HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

MASTROU BNINH MASTRO BENIGNO MASTER BNINH
OCCITANO CALABRESE - 1895
ITALIANO - 2018
INGLESE - 2018


In igg, la caminav Gz Crist. Ir a v riv a la Gardi. Pi, l'ava piov e ilh rn toutt cant banh. Pi, a v trov in fourjar e a v dmand:
- Tu m doun in poc d richt?
Al rispond:
- S ou patroun.
Al pos ou martell 'n trr, al piulh ina sport d carboun e a l' quiav sa fic e a lh' fait quiav 'ntourn da fic p s shaoudar, pqui i s'rn toutt banh.
- Esta nout, durm ess.
Pi al salh e ann a la qu. Al pilh in piattll d baccal e du pan e ina bomboul d vin e a lh'o-v pourt e ilh an mng toutt cant.
Lou patroun a s ann a la qu e lour i soun rst din a cattoi. A lou matin, fazunt jorn, al ann in aoutr igg a la forg. San Pir a lhi d:
- Chrqu-lh ina grassi, qu'iqull l' lou Mastr nostr.
A s vchin avount lou Mastr e a lhi d:
- Mastr
, faz-m' ina grassi.
Lou Mastr a lh'a rispond:
- D-m soc t vol.
- Vlh qu'en ique p d fougar l fi i stessn touttavi
, e qui 'quian a
mnjar l fi i pssn pa shind suntsa permss mv.
- T sia counch
d la grassi qu t' chrqu.
Doppi, pass carqu m, i soun tourn annar
avount ique mastrou Bninh, qu l'r lou stss fourjar, e i van dir:
- Sn vnh in aoutr igg
.
Lou mastrou al rispound:
- S patroun d vnir touttav.
Lou mastrou al less d fatogar, al gst lou fic in aoutr
igg e a lh' fait shaoud a toutt cant. Pi, al ann in aoutr'igg a la qu, al pilh in bacchil d baccal e in'aoutr du pan e in'aoutra bomboul d vin e a lh'o-v pourt e ilh an ming toutt cant. La matin al ann novamunt e San Pir a lhi d:
- Chrqu-lh in aoutr grassi a Mastr
.
Mastrou Bninh a d:
- Voulr in'aoutr grassi fait d vu.
Lou Maistr a rispound:
- D qui t vol.
- Iai
ista sjjutt: qui s mtt suntsa permss mv, i s pssa pa soumm.
Lou Maistr a rispound:
- T sia counchdou la grassi qu
t' chrqu.
Pass carqu du m, i van torna annar a stss lic qu'ilh rn st mai igg e i van dir
:
- Sn vnh in aoutr igg
t trouvar.
Mastrou Bninh  a rispound:
- D
cour qu voul vnir, s touttavi lou patroun.
A v laiss d fatigar
e a v just lou fic in aoutr igg, e doppi a v pil in aoutr
du pan e in'aoutra bomboul d vin e a lhi l' pourt a cattoi. La matin, fazunt journ, a v annar a cattoi avount ilh rn e San Pir a v dich:
- M'av'a far in'aoutra grassi
a Mastr que lou Maistr a t la fai.
Mastrou Bninh al ann avount lou Mastr e a lh' dich:
- M'av'a far in'aoutra grassi.
Lou Maistr a v dir:
- D qui coz t vol.
Mastrou Bninh  a v rispound:
- Iai
ique dzain qu'al 'mpint: toutt soqqu vlh mu, la s trouvss din a dzain mv
.
Lou Mastr a v rispound:
- T sia counchd.

