HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

MENI FARI
1904
MENICO FABBRO

Al ere une volte un fari che si clamave Meni, e Fari di sorenm. Al stave in t une hasute isolade in miz da taviele ; donge da hasute al coltivave un ort ombrizzd da tre cuatri pomrs, e insm da lort, adr da re, a si veve fabricd s, in part di mr e in part di scurz, la so brave farie, che dave su la strade. Ma il lavr al ere cuss shars, che par slit il par om al bateve plui la lune che il fir.
Oh mo! Un bil d s intiv a pass di ch bande il Signr, in compagnie dei siei discepui Pieri e Pauli. Il Signr al dis a San Pieri:
Va l, Pieri, faiti f la caritd da Meni Fari.
San Pieri ubidint al va e al bt su la puarte di hase:
Tc tc.
Cui l?
Un par ch al domande la caritd.
Meni Fari al virz la puarte e al ds:
hr il gno om, vs di sav che j cul no hai nuje, nome ss sold: doi par comprmi un pagnt, doi pal tabc, e doi pal ueli di meti te lum. Fari mo di mancul dal lusr, usgnt ; hlit e lit cun Dio e cu la Madone.
San Pieri, contnt come un sir, al torn indar a cont il ft ai sii compgns. Il Signr al dis a San Pauli:
Cum va l tu, Pauli, a domand la caritd a Meni Fari.
San Pauli al l, e ai giav i doi sold dal tabc.
Par ultim al part il tirz, vlad il Signr.
Hai capd! al bruntul Meni Fari. Cheste sere mi tohar di meti i dinh su la gratule. Ma ce diul sar! Hai ziund tantis voltis par fuarze, che pus ben ziun une volte par amr.
E al spizz fr anhe che doi dal pagnt. Dopo che si f und cui siei discepui, il Signr al dis:
Va l da gnv tu, Pieri, e domande a chl bid om ce tre graziis ch al l, che jes concederai in premi de buine azin ch al ha ft.
San Pieri al torn vie a bati su la puarte:
Tc tc.
Il fari, crodnd ch al fs vignd un altri par a cir la caritd, al vos pa di dentri:
  Lit, lit pe vuestre strade! O vevi ss sold st di me: doi pal pagnt, doi pal tabc, doi pal ueli di meti ta lum. Ju hai za dz vie duh, dal prim fin a l ultim, e soi restd senze ueli, senze tabc e senze pagnt. Lit cul Signr, lit.
Cera una volta un fabbro che si chiamava Menico di nome e Fabbro di soprannome. Aveva una piccola casa solitaria in mezzo al piano, accanto alla casa coltivava un orto all'ombra di tre o quattro alberi da frutto facevano ombra, e in fondo allorto, lungo la roggia, si era fabbricato, un po di mattoni e un po di legno, la sua brava officina, che dava sulla strada. Ma di lavoro ce nera tanto poco, che al poveruomo capitava di battere miseria pi che di battere ferro.
Ma guarda! Un bel giorno capit da quelle parti il Signore, in compagnia dei suoi discepoli Pietro e Paolo. Il Signore disse a San Pietro :
Ora va, Pietro, va a chiedere la carit a Menico Fabbro.
San Pietro obbediente and e buss alla porta di casa :
Toc toc.
Chi l ?
Un povero che chiede la carit.
Menico Fabbro apr la porta e disse:
Caro il mio uomo, dovete sapere che io non ho altro che sei soldi: due per comprarmi una pagnotta, due per il tabacco, e due per lolio da mettere nel lume. Far a meno della luce, stanotte; prendete, e andate con Dio e la Madonna.
San Pietro, contento come una Pasqua, torn dai suoi compagni a raccontare quel che era successo. Il Signore disse a San Paolo:
  Ora va tu, Paolo, a chiedere la carit a Menico Fabbro.
San Paolo and, e si prese i due soldi del tabacco.
Per ultimo and il terzo, che era il Signore:
Ho capito! brontol Menico Fabbro. Questa sera mi toccher restare a bocca asciutta. Cosa diavolo vuoi che sia? Ho digiunato tante volte per forza, che posso ben digiunare una volta per amore.
E diede via anche i due soldi della pagnotta. Dopo che si fu riunito con i suoi discepoli, il Signore disse:
Ora va un altra volta, Pietro, e domanda a quel bravuomo che tre grazie vuole, che gliele conceder in premio delle buone azioni che ha fatto.
San Pietro torn a bussare alla porta di Menico Fabbro:
Toc toc.
Il fabbro, credendo che fosse arrivato un altro povero a chiedere la carit, grid di dentro:
Andate, andate per la vostra strada! Avevo sei soldi per me: due per la pagnotta, due per il tabacco e due per lolio da mettere nel lume. Li ho gi dati via tutti, dal primo allultimo, e sono restato senzolio, senza tabacco e senza pagnotta. Andate col Signore, andate.
Virz, galantm i rispund San Pieri che j no soi vignd par domandti, ma par puartti.
Meni Fari a cheste notizie al spalanc dutis ds lis puartis. San Pieri, entrd dentri i dis:
Tu hs di sav che l ultim ch al std a cirti la caritd al ere il Signr ; e cum lui mi ha ft vign cul apueste par dti che tu domandis tre graziis, che ti sarn concedudis al momnt.
Tu hs di sav che l ultim ch al std a cirti la caritd al ere il Signr ; e cum lui mi ha ft vign cul apueste par dti che tu domandis tre graziis, che ti sarn concedudis al momnt.
l fari al pens sore un pc e po al rispuind:
Eco lis tre graziis che j domandi. La prime : che cui che si sente al sul gno scagnt nol puedi plui jev s se j no i ds che si alzi. La seconde : che cui che va sul gno figr ta l ort nol puedi plui torn j infn che j no i ds ch al dismonti. La tierze : che cuan che j suni il gno violn, duh chei che mi stan atr a dvin bal senze mai fermssi, fin a tant che j no lasci di sun.
San Pieri al port cheste rispueste al Signr, e lis tre graziis a forin acordadis.

