HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL

ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA STELLA DIANA
1877
LA STELLA DIANA



Gh'era ona voeulta on spezie, che el gh'aveva ona tosa. L'era vedov, el gh'aveva minga mie. El ghe voreva tanto ben a sta soa tosa; e lee, l'andava a impar a cus de biancheria in d'ona soa amisa. E sta soa amisa, ghe piaseva tanto i fior; la gh'aveva ona terrazza; e tutti i dopodisna l'andava a dacqu sti fior; e per contra gh'era on poggioeu e gh'era semper l on scior. Lu el saveva, che lee, la gh'aveva nomm: Stella Diana.
El ghe diseva:

- Stella Diana, quanti foeuj fa la soa maggiorana?
E lee, la ghe dis:
- E lu, sur nobil cavalier, quante stelle gh' in del ciel?
Lu, el dis:
- I stell che gh' in del ciel non se pol contare.
E lee, la ghe dis:
- La mia maggiorana non si pu rimirare.
C'era una volta uno speziale, che aveva una figlia. Era vedovo, non aveva pi una moglie. Voleva tanto bene a questa figlia, e lei andava a imparare a cucire la biancheria da una sua amica. A questa sua amica piacevano tanto i fiori, aveva una terrazza e la giovane tutti i giorni dopo pranzo andava ad annaffiarle i fiori; e di fronte c'era un balconcino e sul quale si trovava sempre un giovane. Lui sapeva che lei si chiamava Stella Diana.
E le disse:
- Stella Diana, quante foglie fa la vostra maggiorana?
E lei gli disse:
- E voi, sor nobil cavalier, quante son le stelle in ciel?
Lui, le disse:
- Le stelle in cielo non si posson contare!
E lei gli rispose:
- La mia maggiorana non si pu rimirare.

E lu, el gh'aveva tant pias de vedella de visin sta tosa, l' andaa intes con quella dove l'era in casa lee; el s' vesti e l'ha fint de vess on pessee, de and l a vend el pess.

Quella dove l'era in casa da laor, la ghe dis:
- Famm el pias a toeu de quel pessin.
E la ghe dis: cosse l' ch'el voreva. E lu, el gh'ha domanda on prezzi carissim. E lee, la gh'ha ditt che le voreva minga, che l'era tropp car. E lu, el gh'ha ditt de fagh on basin, ch'el ghe dava el pessin. S'ciao! Lee, la gh'ha fa el basin, e lu, el gh'ha da el pessin.

Al dopdisna la torna anm su la terrazza; e lu, el ghe torna a d:
- Stella Diana, quanti foeuj fa la soa maggiorana?
E lee, la ghe dis:
- E lu, sur nobil cavalier, quante stelle gh' in del ciel?
E lu, el dis:
- I stell che gh' in del ciel non se pol contare.
E lee, la ghe dis:
La mia maggiorana non se pu rimirare.
E lu, el ghe dis:
- Per on pessin, la m'ha faa el basin.

E a lui gli sarebbe piaciuto tanto vedere questa ragazza da vicino, tanto che si mise d'accordo con quella dalla quale andava a casa a cucire; si vest da pescivendolo e and l facendo finta di vendere il pesce.
Quella che le insegnava a cucire disse alla giovane:
- Fammi il piacere di andare a prendere un pesciolino.
Stella Diana domand al giovane quanto voleva, e quando lui le chiese un prezzo altissimo, lei disse che non lo voleva, perch era troppo caro. Allora lui le disse di dargli un bacino, che gli avrebbe dato in cambio un pesciolino. Accipicchia! Lei gli diede il bacino, e lui le diede un pesciolino.
Dopo pranzo la giovane and di nuovo sulla terrazza e lui le disse
- Stella Diana, quante foglie fa la vostra maggiorana?
E lei gli disse:
- E voi, sor nobil cavalier, quante son le stelle in ciel?
Lui le disse:
- Le stelle in cielo non si posson contare!
E lei gli rispose:
- Anche la mia maggiorana non si pu rimirare.
E lui le disse:
- Per un pesciolino, mi avete dato un bacino.


