HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LU RE PESCE
1878

Dunque,  ’na vota, un pescatò pischìa e, pescanno, peschètte un grossu pesce, che je se raccomannò e je disse: Se me ’rbutti a mare e non me fa’ morì, te ne verrà tanto vène da fatte deventà lu piú fortunatu pescatò de lu munnu. Issu lu contentette e po’ remmollò le rete e fece  ’na tirata de pesce che cascio  ’n je la potìa fa a rcacciallo fora. Lu secunnu, lu terzu, lu quartu dì, e sempre ’n seguito, tutte grosse pescate.
’Na matina lu pesce che avìa ’rbuttato a maro, caccètte lu musu fori dall’acqua e je disse: Me vo’ da’ fijjeta pe’ mojje?
– E perché no? issu je respose. Se essa puro è contenta, domà te la porto.
– Tu se che ha’ da fa’ se essa è contenta? Me l’ha da portà ecco a la spiaggia; pe’ lo resto ce penzo io.
La bardascia se contentètte, je la portette, e lu pisciu la  ’cchiappètte co’ la vòcca e se la strascinette, galla galla a fior d’acqua, scina a un palazzittu drento mare, do’ ce statìa ’gni grazia de Dio. Però tutto questo ’n je potìa bastà. A trovasse sola ’n menzo a lu mare do’ ’n se vidìa nisciuna faccia de cristià, senza manco mmoccò de serva pe’ sbarattà ’che parole, e a dovesse trovà con un maritu che rjava a casa solo de notte e rpartìa a la matina de bon’ora, adèra ’na cosa che je facìa lacerà lu core. Se decise a la fine de di’ a lu pesce se adèra contentu che je facesse vinì la sorella a fajje compagnia.
– Sci che te la porto, respose lu pesce. – Domà la vaco a pijjà.
Jètte e disse a lu patre se adera contentu de mannà quell’atra fijja a fa’ compagnia a la mojje. Quillu respose de sci, sempre co’ lu consensu de la bardascia; e, siccome questa non disse de no, la portette su la spiaggia e je facette fa lu viagghiu su la vocca de lu pesce, como la sorella maretata.
Le feste che se fece’ quanno se revèdde fu’ tante e tante che ’n se ’rrïerrìa a ’ccontalle. Chi ha cose se le po’ ’mmaginà!
Passati pochi dì, la sorella menore fece a quell’atra:
– Maritutu ch’adè? Un pesciu o un cristià?
– ’N te lo saccio di’, perché rve’ sempre de notte e, a lo scuro, ’n ce rrconosco gnente.
– Lu volimo vedè?
– E come?
– Mettimo la luma drento a ’na pigna e ccuscì issu ’n se ’ccorghia de cosa.
Fu fatto come costè avìa proposto; lu pesciu, che dormìa, fu smantatu e se vidde che, immèce, era un joenottu ccuscì bellu che se sarrìa portuto beve’ in un vicchiè d’acqua. De contentezza la mojje ’n se potètte rtenè de fa’ ’na voce, anche perché, siccume era gravida, era ccuscì secura de partorì un cristià.
Ma, a quella voce issu se svejjette e, inquietu, vòse sapè como adèra fatto pe vedellu, e la cognata je rispose che porbio essa era stata la curiosa e, de più, je fece vedè la pigna ’lluminata. Credìa de ’mmansillu, ma fece pegghio.
– Pe’ castigu – disse lu pesciu – preparete pure a fa’ fagottu. Domà te rporto da pàrtetu! – E, con tutti li pianti e li raccommannamenti de la mojje, mantenne la parola. A rmanè ’n’atra vota sola sola, ’n ce se potìa ’ccommodà, ah! ’n ce se potìa ’ccommodà!
Pe’ divagalla, lu dì dopo, lu maritu raprette ’na porta pe’ falla ’faccià da ’na finestra do’ ’n sera ’ffacciata ma’, e je fece:
– Vidi quella sfilarata de casette con su ’n cima un gran palazzu? Addè te ce porto e te lasciu su la spiaggia. Se ’stasera quanno te vengo a rpijjà, ’n te ce trovo, è segnu che sci rmasta su lu palazzu de lu re, oscìa a casa de vabbu e mamma, che è tanto che me cerca e vo’ conosce la mojje mia; ma non sa’ che le streghe m’ ha fattu deventà pésciu.
