravigliosa. Si dice che c'era una volta un re che aveva una sola figlia, senza un fratello, senza una sorella, e lei per avere qualcuno con cui giocare si era fatta fare una bambola uguale identica a lei, col suo stesso viso, della stessa altezza. Ovunque andasse portava con s la sua bambola, e guai a chi gliela toccava!
Ecco che una volta il re and a caccia, e la principessa volle andarci anche lei, ma quando furono nel bosco i nemici li assalirono, uccisero il re e fecero prigioniera la figlia. La portarono con s  lontano e poi l'abbandonarono.
La poverina non sapeva dove andare e cammina cammina giunse alla corte di una regina ed entr al suo servizio. Era tanto brava che la regina la prese a benvolere, e preferiva lei a tutte quelle che la servivano da tanto tempo. Queste cameriere erano arrabbiate, e si dissero:
E i han dicc: o bela fija, ra nostra patrunnha a v vo prope ben e a v cunfida titt, ma a n v ha ancura dicc ina cosa che nuiatre a summa, e r che r heiva n fi  e u j mort. Chirra nucentement r ha dicc a culla siura: l vei ch r heiva n bel fi e u j mort ? Dinda parecc, culla siura u j avn m ; e u jera pennha ra testa a chi ch u i numinava so fi, ma pirch ch r era ina dona a r ha faja bit ant ina parzun suttatera ; ma r ha dicc ai servitur che sa n aureiva nenta mang ambsugnava ch ra tiresso s. Ista mata ant culla parzun a n feiva che pianse e a n aureiva nenta mang, e l avn nocc. A meza nocc ra sent a drub ra stansia, e ra vegg sinqu homme, quatir mago e n bell zuvnott alij, ch l era ir fi du re, che fintant che lur i steivo l i l sliavo e poi a trei bott i l turnavo a lij. Cull fi lha dicc a culla: d da csi a me mamma ch ra manda zi dudes hom cun n p d ferr ; ch mi asun viv e ti it purrai salvme. A ra matin i sirvitui i van a ciam ista siura e a dije che cula fija a n aureiva nent mang. A r ha faja tir s e ista mata a j ja dicc cull ch u jheiva dicc cull zuvnott ant ra parzun. Chirra a r ha turna mandaja z cun i home, e a ra meza nocc ist mago e cui dudes home cun ir p d fer i han f bataja, e cui mago i sun stai massai, e i sun turnai s ir fi du re e culla fija che chille u r aureiva spusra, ma chirra a n ha aus atir che di dnei e n vist da om.
An mentre che ir papagal u diva ist parole u sent a pstich ra porta da culla vegia ; pirch cull zuvnott u i heiva dicc che sa n fa nenta avn culla muj d cull re, chille u ra massa. Dunca r avnija a ciamra ch randeiss, ch a n i feiss nenta ist tort : ma ir papagal u diva dlung : Staje nenta and, staje nenta and, dije ch it hai m a ra testa. E chirra a i a fa d dai servitur c a n p nenta and. Anlura ir papagal l ha turna cuntinu ra listoria: Culla mata vistija da om r andaja via da cull statt e va che ti va, r rivaja a ina sitt andanna chu jera n fi du re marave, e ansin medich an manere ninnhe u lheiva puss f uar. Chille u va e u dis chi l lasseisso st ina nocc cun cull marave e poi laureiva sav d s u i peiva uar. A ra meza nocc ist fi du re u stravniava cme n dan e poi u s chietava anvers a ra matin. Ista dona au schir r andaija sutta au lecc e r ha vist ch u jera in atrapaura ch r andava z ant ina stansia. Chirra  r andaja z, r a vist n curidur e anfund dir curidur n lim. Chirra r andaja l e r ha vist ina vegia ch ra feiva buje ant ina caudrinnha ir cor dir fi du re, cull ch lera marave ant cull lecc ; pirch ch lheiva f mas so fi. Ista dona r ha dicc che chirra asse r era cuntra a cull baloss e che bsugnava fle mur. E i han cumbin d and ans u lidman ans ir cal d l ura a f na mrendetta e poi f mur ir fi du re. Ans u lidman u leva s ir pare d cull fi e u dis cm era andaja ar marave ? E ir medic : ben, ma aj ha bsogn dui amurun d vin, n cun ra dromia, latir sensa, dir pan e dra cumpan. A ra seira va da ista dona, a i ha d da beive e poi quandi ch re staja andrumija a i ha taj ir col, r ha pij ir cor d ir fi du re, a i l ha d da mang ar marave e l uar. A ra matin u re so pare, titt cuntent e titt alegr, l ha dicc : aj heiva amprumet me fi per spus a chi ch l feiva uar, si l era ina dona, e si lera n om ra mit d ir me statt ; dunqua vui istarei qui e isarei patrun cme mi du statt. Ma ir medic u n a nenta aus steje e l turna and via.