Lee, l'era rabiada perch el gh'ha fa sto scherz; e lee, la pensava de faghen vun a lu. L'ha miss ona bellissima zenta in vita, magnifica, e l'ha ciappa ona mula, e l' andada a cavall e l' passada via dove el stava lu, a posta pe fass ved, che la gh'aveva sta zenta insc preziosa.
E lu, l'ha veduda e l'ha ditt:
Oh che bellezza d'ona zenta! Come me piasaria, che la fuss mia!
L' anda de bass, e gh'ha ditt cosse l' ch'el voreva (perch l'era vestida de omm) per quella zenta. E lu (che l'era lee vestida de omm) l'ha ditt: che lu le vendeva minga; che chi ghe faseva on basin in del cu alla soa mula, el ghe dava la zentura.
S'ciao! E lu, l'ha guarda, l'ha vedu che gh'era nissun attorno e la zenta la ghe piaseva tant, el gh'ha fa el basin, e l'ha ciappa la soa zenta e via! L' scappa via subet.
Al dopdisna tornen de capp: lee, in su la soa terrazza, e lu, in sul poggioeu.
E lu, el ghe dis:
- Stella Diana, quanti foeuj fa la soa maggiorana?
E lee, la ghe dis:
- E lu, sur nobil cavalier, quante stelle gh' in del ciel?
Lu, el dis:
- I stell che gh' in del ciel non se pol contare!
E lee, la ghe dis:
- Anca la mia maggiorana non si pu rimirare!
E lu, el ghe dis:
- E per el pessin, la m'ha faa el basin.
E lee, la ghe dis:
- E per la zentura, el gh'ha basa el cu a la mia mulla.


Lei era arrabbiata per il tiro che lui le aveva giocato, e pens di fargliene uno a lui. Si strinse in vita una cintura preziosa, bellissima, mont su una mula, e and cavalcando lungo la via dove c'era lui, apposta per farsi vedere con questa magnifica cintura.
E lui la vide, e si disse: Oh, che meravigliosa cintura! Come mi piacerebbe che fosse mia!
Scese gi, e chiese a lui, visto che era travestita da uomo, quanto voleva per quella cintura. E quell'uomo, perch cos lei si era travestita, gli disse che non la vendeva, ma a chi dava un bacino al culo della sua mula, gli regalava la cintura.
Accipicchia! Allora lui si guard intorno, controll che non ci fosse nessuno, e siccome la cintura gli piaceva tanto, diede il bacino al culo della mula, si prese la cintura e via di corsa! Se ne and subito a casa sua.

E poi rieccoli dopo pranzo, lei sulla sua terrazza, e lui sul balconcino.

E lui le disse:

- Stella Diana, quante foglie fa la vostra maggiorana?
E lei gli disse:
- E voi, sor nobil cavalier, quante stelle c' nel ciel?
Lui le dice:
- Le stelle in cielo non si posson contare!
E lei gli dice:
- Anche la mia maggiorana non si pu rimirare!
E lui le dice:
- Per un pesciolino mi avete dato un bacino.
E lei gli dice:
- E per la cintura avete baciato il culo alla mia mula.


Quand l'ha senti, che lee, la gh'ha faa sto desprsi, allora lu el pensa de faghen on alter anm a lee.
L' andaa in dove l'era in casa lee a laor e l' restaa inte de fagh on scherz. Al dopdisna, lee, l'ha faa per and a c, quand l' in su la scala, gh' i basej con denter di sfor, di bus, che l' la scala che sott ghe resta la cantinna. El se prepara l e menter che la passava el cascia su la man e el ghe tira la vesta.
Lee, la diseva:
 