Una volta Ges Cristo, cammina cammina, arriv a Guardia. Dato che, essendo piovuto, erano tutti bagnati, capitarono da un fabbro e gli domandarono:
- Ci daresti un po' di riparo?
Lui rispose:
- Fate come se foste a casa vostra.
Pos in terra il martello, and a prendere una borsa di carbone e ravviv il fuoco, poi, vedendo che erano tutti bagnati, li fece accomodare intorno al fuoco per scaldarsi.
- Questa notte, dormite qui.
Poi usc e and in casa. Prese un piatto di baccal, due pani e una boccia di vino, glieli port e tutti quanti mangiarono e bevvero.
Il fabbro se ne and a casa e loro restarono nella bottega. Al mattino, appena fece giorno, torn alla sua forgia. San Pietro gli disse:
- Chiedigli una grazia, che quello il nostro Maestro.
Allora and davanti al Maestro e gli disse:
- Maestro, fatemi una grazia.
Il Maestro gli rispose:
- Dimmi cosa vuoi.
- Vorrei che sulla mia pianta di fico i fichi maturino in ogni stagione, e che chiunque salga sull'albero a mangiare i fichi non possa scendere senza il mio permesso.
- Ti sia concessa la grazia che mi hai chiesto.
Pass qualche mese, e tornarono a passare dalle parti di mastro Benigno, il fabbro della prima volta, e andarono a dirgli:
- Siamo venuti a trovarti un'altra volta.
Mastro Benigno gli rispose:
- Ogni volta che verrete sarete a casa vostra.
Il fabbro smise di lavorare, e anche questa volta ravviv il fuoco e li fece sedere tutti quanti. Poi and in casa come la prima volta, prese un bacile di baccal, altri due pani e un'altra boccia di vino, lo port a loro e tutti quanti mangiarono e bevvero. Anche quella volta al mattino and nella sua bottega e San Pietro gli disse:
- Chiedi un'altra grazia al Maestro.
Mastro Benigno and a dirgli:
- Vorrei che mi faceste un'altra grazia.
Il Maestro gli rispose:
- Di' quel che vuoi.
- Ho questa seggiolina: che chi ci si mette a sedere non possa rialzarsi senza il mio permesso.
Il Maestro gli rispose:
- Ti sia concessa la grazia che hai chiesto.
Passati un paio di mesi, di nuovo capitarono nello stesso posto come le altre volte, e andarono a dirgli:
- Siamo venuti a trovarti un'altra volta.
Mastro Benigno gli rispose:
- Ogni volta che volete venire, questa casa vostra.
Smise di lavorare e and anche questa volta a ravvivare il fuoco, e poi and a prendere altri due pani e un'altra boccia di vino e li port nella bottega. La mattina, quando si fece giorno, and nella bottega dove c'erano loro e San Pietro gli disse:
- Vai a chiedere un'altra grazia al  Maestro, che il Maestro te la concede.
Allora Mastro Benigno and dove si trovava il Maestro e gli disse:
- Mi dovete fare un'altra grazia.
Il Maestro gli disse:
- Di' che cosa vuoi.
Mastro Benigno gli rispose:
- Ho quello zaino l appeso: che tutto ci che voglio si trovi nel mio zaino.
Il Maestro gli rispose:
- Ti sia concesso.

Once upon a time, Jesus and his companions, after a long walk, arrived in Guardia. Since they were all wet from the heavy rain, they went to a blacksmiths shop, and asked the blacksmith, whose name was master Bninh:
- May we enter to find shelter from the rain?
The blacksmith replied:
- Come in, and make yourselves at home.
He laid his hammer on the ground and went to get a bag of coal to rekindle the fire. Then, seeing that they were all wet, he made them sit around the fire to warm themselves.
- Tonight, you will sleep here.
Then the blacksmith left the shop and went to his house. He took a plate of cod and a flask of wine and brought them to his workshop where they all ate and drank together.
After dinner, the blacksmith went home, while Jesus and his companions stayed in the workshop. In the morning, as soon as daylight came, the blacksmith went to his forge.
St. Peter, who was with Jesus, said to him:
- Ask Jesus for a grace, for He is our Master.
So the blacksmith went before the Master and told Him:
- Master, grant me a grace.
The Master answered him:
- Tell me what grace you wish to receive.
- I would like my fig plant to yield figs in every season, and for anyone who climbs my tree to eat my figs to be then unable to climb down without my permission.
- You will be granted what you ask.
A few months passed, and Jesus and his companions returned to the country of master Bninh, the same blacksmith of the first time, and they went to tell him:
- We have come to see see you again.
Master Bninh answered them:
- Every time you visit me, you are welcome to make yourselves at home.
The blacksmith stopped working, and this time as well he rekindled the fire and seated all of them. Then he went home like the first time,
He took a tray of cod and another flask of wine, he brought them to his workshop and they all ate and drank together.
Like the first time, this time too the blacksmith went to his workshop in the morning, and St. Peter said to him:
- Ask our Master for another grace.
Master Bninh went to Him and said to Him:
- Master, I would like you to grant me another grace.
The Master answered him:
- Tell me what you wish.
- I wish for whoever sits down on this little chair of mine to be unable to get up without my permission.
- You will be granted this grace.
A couple of months passed, and again Jesus and his companions returned to the same place as before, and went to tell the blacksmith:
- We have come to see you again.
Master Bninh answered them:
- Come when you want, and make yourselves at home.
The blacksmith stopped working, and this time too he went to rekindle the fire, then he went home to get two large loaves of bread and another flask of wine, and he brought them to his workshop. In the morning, when daylight rose, he went to the workshop where Jesus and his companions had slept. St. Peter told him:
- Ask for another grace to our Master, and the Master will grant it to you.
Then master Bninh went where before the Master and told Him:
- Master, grant me another grace.
The Master told him:
- Tell me what you wish.
- I wish for anyone I want to find themselves in that little backpack of mine, that is hanging there on the wall.
- May this be granted to you.