Anlura ir papagal l ha dicc a culla riginnha : i turno a pstich. Chirra r ha mand i sirvitur a vegghe : e r era culla vegia ch raureiva che ra riginnha randeiss a culla festa. Ir papagal u dis : an staje nenta and, ch u t fa mur; faje d ch i n t pi nenta and. E chirra cs r ha f. Cull zuvnott anlura u i ha dicc a culla vegia : si st atra vota i n t fai nenta avn culla dona, venme manc p a vegghe, che mi t taj ir coll e sta ben atenta ! Ir papagal l ha poi continu ra listoria e l ha dicc che cull medich l turna and ant in atra sitt e u j era n fi du re austrij e u n peiva nent parl. Chille la dicc ch l medich e che l aureiva st ina nocc a sent cma ch r andava. E l ha vist ch a meza nocc l avniva z da ra fnestra du bell done chjero strije. E avninda l i jalvavo dan bucca ina prejetta e anlura u parlava.# A ra matin i andavo via e ji bitavo culla prejetta an bucca e chille u n parlava p. So pare a ra matin ra dicc ar medich: cme chra va? e chille i ha dicc ch ra cminsipiava and ben, ma che bsugnava st ancura ina nocc. A latra nocc ecco i turno ir strije, i levo ra preja e i ra betto ans u lecc. Cull ch l era asutt tira, tira, u ra faje case e poi u rha piaja. Vers a ra matin, a cullura fisa, cull strije i heivo da and via e ra preja i n r han p pussa tru. A ra matin anlura, andanda ant ra stansia ir pare d cull fi, chille u i ha d bund e lera bela che uar. I laureivo tene a ra so curt cull medich, ma chille u n j auss st turna and prir mund.
Mentr chir papagal u diva ist parole qui, i turno a sant a pstich ra porta da culla dona vegia ch ra pariva u diau e raureiva per ticc i cunt ch r andeiss. E ir papagal u diva dlung: no, vaje nent, vaje nent. Culla vegia avghinda che proppe a n j andava nent a j a dicc ch a i daga dui d soi cavej ; ma ir papagal a ra fin u i a dicc cha i deiss dui cavej d siass e chirra a i ha dai#. Culla vegia andanda a c r ha anstrij cui cavej ; e cull siass, anpartindse da chille, l and a c d cull zuvnott e u l a mass mes, pirch u i sautava ans ra testa, ansir man, dapartitt. R avnija culla vegia pir vegghe se ra dona r era avnija e cull zuvnot r ha massaja e cs re finija. Cull medich antant lera and ant i n atra sitt anda ch u jra n fi du re ch l heiva m, e u guardava  dlung ant n armaire. Chirra r andaja l e l ha dicc ch l era n medich e ch l aureiva f uar ir marave. A meza nocc ist fi du re u leva s e u va a drub cull armaire. Ista fija a jera adreira a vegghe cma ch ra va, e drubinda larmaire ra vist ra so buata ch r heiva dlung sirc dapartitt e a nheiva mai aus marise pir chirra. Appennha ch r ha vist ra so buata, chirra r ha dicc: oh! ra m buata! e ir fi du re: oh! ra m spusa! E anlura chirra a s svistija da om e a s spusaia cun ir fi du re, pirch chille lera anamur d chirra senza vegra, pensanda che se ra buata r era bela, ra patrunnha ra duviva eise ancur p bela ; e chirra ra sircava ra so buata, si d no an s mariava nent.
Adinda ist parole qui, i sento pastich ra porta e ir papagal u dis a coula riginnha: l so mar. Chirra ra va a vegghe, e ra veggh so mari ch u i dis: brava ra me spousa ch in t ei nent surtija da c ! e ir papagal ? Ra va a vegghe ir papagal e u n jera p, u jera un bel zuvnott. Chirra r armasa ambrojaja ; ma so mar u i ha dicc: ist l era n zuvnott che mi aj bit an c pir vegghe ra fidilt dir done. A n p lunga a n p streccia, chi ch u na v angura, chu j na betta.