Apri, galantuomo gli rispose San Pietro che io non sono venuto a prendere, ma a portare.
Menico Fabbro a sentire questa novit spalanc tutta la porta. San Pietro entr dentro e disse:

Tu devi sapere che lultimo che venuto da te a chiedere la carit era il Signore, ed proprio lui che mi ha mandato qui per dirti che puoi chiedere tre grazie, che saranno concesse all'istante.
Il fabbro ci pens un po su e poi rispose:
Ecco le tre grazie che io domando. La prima: che chi si chiede l sul mio panchetto non possa pi lasciarlo finch non gli dico io di alzarsi. La seconda: che chi va sul mio fico nellorto non possa pi scendere finch io non gli dico di venir gi. La terza: che quando suono il mio violino, tutti quelli che mi stanno intorno ballino senza mai fermarsi, finch io non smetto di suonare.
San Pietro port queste richieste al Signore, e le tre grazie furono concesse.

Deventd veho, Meni Fari une d al stave juste fasnd la polente, cuan che a l improvs a vign la Murt par hlilu. A manh pc che da fufe no i sbrisss il mescul fr di man ; par altri ai torn sbit il fld, e cul fld la peraule.
Se no vols altri! Za par ch bondanze che hai e che hai vd in vite m, che il fol mi foli se doi tre cculis di chest mond. Sentissi un frgul sun chl scagnt al, tan ch o vadi a sier la farie, e dopo soi a vuestre disposizin.
Dt chest, al fas finte di l a sier il so negozi ; ma apene ch al viod cu la code dal voli la Murt sentade sul scagnt, al torn bil svelt in cusine a mesced la polente.
Ben, ce fastu al, po ? a sbarbot la Murt.
Ce domandis! La polente. Colpe v a momnz a mi hapave di fum.
Cum no plui ore di polente! a ds j cu la so vosate di cite rote. Ann, distrghiti, che j no hai timp di but vie dar di te.
Cucc! Se vs presse, crit, che la strade vierte.
Ah ben, po! Alore se no tu s vign cu lis bunis ti farai vign cu lis tristis.
E a l par alzssi s. Domn! A ere incolade cuss puld sul scagnt, che nanhe il diul sars std capz di distacle. A scomenz a berl come la pivc e a f ogni sorte di menazzis a Meni Fari par che la mols. Ma lui, dopo v pihd il mescul, al struh la polente sul taulr e si tac a mangile di gust, come se nol vs vd un pinsr al mond. La Murt, rosend si di rabie, a dov sbass la creste e capitol.
Mlimi, che ti promt di no vignti mai plui pal viers.
Ben ben, par cheste volte us e perdonarai ; ma us visi pal vuestri mii, che se tornis anhem a sehmi la merinde, hai di shalterus ben e no ml, che vs di ricuardssi di me fin che vs fld ta l anime. Jevit s : mars !
J si alz, e vie come la saete senze nanhe halssi atr.
Cuarant agn dopo, la Murt, ch ere debule di memorie, s impens di torn a rompi la devozin a Meni Fari ; ma no fidandsi di entr in hase, lu clam tal curtl. Il fari al jesc fr.
Ah, seso v ? Biade l ore che ss vignude, che propri no savevi plui ce f di me in chest sporc di mond. Ecomi c. Spietit nome un credo, tan ch o sieri chestis purtis, se n i laris mi fsin il deso.
Intnt che il fari al sierave il so lavoratori, la Murt, che lave atr curiosnd, a but il voli sul figr da l ort ; e viodindlu hamd di fgs biei e madrs, ai vign l aghe in bohe.
Tu podaressis ben dmi doi fgs a dis a Meni Fari.
Magari che fs bon di l s ! Ma mi clopin lis giambis, e stand a bs no ju onz.
Pronte la Murt :
Alore lscimi che vadi s j.
Ben, lit pur, che us speterai.
J, contentone, si rimpin su pal figr, e Meni Fari al torn a vierzi il so negozi.
Co f passude come un csul, la Murt a l par dismont ; e ben intindd i nasc linconvenint ists dal scagnt. Alore a scomenz a clam Meni Fari in so ajd, a prelu, a sconzurlu... Ma Meni Fari al faseve il sord.
