HOME PAGE
FAVOLE PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL

ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

LA STORIA DEL PEST D'OR
1877
LA STORIA DEL PESTELLO D'ORO



U pais e so fila, in del laur' cp, i trot pest d'or. Ol pader al vla portl al padr del cp, ma la fila la gli disa de n portghel miga, perch dopo 'l pest l'avrs volt a' 'l mortr; pader ol per l' portt ol pes al padr, che l'era 'l re.
Ol re 'l ga sirct sbet a' 'l mortr.
- La gh' prpe t res me fila. - L' borlt fra a d 'l pais.
Ol re l' sentt quele parole e l' lt che 'l gh'i spieghs; ol per pais 'l ghe l' cntada s tal e qual.
Ol re, a sent x, al s' indispett:
- Com' a pdela pretnd t fila de sa quel che ps pens' m? Gisto perch l' x braa, prtega sta basa [fastello di lino sodo]de l e diga che vi che l'am' faghe dt tt panda quarci 'l m rem.
Un  contadino e la sua figliola, lavorando il campo, trovarono un pestello d'oro.  Il padre voleva portarlo al padrone del campo, ma sua figlia gli diceva di non portarglielo, perch dopo il pestello avrebbe voluto il mortaio; ma il padre port il pestello al padrone, che era il re.
Il re gli chiese subito il mortaio.
- La mia figliola aveva proprio ragione - scapp detto al contadino.
Il re sent quelle parole e volle che gliele spiegassr: il povero contandino gli raccont tutto per filo e per segno.
Il re, sentendo questa storia, si indispett:
- Come ha potuto pretendere la tua figliola di sapere quel che avrei pensato io? Visto che tanto brava, portale questo fastello di lino, e dille che voglio che mi faccia tante pezze da coprire il mio reame.

Ol pais tt maliconis al porta a ca 'l l e 'l ga ds i parole del re: l la scta e gh' respnd:
- N pense negt, tata; st s algher.
La s' mitida a spin 'l l del re, l' mett insma tte i resche che l'era gnt f e po' l' dc a so pader:
- Tol sti resche, portle al nost padr e racomandga che 'l faghe dt tace telr, se 'l vl  che m del s li faghe tt pan da quarci zo 'l so rem.
Ol pais 'l tl s e 'l va dal re, che sta olta l' restt pi sorprs che indispett.
- T gh' dir a t fila che la egne da me gne nda gne estita1, gne a pe gne a cal, gne per l's, gne per la porta.
Ol per pder, tt f de l, al fa la riferta a so fila, ma l, come se niente fosse, la gh' fac s coragio e po' l' pensat com'a l'a de fa'. Lu s' caada f i so pagn e la s' 'ntorciada 'n d'ne rt, la s' btada s 'n dna cavra a so na sma a po' a trers al giard l' riada al pals del re. Ol re l'e restt incantt a ed [vedere] tta finessa, a 'l l' caren sada e 'l la lida spus'.
Il contadino immalinconito porta a casa il lino e riferisce le parole del re: lei accetta e gli risponde:
- Non ci pensate pi, babbo, pensate a stare allegro.
Si mise a pettinare il lino del re e mise insieme tutte le lische che erano saltate fuori e poi disse a suo padre:
- Prendete queste lische, portatele al nostro padrone e raccomandategli che faccia dt tace telai, se vuole che io col suo lino faccia tanti panni da coprire il suo reame.
Il contadino le prende e va dal re, che questa volta rimase pi sorpreso che indispettito.
- Ora dirai a tua figlia di venire da me n nuda n vestita, n a piedi n a cavallo, n dall'uscio n dalla porta.
Il povero padre, che non ci capiva pi nulla, rifer quanto aveva detto alla figlia, ma lei, come se niente fosse, gli fece coraggio e poi pens a come doveva fare. Si spogli dei suoi panni e si avvolse in una rete, si mise a cavallo di una capra e poi entr nel palazzo del re attraverso il giardino. Il re rimase incantato a vedere tanta acutezza d'ingegno, a 'l l' caren sada e la volle sposare.

