I. 

Scotz, qals mais vos plazeria
D'aqetz dos plazentz solatz :
Far podetz de vostr' amia
Totas vostras voluntatz,
 5     Mas per re nous consentria
Qeil parletz ni la veiatz
E' n aitan qan viva sia
la tant non seretz amatz :
O vezer la tota via
10    E parlar ab leis poscatz,
Mas del plus non vos valria,
Ni forzar non la deiatz ;
Ar veirem qal penriatz
E no • i gardetz cortezia.

II.
15    Bonifaci, fols seria
S' ieu midonz, on es beutatz,
Pogues aver a ma guia
E tener nud' en mos bratz,
S'ieu tot parlar noil podia
20    E • 1 vezers me • n fos vedatz,
S'ieu aissi non la penria ;
Qel parlars qe m'autreiatz
El vezers mi doblaria
L'afan, se • l  plus nom fos datz.
25    E qan mi remembraria
Q' aissi • m fos desesperatz,
Lo vas fos apareillatz,
Qe ia plus [ieu] non viuria.

III.
Scotz, segon ma conoiscenza,
30    Follamen sabetz chauzir,
Qan de leìs l' umil parvenza
E • l bel semblan egen dir
Giqetz, car mais vos agenza
Ab leis iazer e durmir ;
35    Q' el mond plus greu penedenza
Non crei c' om pogues suffrir,
Com de parlar estenenza,
Pos q' om n' a cor e dezir ;
Ni res nom pot far vallenza
40    Ni conort ni abeillir
Ses vezer ; al meu albir,
Vos faill ganre de sabenza.

IV.
Bonifaci, en sovinenza
Hai midonz e la remir
45    Tal co • l iorn q' amors semenza
En me de leis fes flurir
El cor qi de l' estenenza
Del vezer mi fai garir,
E del parlar m' es guirenza
50    Baizar, tener e complir :
Mais vostres mais encomenza
Totz iornz e non pot fenir ;
Per qe vos er, ses bistenza,
Zom par e nous pot fallir,
55    Qom Tantalus a murir,
E d' aizo aiatz plivenza.

V.
Scotz, pos ma donna m' autreia
Q' ieu parl' ab leis e domneg
E q' ieu la remir e veia
60    Sembla • m qe truep ben espleg ;
E qar non tain q' esser deia
Pros domna d' avol autreg,
Nom pren del iazer enveia,
Q' ieu am mais, q' eu non enveg;
65    Mas vostre fols cors dereia
E voi ab gien passar dreg,
Per q' ieu non conseil qeus creia
Domna, qi pretz a eleg ;
Qar no • us vei prim ni adreg
70    Ves qe fin' amor plaideia.

VI.
Bonifatz, be
m par q' esteia
En pena e cor destreg
Cel qi leis qe plus enveia
E plus am' en tot endreg
75    Ve eil parl' e zo li neia
Per q' amors fort lo destreg ;
E a vos platz, car nous greia
Amors nius fai chaut ni freg :
Mas ieu, cui amors guerreia,
80    Voil lo iazer, car ieu veg
Q' alcus hom per al non preia ;
Per q' enantz voler lo deg,
E del domnei me refreg,
Car qecs ab sidonz domneia.

 


I. 

Scotz, qual mai vi piacerebbe
di questi due bei sollazzi:
poter fare della vostra amica
tutto quel che voi gradite
 5     ma che non vi permettesse
che le parliate, che la vediate
e che non siate il suo amante
per tutto il tempo di sua vita,
o vederla tutta la vita
10    e poter a lei parlare,
senza altro mai ottenere,
né poterla mai forzare;
vedremo cosa preferite
né vi riguardi cortesia

II.
Bonifacio, folle sarei
se la mia donna, dov'è bellezza,
potendo averla a mio modo
e tenerla nuda nelle mie braccia,
sia che non le potessi parlare
20    sia che di vederla mi fosse vietato,
se io così non la prendessi ;
che il parlare che mi si concede
e il vederla mi accrescerebbe
l'affanno, se di più non mi fosse dato.
25    E di questo mi ricordassi;
ne sarei tanto disperato,
che il sepolcro vorrei preparato,
che io più non vivrei.

III.
Scotto, secondo la mia conoscenza,
30    siete in grado di scegliere come un folle,
quando di lei la pudica figura
e il bel sembiante e il gentil dire
lasciate, perché la vostra preferenza
è con lei giacere e dormire,
35    perché non c'è al mondo più grande penitenza,
credo, che un uomo possa patire,
come di parlare l'astinenza,
quando un uomo lo desidera nel cuore,
né c'è cosa che possa valere
40    né conforto né bellezza
senza vedere; a mio parere,
voi mancate di sapienza.

