HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

U TEMPO CHI BERTA FILAVA
CORSO
1981


L'affare n h d'av: si passava in tempi di u imperatore Nirone. Nirone a sapete, era propiu un assassinu. Robba da chjodi viramente ognunu ne avia u svelu. S'elle cullavanu in celu e ghjasteme, sara sciuppatu subitu cum' una ballotta, sara!
Or c'era una vichjarella Roma ch stava sempre dicendu: Ch'ellu campi Nirone! Oh i, ch'ellu campi Nirone!. Nirone vene sap u fattu. Comu sar ch'ella mi tene cus caru quessa? Forse mi ne invechju mi mettu u benf senza avvedemine? A vogliu sente....
piglia manda chjam a vichjarella. A li ghjunghjenu intravata in quattru.
- Allora, t saristi quella ch mi tene cus caru?
- Eh eh
- Comu h. Mi teni o n mi teni?
- Ah, ah tenevi caru po n! Diu ne guardi!
- Ai, ai! Ma ch dici sempre Ch'ellu campi Nirone, ch'ellu campi Nirone?
- A vi vogliu d, o Nir: eiu a sapete s vechja assai, aghju cunnisciutu vostru missiavu. Era un ammostru! Di peghju si cridia ch'ellu n ne posca mai pi nasce Dopu h vinutu vostru babbu : aanh! Ci h fattu vede e mammetinte ch appettu ellu, innanzu eranu fiori! Av ci sete voi: peghju ripeghju!!! Allora eiu, ch vulete, pregu ch voi ci state, parch quellu ch h da vene dopu voi, Diu la s
Nirone si campava da a risa :
- Ine? Allora t insulti m poi insulti babbu, vai ancu circ Missiavu! L'ai da pac! Vogliu ch t veca! S bona p a filera?
- Ah, quessa po s
- Ebb: hai da fil tr ghjorni tr notte una corda. ch'ella sia bella neh? ch'ella n istrappi!
piglianu i servi, inguantanu Berta a mettenu davanti una mansa di lana, una rocca, tira avanti
Ella, a disgraziata, si vidia in traccia di fil a corda p appiccalla, allora s'allungava, circava d'and pianu pianu, si pruvava f minutu minutu parchi a corda strappissi, ma tandu a corda vinia pi longa Or bella via!
Tr ghjorni tr notte Berta fil. I servi di Nirone eranu cul "Tso Tso!" Mancu a lascionu rifiat una meza siconda.
u capu i tr ghjorni, t'affacca Nirone :
- H fatta a me corda?
- Ah - dice a vechja -, h fatta tardavillava da capu pedi ch si vidia morta.
- Eh b - disse Nirone -, per paca d'av dettu u to par invece di pruv d'allusingammi cum'elli facenu tanti, ti vogliu f ricca; hai da and in carrughju c issa corda : quant'ellu ci sar palazzi ch'ella p avvinghje, saranu i toi!!
- Auuuh! Dice a vechja, lasciatemi fil torna una meza ghjurnata!
- Ah! H FINITU U TEMPU CHI BERTA FILAVA!
Firm u so pruverbiu.

 
La cosa non di ora, erano i tempi dell'imperatore Nerone. Nerone, lo sapete, era proprio un assassino. Roba veramente da chiodi, lo sapevano tutti. Se in cielo si fossero curati delle bestemmie, sarebbe soppiato subito come una ballotta, veh!
E c'era una vecchiarella a Roma che diceva sempre:
- Viva Nerone! Che viva Nerone!
Nerone venne a sapere di questo fatto: "Come sar che sono tanto caro a questa donna? Forse sto invecchiando e faccio del bene senza saperlo? ... voglio sentire..."
Prese e mand a chiamare la vecchiarella. Ls andarono a prendere in quattro.
- Allora, saresti tu quella che m i tiene tanto caro?
- Beh, beh...
- Come: beh? mi tieni caro o no?:
- Ah, ah, tenervi caro poi no! Dio me ne guardi!...
- Ai, ai! Ma che dici sempre "Lunga vita a Nerone, lunga vita a Nerone?
- Voi voglio dire, Nerone, io, sapete, sono molto vecchia, e ho conosciuto vostro nonno. Era un mostro! Di peggio credevo che non ne potessero pi nascere... Dopo venuto vostro padre: Ahinoi! Ce ne ha fatte vedere di tutti i colori, che in confronto a lui prima erano rose e fiori! Ora ci siete voi: peggio e ripeggio!
Allora io, che volete, prego che voi restiate a lungo, perch quello che verr dopo di voi, solo Dio lo sa...
Nerone si scompisciava dal gran ridere:
- Ah s? allora tu insulti me e poi insulti mio padre e vai anche a scomodare mio nonno! La devi pagare! Voglio che tu impari! Sei capace di filare?
- Ah, questa poi...
- Ebbene, devi filare per tre giorni e tre notti... una corda. E che sia bella, eh? E che non si strappi!
E i servitori presero, agguantarono Berta e la misero davanti a una matassa di lana, a una rocca e via...
Lei, disgraziata, si vedeva a filare la corda per farsi impiccare, e allora la teneva per le lunghe, cercava di andare piano piano, cercava di farla sottile sottile perch la corda si strappasse, ma cos la corda veniva pi lunga... O santo cielo!
Berta fil per tre giorni e per tre notti. I servi di Nerone erano l e "Su, su!" non  la lasciarono rifiatare nemmeno per mezzo secondo.
A capo dei tre giorni si affaccia Nerone:
- L'hai fatta la corda?
- Ah, - dice la vecchia - ormai finita... e tremoalva da capo a piedi perch si vedeva gi morta.
- Ebbene, - disse Nerone - per ricompensa di aver detto tutto a tuo padre invece di cercare di lusingarmi cone fanno tutti, ti voglio fare ricca; prendi questa corda e va' intorno all'isolato: tutti i palazzi che potrai circondare saranno tuoi!
- Oh oh! - dice la vecchia, - lasciatemi filare ancora una mezza giornata!
- Oh oh! NON
PI IL TEMPO CHE BERTA FILAVA!
E fu cos che invent il proverbio.




___________________________________________
TESTO

Ghjuvan Ghjaseppiu Franchi, E fole di Mamma, ed. Cyrnos, 1981.
http://www.radiche.eu/zindex/zfile/racconti/nerone_e_berta.htm; consultato il 31 ottobre 2018.
Vedi anche Nerone e Berta, in Italo Calvino, Fiabe italiane, Torino: Einaudi 1956, e Nerone e Bberta, in Giggi Zanazzo, Novelle, Favole e Leggende romanesche, Torino-Roma: Societ Tipografico Editrice Nazionale 1907.


TRADUZIONE Adalinda Gasparini 2010.

___________________________________________

IMMAGINE Fonte: http://artingallery.net/vendita-online-quadri/quadro-233-filatrice. Sito non accessibile al 31 ottobre 2018, immagine non reperibile on line.

































Online dal 4 giugno 2012
Ultima revisione 28 ottobre 2018