Pi, a v pass tant tump, lou Mastr a quiamm la Mort e a la manda a quiamm a mastrou Bninh
. La Mort ilh ann su d la port e ilh dich:
- Mastrou Bninh, vn, qu lou Mastr a z vol.
Mastrou Bninh  al rispound:
- Cant lhior
d justar ista tsappll e n'annn
ntsm.
La Mort, ilh 'nquian sa fougar e i s' ming l fi. Pi, i voula shind e i poua pa shind. I v quiam:
- Mastrou Bninh, mu po pa shind.
A v rispoud
mastrou Bninh e a v dir:
- S t vol shind
, t m' a far camp in aoutr tant iann d cant iann sou camp.
I v rispound la Mort e i v dir:
- T sia counch d.
E a l' fait shind e a s n' ann p l'affar sv. Pass toutt lou tump
qu'i lh'ava counchd, lou Mastr a quiamm in aoutr igg la Mort e a la mand. La Mort i voula pa annar, ma pi i v 'ver
a annar in aoutr igg avount mastrou Bninh. Mastrou Bninh al rispound:
- Cant fav ista vmmr e n'annn. Stt-t su la sgg
e.
Ir i s' stt su la sgg. Doppi d du o tr iour, la Mort ilh quiamm a mastrou Bninh:
- Annn-dz-nn.
Mastrou Bninh a rispound:
- S t n
vol annar, t
m' a far camp in aoutr tant d cant sivou camp
La Mort i d:
- Camp cant voul e faz-mm-n'annar.
Esh, mastrou Bninh
a v prmtt qu'i s n foussa ann. Doppi, pass tant tump, lou Mastr
a v quiamm la Mort in aoutr igg e la Mort v rispound a Mastr:
- Lhi vo p.
Lou Mastr a v quiamm lou Dmoni e a lhi l' mand. Lou Dmoni malandrin a v quiamm
d'arras. Mastrou Bninh a v rispound:
- Qui t vol
?
- Vn-t-nn, qu ir vn.
Mastrou Bninh a v pilh lou dzain e a v dir:
- A nomm
d Div, lou Diavoul din a dzain mv!
La sr a v viz aoutr tr mastr, qu'a voula ajji p lou dman. La matin, i s van przunt p fatgar. Mastrou Bninh a quiav lou dzain su l'ncodn a e d:
- 'Mpaqui.
I l'an manqu e l'an fait
coum ina past, e lou Divoul a criav e a v dir:
- Famm-n' annar e mu t fo camp in aoutr tant d cant t s camp p lou pass.
Mastrou Bninh al rst din la forg e al fatgu p toutt lou tump qu'a lh' doun lou Divoul. Lou Divoul al ann a l'nfrn e a d a coumpanhoun:
- La lh' in aoutr
dmoni m fort d nu. Sarr la port, qu'al pa a intr avount sn nu.

