HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

EL TREDESN
1877
TREDICINO

Ona volta ghera on povermm. El ghaveva trdes fiu, e el saveva minga come fa per dagh de mangi. On d, el ghe dis a sti fiu : Andm in campagna, in don quaj sit, a ved, se podem trov quajghedun de pod damm on poo de pn, on quajcoss de pod mangi. Reussissen a vess in dona campagna : l, gh on sit cont ona crt, e van denter. Gh e l ona donna ; e el Tredesn el ghe dis, se la gh aveva de dagh quajcoss, ch el gh aveva tredes fiu. E lee la ghe dis : Povermm, adess, me rincress, poss dav nient, perch bisogna, che ve sconda ; perch, se ven a c el me mar, che l el mago, l bon de mttes adre a mangi i voster fiu. Donca, prima besogna, che ve metta in cantinna ; e che daga de mangi a lu. E pu dopo gh el diro, che ve faro vegn de sora e ghe daroo de mangi anca ai voster fiu. Difatti, el mago, el ven a c. El ven a c e el dis : Truss trusc, odor de cristianusc. Tu el mangi, perch chi gh nissun de mangi. Quand l ha avu ben mangia, le la ghe dis allora : S caro ti ; hoo scondu in cantinna on povermm con trdes fiu. Te vedet, di fiu ghe n emm anca nun. Sicch, te vedet, donca, besogna dagh de mangi a quij pover fiu l. S ciao, je fa vegn de sora, e ghe dan da mangi a sti fiu. E lu, el dis : Ben, adess, metti a dorm tucc. E mettegh in co, ai noster de nun, la barretta bianca ; e ai s de lu, ona scuffia rossa. E s ciao, vann dorm. Lu, el Tredesein, el lassa indorment tutti i fiu ; e pu adasi adasi el va, el ghe tira via la scuffia di so fiu e ghe l ha missa in testa a i fiu del mago ; e quella, che gh aveva i fiu del mago, ghe l ha missa in testa a i so de lu. E lu, el mago, la mattinna el se desseda, el leva s, el va, el ciappa tutt quij della scuffia rossa  e je mazza tucc e pu via al va. E allora el Tredesn, che stava l a guard, che lu, el se l immagina, che ghe stava denter quajcoss, che lu (el mago) el voreva fa quel tradiment, el ciappa i s fiu, je fa vest e pu via el scappa. La mie del mago, la va per fa lev su i so fiu, la je truva, ch eren tutti mazza.
Ven a c el mago ; la ghe dis : Cosse t h fa, ti? t h mazza tutti i noster fiu. Allora el mago el dis : Ah quel baloss de quel Tredesn ! l ha capi, che mi voreva mazzgh i fiu ! e lu, l ha scambia i scuffi e mi ho mazza i m. S ciao, el Tredesn, el va, el saveva minga come pod fa per viv con tutti sti fiu. Ven, che on servitor del Re l ha sentu sta robba, che era success de sto Tredesn ; e lu ghe le conta al Re, per ved s el podeva dagh quaijcossa a sto povermm, ch el podeva minga mantegn i s fiu. E lu, el Re, el ds : Sent, digh insc : se l bon de and l del mago a rob quel pappagall, ch el gh ha lu, che mi ghe dar ona gran smma. E lu, el Tredesn, el dis : Ma com hoo de falla m? Basta, provaro d and l, quand el gh minga in csa lu, che forsi con soa mie poderoo robaghel. Difatti, el va ; la gh era, lee. L eva l cont in man el pappagal per portaghel via, quand cpita el mago. El mago, el ghe dis : Ah, te set ch adess? Te ne m h faa gi vunna ; adess te see ch per famm quella di d. El l ha liga, e pu el dis a la soa mie : Guarda ch, adess andaro a tu l acqua rasa, che vuj dagh el fugh. Ti intrettant ciappa sto bel legn ch, e la folc ; e s cppa sto legn. Che insc, quand vegni a c. metti su quij legn l e l acqua rasa e el brusi. Lee, sta povera donna, la ghe dava per s cepp sto egn, ma la stentava a s cepall, perch l era tant dur. El Tredesn, allora, el ghe dis : Povera donna, deslighem on moment e tel s ceppi m ; e s ciao ! dopo, te tornet a ligamm, e insc el t mar el ven a ca e el truva bell e s ceppa la legna. Lee, le disliga ; e lu, appena desliga, corr, va a tu el pappagall e via el scappa. Ven a casa el mago per dagh el fugh, el truva, che gh pu n el Tredesn, n pappagall. Allora, el