IV.
Bonifaci, ho nel ricordo
la mia donna e la rimiro
45    come il giorno che il seme d'amore
in me lei fece fiorire
il cuore che dell'astinenza
del vederla mi fa gioire,
e del parlare m'è ricompensa
50    baciare, stringere e andare in fondo:
ma il mal vostro ricomincia
ogni giorno, e mai può finire;
perché a voi tocca, senza falla,
così mi pare e non posso sbagliare
55    come Tantalo morire,
di ciò abbiate compiacenza.

V.
Scotz, poiché la mia donna permette
che io le parli e la corteggi
e che la rimiri e la veda
60    anche troppo mi pare di ottenere,
e che proprio non convenga
dalla donna ch'altro si ottenga,
non ho brama del giacere,
ché più amo io se non bramo;
65    ma folle il vostro cor devia
e s'ingegna di parer giusto,
perciò nessuna donna consiglio
a credervi, se è di gran pregio:
perché né accorto né giusto vi vedo
70    riguardo alla plaideia del fin' amore

VI.
Bonifatz, ben mi pare che stia
nella pena e nel tormento
chi più vede e più parla
con quella che più brama
75    se gli nega proprio la cosa
per la qual amor lo assedia,
e a voi piace, perché non amore
non vi fa caldo né freddo
ma a me amore fa guerra,
80    e il giacere scelgo, perché non vedo
uomo mai che non lo scelga;
per questo è la cosa che preferisco,
e del corteggiamento me ne frego,
e corteggi la sua donna chi vuole.









I
N' Albert, chauçeç la cal mais vos plairia

En dreit d' amor, puois tant forç n' es l' asais :
Vostra dompna vestida cascun dia
E causada aver dins un palais,
 5     O' n una canbra, sol qe lums no i sia,
Tuta nuda, si co • us plairia mais,
Cascuna nuog tenir per druderia
Dinç un rie lieç ? Causir podes uoi mais,
C' al mieu senblant leu sai ben cai penria.

II.
10    Amics Simon, ben vos dic sen bausia
Q' ieu am mil tans dompna tenir en pais
Cascun giorn e causada e vestia
En çanbra o en loc segur ses fais,
C' aver sella in privat, qu' eu volria,
15    Tuta nuda de nuotç qe no i fos rais,
Q' eu non volgra dompna aver in balia
S' ieu no la vis, qui me dones Roais,
Per q' ieu vos dic qe als non iuiaria.

III.
Amic Albert, mais am la nuotç escura

20    Tenir midon [ses lum] en aisit lioc
Qeil toc son pieç e sa mamela dura
C' adunc conplis a mon talent lo ioc,
So qu' eu non posc cant a sa vestidura,
So sabes ben e sai qe • m dires oc ;
25    Qe del sieu cors veser no • m prent gran cura
Sel giorn la vei vestid' e no la toc ;
Per q' ieu dic ben, se ben gardas dritura.

IV.
Maistre Simon, non causes a mesura

E ben mi par qe non sias al foc
30    Don solias ia esser en grant cura,
Ans crei omai qe sias del sen coc,
Qe qant ieu vei la bela creatura
leu sui mager qe • 1 segner de Maroc ;
C'aisi pogra tocar laida pentura,
35    S' eu no la vis qan l' i sere nel broc ;
Nol creias mais q' il es paraula iscura.

V.
Be
m meravigli, N' Albert, q' en tuta guisa,
No m' autreas del plac so q' eu vos dic,
Qe qan ieu tene midons senes camisa,
40     l' enperador non evei Frederic,
Q' eu sai q' ell' es blancha e frescha e lisa ;
Donc cals obs m' es veder son gai cors ric,
Don soi sertan qe val 1' onor di Pisa ?
Pero beus [lais] la sudor el fastic
45    Veser lo iorn, puois tant 1' aves enquisa.

VI.
Ben es, Simon, vostra valor conquisa

Puois qe amor aves mes en oblit,
Qe de bordel par qeus sia tramisa
Can sol d' engan l' avetç tot a mendic ;
50    Mais cant ieu vei midons am penna grisa.
Lo mons mi par qe sia tut floris ;
Adonc ieu sai s' es borges' o marqisa,
Per q' ieu vos prec, c' anc mais no vos castic,
No • us plasa mais d' entrar in tal fantisa.




I.
Albert, scegliete, cosa mai gradireste
in amore, dacchè tanto forte si brama:
la vostra donna ogni giorno vestita
e calzata avere in un palazzo,
 5     o in una stanza, dove manchi ogni lume,
tutta nuda, come più la gradite,
ogni notte tenerla come amante
su un ricco letto? Ora sceglier potete,
che io so cosa di certo prenderei.

II.
10    Amico Simon, ve lo dico senza bugia,
mille volte in pace preferirei la donna mia
avere ogni giorno calzata e vestita,
in una stanza o altro luogo sereno,
che tenere in segreto colei che vorrei
15    tutta nuda di notte, senza un raggio di luce,
che non vorrei la mia donna in balìa
senza vederla, fosse pure Roais,

vi dico: mai altra cosa sceglierei.

