HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

CANTI
GRECANICO
1866

CALEDDA  PSIKIMMU

Caledda psikimmu !

Epoa a maddia dicuma ecanonistisisa, i cardiamu en mecame pleo na ploso ce panta pensei se sena ce teli na cusi na milisune ghie sena ce mu vaddi pu essu, ce senza na ero evotò turtea sto spitissu ; ce poa cuo i fonì ndicheddasu canno o millima a maddia mu scuriazune, o musomu o sozi fonasi pesammeno, a podia ettelune pleo na pradisune ambrò, ce epetta e cimesa an evò en pensone ca mu sozune jelasi ecini pu en erune ti eco sti cardiamu, ce possi lumera esù movale citti nemera pu ca ecanonistisomma. (Nota)
BELLA ANIMA MIA

Bella anima mia !


Quando gli occhi nostri si scontrarono, il cuore mio non mi fece più dormire e sempre pensa a te e vuole sentire che parlino di te, e mi caccia di casa, e senza che mi sappia, mi dirizzo alla parte della casa tua, e quando sento la tua vocina, perdo la loquela, gli occhi si annebbiano, la mia faccia puoi chiamarla di morto, i piedi non vogliono più camminare innanzi, e cadrei a terra se io non pensassi che mi possono deridere quelli che non sanno ciò che tengo nel cuore, e quanto fuoco tu mi mettesti quel giorno che ci guardammo.



O podi ze maruddi già climeno
Ce posso pemu ti prama pensegui :
S’ acharo meria ise fitemmeno
Scirocco ce levanti se nocegui.
Ithele nasso spithia potimeno
Ce o giardinarosu esena de cheregui.
An isso sta chiriamu ciandomeno
Ecanne ghuria ce spora pu differegui.



O PIEDE DI LATTUGA

O piede di lattuga già chiuso
E infine dimmi che cosa pensi :
In tristo luogo sei piantato
Scirocco e levante ti nuoce.
Volevi essere più spesso abbeverato
E il tuo giardiniere te non cura.
Se nelle mie mani fossi innestato
Avresti fatto fiori e semenza differenti.




Pemu ce ti socama crudili
Tosso pu esdisameze emmena ?
Ego s' immo costanti ce fidili,
Fidili en isso ja gapasi emmena :
Ola ta pianti ce ola ta suspiri
Ola ta daclia ta rfto ja 'ssena,
Ma esu ise san i fata ossu sto liri
Chilia calurio canni ce den ena.



LA FATA DELL'IRIDE

Dimmi, e che ti ho fatto crudele
Tanto che hai disamato me ?
Io ti era costante e fedele
Fedele non eri per amar me :
Tutti i pianti e tutti i sospiri
Tutte le lagrime le spargo per te,
Ma tu sei come la fata dell'iride
Mille colori fai e non uno.




O TURCO AGAPISE MIA REOMOPULLA

O Turco agapise mia reomopulla,
I reomopulla en agapise to Turco,
I schilla mànati pu tin aborchinai :
Pire jemu eftundo celopidi,
Su ferri mati ce crisomandili –
Manamu manamu to Turco en do perro,
Ce perdiculla jenome
Ce me ta plaja perro.






NACA NACA TU PEDIU

Maria Mavdalinì
Pu ciumàse monachì.
En ciumane monachì
Ti echo Petro c' echo Paulo
C' echo dodeca apostólu. –
Giri giri tu spitíu
Naca naca tu pediu.
Ta agropicciugna epínnai ce elégai

Tin ajo Thalassia
I Marta ce i Maria.
O Cristo estin anclisia
Pu leghi ti magno lutrughia :
To vangelio ine anivto
Ti to meletai o Cristo,
O Cristo to meletai
I Patruna to vlogai.

I strata i macria
I Patruna i glicia,
I strata i condì
I Patruna ene crisì,
I strata i larghi
I Patruna i paramagni,
I strata me to meli
I Patruna ciola to teli.



IL TURCO AMAVA UNA FANCIULLA GRECA

Il Turco amava una fanciulla Greca
La fanciulla Greca non amava il Turco
La cagna madre di lei che la pregava:
Prendi figlia mia questo bel giovane
Ti porta veste e pezzuola d'oro. –
Madre mia, madre mia, il Turco non lo prendo
E pernice divento
E per le campagne vado.






CULLA CULLA IL BIMBO

Maria Maddalena
Che dormi sola.
Non dormo sola,
Perché ho Pietro ed ho Paolo,
Ed ho dodici apostoli. –
Gira, gira per la casa
Culla, culla il bimbo.
Le colombe selvatiche bevevano e dicevano.