se mett a batt la mie, perch l ha desliga e l ha lassa and via ; e el fa ona baruffa del diavol. Intrattant, lu, el Tredesn, el va a portagh el s pappagall al Re. El Re, el ghe d on gran bell regal, che l era content com. El dis : Adess, te devet famen on alter. Mi desideri, che te vaghet l a robagh quella coverta, che lu el gh ha in sul lett, che l tutta pienna de campanitt. Cara lu, com hoo de f m, a and a tu ona coverta, tutta pienna de campanitt ? E pur, te devet fa el possibel de andalla a tu. Tredesn, el va. El va l intrettant, che soa mie (del Mago) l era de bass a fa i s robb ; e lu, el va de sora adasi adasi cont del bombas ; e l sta l a imbott tutt sti campanitt per non f, che sonassen ; e pu el s scondu. A la sira, el mago, el va in lett ; lu, el Tredesn, el le lassa indorment ben ben ; e pu el comincia a poch a poch a tir in gi, a tir in gi. Lu, el mago, el se desseda ; el dis : Cosso l insc, che sent la coverta a tir gi ? E lu, el Tredesn, el fa : Gnau, gnau ! el fa mostra de vess on gatt. El le lassa indorment ben ben e pu a poch a poch l reuss a tiraghela gi. E pu via l anda con la soa coverta. El mago, la mattinna, el cerca la coverta e la truva no, el la truva in nissun sit : Ah, quel balss de quel Tredesn, ch el m ha fa quella di tr. S el me po reuss a vegn in man... dom, che poda reuss a aveghel in di man, mi gi el mazzi, perch el me n ha faa tropp. Lu, el Tredesn, el va dal Re. El Re, el ghe dis : Bravo, ma te see propi bravo, te ghe see reuss. Adess te do ona gran somma, che pu ti staree ben. Adess te devet famen on altra : allora te set on scir. T h de femen on altra, e allore te devantet on scir. Te devet f in manera, de consegnamm a mi el mago. Com hoo mai de f ? Ch el mago adess, s el me ciappa, el me mazza ! Basta, faroo de tutt, per fagh anca questa. El pensa, el se vestiss tutt divers de quell del s slit, el mett ona barba finta e pu el va l. El ghe dis a soa mie : Voj ! gh minga in c el voster mar ? S, ch el gh ; adess vo a ciamall subet. E el Tredesn, el ghe dis : Mi sont vegnu ch de l, perch gh hoo bisogn on pias. L ha de sav, che mi hoo mazza vun, che ghe disen el Tredesn, e hoo de fagh la cassa e gh ho minga de ass de faghela. Sont vegnu de lu a ved, s el vur minga damm di ass. El mago, el dis : Bravo, t h fa ben de mazzall : te doo subet i ass. Ven ch, ven ch ! Te juttaro anca mi a falla, la cassa, per mett denter quel birbn. Va l !... El ghe da di ass ; e lu, el s miss adree, el Tredesn, a fa la cassa. E lu, el mago, l semper sta l a guardargh adoss. L ha preparada in manera de vess pront a podella sar. Quand l ha finida : Adess mo sont infescia, perch so minga la grandezza, per ved se l andar ben. Me par, ch el sia grand compagn de lu, el Tredesn. Ch el pruva on poo a and denter lu, che insc vedaroo, perch l grand come lu. Se la ghe va be a lu, l andar ben anca al Tredesn. Ben, spetta, adess vo denter subet. Guarda, guarda, se la va ben. Quand l sta denter, el Tredesn, el mett su el coverc, e tich tach in d on moment l sta piccada gi la cassa. Per, el gh aveva faa di bus in de la cassa per pod fiad, perch lu l aveva de consegnall viv al Re. El gh aveva visin di s amis, per jutall a port sta cassa. Lr hin sta l pront ; e hin anda e l han portada l a la cort del Re. Ghe l han consegnada al Re : e el Re l sta tutt content a ved, che l reussi a consegnagh el mago bell e viv. El gh ha daa ona gran somma, che l stada asse de fa el scior per tutt el temp de la soa vita.
Cera una volta un poveruomo. Aveva tredici bambini, e non sapeva proprio come fare a dargli da mangiare. Un giorno disse ai suoi bambini:
Andiamo in campagna, andiamo da qualche parte, a vedere se si pu trovare qualcuno che mi possa dare un po di pane o qualche altra cosa da mangiare.