Ce la portètte e ce la lascètte. Essa se mise a caminà e solo se jese fermanno do’ potìa chiacchierà mmoccò. A certe donne che tessìa, domannette:
– Tu che tessi, bella donna?
– Faccio li fasciatù pe’ lu nepote de lu re, quanno nasce.
– E tu?
– Tesso le fasce pe’ lu nepote de lu re, quanno nasce.
– E tu?
– Tesso li lenzolitti pe lu nepote de lu re, quanno nasce.
– E tu?, dice a un falegname, che fatighià fora de la bottega.
– Faccio la cuna pe lu nepote de lu re, quanno nasce.
– E do’ sta lu re?
– Lu re e la reggina sta ’n quillu palazzu; ma lu fijjiu co’ la mojje s’è persi e nisciuna l’ha potuti strovà.
E allora pe’ chi fatighette?
Fatighemo pe’ fa trovà tutto pronto quanno chidiù riescirà a rportajjelï, perché lu re j’ha promisto un grossu premiu e addè ha mannato ’na massa de jente a cercalli pe’ tuttu lu munnu e pe’ tutti li mari.
’Rtriata su lu palazzu, ’lla pora crista, che avìa fame, vidde che lu re su lu portò de casa e je chiese la limosina; ma quillu se rvortette de ’na parte o perché non capì o perché non je piacìa a falla. Successe che essa ’lla mossa se la pijjette pe’ ’n affruntu, e quannu li servimenti, che avìa visto e sentito tutto, pe’ compasciò je portette un piattu de minestra e un atru de ciccia, non vòse magnà cosa e rmanette tutto là la cucina.
Disse’ li servi a lu patrò: Sa’ che è successo? Scimo dato, se po’ di’ levannocelo de la vòcca, un piattu de menestra e un atru de ciccia a quella donna che t’ha chiesto la limosena, e essa no’ l’ha voluto. Capisci che donna superbia?
Respose lu re: pijjete la scopa e tocchetela via!
Li servi vòse ’bbidì a lu patrò; ma, ’n quillo momentu che java’ pe’ mannalla fora, trovette’ che se torcìa pe’ le dojje de la partorenza.
Allora quilli recorre da lu re.
– Sacra maestà, qualla donna se fijjia.
– Portètela su lu lettu, chiamàteje la mammana e dàteje aiuta.
Vinne la mammana, nasciò un bellu maschiu, e tutti jette d’accordu, a capu la reggina, a fa’ l’assistenzia a quella che avìa partorito. ’Gni tanto però la reggina je domannìa: E maritutu do’ sta? Chi adè? Perché non je fa’ sapè che sei fijjata?
Essa se scusia ora co’ ’na rajò, ora co’ ’n’atra, tanto che se finì pe’ crede che fusse una de quelle femmene de quattro a paulu!
A la sera lu pesciu, com’era promisto, se trovette prontu su la spiaggia pe’ rportasse a casa la mojje; e, quanno, ’spetta ’spetta, vidde ca non vinìa mai, capì subbeto che adèra rmasta su lu palazzu e jette a trovala passanno pe’ ’na vuscia, che issu conoscìa, senza fasse vedè da le persò. La contentezza che provette quanno vidde che s’era fijjata e che j’era fattu un bellu maschiu, grassu e tunnu e co’ li capijji roscitti e ricci come un bambinellu de lu presebbiu, senza che ve la dico, la potette ’mmaginà. Rmase con essa tutta la notte, je fece bona assistenzia e po’, appena sonata l’arba, ce mise lu filu.
A la sera pe’ lo tardo, quanno rebboccò, siccome su da capo a lu lettu de la mojje ce statìa ’na lampada, cominciò a di’:
– Bona sera, bella lampa, e bona notte, mojje mia; come te se porta lu re e la reggina?
Respose la mojje: Se li galli non cantèsse, se le campane non sonèsse, se la regina tutto sapesse, che ne sarrìa de me?