- Sura maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia: gh' nissun che mi abbraccia?
Lee, la maestra, l'amisa, la diseva:
- Va, va, che la scala ti lascer.
Lee, adess la s' ammalada e l' stada on poo de temp senza pod and a la soa scola. Dopo l' andada e torna la stessa storia sulla terrazza.
Lu, el ghe dis:
- Stella Diana, quanti foeuj fa la soa maggiorana?
E lee, la ghe dis:
- E lu, sur nobil cavalier, quante stelle gh' in del ciel?
E lu, el ghe dis:
- I stell che gh' in del ciel non se pol contare.
E lee, la ghe dis:
- Anca la mia maggiorana non si pu rimirare.
E lu, el ghe dis:
- Per el pessin, la m'ha faa el basin.
E lee, la ghe dis:
- Per la zentura, l'ha basa el cu a la mia mula.
E lu, el ghe dis:
- Sura Maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia; gh' nissun che mi abbraccia? Va, va, che la scala ti lascer.

Quando sent che lei gli aveva giocato questo brutto tiro, lui pens subito come tirargliene un'altro.
And nella casa dove stava a cucire e si mise d'accordo per farle uno scherzo. Dopo desinare lei se ne stava andando a casa: era su una scala che aveva gli scalini rotti, c'erano dei buchi, e in fondo alle c'era la cantina. Lui si era messo ad aspettare l di sotto, e mentre lei passava allung una mano e le tir la sottana.
Lei allora disse:
- Sora maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia: c' qualcuno che mi abbraccia?
Lei, la maestra, la sua amica, le disse:
- Va' l, va' l, che la scala ti lascer.
Lei allora si ammal, e stette un po' di tempo senza andare pi a cucire.
Quando torn dalla maestra ricominci la stessa storia sulla terrazza.
Lui le disse:
- Stella Diana, quante foglie fa la vostra maggiorana?
E lei gli disse:
- E voi, sor nobil cavalier, quante stelle c' nel ciel?
E lui le disse:
- Le stelle in cielo non si posson contare!
E lei, gli disse:
- Anche la mia maggiorana non si pu rimirare.
E lui le disse:
- Per un pesciolino mi avete dato un bacino.
E lei gli disse:
- Per la cintura avete baciato il culo alla mia mula.
E lui le disse:
- Sora maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia; c' qualcuno che mi abbraccia? Va' l, va' l, che la scala ti lascer.


Lee, la sent sti robb tutta rabbiada, la pensa de faghen vunna pusse bella.
Donca la va a c del so pap e la ghe dis de faghel sto pias, de dagh di dane:
- Ma tanti, perch ghe n'hoo de bisogn.
Lu, el ghe dis:
- Cosa te n'h de fann?
Lee, la dis:
- Tel diro, quand gh'avaro faa, quel che gh'hoo intenzion de f mi.
E l' andada e l'ha pagaa di servitor de la casa in dove el stava lu, per lassalla entr ona sera in di stanz in dove stava el so padron.
E lee, la s' missa on lenzoeu in testa, bianch; ona gran torcia in man e on liber; e al moment che l'entrava in stanza de lu l'ha pizzaa sta torcia.
E lu, a ved sta fantasma tutt'on tratt, con sto ciar a compar, el s' stremi.
- Questa l' l'ultima ora de la toa vita: ti te devet mor!

E lu, tutt stremi, el diseva:

- Morte mortina, lasciami stare, che son giovinetto; va da mio padre ch' pi vecchio di me!
E lee, la ghe diseva:
- No, questo il tuo momento e non il momento di tuo padre!
E poeu l'ha smorzaa la soa torcia, e via la gh' scomparsa.
Lu, el pessga, el sona el campanin e el dimanda la servit tutt stremi con paura: el fatt l' che l'ha faa ona malattia de la gran paura che l'ha ciappa e l' sta tanto temp in lett.
Quand l' andaa ancam in sul so poggioeu, l'ha veduu la Stella Diana. Lu, el ghe dis:
- Stella Diana, quanti foeuj fa la soa maggiorana?
E lee, la ghe dis:
- E lu, sur nobil cavalier, quante stelle gh' in del ciel?
E lu, el ghe dis:
- I stell che gh' in del ciel non se pol contare.
E lee, la ghe dis:
- Anca la mia maggiorana non si pu rimirare.
E lu, el ghe dis:
- Per el pessin, la m'ha faa el basin.
E lee, la ghe dis:
- Per la zentura, l'ha basaa el cu a la mia mulla.
E lu, el ghe dis:
- Sura maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia; gh' nissun che mi abbraccia? Va, va, che la scala ti lascer.
E lee, la ghe dis:
- Morte mortina, lasciami stare che son giovinetto! Va da mio padre ch' pi vecchio di me.