III.
Amico Albert, ma nella notte oscura

20    tener la donna mia in luogo ameno.
toccar le sue mammelle sode e il seno,
e il gioco completare a mio talento,
ciò che far non si può quand'è ,
ben lo sapete, e so che sì direte;
25    il corpo di veder non ho gran cura
se vestita la vedo alla luce e non la tocco,
per questo dico ben, se guardi ben diritto.

IV.
Mastro Simon, non ragioni corretto,
e mi par ben che tu non sia nel fuoco
30    dove essere solevi con gran cura,
credo anzi che pensiate come un cuoco,
ché quando vedo la bella creatura
più grande son del signore del Marocco;
perché potrei toccar laida figura,
35    se non la vedo mentre stringo e cavalco;
Mai non credete che la parola è oscura.

V.
Mi meraviglio ben, Albert,
che in tutti i modi
non ammettiate il torto ch'io vi mostro,
ché se ho la donna mia senza camicia
40    non invidio Federico imperatore,
perché so ch'ella è bianca e fresca e liscia;
perché dovrei veder lo splendido suo corpo,
di cui son certo che val l'onor di Pisa?
Perciò vi lascio e la pena e il sudore
45    di vederla di giorno, che tanto lo chiedete.

VI.
Ben perdeste, Simon, il valor vostro
poiché amore lasciaste nell'oblio,
e par che sia venuta da un bordello,
e la vostra è ingannevole menzogna;
50    se la mia donna con pelliccia grigia
vedo, il monte mi par tutto fiorito;
ben so se sia borghese o sia marchesa,
perciò vi prego, non vi tocchi un castigo,
che mai finiate in tale fantasia.
                         
                   



En Persival Doria


Per aqest cors, del teu trip
Non vi tan azaut mancip !
S' eu agues qe metr' el cip,
Eu e tu foram Felip.
Mas [ieu] non ti poria
Far tot zo qet plairia :
Per q' eu prec Dieus t' arip
En loc c' onors te sia
Plasers e manentia,
C' autres non t' i acip.

Felip de Valenza

Perseval, anc no recip
De vos qe valgues un rip ;
Mas per so non ai cor lip
Vas vos ni'm vir ni[m] esqip
De vostra compagnia ;
Anz m' auretz tota via
Plus ferm qe mur de gip,
Amic, on q' eu me sia,
Sol per la cortesia
Qe reigna en vostre stip.


Persival Doria


Per questo corpo, della tua tribù
mai vidi un ragazzetto così curioso!
Se avessi beni da apparecchiare
io e te saremmo Felip.
Ma io non ti potrei
far tutto ciò che ameresti:
per questo prego Dio che ti porti
dove onore per te sia,
e piacere e agiatezza,
che nessuno ti ostacoli.

Felip de Valenza

Persival, da voi non ho ancor ricevuto
nemmeno il valore di un chiodino;
ma per questo non mi sono sdegnato
nei vostri confronti né mi levo
dalla vostra compagnia ;
anzi mi avrete tuttavia
più fisso d'un muro  di gesso,
amico, comunque io sia,
sol per la cortesia
che regna nel vostro forziere. 






______________________________________
                        
TESTI
Bertoni, Giulio, I Trovatori d'Italia (Biografie, testi, traduzioni e note). Con 14 illustrazioni e 2 tavole fuori testo. Fotografia P. Orlandini & Figli; Modena: Cav. Umberto Orlandini 1915; pp.640.
Online: http://www.archive.org/stream/itrovatoriditali00bertuoft#page/278/mode/2up; consultato il 30 giugno 2012.

La prima tenson, fra Bonifaci Calvo e Scotz, è alle
pp. 418-421; la seconda, fra Simon Doria, statista della grande famiglia genovese, e Albert, è alle pp. 384-385; la terza, fra Persival Doria e Felip de Valenza, è alle pp. 313-315. Le tensons sono state composte nel sec. XIII.

Persival (Perceval, Percevalle) Doria fu Vicario generale del Re Manfredi per la marca di Ancona, il ducato di Spoleto e la Romagna. Non è certo che fosse un membro della nobile famiglia genovese: il suo cognome potrebbe essere stato D'Oria, ovvero originario di Otranto. Poetò sia in lingua occitana (provenzale) che in volgare siciliano: Persival Doria incarna la relazione fra le due tradizioni.Vedi la sua poesia di scuola siciliana Amor m'ave priso.

______________________________________
TRADUZIONI ITALIANE
© Adalinda Gasparini 2011
______________________________________

IMMAGINE
Tratta da https://www.musicacolta.eu/mc/wp-content/uploads/2009/02/030L.jpg; ultimo aqccesso 22 ottobre 2018.



© Adalinda Gasparini
  Onlinedal 10 gennaio 2011
Ultima modifica 22 ottobre 2018