La sera dopo, quell’atra pure, e quell’atra appresso, la stessa filastrocca de tutti e du’, tanto che li servimenti, che senti’ chiacchierà, se mise co’ le ’recchie accanto a la porta de la stanzia pe’ capiì le parole che se dicìa. Allora disse: ecco la mejjo cosa è de referì ’gni cosa a lu patrò che, Dio liberi! ce caccerìa tutti se venesse a scoprì che, de notte, ’bbocca le persò drento a lu palazzu senza poté capì da che parte passa. E jette’ davveri a raccontajje tutto.
Lu re rmase ’ncantatu e po’ ’ddimannò: che dice?
– L’omu dice: bona sera, bella lampa, e bona notte, mojje mia: come te se porta lu re e la reggina? E la donna je responne: se li galli non cantèsse,  se le campane non sonèsse, se la regina tutto sapesse, che ne sarrìa de me?
– Ma de do’ rrentra lu maritu? È segno che voiatri a la sera no’ rchiudete lu portò e però meretete che ve caccio via! Sciampètevene quanti scète d’ecco ’ttorno!
– Ma se lu portò, la porta de lu jiardì e tutte l’atre porte le ’nchiavemo e ’ncatorcemo ’gni sera a l’Avemmaria!...
– Bbe! Stasera staco a vedè se dicete la verità; se no, fori tutti e tajju de testa!
– Tajjacela pure se dicimo la vuscìa.
Appena sonata l’Avemmaria, lu re jese a vedesse lu fattu so e potette persuadesse che tutto java in regola. Mancava a verificà se quillu ’bboccava e se chidiù je fusse raperto a notte tarda; ma perché questo non fusse potuto succede’, se portette su la camera lu mazzu de le chiave. Intanto ordinò a li servimenti che fusse stati in vejja e l’avesse chiamatu appena sentìa’ chiacchierà. Se vuja – je disse – je la facète a famme ’cchiappà lu merlu su la trappola, ve darrò un grossu premiu a testa.
Penzètte li servi tra de lora: lu re, che è tantu avaru, promette li premi perché ’mmagina de non potelli pagà mò che s’ha portato su la stanzia lu mazzu de le chiave; ma vederà che je toccherà a dacceli! Nuatri se che avìmo da fa’? Armémece de vastú e, appena comènza la conversaziò tra maritu e mojje, mannìmo per aria la porta de la camera e dèmeje addosso pe’ portallu legatu ’n faccia a lu patrò. No, respose cert’atri. Issu non ha ditto che lu fussimo chiamatu? Dunque venga issu a spicciassela co’ sta carogna che ’n se po’ capì da che parte ’bbocca. Tutt’al piú je darremo addosso co’ ’sti maganelli se je avesse da rvotà.
Tutta ’na momenta (era cascio la menzanotte), zitti!... ecculu!... corrète a chiamà lu re... – Corra, Sacra Maestà, corra, ché ce lu ’cchiappi!...
Lu re, co’ la sciabbola su le ma’, benché vecchiu, zompa ju pe’ le scale a quattro a quattro; co’ ’na forte spinta de tutti, manna per aria la porta e se trova davanti a un grossu pesciu, che cerchìa de fugghià. Successe intanto che, con quella fuga e con quella rabbia, ’na botta de sciabbola je fece fa’ u’ sgrizzu de sanguo, e allora lu pesciu deventò sùbbetu un bello joenottu!
Chi adèra? Lu re rconoscette che adèra quillu che cerchìa da tantu tempu... porbio lu fijju... e sbottette a piagne!
Issu non sapìa che le streghe je l’era fattu deventà pesciu! Porbio per un caso de fortuna l’era riacquistatu, perché ce se sa che, quanno unu è stato stregatu co’ ’na fattura, se je se po’ fa sanguo, omu o donna che scìa, rdoventa cristià.
Lu re vecchiu vose sapè pe’ do’ passìa e issu je ’nsegnette la vuscia. Li servimenti pijjò lu premiu promistu, fu fatta ’na gran festa; pe’ compà e commà de lu fricu fu’ chiamati a battesemu lu pescatò con quell’atra fijja, che po’ rmase, scinché campò drento lu palazzu; maritu e mojje pijjette la corona reale, e lu fricu pijjò nome de “lu fijju de lu re pesciu.”