Mostro di om, me l ha fracade ! a dis la Murt fra di s. Il cur mel deve che mi sars tohd cualchi brt azidnt a torn cuventi. O Dio, ce carnevl che soi stade !
Rabiose come un han, a favese di chs vitis su pal figr, che shamprin vie duh i ucei dal ajar par sit miis in zr. E anhem i tohave di sintssi a ridi fr dal fari.
Ce tante cisce che vs, parone ! i diseve lui. Oho di no mangimi duh i fgs.
Juste ! Fin che v fgs di mangi, manco ml ; ma finz chei, a dov adatssi a vivi di rosade, di md che in pc timp a si ridus che faseve specie : sehe come un cantn, e lusinte come i cavalrs che van a fil. Finalmentri in hv a un ms e tre ds Meni Fari si lass divolt das ss splichis, e i permet di dismont, dopo che j i v ft ml promessis di no torni mai plui tai ps.
Passz altris vinhesites agn, il Diul in persone si presente al nestri om, e i ds ch al fasi il plas di l cun lui.
O ven subit i rispund il fari, che a vidii la code si ere sintd a cori i sgrsui pe vite. Sentisi intnt c di fr al fresch sun chest scagnt...
Gi ! Crodistu di v da f cu la Murt ? A mi no tu me petis, amigo ; j soi il Diul e o sai adamenz dutis lis ts baronadis.
Ce malfidnt ! al rpliche il fari senze pirdissi di coragio. La biele po a che j no us cogns. Va ben che vs la code ; ma anhe i ms le han, e son ms. Dunhe, fr lis provis. Se ss un vr diul, vignt alt come la m hase.
Il Diul, par mostr la s bravure, si slungi s come un bestin fin ch al riv a l altezze da hase.
Cum holit la figure di un b.
Il Diul in t un bati di voli si cambi in chest aneml, e al d anche ds o tre muguladis par somelu miej.
Cum deventit une surs.
Subit il b si disglonf, si strenz e si ridus in t une surs che roseave miezze cocule.
E il fari, slargind une borse fuarte di coren :
Saltait ch dentri mo, se vs cr !
Il Diul, st la forme di surs, al salt ta borse.
Alore Meni Fari al tir la core e lu sier dentri ; p al d dute l aghe al batefir, lu met st, e lu macol ben ben prime di une bande e p di ch altre. Cuss regold di fiestis, lu mol ; e il Diul cainnd al shamp vie imburd come il vint.
Dopo no sai plui ce tanh agn, il veho, stf di st a hase, si hap s col so violn e al l a zir un pc il mond ; za ormai come fari nol uadagnave nanhe tant di comprssi il tabc. Passnd par un troi travirs un salt di barz, al incontr un predi moscardn chal puartave la tonie lunge fin st i telns. Po no i vegnial tal hv a chl fil di une nere di prov propri alore la virtd dal so violn ? A si tac a sun la ziguzine, e il predi, ve o no ve, al scugn balle sgripnd in miz dei barz, infn che si ridus dt lzer e plen di sgrifignadis, che dibt si scolave di sang : un vr ecce homo. I brlis dal predi a tirrin donge sbit un trp di int. Meni Fari al fas di vign dal mond da lune ; ma pods nome crodi s ai podeve l drete ! Ai l anzi cuss struhe, chal f led, mitd in ctigo, declard reo do v bastond (cuss lr a spiegvin la fazende) une persone consacrade, e in conseguenze condand a murt.
Eco ce che si vanze a impazzssi cui predis ! al diseve il par Meni land su la forhe.
Prin di meti il hv tal lz al domand in grazie di pod sun anhem une volte il so violn.
S, s, che lu suni pr ! a vos la int, che anhe alore a lave di vite cuan che podeve divertssi un frgul senze spindi un boro dei sii.
La grazie naturalmentri ai f concedude. Apene che il fari al toh il violn, duh i spetatrs a scomenzrin a bal come mz ; e fs come che erin, bil balnd a si rompevin il hv un laltri. In miz a chl davoi Meni Fari cuaho cuaho se la giav, e cui che ha vd ha vd.
E cui che le ha se la ten al conclud lui.