Pass molto tempo, e il Maestro chiam la Morte e la mand a chiamare mastro Benigno. La Morte and alla sua porta e gli disse:
- Mastro Benigno, vieni, che ti vuole il Maestro.
Mastro Benigno le rispose:
- Appena finisco di aggiustare questa zappetta ce ne andiamo insieme.
La Morte sal sul fico e si mise a mangiare i fichi. Poi voleva scendere, ma scendere non poteva. Chiam:
- Mastro Benigno, non posso pi scendere.
E mastro Benigno le rispose cos:
- Se vuoi scendere, mi devi far vivere tanti anni quanti ne ho gi vissuti.
Allora la Morte gli rispose cos:
- Ti sia concesso.
Lui la fece scendere e se ne and per i fatti suoi. Passato tutto il tempo che gli era stato concesso, il Maestro chiam un'altra volta la Morte e gliela mand. La Morte non ci voleva andare, ma poi le tocc tornare alla porta di mastro Benigno. Mastro Benigno le disse:
- Appena ho fatto questo vomero ce ne andiamo. Siediti sulla seggiolina.
Quella si sedette sulla seggiolina. Dopo due o tre ore, la Morte chiam mastro Benigno:
- Ora andiamocene.
Mastro Benigno le rispose:
- Se te ne vuoi andare, devi farmi vivere ancora tanti anni quanti ne ho gi vissuti.
La Morte gli disse:
- Campa quanto ti pare e lasciami andare.
E allora mastro Benigno le permise di andarsene. Dopo tanto, tanto tempo, il Maestro chiam di nuovo la Morte per andare da mastro Benigno, ma la Morte rispose al Maestro:
- Non ci vo pi.
Il Maestro allora chiam il Diavolo e glielo mand. Il Diavolo malandrino chiam il fabbro di lontano. Mastro Benigno gli rispose:
- Che vuoi?
- Vieni, che devi venire.
Mastro Benigno and a prendere lo zaino e disse:
- In nome di Dio, il Diavolo nello zaino mio!
Quella sera mand a dire ad altri tre mastri fabbri che l'indomani avrebbe avuto bisogno di loro. Al mattino arrivarono per lavorare. Mastro Benigno mise lo zaino sull'incudine e disse:
- Battete.
Lo batterono fino a ridurlo come una frittella, mentre il Diavolo urlava e diceva:
- Lasciami andare e ti far vivere tanto tempo quanto sei vissuto fino ad ora.
Mastro Benigno rimase nella sua bottega a lavorare per tutti gli anni concessi dal Diavolo. Il Diavolo, tornato all'Inferno, aveva detto ai suoi compagni:
- L c' un altro diavolo pi forte di noi. Chiudete il portone, che non entri mai dove ci siamo noi.

A long time passed, and the Master called Death and sent him to summon master Bninh. Death came to the Blacksmiths door and said:
- Master Bninh, come, the Master wants you.
- As soon as I am finished fixing this little hoe, we will leave together.
Death climbed up on the fig tree and began to eat figs. Then he wanted to climb down, but he could not. He called the blacksmith:
- Master Bninh, I cannot climb down the tree!
Then master Bninh answered him:
- If you want to climb down, let me live as many more years as I have already lived.
Then Death answered:
- May this be granted to you.
He allowed him to climb down and Death went about his business.
When all the time that had been granted to him had passed, the Master called Death another time to send him to the blacksmith. Death did not want to go, but he had to return to the door of master Bninh. Master Bninh told him:
- As soon as I finish mending this ploughshare, we will go. Sit down on this little chair.
Death sat down on the little chair. After two or three hours, he called master Bninh:
- Let us go now.
Master Bninh answered him:
- If you want to go, you must grant me to live as many more years as I have already lived.
Death told him:
- Live as much as you like and let me go.
Then master Bninh let him go away.
After a long, very long time, the Master called Death once more to send him to master Bninh, but Death answered the Master:
- I am not going anymore.
Then the Master called the Devil and sent him to the blacksmith. The rogueish Devil called the blacksmith from a distance. Master Bninh answered him:
- What do you want?
- Come, because you must.
Master Bninh went and took his backpack and said:
- In the name of God, may the Devil be in my backpack!
That evening he sent word to three other master blacksmiths that the following day he would need their help. In the morning, the blacksmiths arrived to work. Master Bninh put his backpack on his anvil and said:
- Beat it with your hammers!
The blacksmiths beat the devil up until he was flat as a pancake, while the Devil screamed and said:
- Let me go and I will make you live as many more years as you have already lived up to now.
Master Bninh stayed in his workshop to work for all the years that the Devil had granted to him. When he returned to hell, the Devil told his companions:
- There is a devil stronger than us. Close the door, never let him in here with us.