Cera una volta un pescatore che pescava, e pescando pescò un grosso pesce, che gli si raccomandò e disse:
– Se mi ributti in mare e non mi fai morire te ne verrà un gran bene: diventerai  il pescatore più fortunato del mondo.
Il pescatore lo accontentò e poi ributtò la rete in mare e fece una retata di pesce tanto piena che non riusciva quasi a tirarla a riva. Il secondo giorno, e il terzo e il quarto, e tutti i giorni seguenti fece sempre pescate abbondantissime.
Una mattina il pesce che aveva ributtato in mare mise il muso fuori dall'acqua e gli disse:
– Mi vuoi dare in sposa la tua figliola?
– E perché no? – lui rispose – Se è contenta anche lei, domani te la porto.
– E se lei è contenta, sai che devi fare? Me la devi solo portare sulla spiaggia, a tutto il resto ci penso io.
La ragazza disse che era contenta, il padre la portò sulla spiaggia, e il pesce la prese in bocca e la portò  a  pelo  d’acqua, fino a un palazzetto in mezzo al mare, dove si trovava ogni ben di Dio.
Ma tutto questo non le poteva bastare. Era sola sola in mezzo al mare dove non si vedeva anima viva, non aveva nemmeno una cameriera con la quale scambiare due parole, e poi si trovava con un marito che tornava a casa solo a notte e la mattina partiva prima dell'alba, e questo le spezzava il cuore. Finalmente si fece coraggio e disse al pesce se poteva far venire sua sorella a farle compagnia.
– Ma sì che te la porto, – rispose il pesce. – Domani vado a prenderla.
Il pesce andò in riva al mare e chiese al pescatore se era contento di mandare la sua seconda figlia a far compagnia a sua moglie. Il pescatore rispose di sì, a patto che la ragazza fosse contenta; e lei non disse di no, la portò sulla spiaggia e le fece fare il viaggio in bocca al pesce, come la sua sorella sposata.
Che feste si fecero quando si rividero! Furono così felici che non si può raccontare, ma chi ci riesce può immaginarlo.
Dopo qualche giorno, la sorella minore disse alla maggiore:
– Che cos’è tuo marito? un uomo o un pesce?
– Non te lo posso proprio dire, perché torna sempre di notte, e al buio non riesco a capirlo.
– E se cercassimo di vederlo?
– Ma come si può fare?
– Nasconderemo il lume dentro a una pigna, così lui non si accorgerà di nulla.
Misero il lume nella pigna e andarono dallo sposo addormentato e lo illuminarono: videro che invece di un pesce era un giovane tanto bello che tutti avrebbero voluto stringerlo fra le braccia. La sposa fu così felice che non riuscì a trattenere un grido, anche perché, essendo incinta, fu sicura che le sarebbe nato un bambino.
Ma quel grido lo svegliò, e irritato chiese come avessero deciso di vederlo di nascosto. La sorella minore gli disse che era stata lei, perché era curiosa, e gli fece anche vedere la pigna illuminata. Credeva di placarlo, e invece lui si infuriò.
– Per castigo – disse il pesce – preparati subito a far fagotto. Domani ti riporto da tuo padre! – E per quanto la moglie piangesse e supplicasse, lo fece. Povera ragazza! non ce la faceva proprio a restare ancora sola sola.
Per svagarla lo sposo, il giorno dopo, aprì una porta e la portò a una finestra dalla quale non si era mai affacciata, e le disse:
– Vedi quella lunga fila di piccole case e sopra quel grande palazzo? Ora ti ci porto, e ti lascio sulla spiaggia. Se stasera, quando tornerò a prenderti, non ti troverò, capirò che sei rimasta al palazzo reale, dove vivono mio padre e mia madre, che da tanto tempo mi cercano e vorrebbero conoscere la mia sposa, non sapendo che le streghe mi hanno trasformato in un pesce.
Così la portò sulla spiaggia e la lasciò sola. Lei si incamminò e si fermò quando vide qualcuno con cui scambiare qualche parola. C'erano donne intente a tessere, e lei domandò:
– Che stai tessendo, bella donna?
– Faccio i pannolini per il nipote del re che nasce.
– E tu?
– Tesso le fasce per il nipote del re che nasce.
– E tu?
– Tesso i lenzuolini per il nipote del re che nasce.