Da chl momnt nissn lu viod plui di chs bandis. Par cualchi n anhem al l zirandolnd pal mond ; e cuan che an v fin parsore i voi des miseriis di cheste vite, si impens di l a bati su la puarte del parads.
Tc, tc.
Cui l ?
Meni Fari.
Une buine fiube ! al dis San Pieri, cucnd pa sfese dal portn.
E il fari :
Une volte no disevis cuss. Per hai da hr che mi vs conossd, sebn che son agn e agnorum che si vin incontrz in chl mond di l. Jessnd vieli di cop, come che pods figurssi, j hai dt fra di m : Meni, ann l di San Pieri, a viodi se cum chal uardin del parads a si recuarde dei ams vehos.
hr il gn Meni, tu hs falade la buse. A mi displs a dtal, ma cul no l pust par te.
Benn pardie ! Alore v rineis i viestris ams ?
Ce  hastu dt ? J no rini nuje ! al sberle San Pieri, deventd in t un lamp un basilsc. Vami fr dai voi, e impare a tign la lenghe a chase.
E al sier aft il portn.
Chest a si clame parmi vie come un han al di sospirnd Meni Fari. Baste, ann a viodi se hai plui fortune tal purgatori.
Ma l un gnul lu menazz cu la scove apene che lu viod riv a la lontane ; sich il par om al dov slontanssi cul ns gotnd. Tal so hv al mulinave :
Anhe cheste dar ch altre, come lis cdulis ! Soi t un bil implnt, no l ce d. Cum a mi reste nome l infir, che par d la veretd no mi fs trop bon bevi.
In ogni md, senze zavari plui che tant, al volt j di ch bande. Al bat su la puarte :
Tc, tc.
Cui l ?
Meni Fari.
Chl diul ch al ere std macold st il batefir si tac a vos cun tant fld ch al veve :
No stit a vierzi, compgns, se n gui ! Parc che chl al un diul plui grnd di duh i diui che son a haldaldiul.
Un diauln, curis, al met fr il ns par une buse de puarte vehe e carulade, par viodi ce razze di bestie ch a ere ch. Il fari, ch al veve la tane cun s, ai gave il ns e j al giave fr di rads. Chl par diul al scomenz a zig come un spiritd ; e duh i sii colghis, plens di spavnt, si sfadirin a sapont in presse in presse la puarte, rinfuarzndle anhe cun cualchi trs, par che il fari nol pods entr dentri.
Nanhe c no si fs tele al pens lui. La conclusin a che nissn l vmi. E cum, ho di st cul par un pl ?
Un om di hv al sars tornd indar, no ise vere ? Ben, cuss precisamentri al fas anhe il nestri Meni; cun chest di plui, che par par vie il timp al l a f cuatri ps devant la puarte dal parads. Si d la combinazin mo che San Pieri, che intnt ai ere passade la fumate, propri in chl al sbrissave fr a hap une bohade di arie.
Oe, ce fastu cul, galantm ? ai domand al fari.
Ce che vidis : o voi spassiznd la calabrie. Sintt, po : sal bil il parads ?
Ji !... Ma tu, f gn, come che ti hai dt, tu pus f crosetis.
Almancul lassimi di une cucade. No us al mangi migo !
San Pieri nol mostrave di sint nanhe di ch bande ; ma lamigo al sav tant ben f e tant ben d, che lui par contentlu si risolv a virzii un freghinn la puarte. Meni Fari, tal d la cucade, svelt al bute dentri la s giachete e al cr a sentssi parsore.
Fr di c, birbnt ! i vose San Pieri.
No, par la Martine Marie ! j soi sul gn e cul o resti, se us cmude al rispund il fari. E no stit a triscle cun me, se n o doi di man al violn...
San Pieri a ch menazze al pet un salt indar ; p al tonton, al bruntul un piz a lung, infin ch al fin cul butle in ridi.
Sich Meni Fari, se l vr ce che si conte, al anhem al dar la purte, sentd su la giachete e cul s mt violn in man.
Quando era ormai vecchio, un giorno che Menico Fabbro si stava preparando la polenta, la Morte arriv all'improvviso per afferrarlo. Dalla paura manc poco che gli cascasse il mestolo di mano, ma torn a respirare e col respiro gli torn la parola.