Lei a sentire questa cosa si arrabbi tanto, e pens di giocargli un tiro ancora pi brutto.
Corse a casa dal suo pap e gli chiese di farle un piacere, di darle dei soldi:
- Ma tanti, perch ne ho bisogno.
Lui le disse:
- Che ne devi fare?
Lei disse:
- Te lo dir, quando quel che intendo fare fatto avr.
And al palazzo dove lui viveva e pag i suoi servitori perch la lasciassero entrare ogni sera nella stanza dove stava il loro padrone.
Poi si mise un lenzuolo in testa, bianco, e con un libro e una torcia in mano entr nella sua camera e accese questa torcia.
E lui, vedendo all'improvvisto questo fantasma apparirgli con questa luce, si impaur.
- Questa l'ultima ora della tua vita: devi morire!
E lui tutto tremante disse:
- Morte mortina, lasciami stare, che son giovinetto. va' da mio padre che di me pi vecchio!
E lei, gli disse:
- No, questo non il tuo momento di tuo padre, il tuo momento!
Poi spense la torcia e spar.
Lui si precipit tutto impaurito a suonare il campanello e fece accorrere i servi. And cos che della gran paura che si era preso ne fece una malattia e rest a letto tanto, ma tanto tempo.
Quando finalmente torn sul balconcino, vide la Stella Diana
Lui le disse:
- Stella Diana, quante foglie ha la vostra maggiorana?
E lei gli disse:
- E voi, sor nobil cavalier, quante stelle c' nel ciel?
E lui le disse:
- Le stelle in cielo non si posson contare!
E lei gli disse:
- Anche la mia maggiorana non si pu rimirare.
E lui le disse:
- Per un pesciolino mi avete dato un bacino
E lei gli disse:
- Per la cintura avete baciato il culo alla mia mula
E lui le disse:
- Sora maestra, la scala mi tira, la scala mi lascia; c' qualcuno che mi abbraccia? Va' l, va' l, che la scala ti lascer.
E lei gli disse:
- Morte mortina, lasciami stare che son giovinetto! Va' da mio padre che di me pi vecchio.


E lu, el sent che la gh'ha faa sto scherz, el dis: La m'ha fa de sti azion! Adess me vendicaro mi deversament.
 
El va e le cerca al so pa per sposalla. E lu, el so pader, el ghe dis che l' impossibel perch l' fioeu del Re.
E lee, la tosa, la ghe dis a so pap:

- Lassa pur ch'el me sposa; mi el sposi subet volentera.
Donca fann el contratt. Fissa el d di sposalizi, lee, cosa l'ha faa, lee? La pensa de fa on'altra robba innanz che l'avess avu de sposalla, fa f ona gran pigotta granda, le mett in camisa cont on gipponin de lett e la gh'ha faa mett ona vessiga, ch, in del stomegh, piena de lacc e vin e zuccher.
Poeu la sera che l' andada a c dopo sposada, lee, la gh'aveva scondu la soa pigotta in d'on vestee. Intrettant ch'el passeggiava in stanza, che lee la se disvestiva per and in lett, la gh'ha miss in lett la pigotta. E lee, la s' sconduda.
E lu al va l, cont on stil:

- Ah! - el dis - Adess me vendighi mi! Quest ch, l' propi el to ultim moment, e l' minga el m.
El ghe d ona stillettada in de la vessiga: la, l'ha credu de daghela in del coeur, e gh' andaa on poo de sto vin e lacc dolz in bocca:
- Oh poer a mi! Come l' dolz el sangue della mia Stella Diana! Poer a mi! Coss'hoo mai fa! - A piang tutt desperaa. - L' vera che sont on Re; ma se fuss el Re de tutt i Re, la mia Stella Diana la fara diventa viva anm!