Capitarono in una campagna dove videro una casa con una corte, ed entrarono. C'era una donna, e Tredicino le chiese se aveva qualcosa da dargli, che lui aveva tredici bambini. E lei gli rispose:
Poveruomo, mi rincresce, ma ora non posso darvi nulla, perch vi devo nascondere, perch se torna a casa mio marito, che il mago, potrebbe mettersi a mangiare i vostri bambini. E allora, prima bisogna che vi metta in cantina, e che gli dia da  mangiare.  Poi  dopo glielo dir, e allora vi far venire su e dar da mangiare anche ai vostri bambini.
E il mago torn a casa come aveva detto la donna, torn a casa e disse:
Ucci ucci, sento odor di cristianucci.
Siediti qui a mangiare, prendi questo, perch qui non c nessuno da mangiare!
Dopo che ebbe ben mangiato, lei gli disse:
Eh, caro mio, ho proprio nascosto in cantina un poveruomo con tredici bambini. Guarda che anche noi abbiamo dei bambini. E allora, vedi bene che si deve dar da mangiare anche quei poveri bambini.
E cos, li fecero venire su, e a questi bambini gli diedero da mangiare. E lui disse:
Bene, adesso mettili tutti a letto. E ai nostri mettigli in testa la berretta bianca e ai suoi una cuffia rossa.
E cos andarono a letto. Lui, Tredicino, fece addormentare tutti i suoi bambini, e poi piano piano and a levare la cuffia ai suoi bambini e la mise in capo ai bambini del mago; e quella che portavano i bambini del mago la mise in capo ai suoi. E cos il mago la mattina si svegli, si alz, prese i bambini con la cuffia
rossa e li ammazz tutti, e poi se ne and.
E allora Tredicino, che era rimasto sveglio perch lui se lera immaginato che ci fosse sotto qualcosa, e che il mago lo volesse tradire, prese i suoi bambini, li fece vestire e scapparono via di corsa. Quando la moglie del mago and a svegliare i suoi bambini, li trov che erano tutti morti. Torn a casa il mago e lei gli disse:
Ma che hai fatto tu? tu hai ammazzato tutti i nostri bambini!
 Allora il mago disse:
Brutto birbante di un Tredesn! aveva capito che volevo ammazzargli i bambini! lui ha scambiato le cuffie e io ho ammazzato i miei.
E intanto Tredicino camminava e camminava, senza sapere come fare a tirare avanti con tutti questi bambini. Capit che un servitore del re sent di questa cosa capitata al Tredesim, e la raccont al re, per vedere se poteva dargli qualcosa a questo poveruomo, che non sapeva come fare a mantenere i suoi bambini. E lui, il re gli disse:
Senti cosa gli devi dire: se gli riesce di andare dal mago a rubargli quel suo pappagallo, io gli dar una bella somma.
Tredicino disse:
Ma come posso farcela? Basta, prover ad andarci quando lui non in casa, che forse con sua moglie da sola riuscir a rubarlo.
E cos and, e c'era la moglie, aveva in mano il pappagallo per portarglielo via, quando arriv il mago. Il mago gli disse:
Ah!  tu  sei  qui?  Me  ne  hai  gi  fatta  una, e ora  sei tornato a farmi la seconda.
Lo leg, e poi disse alla moglie:
Sta ben attenta, ora vado a prendere lacqua ragia, perch gli voglio dar fuoco. Intanto tu prendi questo ceppo e lascia e spezzalo. Perch cos quando torno a casa metto su quel ceppo e lacqua ragia e lo brucio.
Lei, povera donna, dava colpi sul ceppo, ma non ce la faceva  a spezzarlo, perch era duro duro. Allora Tredicino le disse:
Povera donna, slegami un momento che te lo spezzo io, e via! poi mi rileghi, cos quando tuo marito torna trova la legna belle tagliata.
Lei lo sleg e appena fu sciolto lui and a prendere il pappagallo e scapp. Torn il mago e non trov pi n Tredicino n il pappagallo. Allora cominci a picchiare  la moglie, perch laveva slegato e laveva fatto scappare, e fece una baruffa del diavolo. Intanto Tredicino and a portare al re il pappagallo del mago. Il re tutto contento gli fece un bel regalo, e gli disse:
Adesso mi devi fare unaltra cosa. Io desidero che tu vada a rubare la coperta che ha sul letto, quella coperta tutta piena di campanelli. 
Caro il mio re, ma come posso fare per prendergli una coperta tutta piena di campanelli?
Devi riuscire a prenderla in tutti i modi.