Non chiedo di meglio! Per tutto quel che ho goduto e che godo in vita mia, che vadano in malora le due o tre balle di questo mondo. Sedetevi un attimo su quel panchetto l, il tempo di andare a chiudere lofficina, e poi sono a vostra disposizione.
Detto questo, fece finta di andare a chiudere la sua bottega, ma appena vide con la coda dellocchio la Morte seduta sul panchetto, torn svelto svelto in cucina a mescolare la polenta.
E ora che ti metti a fare? sbott la Morte.
Che domande! La polenta. Per colpa vostra quasi quasi mi prendeva di fumo.
E non pi ora di polenta! disse lei con la sua vociaccia di pentola rotta, Forza, sbrigati, che non ho tempo da perdere con te.
Cuc! Se avete fretta, andate di corsa: la strada libera.
Questa poi! Se non vuoi venire con le buone, ti prender a forza.
E prov ad alzarsi. Ma s! Era attaccata al panchetto tanto forte che nemmeno il diavolo sarebbe riuscito a staccarla. Cominci a strillare come un dannato e a minacciare Menico Fabbro in tutti i modi possibili perch la lasciasse andare. Ma lui, dopo aver posato il mestolo, scodell la polenta sul tagliere e cominci a mangiare di gusto, come se non avesse avuto un pensiero al mondo. La Morte, rodendosi di rabbia, dovette abbassare la cresta e arrendersi.
Lasciami andare, in cambio ti prometto di non venire mai pi.
Bene bene, per questa volta vi perdoner, ma vi avverto per il vostro bene di stare ben attenta, perch se tornate ancora a rompermi le scatole vi dar una lezione che vi ricorderete di me fin che avrete fiato in corpo. Alzatevi ora, avanti, marsch!
La Morte si alz, e schizz via veloce come il fulmine senza nemmeno guardarsi intorno.
Quarantanni dopo, la Morte, che era un po debole di memoria, pens di tornare a rompere le scatole a Menico Fabbro, ma non fidandosi di entrare in casa, lo chiam dal cortile. Il fabbro usc fuori.
Ah, siete voi? Beata lora che siete venuta, ch proprio non sapevo proprio pi che fare di me in questo sporco mondo. Eccomi qua. Aspettatemi il tempo di un credo, tanto che chiuda queste porte, senn i ladri mi fanno il pandemonio.
Mentre il fabbro chiudeva il suo laboratorio, la Morte, che andava in giro a curiosare, butt gli occhi sul fico dellorto, e vedendolo carico di fichi belli e maturi, gli venne lacquolina in bocca.
Potresti anche darmi due fichi disse a Menico Fabbro.
Magari mi riuscisse salire sugli alberi! Ma le gambe non mi reggono pi, e da sotto non arrivo a prenderli.
La Morte disse subito:
Allora lascia che ci salga io.
Va bene, vai, che io ti aspetto.
Lei, tutta contenta, si arrampic sul fico, e Menico Fabbro and a riaprire bottega.
Dopo un pochino la Morte prov a scendere, e si sa che gli ricapit proprio lo stesso inconveniente del panchetto. Allora cominci a chiamare in aiuto Menico Fabbro, e a pregarlo e supplicarlo... Ma Menico Fabbro faceva finta di non sentire.
Mostro di un uomo che mi ha fregato! disse fra s e s la Morte. Il cuore me lo diceva che mi sarebbe toccato qualche brutto accidente a tornare qua. Oddio, che sempliciotto che sono stato!
Rabbioso come un cane, sul fico faceva tanti versi che per sette miglia scapparono via tutti gli uccelli. E anche questa volta gli tocc farsi prendere in giro dal fabbro.
Se vuoi strillare, fa pure!  gli diceva lui. Ma bada di non mangiarmi tutti i fichi.
Proprio cos: finch ci furono fichi da mangiare, la Morte non se la pass poi tanto male, ma quando finirono, dovette adattarsi a vivere di rugiada, e cos in poco tempo si ridusse in uno stato che faceva impressione: sottile come una corda di violino, lustra come i cavalieri che vanno in parata.