  Questa ragazza troppo favorita; dobbiamo trovare uno stratagemma per sistemarla come merita.
Cos le dissero:
O bella fanciulla, la nostra padrona ti vuole molto bene e ti racconta tutto, ma non ti ha ancora detto una cosa che noi sappiamo: aveva un unico figlio, ed morto.
Allora lei senza malizia disse alla sua signora:
vero che avevi un figlio bello che morto?
Allora la regina ebbe un malore, e c'era la pena di morte per chi nominava suo figlio davanti a lei, ma siccome era una donna la fece gettare in una prigione sotterranea. Disse poi ai servitori che se non avesse toccato cibo avrebbero dovuto farla risalire.
La ragazza in prigione non fece altro che piangere e quando venne la notte non aveva mangiato nulla. A mezzanotte sent che la porta si apriva, e vide entrare nella stanza cinque uomini: quattro maghi e un bel giovane tutto legato, che era il figlio del re. Lo slegarono e lo lasciarono cos fino a che restarono nella stanza, poi, quando rintoccarono le tre, lo legarono di nuovo. Il principe disse alla fanciulla:
Devi dire a mia madre che mi mandi gi dodici uomini armati di sbarre di ferro, dille che sono vivo e che tu puoi salvarmi.
Al mattino i servitori andarono a chiamare la regina e le dissero che la giovane non aveva toccato cibo. Lei allora ordin che la portassero su e lei le disse quello che aveva detto quel giovanotto nella prigione. Allora la regina la rimand nel sotterraneo con i dodici uomini, che a mezzanotte si scontrarono con i maghi e li ammazzarono con le sbarre di ferro, poi risalirono con il principe e con la fanciulla, e lui la voleva sposare, ma lei non volle accettare altro che una borsa d'oro e un vestito da uomo.
Mentre il pappagallo diceva queste parole si sent bussare alla porta, ed era quella vecchia; perch il giovane re le aveva detto che l'ammazzava se non faceva in modo che capitasse qualcosa fra lui e la moglie del re. Ma il pappagallo le disse ancora:
Non ci devi andare, non ci devi andare,
 dille che ti fa male la testa.
Allora lei mand i servitori a dirle che non poteva proprio accettare l'invito, e il pappagallo continu a raccontarle la storia:
Quella ragazza vestita da uomo lasci quel reame e cammina cammina arriv inuna citt dove il figlio del re era malato, e non c'era pi un medico che sapesse qualcosa di utile per farlo guarire. Lei and a palazzo vestita da medico e disse che se la lasciavano per una notte col malato, al mattino avrebbe detto se poteva guarirlo.
A mezzanotte il principe cominci a stralunare gli occhi come un'anima dannata, e si calm solo verso il mattino. Nel buio lei si infil sotto il letto e vide che cera una botola, dalla quale si scendeva in una stanza, scese e di l vide un corridoio e in fondo al corridoio c'era un lume. And in fondo al corridoio e vide una vecchia che faceva bollire in un pentolino il cuore del principe che era a letto malato, perch il principe aveva condannato a morte il figlio della vecchia. Disse alla vecchia che anche lei era nemica di quel birbante e che bisognava farlo morire, cos si misero d'accordo che l'indomani, al calar della sera, si sarebbero incontrate per fare una merenda e poi avrebbero ucciso il figlio del re.
L'indomani il re padre si alz e le chiese come andava col principe malato.
E il medico rispose:
Bene, ma ho bisogno di due fiaschi di vino, uno con loppio e l'altro senza, di pane e di companatico.
A sera and da quella vecchia, le diede da bere e quando fu ben addormentata le tagli il collo, le prese il cuore del principe, lo fece mangiare al malato e lo guar.
Al mattino il re padre, felice e contento, disse:
Avevo promesso mio figlio in sposo a chi l'avesse guarito, se fosse stata una donna, e la met del mio regno, se fosse stato un uomo: voi quindi resterete qua e sarete insieme a me il padrone dello stato.