– E tu? – chiese a un falegname, che lavorava davanti alla bottega.
– Faccio la culla per il nipote del re che nasce.
– E  il re, dove si trova?
– Il re e la regina sono in quel palazzo lassù; ma il figlio e la sua sposa si sono persi e non è riuscito a trovarli mai nessuno.
– E allora, per chi lavorate?
– Lavoriamo perché trovino tutto pronto quando qualcuno riuscirà a riportarli al re e alla regina, perché il re ha promesso una grande ricompensa e poi ha mandato tanta gente a cercarli in lungo e in largo per tutte le terre e per tutti i mari.
Arrivata al palazzo, la povera giovane, che aveva fame, vide quel re sul portone e gli chiese l’elemosina; ma quello si voltò da un’altra parte, forse non l'aveva sentita, o forse non aveva voglia di dar nulla a nessuno. La giovane si offese per questo gesto, e quando i servitori, che avevano visto e sentito tutto, le fecero la carità di un piatto di minestra e di un piatto di carne, non volle mangiare nulla e rimandò tutto in cucina.
I servi allora andarono dal re e gli dissero:
– Sapete che cosa è successo? Per dare un piatto di minestra e uno di carne a quella donna che vi aveva chiesto l’elemosina, si può dire che ce li siamo levati di bocca, e lei li ha rimandati indietro senza neanche assaggiarli. Non vi pare una donna piena di superbia?
Così il re rispose:
– Prendete la scopa e cacciatela via!
Quando i servi stavano per eseguire l’ordine del re, videro che la giovane si stava contorcendo per le doglie del parto.
Allora corsero di nuovo dal re:
– Sacra maetà, quella donna sta per avere un bambino.
– Portatela nel letto, chiamatele la mammana e aiutatela.
Venne la mammana, nacque un bel maschio, e tutti d’accordo diedero assistenza alla puerpera, con la regina in testa. Ogni tanto perà la regina le domandava:
– E tuo marito, dov’è? Chi è tuo marito? Perché non gli mandi a dire che hai partorito?
Lei ora trovava una scusa, ora un’altra, e alla fine tutti pensarono che fosse una di quelle donne che si fanno prendere per quattro soldi!
Quella sera il pesce arrivò sulla spiaggia, come aveva promesso, per riportare a casa la sua sposa, e quando vide che non veniva, dopo aver aspettato a lungo, capì che si trovava a palazzo, e andò a farle visita per una porta segreta, che lui solo conosceva, senza che nessuno potesse scoprirlo. Come fu contento quando vide che aveva partorito e che era nato un bel maschio, bello grassoccio, con i capelli rossicci e ricci come il bambinello del presepio! potete immaginarlo, senza che ve lo dica. Le rimase accanto tutta la notte, la assistette e le tenne compagnia, poi, appena le campane suonarono l'alba, filò via. Ritornò a tarda sera, e volgendosi a una lampada accesa a capoletto, cominciò a dire queste parole:
– Buona sera lampada bella e buonanotte mia cara sposa, come ti trattano il re e la regina?
La moglie rispose:
– Se nessun gallo cantasse, se non suonasse nessuna campana, se lo sapesse la regina, che ne sarebbe di me?
La sera dopo, e quella che seguì, e quella dopo ancora, continuarono a dire le stesse parole, tanto che i servitori, sentendoli parlare, si misero con le orecchie contro la porta della stanza per capire quello che si stavano dicendo. Poi dissero:
– Ora sarà meglio andare a riferire questa storia al re, perché, Dio ce ne liberi! ci manderebbe tutti via se venisse a sapere che durante la notte qualcuno si insinua nel palazzo senza sapere da che parte entra.
Così andarono dal re e gli raccontatono tutto per filo e per segno.
Il re rimase come incantato, poi chiese loro cosa dicessero.
– Lo sposo dice: “Buona sera lampada bella e buonanotte mia cara sposa, come ti trattano il re e la regina?” E la sposa gli risponde: “Se nessun gallo cantasse, se non suonasse nessuna campana, se lo sapesse la  regina, che  ne sarebbe di me?”
– Ma da dove entra lo sposo? Si vede che voialtri la sera non richiudete il portone e per questo meritate che vi mandi via! Levatevi di torno, tutti quanti siete!