Alla fine, quando furono passati un mese e tre giorni, Menico Fabbro si lasci convincere dalle sue preghiere, e gli permise di scendere, dopo che gli ebbe fatto promettere di non tornargli mai pi tra i piedi.
Quando furono passati ancora ventisette anni, si present al nostro uomo il Diavolo in persona, e gli disse di fargli il piacere di seguirlo.
Vengo subito gli rispose il fabbro, che a vedergli la coda gli erano venuti i brividi da capo a piedi. Ma intanto sedetevi qui al fresco su questo panchetto...
Gi! Ti credi di aver a che fare con la Morte? A me non mi freghi, amico: io sono il Diavolo, e so a memoria tutte le tue birbonate.
Che malfidato! gli rispose il fabbro senze perdersi danimo. Il bello poi che io non vi conosco. Va bene che vedo la coda, ma anche gli asini ce lhanno, e sono asini. Dunque, fuori la prove. Se siete un vero Diavolo, diventate alto come la mia casa.
 Il Diavolo, per far vedere la sua bravura, si allung come un bestione, finch arriv allaltezza della casa.
Ora prendete la forma di un bue.
Il Diavolo in un batter docchio si trasform in questo animale, e per somigliargli ancora di pi fece anche due o tre muggiti.
Ora diventate un topo.
Subito il bue si sgonfi, si restrinse e si ridusse a un topo che rosicchiava mezza noce.
E il fabbro, aprendo una robusta borsa di cuoio:
Saltate qui dentro ora, se avete coraggio!
Il Diavolo in forma di topo salt nella borsa.
Menico Fabbro svelto tir la corda e ce lo chiuse dentro; poi diede lacqua al batefir, ce lo mise sotto e lo ammacc ben bene prima da una parte e poi dallaltra. Cos sistemato per le feste lo lasci andare, e il Diavolo senza smettere di guaire fugg veloce come il vento.
Dopo tanti anni, non si sa quanti, il vecchio stanco di stare a casa prese il violino e and in giro per il mondo, tanto ormai come fabbro non guadagnava nemmeno quel che gli serviva a comprare un po di tabacco. Mentre camminava lungo un viottolo in un boschetto di rovi, incontr un prete tutto elegante, con la tonaca lunga fin sotto ai talloni.
Ma non gli venne in mente a quel figlio di buona donna di  provare proprio allora la virt del suo violino? Cominci a suonare la ziguzaine, e al prete, volente o nolente, tocc ballare saltellando sui rovi, fino a ridursi tutto lacero e pieno di graffi, che per poco non si dissanguava: sembrava proprio un eccehomo. Gli urli del prete attirarono in poco tempo una massa di gente. Menico Fabbro faceva finta di essere arrivato dal mondo della luna, ma come si pu pensare che gli potessero credere? Anzi gli diedero tutti contro, e poi lo legarono, lo misero in prigione, lo dichiararono colpevole di aver bastonato (cos loro si spiegarono quella faccenda) una persona consacrata, e cos fu condannato a morte.
Ecco che ci si guadagna a farsela con i preti! diceva il povero Menico andando sulla forca.
Prima di mettere il capo nel laccio domand la grazia di poter suonare il violino ancora una volta.
S, s, va bene, che lo suoni! grid la folla, che anche a quel tempo era ben decisa tutte le volte che aveva unoccasione per divertirsi senza pagare nulla.
Chiaro che la grazia gli fu concessa. Appena il fabbro tocc il violino, tutti i presenti  cominciarono a ballare come matti, e siccome erano fitti fitti ballando e ballando si rompevano il capo lun laltro. In mezzo a quel baccano Menico Fabbro quatto quatto se la svign, e chi ha avuto ha avuto.
E chi ce lha se la tiene, concluse lui.