Lou Mastr a v quiamm
la Mort e a v dir:
- V quiamm
a mastrou Bninh.
La Mort i v quiamm a mastrou Bninh e i v dir:
- Camin, qu'a t vol lou Maistr.
E i s n soun ann e soun arriv a la porta da Parad. E ilh an troussouli la port. San Pir al rispound:
- Qui l'
a la port qu l' troussuli?
- L' mu, mastrou
Bninh.
San Pir
al rispound e al dich:
- A lh' pa post
p tu, v-tt-nn a l'nfrn.
Mastrou Bninh a v annar a l'nfrn e a v troussouli a la port. E lhi divoul i van dmand:
- Qui l'?
-
Mastrou Bninh.
Lhi divoul
ilh an rispound:
- V-tt
-nn, ti vouln p.
Mastrou Bninh a s vot e a v annar in aoutr igg a la port da Parad e a v torna troussouli. San Pir a v rispound:
- Qui l'?
- L' mastrou Bninh.
- In aoutr igg
t torna vnir ess!
Mastrou Bninh a v torna rispound e a v dir:
- A l'
nfrn i m vlen p, ess m voul p vu: avount a annar? M n vavou a la caza mi. Faz-mm ique piezr d iintrar ique dzain.
A v rispound San Pir
:
- Ique piezre t
lou favou.
Al divrt
la port e a s' pilh lou dzain e a s l' iintr din a Parad. Doppi qu l' intr lou dzain, mastrou Bninh al dich:
- A nomm
de Div, mastrou Bninh din a dzain mv!

Un giorno il Maestro chiam la Morte e le disse:
- Va' a chiamare mastro Benigno.
La Morte and a chiamare mastro Benigno e gli disse:
- Cammina, che ti vuole il Maestro.
E se ne andarono, e arrivarono alla porta del Paradiso. E bussarono alla porta. San Pietro rispose:
- Chi che bussa alla porta?
- Son io, mastro Benigno.
San Pietro gli rispose con queste parole:
- Non c' posto per te, vattene all'Inferno.
Mastro Benigno and all'inferno e buss alla porta. I diavoli chiesero:
- Chi ?
- Mastro Benigno.
I diavoli gli risposero:
- Vattene, qua non ti vogliamo.
Mastro Benigno si gir e and un'altra volta alla porta del Paradiso e torn a bussare.
San Pietro rispose:
- Chi c'?
- C' mastro Benigno.
- Un'altra volta vieni a bussare a questa porta!
Mastro Benigno gli rispose dicendo:
- All'inferno non mi vogliono, qui voi non mi volete: dove devo andare? Me ne vado a casa mia. Fatemi il piacere di tenermi dentro questo zaino.
Gli rispose San Pietro:
- Questo piacere te lo faccio.
Apr la porta, si prese lo zaino e lo mise dentro al Paradiso. Quando lo zaino fu dentro, mastro Benigno disse:
- In nome di Dio, mastro Benigno nello zaino mio!