La santa Talassia,
Marta e Maria ;
Cristo è nella chiesa
Che dice la bella messa :
Il Vangelo è aperto
Che lo legge Cristo,
Cristo lo legge
La Madonna lo benedice. –

La strada lunga,
La Madonna dolce,
La strada corta,
La Madona è d’ oro,
La strada larga
La Madonna bellissima,
La strada col miele
La Madonna pure lo vuole.




Arthur Rackham
            ,Iris
Ma esu ise san i fata ossu sto liri
Chilia calurio canni ce den ena.


___________________________________________

TESTO E TRADUZIONE






Saggi dei dialetti greci dell'Italia meridionale. Raccolti ed illustrati da Domenico Comparetti; Pisa: Presso i Fratelli Nistri 1866.
Saggi dei dialetti greci... (http://www.archive.org/stream/saggideidialett00compgoog#page/n10/mode/2up;
Domenico Comparetti scrive di aver ricevuto i canti riprodotti in questa pagine da raccoglitori che a loro volta li hanno ascoltati da narratori orali, ai quali è attribuita sia la versione grecanica che la traduzione italiana. Fatta eccezione per
Caledda psikimmu, è indicato solo il luogo dove è stato raccolto il canto.
Domenico Comparetti (1835–1927), nato a Trastevere in una famiglia del ceto medio, mostrò fin da bambino doti eccezionali, tanto da ottenere per i suoi studi il sostegno del principe Caetani. Filologo ed epigrafista, accademico dei Lincei, senatore del Regno d'Italia, già all'Istituto di Studi Superiori (poi Università) di Firenze. Lasciò l'incarico per dedicarsi alla ricerca. Il campo dei suoi lavori va dall’antichità preclassica al Medioevo, dalla mitologia alla letteratura comparata, alla novellistica e alle tradizioni popolari, da Omero all'epica finlandese  alle storie di Sindibad. La sua opera più nota e tuttora consultata, Virgilio nel Medioevo, è una summa della cultura europea da Augusto a Dante. Ebbe un'unica figlia, che sarebbe stata nonna paterna di don Lorenzo Milani. (http://it.wikipedia.org/wiki/Domenico_Comparetti)
Ultimo accesso ai siti sopra citati: 3 ottobre 2018.

O podi ze maruddi


Canti di Bova, VIII; p. 11, p. 45 on line, cit.

I fata ossu sto liri

Canti di Bova
, XXV; p. 26, p. 61 on line, cit.

O turco agapise mia reomopulla

Canti di Bova
, XXXVI; p. 38;  p. 73 on line, cit.

Naca naca tu pediu

Canti di Bova
, XXXVIII; p. 40–42 p. 75–77 on line, cit.

Caledda psikimmu

Canti di Calimera
, XLIV; pp. 76–77;

___________________________________________
LINGUA
Le due piccole comunità grecaniche (grecanico significa piccolo greco), composte da alcune decine di migliaia di parlanti,  si trovano nel Salento pugliese e nella Bovesia calabrese. Sulla loro origine sono state avanzate tre ipotesi.
La prima li considera diretti discendenti dei greci antichi che abitavano l'Italia meridionale, colonia greca che raggiunse un grado di civiltà pari e perfino superiore rispetto alla madrepatria, meritando il nome di Magna Grecia.
La seconda ipotesi è che si tratti di una comunità greco-bizantina insediata in Italia nel corso del medioevo.
Secondo una terza ipotesi, avanzata anche da Domenico Comparetti, una popolazione neogreca giunta nel medioevo potrebbe essersi fusa con una comunità risalente alla Magna Grecia.

La grazia di questi canti rende comprensibile questo accorato appello in favore della lingua grecanica:    

« [V]orrei vederla riconosciuta, amata, onorata, perché la lingua di Atene non è lingua straniera per Roma... Roma non ebbe vergogna di scrivere e far conoscere che, se essa aveva vinta la Grecia con le armi, la vinta Grecia vinse Roma con le arti e con le lettere sue. Greci siamo, ma da tremila anni in Italia stiamo... greco parliamo, ma non perché siamo stranieri, ma perché siamo la più vecchia gente del luogo. Coloro che van dissotterrando mura e colonne vengano nella Grecìa Salentina. Specchie, menhirs, dolmen restano mute testimonianze d'un lontano tenebroso passato; teatri, colonne e vasi sono gli avanzi di Atene e di Roma, muti anche questi. Ma nel cuore del Salento, nei Tredici paesi, che ieri eran nove e oggi son otto, e non sappiamo domani quanti ne rimarranno, esiste e risuona, con la sua vecchia armonia, una testimonianza viva, la divina lingua dell'Idomeneo, che i venti sospinsero ai verdi prati di Leuca e d'Otranto, nello stesso tempo in cui un altro Uomo, da altri venti sospinto raccoglieva le vele ne le placate acque Tirrene... » Domenicano Tondi, Glossa. La lingua greca del Salento; Ed. Cretesi, 1935. p. 110–111, cit. Lettera in grecanico di Calimera trasmessa a Domenico Comparetti dall'avv. Filippo Capone, Deputato al Parlamento Italiano.