– Ma noi, maestà, chiudiamo e mettiamo i catenacci al portone, alla porta del giardino e a tutte le altre porte, tutte le sere all’Avemmaria!
– Ma insomma! Stasera vedrò di persona se se dite la verità; sennò, vi prendo tutti e vi taglio della testa!
– Maestà, se diciamo una bugia, tagliateci pure la testa,
Appena suonò l’Avemmaria, il re andò a vedere questo strano fatto, e dovette persuadersi che tutto veniva fatto come si deve. Ma si doveva scoprire quando lo sposo entrava se qualcuno gli apriva a notte fonda: perché non questo non potesse accadere il re si portò in camera tutto il mazzo delle chiavi. Ordinò poi ai servitori di restare svegli e di chiamarlo appena avessero sentito quelle parole.
– Se vi riesce – disse – farmi acchiappare questo merlo cogliendolo sul fatto, darò una bella ricompensa a ciascuno di voi.
I servi pensarono che il re, che era molto avaro, promettesse questo premio perché pensava che non avrebbe dovuto sborsarlo, e uno di loro disse:
– Siccome si è portato in camera tutto il mazzo delle  chiavi il re pensa che non entrerà nessuno, e invece gli toccherà farci un bel regalo! Ecco cosa dobbiamo fare: armiamoci di bastoni, e appena lo sposo e la sposa cominciano a parlare, sfondiamo la porta della camera,saltiamo addosso all’uomo, lo leghiamo e lo portiamo davanti al re. Ma un altro replicò:
– No, non ha forse detto il re che dobbiamo chiamare lui? Lasciamo quindi che se la sbrighi lui con questo malandrino, che non si può capire da che parte entri. Al massimo possiamo dargli addosso con questi manganelli nel caso che provi a scapparci.
E improvvisamente, intorno alla mezzanotte:
– Zitti!... eccolo!... correte a chiamare il re!    
– Correte, sacra Maestà! venite a prenderlo in trappola!
Il re, con la sciabola sguainata, benché fosse vecchio, saltò giù per le scale, sfondò la porta, e si ritrovò davanti un enorme pesce che cercava di fuggire. In quel corri corri e in quella agitazione successe che un colpo di sciabola colpì il pesce e gli fece uscire uno zampillo di sangue: nello stesso istante il pesce si trasformò in un giovane tanto bello!
Chi era? Il re riconobbe che era quello che cercava da tanto tempo... proprio suo figlio... e scoppiò a piangere!
Lui non sapeva che le streghe l’avevano trasformato in un pesce! Aveva riavuto suo figlio per un caso fortunato, perché, come si sa, quando uno è stregato e affatturato, sia maschio o sia femmina, se gli si fa uscire il sangue, si ritrasforma in essere umano.
Il vecchio re volle sapere da dove passava, e lui gli mostrò la porta segreta. I servitori ebbero la bella ricompensa promessa, e si fece una grande festa. Come padrino e madrina di battesimo furono chiamati il pescatore con la figlia minore, che poi restarono per tutta la vita a palazzo. Lo sposo e la sposa ricevettero le corone regali, e il bambino venne chiamato “il figlio del re pesce.”


La bardascia se contentètte, je la portette, e lu pisciu la  ’cchiappètte
co’ la vòcca e se la strascinette, galla galla a fior d’acqua, scina
a un palazzittu drento mare, do’ ce statìa ’gni grazia de Dio.


___________________________________________
TESTO

Antonio Gianadrea, Luigi Mannocchi, Fiabe e novelle popolari marchigiane. Jesi: Tipografia Ruzzani 1878. Ristampa, con prefazione di Luigi Russo, Palermo: Edikronos 1981. Pp. 213–220.

___________________________________________
TRADUZIONE
© Adalinda Gasparini 2010.

___________________________________________

IMMAGINE Warwick Goble: Giambattista Basile. Stories from the Pentamerone. E. F. Strange, editor. Warwick Goble, illustrator. London: Macmillan & Co. 1911.
Fonte: http://www.artsycraftsy.com/



























© Adalinda Gasparini
online dal 10 maggio 2004
ultimo aggiornamento 30 setttembre22018