One time the Master summoned Death and told him:
- Go and summon master Bninh.
Death went and called master Bninh, and told him:
- Move, the Master wants you.
And so they went, and they arrived before the gates of Heaven. They knocked on the door. St. Peter answered:
- Who is knocking on the door?
- It is me, master Bninh.
St. Peter answered him with these words:
- Here there is no place for you, go to Hell.
Master Bninh went to Hell and knocked on the door. The devils asked:
- Who is there?
- Master Bninh.
The devils answered him:
- Go away, we do not want you here.
Master Bninh turned back and returned to the gates of Heaven, and knocked again.
St. Peter answered:
- Who is there?
- It is master Bninh.
- Again you come and knock on this door?
Master Bninh answered him, saying:
- They do not want me in Hell; you do not want me here: where should I go? I am going home. Please, could you hold on to my backpack?
St. Peter answered him:
- This I can do for you.
St. Peter opened the door; he took the backpack and placed it inside Heaven. When the backpack was inside, master Bninh said:
- In the name of God, may master Bninh be in my backpack!








___________________________________________

TESTO


CENNI STORICI
sulla persecuzione della comunit occitana di Guardia Piemontese
Gi pubblicata nella rivista "La Calabria", anno VIII, n. 1, 15 settembre 1895, 1-2, figura sulla raccolta del 1992 Taliant d la pir da Garroc, alle pp. 62- 65; da qui stata trascritta per questo sito.

Hoggi a buona hora si incominciata a far l'horrenda iustizia di questi Luterani che solo a pensarvi spaventevole, che la morte di questi tali come una morte di castrati; li quali venivano tutti riuniti in una casa dove veniva il boia et li pigliava a uno a uno, e gli legava una benda avanti gli occhi e poi lo menava in un luogo spazioso poco distante da quella casa et lo faceva inginocchiare e con un coltello gli tagliava la gola et lo lasciava cos, poi pigliava quella benda cos insanguinata, et col coltello insanguinato ritornava a pigliar l'altro, et faceva di simile
La porta di Guardia Piemontese si chiama da allora, e ancora oggi, "Porta del sangue", per il sangue che dal luogo dell'esecuzione scorreva gi nei vicoli del paese, gi fino alla porta della citt.
I pochi scampati all'eccidio, convertiti a forza al cristianesimo della chiesa cattolica romana, vivevano in case all'interno delle quali, tramite uno spioncino, dall'esterno, si poteva controllare che non contravvenissero al divieto di usare la loro lingua occitana e di praticare i loro riti di valdesi provenienti dal Piemonte.

Notizie tratte dalla pagina di Wikipedia intitolata Strage dei Valdesi di Calabria, perpetrata nel 1561.https://it.wikipedia.org/wiki/Strage_dei_Valdesi_di_Calabria#L'inquisitore_Malvicino_e_le_ordinanze_del_Sant'Uffizio; ultimo accesso 29/01/17.

___________________________________________

TRADUZIONE ITALIANA Adalinda Gasparini 2018.
___________________________________________
TRADUZIONE INGLESE
Adalinda Gasparini, con l'assistenza di David Ginsborg 2018
___________________________________________
IMMAGINE

Autore: Pietro Annigoni: Dal sito della XXII Biennale Europea darte fabbrile, https://www.biennaleartefabbrile.it/; ultimo accesso: 04/02/17.

___________________________________________
LINGUA
Occitano calabrese, per la storia della comunit occitana di Guardia Piemontese, vedi: https://it.wikipedia.org/wiki/Guardia_Piemontese. Da questa pagina, due brevi notizie. A Guardia si trova la Porta del sangue, cos nominata dalla notte del 5 giugno 1561 in cui furono massacrati i protestanti di origine piemontese. Fu un vero e proprio bagno di sangue, che dal castello prese a scendere nei vicoli e da questi usc dalla porta della piccola citt.
I pochi sopravvissuti al massacro, ordinato dalla chiesa cattolica romana controriformista e diretto da un cardinale che in seguito sarebbe divenuto papa
___________________________________________