E Tredesn part. Arriv mentre la moglie del mago era di sotto a fare le sue faccende, e lui and di sopra con della bambagia e si mise a riempire tutti quei campanelli perch non suonassero, poi quando ebbe finito si nascose. La sera il mago and a letto, e Tredicino aspett che si fosse addormentato ben bene, poi cominci a tirarla gi e piano piano la tirava gi. Si svegli il mago e disse:
Chi c qui, che mi sento tirare la coperta? 
E Tredicino:
Gnau, gnau! faceva finta di essere un gatto.
Lo fece riaddormentare ben bene, e poi un pezzetto per volta riusc a tirargli gi la coperta, e via! se ne and con la sua coperta. Il Mago la mattina si svegli, cerc la coperta ma non la trov, la cerc da tutte le parti. Cerca e ricerca, non ci fu modo di trovarla da nessuna parte:
Ah, quel brutto birbante del Tredesn, me lha fatta per la terza volta! Ma se mi capita fra le mani... se un domani riesco ad averlo fra le mani io lo ammazzo, perch me ne ha fatte troppe.
Intanto Tredicino and dal re. Il re gli disse:
Bravo! sei proprio bravo, ci sei riuscito! Voglio darti una grande somma, che puoi starci bene. Ma ora devi farmi unaltra cosa, e poi far di te un gran signore. Devi farmene unaltra: e poi sarai proprio un signore. Tu devi trovare il modo di consegnarmi il mago.
Come  posso  fare io? Se il mago ora mi acchiappa, mi ammazza! Basta, far di tutto, per farle anche questa.
Ci pens: si vest in un modo tutto diverso dal solito, si mise una barba finta e poi and. Disse alla moglie del Mago:
Dite voi, vostro marito in casa?
S, che c: vado subito a chiamarlo.
E cos Tredicino gli disse:
Son venuto qua da lei per chiederle un piacere. Deve sapere che ho ammazzato uno che chiamano Tredicino, e devo fargli la cassa da morto, ma per farla mi mancano le assi. Son venuto da lei a vedere se mi pu dare delle assi.
Disse il mago:
Bravo! hai fatto proprio bene ad ammazzarlo, le assi te le do subito. Vieni, vieni! Ti aiuter anchio a farla, la cassa, per rinchiuderci quel brutto birbante. Dai, vieni ti aiuto anch'io a farla, la cassa per metterci dentro quel birbantone. Dai!
Gli diede delle assi; e Tredicino si mise a lavorare per fare la cassa. E intanto il mago stava sempre l a guardarlo. Fece tutta la cassa, che mancava solo di chiuderla, e quando ebbe fatto:
Ora non so pi come andare avanti, perch non ho la misura per vedere se pu andar bene. Mi pare che Tredicino sia grande come lei. Provi un po ad andarci dentro lei, che cos vedo se va bene, perch grande come lei. Se va bene a lei, andr bene anche al Tredesn.
Bene, aspetta, che ora mi ci metto subito dentro. Guarda, guarda se va bene.
Appena fu dentro, Tredicino prese il coperchio e in un batter docchio, tic tac, laveva gi inchiodato alla cassa. Per in questa cassa aveva fatto dei buchi in modo che il mago potesse respirare, perch al re glielo doveva consegnare vivo. L vicino cerano dei suoi amici per aiutarlo a portare la cassa, erano l ad aspettare e la portarono alla corte del re. La consegnarono al re; e il re fu molto felice quando vide che erano riusciti a consegnargli il mago vivo e vegeto. Gli regal una grandissima somma, che gli bast per fare il signore per tutto il resto della sua vita.
Gustave Dor
E lu, el mago, la mattinna el se desseda, el leva s, el va, el ciappa tutt quij della
scuffia rossa  e je mazza tucc e pu via al va.

___________________________________________
TESTO

Vittorio Imbriani, La Novellaja fiorentina. Fiabe e novelline stenografate in Firenze dal dettato popolare da Vittorio Imbriani. Ristampa  accresciuta di molte novelle inedite di numerosi riscontri e di note, nelle quali accolta integralmente La Novellaja milanese dello stesso raccoglitore. Livorno: Tipi di F. Vigo 1877. Ristampa anastatica con prefazione di Marcello Vannucci; Palermo: Edikronos 1981. Pp. 340347.
___________________________________________
TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2010.
___________________________________________

IMMAGINE Gustave Dor, Pollicino; Les Contes de Perrault. Dessins par Gustave Dor. Preface par P.-I. Stahl. Paris: J. Hetzel Libraire-diteur 1867.
Fonte: http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b2200191h/f2.item; consultati il 26/09/18..





















 
Adalinda Gasparini
Posted 10 March 2006
Last updated: 26 September 2018