De l x 'mp l ghe s' presentt n om ch 'l gh'a 'n cstodia tant bestim del re, e 'l ghe s' presentt per dga che 'l re, so mart, n 'l ga pagaa miga la mercede. Quela braa dna la gh' dac ist consei:
- Va, - la gh' dc in ra al mr de 'l re l' slet a 'ndga; sguita a bt' di sas in d'aqua e a la domanda che 'l te far 'l re respndega: A s' guadagn tt a' ch'a laur' al re.
L' sucedida prpe com'a la gh'a dc l; ol re l' capt de che banda la egna quela risposta, e 'l n' t tta rabia che l' 'ndc a ca e 'l gh' dc:
- T s quel che t' pi cr e va via de ch, perch n ti voi pi sta i m cop.
Da l a qualche tempo si present un uomo che  aveva in custodia tanto bestiame del re, e le si present per dirle che il re suo marito non gli aveva pagato la mercede. Quella brava donna gli diede questo consiglio:
- Va', - gli disse in riva al mare dove va di solito il re; continua a buttare sassi nell'acquae e alla domanda che ti far il re gli rispondi: Si guadagna tanto quanto a lavorare per il re.
Successe proprio come aveva detto lei, il re cap da che parte veniva quella risposta, e ne ebbe una  tale rabbia che and a casa e le disse:
- Prenditi quel che ti piace di pi e va via di qua, perch non ti voglio pi sotto il mio tetto.

L, prima de 'nd', l' domandt la grazia de pd sents zo a tola a' m na olta col so om. La gh' riada a otegn' la grazia.
Intt che 'l mangia e 'l bia la gh' dac zo tta sdrmia che 'l s' 'ndormentt, e dormt la l' portt a la ca de so pader.
Quando 'l re 'l s' desdt fo, l'a domandt a che manra 'l se troa 'n quel sito, e l la gh' respondt:
- Quando t t m' casst vi t m' dac ol perms de t s quel che m'ra pi cr: m n gh' negt che me sa pi cr de la t persuna, dca per pd at t' dac zo la sdrmia.
A sent' x ol re al l' basada e 'l l' menada m 'n del so pals, d i fac past e past e a me n i m' n' 'nvidt gna boc.
Lei, prima di andare, gli chiese la grazia di potersi sedere a tavola un'ultima volta con suo marito. E ottenne la grazia.
Mentre mangiavano e bevevano lei gli diede tanto oppio che lui si addorment, e addormentato lo port a casa di suo padre.
Quando il re si svegli, chiese in che modo fosse capitato in quel posto, e lei gli rispose:
- Quando tu mi hai scacciato mi hai dato il permesso di prendere quel che mi era pi caro, ma non c' nulla che mi sia pi caro della tua persona, e per poterti avere ti ho dato l'oppio.
Sentendo questo il re la baci e la riport nel suo palazzo, dove fecero un pranzo e un cenone e a me non mi offrirono nemmeno un boccone.



                            ...la gh' dac zo tta sdrmia che 'l s' 'ndormentt...  
  ...gli diede tanto oppio che lui si addorment...                                              




___________________________________________
TESTO

Francesco Corazzini, I componimenti minori della letteratura italiana nei principali dialetti o saggio di letteratura dialettale comparata. Benvento: Stabilimento tipografico di  Francesco de Gennaro 1877; Bergamo, pp. 482-484.
https://books.google.it/books?id=D3w9AAAAYAAJ&printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false; ultimo accesso: 25 maggio 2021.
___________________________________________
TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2021.
appena il caso di osservare come pestello e mortaio siano simboli del maschile e del femminile.
In questa versione il contadino trova solo il pestello, mentre in altre, la maggior parte, trova solo il mortaio. La stessa mancanza o incompletezza affermata dalla figlia del contadino e dal re, e le nozze indicano la loro parit sostanziale e quindi la loro unione. Ma la fiaba si spinge a raccontare come la regina corregga una sentenza ingiusta del sovrano, e alla cacciata di lui risponda con astuzia vincente. 
___________________________________________

IMMAGINE R. Anning Bell, Grimm's Household Tales, 1912. Brothers Grimm, Marian Edwardes (translator), R. Anning Bell
https://en.wikipedia.org/wiki/The_Peasant%27s_Wise_Daughter#/media/File:Illustration_at_page_135_in_Grimm's_Household_Tales_(Edwardes,_Bell).png


FABULANDO
Vedi anche, in Fabulando:
Catarina la sapiente: http://www.fairitaly.eu/joomla/Fabulando/Catarina/Catarina-IT.html.

  Adalinda Gasparini
pgina online dal 24 febbraio 2021
ultima revisione: 27 giugno 2021