NOTE

Mastrou Bninh
Pare che si possa ipotizzare la presenza di narrazioni nel neolitico, molto prima della scrittura. Fra i motivi mitici pi antichi ci sarebbe stata la storia dell'astuto fabbro che riesce a gabbare il diavolo, o comunque potenze soprannaturali, grazie alla sua astuzia e al suo mestiere.
Homo faber fortunae suae, dice un adagio latino, e la presenza del fabbro designa il tempo in cui l'uomo grazie al fuoco forgia i metalli, prima quelli ricavati dalle meteoriti - di origine celeste, e dal latino siderea viene la parola siderurgia - poi quelli estratti dalle viscere della terra madre. L'uomo lavora ci che estrae con gli strumenti che gli sono propri: artefice, fabbro, del suo destino.
Venendo alla nostra fiaba, il fabbro Benigno - nomen est omen - ospita generosamente un'intera comitiva di viandanti, senza sapere che sono Ges, il Maestro, e i suoi discepoli. Li scalda, li sfama e li disseta: sfamare gl iaffamati una delle sette opere di misericordia. N chiederebbe nulla in cambio, se non fosse per il suggerimento di san Pietro. Ma a differenza degli oggetti magici per lo pi chiesti e ottenuti nelle favole, quel che mastro Benigno lo usa solo per moltiplicare il tempo della sua vita: non cerca nessun dominio su oggetti o altri esseri viventi. Sembra che il fabbro sappia che il vero bene, l'unico, la vita stessa, e li usa per goderne ben oltre i limiti normali - fatti i conti delle concessioni ottenuti per tre volte il tempo della sua vita si moltiplica per otto. Pare che questo antico homo faber sia - di conseguenza? - anche homo laicus, visto come bussa alle porte dell'Aldil. Ma non empio, n ignora i propri limiti. Chi ha concesso le grazie, Ges Cristo, nominato per tutta la fiaba come il Maestro, con la maiuscola, non poteva non sapere come chi le otteneva potesse usarle. Mastro Benigno,  maestro con la minuscola, dell'arte che piega i metalli col fuoco, si pone di fronte al Maestro con tutta la dignit che l'uomo pu esprimere, disponendo di quel fuoco che Prometeo ha sottratto per lui agli dei. Il fuoco il pensiero.
Pare quasi di trovarsi di fronte a una favola sapienziale, nella quale l'uomo, riconoscendo il potere divino, riesce a forgiare a proprio vantaggio un parte di questo potere - potere di prolungare la vita, potere di entrare in Paradiso. Se mastro Benigno ha diritto - in nome di Dio! - di entrare nel suo zaino, san Pietro potr dolersi della propria dabbenaggine come ebbe a dolersi di aver rinnegato il suo Rabbi torturato da Pilato. Ma non potr cambiare quel che accaduto a questo umanissimo maestro umano, grazie all'accordo col Maestro divino, e una volta dentro al Paradiso non ne sar pi scacciato.
Il Maestro ama giocare col maestro, e l'uomo comune, giudice portinaio, Pietro, non pu cambiare questo gusto del gioco.
Si osservi come la fiaba risponda a una concezione medievale, attestata in tante storie antecedenti alla Riforma e alla Controriforma: sia la Morte che il Diavolo possono essere convocati dal divino Maestro, e anche dirgli di no, qualche volta.

Potrebbe essere intesa come un inno alla vita, corrispondente all'inno alla vita della comunit che l'ha tramandata fino a noi, gli Occitani di Guardia Piemontese, in Calabria. Rifugiati lontano dal Piemonte, loro luogo di origine, gli Ugonotti sfuggiti alle persecuzione vennero allo scoperto secoli dopo, durante i movimenti della Riforma, per essere ben presto perseguitati e in larga parte sterminati durante la Controriforma. Eppure, nonostante fosse loro rigidamente proibito di professare il loro culto e parlare la loro lingua, i membri di questa piccola comunit hanno custodito le loro tradizioni fino a quando un demologo - cos si chiamavano allora i ricercatori di tradizioni popolari, verso la fine del XIX secolo - riconobbe la sorprendente presenza di una piccola comunit occitana sulla Sila.
Click to read the English translation of this text.

Vedi anche, in questa raccolta, la fiaba di Meni Fari e il relativo commento.


Vedi anche, in Fabulando. Carta fiabesca della successione
Vedi anche Mastro Benigno in formato e-book con altre note e informazioni, liberamente accessibile.




Online dal 4 giugno 2012
Ultima revisione: 3 ottobre 2018