Ma il medico non volle restare e si rimise in cammino.
Allora il pappagallo disse alla regina:
Sono tornati a bussare.
Lei mand i servitori a vedere, ed era la vecchia che voleva far uscire la regina per andare a quella festa. Il pappagallo le disse:
Non ci devi andare, perch ti farebbe morire, mandale a dire che non puoi andarci. E la regina fece cos.
Il giovane re disse allora alla vecchia:
Se la prossima volta non farai in modo che capiti qualcosa con la regina, non venirmi pi davanti, perch ti taglio il collo, bada bene!
Il pappagallo poi continu la storia e raccont che la ragazza era  arrivata in unaltra citt dove il figlio del re era stregato e non poteva pi parlare. Lei si present come medico e disse che voleva restare una notte col malato per capire di che si trattava. E vide che a mezzanotte entrarono dalla finestra due belle donne che erano streghe, appena arrivate gli levarono dalla bocca una pietruzza e il principe si mise a parlare. Al mattino prima di andarsene gli rimisero la pietruzza in bocca e lui non parl pi.
La mattina seguente il re padre chiese al medico:
Come va?
E lei gli disse che il principe stava guarendo, ma doveva passare un'altra notte. La notte tornarono le streghe, gli tolsero la pietruzza dalla bocca e la buttarono sul letto. Lei era nascosta sotto il letto, e allora tir pian piano le coperte finch fece cadere la pietruzza e la prese. Quando stava per tornare il giorno le streghe dovettero andarsene senza essere riuscite a trovare la pietruzza. E la mattina dopo, quando il re entr nella stanza, il principe gli diede il buongiorno ed era perfettamente guarito. Il re e il principe avrebbero voluto che il medico restasse a corte con loro, ma lui si rimise in cammino per il mondo. 
Mentre il pappagallo diceva queste parole, sentirono ancora bussare alla porta quella vecchia indiavolata e in tutti i modi voleva che la regina andasse con lei. E il pappagallo diceva sempre:
Non andare, non devi assolutamente andare.
Quella vecchia, vedendo che non c'era modo di convincere la regina a uscire, le chiese di darle due dei suoi capelli, ma il pappagallo invece le fece dare alla vecchia due fili del setaccio. La vecchia torn a casa e fece un incantesimo sui capelli, cos il setaccio part dal palazzo reale, raggiunse il giovane re e quasi lo ammazz saltandogli sulla testa, sulle mani, colpendolo dappertutto. Quando venne la vecchia a vedere se la regina era arrivata, il giovane re l'ammazz e non se ne sent pi parlare.
E intanto il medico era arrivato in unaltra citt dove il figlio del re stava male, e non faceva altro che guardare in un armadio. Allora lei si present come medico e disse che avrebbe guarito il principe malato. A mezzanotte il principe si alz e and ad aprire il suo armadio. Mentre la giovane era dietro di lui per capire come andava questa faccenda, nell'armadio aperto vide la sua bambola che da tanto tempo cercava per il mondo e non avendola trovata non aveva mai voluto sposarsi. Appena vide la sua bambola lei disse:
Oh! la mia bambola!
E il figlio del re:
Oh! la mia sposa!
Allora lei si tolse gli abiti da uomo e si spos col figlio del re, che si era innamorato di lei prima ancora di vederla, perch aveva pensato che se la bambola era bella, la sua padrona doveva essere ancora pi bella, mentre lei cercava la sua bambola e non voleva sposarsi.
Mentre diceva queste parole, si sent che bussavano alla porta, e il pappagallo disse alla regina:
il tuo sposo.
Lei and a vedere ed era il suo re, che le disse:
Sei stata brava, sposa mia, a non uscire mai dal palazzo reale! e il pappagallo?
Lei and dal pappagallo e non lo trov pi, perch al suo posto c'era un bel giovane. Lei rimase confusa, ma il re le disse:
Questo era un giovane che io ho fatto venire per vedere la fedelt delle donne.