http://it.wikipedia.org/wiki/Minoranza_linguistica_greca_d'Italia, sito consultato il 3 ottobre 2018.
___________________________________________
IMMAGINE


Arthur Rackham, Iris there, with humid bow, http://it.wikipedia.org/wiki/Arthur_Rackham;; consultato il 9 ottobre 2011.
John Milton's Comus. Illustrated by Arthur Rackham. New York:  Doubleday-Page - London: William Heinemann 1921 http://openlibrary.org/books/OL14001590M/Comus.; consultato il 3 ottobre 2018.

___________________________________________
NOTA
In questi Canti si può sentire un'eco dei lirici greci. In particolare, qualcosa di Saffo in Caledda psikimmu:

φάινεταί μοι κῆνοσ ἴσοσ τηέοισιν
ἔμμεν ὤνερ ὄστιj ἐναντίοj τοι
ἰζάνει καὶ πλασίον ἀδυ
φωνεύσαj ὐπακούει

καὶ γαλαίσαj ἰμμερόεν τὸ δὴ ᾽μάν
καρδίαν ἐν στήθεσιν ἐπτόασεν,
ὠσ γὰρ εὔιδον βροχέωj σε, φώναj οὐδὲν ἔτ᾽ ἔικει,

ἀλλὰ κάμ μὲν γλῳσσα ϝέαγε, λέπτον
δ᾽ αὔτικα χρῷ πῦρ ὐπαδεδρόμακεν,
ὀππάτεσσι δ᾽ οὐδὲν ορημ᾽,
ἐπιρρόμβεισι δ᾽ ἄκουαι.

ἀ δέ μ᾽ ί᾽δρωj κακχέεται, τρόμοj δὲ
παῖσαν ἄγρει χλωροτέρα δὲ ποίαj
ἔμμι, τεθνάκην δ᾽ ὀλιγω ᾽πιδεύϝην
φαίνομαι

fàinetai moi kènos ìsos theòisin
èmmen òner òstis enantìos toi
izànei kai plasìon adü
fònèusas üpakùei

kai galòisas immeròen to de man
kardìan en stèthesin eptòasen,
os gar eüìdon brokèos se, fònas
udèn et èikei,

allà kam men glòssa vèaghe, lèpton
d' àütika kro pür upadedròmaken,
oppàtessi d'oüdèn orèm',
epirròmbeisi d'àkuai.

a de m'i'dros kackèetai, tròmos de
pàisan àgrei kloròyrts de pòias
èmmi, tyhnàken d'òligo pidèuven fàinoma

Mi pare simile agli dei
l’uomo che ti siede di fronte,
vicino, e ascolta te che dolcemente parli

e amabile sorridi, a me intanto
il cuore balza in gola,
appena ti guardo la voce
mi manca,

la lingua si spezza, subito un fuoco
sottile mi scorre sotto la pelle,
nulla vedo con gli occhi,
mi rombano le orecchie,

un freddo sudore mi avvolge, un tremito
tutta mi prende, più verde dell’erba
io sono, mi vedo vicina
a morire…

(Trad. it. di C. Chellini e A. Gasparini)

La permanenza nel tempo di certi motivi lirici è analoga a quella che ha permesso a narratori analfabeti siciliani di raccontare fino al sec. XIX  fiabe che contengono brani quasi intatti delle Mille e una notte (vedi: Lu figgiu di re).
L'espressione narrativa e poetica (Giorgio Colli traducendo Eraclito rende logos con espressione) diventa intima per il soggetto che cerca di cogliere il senso di se stesso. Avventura rischiosa eppure inevitabile, e del  resto le trasformazioni che accadono nella realtà psichica, le stesse che si cercano e si attendono nel lavoro psicoanalitico, hanno questa natura quasi magica, imprevedibile e impadroneggiabile, eppure naturale e quotidiana come un rampicante che cresce.





Online dal: 3 giugno 2012
Ultimo aggiornamento 3 ottobre 2018