Da allora nessuno lo vide pi da quelle parti. Ancora per qualche anno and in giro per il mondo, poi quando delle miserie di questa vita ne ebbe fin sopra i capelli, pens di andare a bussare alla porta del paradiso.
Toc, toc.
Chi l?
Menico Fabbro.
Un bel birbante! disse San Pietro, sbirciando da una fessura del portone.
E il fabbro:
Una volta non dicevi cos. Per mi fa piacere che tu mi abbia riconosciuto, anche se sono passati tanti anni da quando ci siamo incontrati nel mondo di l. Venendo quass, come puoi figurarti, ho detto fra me e me: Menico, va l da San Pietro, a vedere se ora che guardiano del paradiso si ricorda dei vecchi amici.
Caro il mio Menico, hai sbagliato buco. Mi dispiace dirtelo, ma questo non posto per te.
Benone, perdio! Allora voi rinnegate i vostri amici?
Che hai detto? Io non rinnego nessuno! grid San Pietro, diventando di colpo serio come un basilisco.
Vammi fuori dai piedi, e impara a frenare la lingua.
E richiuse definitivamente il portone.
Questo si chiama mandarmi via come un cane disse sospirando Menico Fabbro. Basta, andiamo a vedere se ho pi fortuna in Purgatorio.
Ma l un angelo appena lo vide da lontano lo minacci con la scopa; sicch il poveruomo dovette allontanarsi tirando su col naso. E rimuginava:
Anche questa dopo laltra, come le ruzzole! Sono in una bella situazione, non c che dire. Ora mi resta solo linferno, che per dire la verit non mi attira tanto.
E per, senza saperne pi di tanto, si diresse verso il basso da quella parte. Buss alla porta:
Toc, toc.
Chi l?
Menico Fabbro.
Quel diavolo che era stato macolato sotto al battiferro cominci a gridare con tutto il fiato che aveva:
Non andate ad aprirgli, compagni, senn guai! Perch quello l un diavolo pi grande di tutti i diavoli che ci sono a casa del diavolo.
Un diavolino, curioso, mise il naso nel buchino di una porta vecchia e tarlata, per vedere che razza di bestia era quella. Il fabbro, che aveva con s le tanaglie, gli acchiapp il naso e lo strapp dalle radici. Quel povero diavolo cominci a gridare come uno spiritato, e tutti i suoi colleghi, pieni di paura, si affannarono a puntellare presto presto la porta, rinforzandola anche con qualche trave, perch il fabbro non potesse entrare.
Neanche qui si riesce a mettersi daccordo pens lui. La conclusione che nessuno mi vuole. E ora, devo star qui a fare il palo?
Un uomo di buon senso sarebbe tornato indietro, no? Ebbene, anche il nostro Menico fece cos, ma per passare il tempo and anche a fare quattro passi davanti alla porta del paradiso. Si diede il caso che San Pietro, al quale intanto era sbollita la rabbia, fosse venuto fuori proprio in quel momento a prendere una boccata daria.
Ehi! che ci fai cost, galantomo? domand al fabbro.
Che volete: faccio una passeggiata. Ma sentite: poi tanto bello il paradiso?
Eh!... Ma tu, figlio mio, come ti ho detto, ci puoi fare una croce.
Almeno fatemi dare unocchiata. Non ve lo mangio mica!
San Pietro mostrava di non sentirci da quellorecchio, ma lamico ci sapeva fare e sapeva parlare tanto bene che per accontentarlo decise di scostare un tantino la porta. Menico Fabbro, dando unocchiata, svelto svelto butt dentro la sua giacchetta e corse a sedercisi sopra.
Fuori di qua, birbante! gli voci San Pietro.
No, per la Martina Maria! io sono sul mio e ci resto, se non ti dispiace rispose il fabbro. E non mi provocare, senn prendo in mano il violino...
San Pietro a quella minaccia sobbalz, poi borbott, brontol per parecchio tempo, e poi fin col buttarla in ridere.
Sicch Menico Fabbro, se vero quello che si racconta, ancora l dietro alla porta del paradiso, seduto sulla sua giacchetta e col suo violino matto in mano.