Non pi lunga, non pi stretta
chi ne vuole ancora ce la metta.



__________________________________________                        

VEDI ANCHE
IN FABULANDO. CARTA FIABESCA DELLA SUCCESSIONE, La bambola perduta, e-book, liberamente accessibile.

__________________________________________

TESTO


Domenico Comparetti, Novelline popolari italiane. Pubblicate ed illustrate da Domenico Comparetti, volume primo. Ermanno Loesher, Roma Torino Firenze, 1875. Ristampa anastatica Forni Editore, Bologna 1968. Pp. 712
.




TRADUZIONE
Adalinda Gasparini 2003
__________________________________________

IMMAGINE Sue Porter for Tales of a Parrot; in: Idries Shah, World Tales. The Extraordinary Coincidence of Stories Told in All Times, in All Places; U.K.: Harcourt Brace Jovanovich, Octagon Press, 1979; pp. 410.
Fonte: http://eye-candy-for-bibliophiles.blogspot.com/2008/08/art-fairy-folk-tales-illustration.html;
ultimo accesso: 16/09/2018.
__________________________________________
NOTE

Disse poi ai servitori che se non avesse toccato cibo avrebbero dovuto farla risalire.

Se la principessa non tocca cibo nella prigione sotterranea, potr risalire: come nella storia di Demetra e Kore. Kore/Proserpina potr tornare sulla terra dalla madre solo se non avr toccato cibo durante la sua permanenza nel regno dei morti. Che si tratti di un ambito ultramondano nella fiaba evidente, anche perch viene detto che il figlio della regina era morto.

Si era innamorato di lei prima ancora di vederla, perch aveva pensato che se la bambola era bella, la sua padrona doveva essere ancora pi bella




Kalaf si innamora perdutamente vedendo il ritratto di Turandot, come in molte fiabe ci si innamora vedendo la semplice immagine. Non solo, ci si innamora immaginando una sposa dall'incarnato rosso e bianco, per associazione con la ricotta macchiata di sangue, come accade nella fiaba calabrese "La ricotta janca".
La fissazione dell'attante, in questo caso il principe, a un'immagine, rimanda a Narciso, e nella fiaba il distacco dall'immagine avviene quando la fonte stessa dell'immagine si presenta, con una bellezza viva. La principessa della storia, orfana e senza fratelli, non pu sposarsi finch non ritrova la propria immagine, la buata, la bambola che aveva costruito per aver qualcuno con cui giocare. Nella ricerca della bambola si traveste, e quasi si trasforma, in uomo, nel medico che incontra immagini maschili incantate, stregate, in sotterranei che rimandano agli inferi. La sua capacit di curare viene dalla sua capacit di scendere nei sotterranei senza mangiare e senza bere, vale a dire nella sua capacit di entrarvi mantenendo la capacit di tornare a pieno titolo in superficie.


Questo era un giovane che io ho fatto venire per vedere la fedelt delle donne.
Al tema della fedelt, o dell'infedelt, della donna dedicata la storia cornice delle Mille e una notte, e per rendere possibile l'unione Shahrazad racconta storie al sultano come il pappagallo nel Panchatantra, raccolta indoiranica anteriore alla raccolta araba. Come il Panchatantra si sia trasferito nella storia piemontese, raccolta da un narratore popolare, questione impossibile da risolvere, che in ogni caso mostra come le vie dei motivi narrativi siano, letteralmente, infinite.
Si pu notare che la spiegazione finale fornita dalla fiaba non spiega la metamorfosi del pappagallo n riguardo all'incantesimo negativo n riguardo al suo scioglimento: il giovane sarebbe stato punito per essersi trovato nella posizione del re rivale, cercando di rubare la moglie di un altro. Per riavere la sua forma umana avrebbe quindi dovuto far conservare una regina fedele al suo re lontano.







                                                                                                                                                                                                                              






Adalinda Gasparini
Posted 10/01/2003
Last updated: 16/09/2018