Lee, l'ha lassaa piang despera.
E poeu l' vegnuda foeura e la gh'ha ditt:
- No, sont chi ancam. La toa Stella Diana l' minga morta.

S'ciao! Lu, dopo el gh'ha voruu ben; e lee, l' stada soa mie.

Allora lui, sentendo che razza di tiro gli aveva giocato disse fra s e s: Lei m'ha fatto uno scherzo cos! Ora mi vendicher io in un altro modo.
And dal padre di Stella Diana e gliela chiese in sposa. E lui, il padre, gli diceva che era un matrimonio impossibile, perch lui era figlio del re, ma lei, la giovane, disse al suo pap:
- Lascia pur che mi sposi, io lo sposo subito volentieri.
E cos fecero il contratto. Stabilito il giorno dello sposalizio, lei, cosa fece? Pens di fare un'altra cosa prima che venisse il giorno che lui l'avrebbe sposata: si fece fare una bambola, ma grande, grande, le mise la camicia con una giacchina da notte, e proprio nello stomaco le fece mettere una vescica piena di latte, vino e zucchero.

La sera che and a palazzo, dopo le nozze, nascose la sua bambolona in un armadio. Mentre lui camminava nella stanza e lei si spogliava per andare a letto, sotto le lenzuola ci mise la bambolona. E lei, lei si nascose.
E lui and accanto a letto, con uno stiletto:
- Ah! - dice ora mi vendico io! Questo s che il tuo ultimo momento, mica il mio!
E d una stilettata nella vescica: s, mentre credeva di dargliela nel cuore, un po' di vino e latte dolce gli schizz in bocca:

- Oh povero me! - disse - Come dolce il sangue della mia Stella Diana! Povero me! Cosa mai ho fatto!
E piangendo come una vite tagliata gridava:
- Come vero che sono un re, se fossi il re di tutti i re vorrei solo far tornare in vita ora subito la mia Stella Diana!
Lei prima lo lasci un po' piangere disperato.
E poi usc fuori e gli ha disse:
- No, sono ancora qui. La tua Stella Diana non mica morta.
Accipicchia! Lui dopo le ha voluto bene, e lei stata la sua moglie.



- Oh poer a mi! Come l' dolz el sangue della mia Stella Diana! Poer a mi! - No, sont chi ancam. La toa Stella Diana l' minga morta.




___________________________________________
TESTO

Vittorio Imbriani, La Novellaja fiorentina. Fiabe e novelline stenografate in Firenze dal dettato popolare da Vittorio Imbriani. Ristampa  accresciuta di molte novelle inedite di numerosi riscontri e di note, nelle quali accolta integralmente La Novellaja milanese dello stesso raccoglitore. Livorno: Tipi di F. Vigo 1877. Ristampa anastatica con prefazione di Marcello Vannucci; Palermo: Edikronos 1981. https://www.liberliber.it/mediateca/libri/i/imbriani/la_novellaja_fiorentina/pdf/imbriani_la_novellaja_fiorentina.pdf; pp. 47-53. Ultimo accesso: 20 febbraio 2021
___________________________________________
TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2021.
___________________________________________

IMMAGINE Arthur Rackham, Sleeping Beauty, immagine di destra, da https://www.mediastorehouse.com/granger-art-on-demand/literature/perrault-sleeping-beauty-sleeping-beauty-12319127.html?prodid=676; accesso 20 febbraio 2021. L'immagine di sinistra una nostra modesta rielaborazione.


FABULANDO
Vedi anche, in Fabulando:
Violetta
, http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Violetta/Violetta-IT.html;
Violetta (roman), http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Violetta-rom/Violetta-rom-IT.html;
Catarina la sapiente: http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Catarina/Catarina-IT.html.

  Adalinda Gasparini
Posted 24 febbraio 2021
Last updated: 21 febbraio 2021