______________________________________

TESTO

Luigi Gortani, Tradizioni popolari friulane. Raccolte dall'Ing. Luigi Gortani. Estratto da Pagine friulane; Udine: Tipografia Domenico Del Bianco, 1904. Pp. 111.
______________________________________
TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2010
______________________________________
IMMAGINE Pietro Annigoni, http://www.comune.pratovecchiostia.ar.it/turismo/associazioni/associazione-autonoma-per-la-biennale-darte-fabbrile; consultato il 26/09/18..



NOTE
___________________________________________


Che quando suono il mio violino, tutti quelli che mi stanno intorno ballino senza mai fermarsi, finch io non smetto di suonare.
Il violino che costringe a danzare ricorda il flauto nella mitologia greca: chiunque sentisse il suono dei flauti doveva danzare fino all'estasi o al furore dei riti dionisiaci..

Cominci a suonare la ziguzaine, e al prete, volente o nolente, tocc ballare saltellando sui rovi
Si confrontino la danza coatta del prete e la liberazione dalla forca con l'episodio centrale e conclusivo de L'ebreo nello spineto dei Fratelli Grimm (KHM 110), che riassumiamo di seguito.

Un uomo che era stato a servizio ha tre soldi li regala a un ometto che incontra, che gli concede tre doni a sua scelta. Chiede e ottiene un archibugio non fallisca mai il colpo, un violino che faccia ballare chiunque lo senta suonare, e che se chiede qualcosa nessuno gliela possa rifiutare. Incontrra poi un ebreo che vorrebbe un'allodola canora, gliela colpisce ma cade nello spineto, e l'ebreo per prenderla vi cade a sua volta. Il servo suona il violino e lo fa scorticare, finch ne ottiene cento fiorini. Denunciato il servo viene condotto alla forca, dove suona e tutti ballano. Il servo costringe l'ebreo a confessare che quel denaro era frutto di ruberie mentre lui lo ha guadagnato onestamente, cos viene impiccato al suo posto e il servo se ne va sano e salvo e ricco. (http://www.grimmstories.com/it/grimm_fiabe/ebreo_nello_spineto; ultimo accesso: 6 aprile 2012.)

Pu darsi che la fiaba di Meni Fari sia debitrice della raccolta dei Grimm, assai diffusa in Europa, o che entrambe riprendano un motivo popolare precedente. Le due ipotesi non si escludono a vicenda, e quel che ci interessa proporre qui un esempio della migrazione continua di motivi dai libri alla tradizione orale e viceversa.


- Che hai detto? Io non rinnego nessuno! - Grid San Pietro, diventando di colpo serio come un basilisco. 
Quando Ges gli aveva predetto che prima del canto del gallo lo avrebbe tradito per tre volte, l'apostolo aveva protestato che non lo avrebbe mai fatto.
Pietro intanto se ne stava seduto fuori, nel cortile. Una giovane serva gli si avvicin e disse: Anche tu eri con Ges, il Galileo!. Ma egli neg davanti a tutti dicendo: Non capisco che cosa dici. Mentre usciva verso latrio, lo vide unaltra serva e disse ai presenti: Costui era con Ges, il Nazareno. Ma egli neg di nuovo, giurando: Non conosco quelluomo!. Dopo un poco, i presenti si avvicinarono e dissero a Pietro: vero, anche tu sei uno di loro: infatti il tuo accento ti tradisce!. Allora egli cominci a imprecare e a giurare: Non conosco quelluomo!. E subito un gallo cant. E Pietro si ricord della parola di Ges, che aveva detto: Prima che il gallo canti, tu mi rinnegherai tre volte. E, uscito fuori, pianse amaramente. (Matteo 26,69-75)
Perfino in Paradiso Pietro mantiene nelle fiabe e nelle leggende la sua umanissima tendenza a mentire, che si lega bene al carattere del fabbro friulano, la cui impresa ha come antecedente mitico quella di Sisifo, che riusc con uno stratagemma a vivere due vite. Nella fiaba di Italo Calvino La coratella di lepre, II parte di Ges e San Pietro in Friuli, II (Fiabe italiane; raccolte e trascritte da Italo Calvino; Torino: Einaudi 1956; Milano: Mondadori 1979, VIII ristampa; 2 voll., vol. 1, pp. 186-191) il primo vicario di Ges cucinando una lepre ne mangia la coratella di nascosto, e dice successivamente  al Signore che quella lepre non ce l'aveva. Cos Chichibio, cuoco del Decameron, risponde al suo padrone che chiede come mai manchi una coscia alla gru che ha mandato in tavola (Decameron, IV Novella della VI giornata). Nella tradizione popolare la favola della coratella, con il rischio di morte che il bugiardo protagonista corre quando si spaccia come guaritore capace anche di resuscitare una principessa morta, si racconta tale e quale anche con un potente mago al posto di Ges e il suo apprendista al posto di san Pietro. Questa nota propone un piccolo esempio di come i racconti si formino in una migrazione continua di motivi, personaggi, contesti, generi. Si tratta della fecondit dei nuclei narrativi, la cui vitalit corrisponde alla fecondit umana, che non conosce confini di razza, lingua, generi, spazio e tempo.

Online dal: 6 giugno 2012
Ultima revisione: 26/09/2018