HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

CANNETELLA 
Era na vota lo Rrè de bello Puojo, ch'aveva cchiù desederio de fare razza, che non hanno li Portarobbe , che se facciano assequie pe raccogliere cera . Tanto che fece voto a la Dea Serenga , che le facesse fare na figlia , ca le voleva mettere nomme Cannetella pe memoria ca s' era straformata 'ncanna ; e tanto pregaje , e strapegaie  che recevenno la grazia , avuta da Renzolla la mogliere na bella squacquara , le mese lo nomme , ch' aveva 'mpromisso : la quale cresciut' a pparme , e ffatta quanto a na perteca , la disse lo Rrè : Figlia mia , già si fatta , lo Cielo te benedica , quanto na cercola , e si a buon tempo d' accompagnarete co no Maretiello 'mmerdevole per ssa bella face , per mantenere la Jenimma de la casa nostra ; perzò volennote bene quanto a le bisciole , e desideranno lo gusto tuio , vorria sapere , che rrazza de marito vorrrisse , che sciorte d' ommo te darria a l'omore ; lo vuoje letterummeco o spategiacco ? Guagnonciello , o de tiempo ? Morrascato , o janco, e rrusso ? Luongo ciavano o streppone de fescena ? stritto 'ncentura , o tunno comm' a Boje ; tu sciglie , e io me 'nce fermo . Cannetella, che sentette ste llarghe afferte , rengrazianno lo Patre , le disse , ca aveva dedecato la vergenetare soja a Diana , nè boleva per nnesciuno cunto strafocarese co lo marito : co tutto chesso pregata , e strapregata da lo Rrè , disse , pe no mmostrareme 'nsamorata a ttanto amore , mme contento de fare le boglie vostre , puro , che mme sia dato ommo tale, che non ce ne sia cchiù per lo munno ; lo Patre sentuto chesso co n' allegrezza granne se pose da la matina a la sera a na fenestra affacciato , squatranno, mesuranno , e scanaglianno tutte chille , che passavano pe la chiazza , e passanno cert' ommo de bona grazia, disse lo Rrè a la figlia. Curre , affacciate Cannetella , e bide si chisso è a mmesura de le boglie toje ; ed essa facennolo saglire , le fecero no bellissimo Banchetto dove 'nce fu quanto poteva desederare : e mmagnanno magnanno , cadatte a lo Zito da la vocca n' ammennola , che calatose , nterra l' auzaje destramente , mettennola sotta a lo mesale , e scomputo lo mazzecatorio , se ne jette : lo Rrè disse a Cannetella , comme te piace lo Zito , vita mia : ed essa squagliamillo da nnante sto Crisolaffio : pocca n' ommo granne , e gruosso comm' ad isso , non se doveva lassare scappare n' ammennola da la vocca : lo Rrè sentuto chesto , tornaje ad affacciarese n' autra vota , e passanno n' autro de buono taglio , chiammaje la figlia pe 'ntennere si l' avesse grazia chis' autro , e responnenno Cannetella , che lo facesse saglire , fu chiammato ad auto ; e ffattole n' autro commito , comme fu scomputo lo mmagnare , e ghiutosenne chill' ommo , addemmannaje lo Rrè a la figlia , se le piaceva , la quale disse ; e che nne voglio fare de stro scuro cuorpo , lo quale deveva a lo mmanco portare co isso no paro de serveture pe llevarele lo farrejuolo da cuollo. S' è cossì , è pasticcio ( disse lo Rrè ) chesse so le scuse de male pagatore , e tu vaje cercanno leppole pe non me dare sto gusto , perzò resuorvete , ca te voglio 'mmaretare , e trovare radeca vastante da fare sguigliare la soccessione de la casa mia . A ste parole 'nfomate , respose Cannetella : pe ve la dire , Segnore Tata , fora do li diente , e comme la sento , vuje zappate a lo maro , e facite male lo cunto co le ddeta : perchè non me soggettarraggio maje ad ommo vevente , si non averrà la capo , li diente d' oro. Lo Rrè negrecato vedenno la figlia co la capo tosta , fece jettare no banno , che chi s' asciasse a lo Regno sujo secunno lo desedderio de la Figlia , se facesse 'nnante, ca le darria la figlia , e lo Regno .
Aveva sto Rrè non gran nemmico chiammato Scioravante , lo quale non se poteva vedere pinto a no muro ; che sentuto sto banno per essere no bravo Nigromante , fece venire na mano de chille arrasso sia , commannannole , che le facessero subeto la capo , e li diente d' oro ; a lo quale resposero , che con gran forza l' averriano fatto servizio , ped' essere cosa stravagante a lo Munno , ca cchiù presto l' averriano dato le corna d' oro come cosa cchiù osetata a lo tiempo d' oje . Co tutto chesto sforzate da li 'nciarme , e percante , facettero quanto voleva : lo quale vistose la Capo , e li diente de vinto quatto carate , passaje pe sotta le ffeneste de lo Rrè , lo quale visto chillo , che ghieva propio cercanno , chiammaje la Figlia , che subeto vedennolo , disse ; Ora chisto è isso , ne porria essere meglio , si mme l' avesse 'mpastato co le mmano meje , e bolennose auzare Scioravante per ghiresenne , lo Rrè le disse . Aspetta no poco frate , comme si ccaudo de rine ; pare , che stinghe co lo pigno a lo jodio , e ch' agge l' argiento vivo dereto , e lo spruoccolo sotta la codola ; chiano , ca mò te dò bagaglie , e gente pe accompagnare a tte , e a Ffigliama , ca voglio che te sia Mogliere . ve rengrazio ( disse Scioravante ) non c' è de che : vasta schitto no cavallo , quanto mme la schiaffo 'ngroppa , ca a la casa mia non mancano serveture , e mobele quanto l' arena . E ccontrastato no piezzo , all' utemo Scioravante la venze , e postola 'ngoppa a no cavallo se partette , e la sera quanno da lo centimmolo de lo Cielo se levano li Cavalle russe , e se 'nce mettono li vuoje janche , arrivato a na stalla , dove manciavano cierte cavalle , nce fece trasire Cannetella , decennole , sta 'ncellevriello : io aggio da dare na scorzeta fi a la casa mia , dove 'nce vonno sette anne ad arrevarece , perzò avierte ad aspettareme drinto sta stalla , e non scire , ne farete vedere da perzona , che biva ca te nne faccio allecordare , mentre si biva , e berde . A lo quale respose Cannetella : io te songo soggetta , e farraggio lo commannamiento tujo pe fi a no fenucchio : ma vorria sapere schitto , che ccosa mme lasse pe campare fra sto miezo , e Scioravante leprecaje : Te vastarrà chesso , che resta de biava a sti cavalle . Conzidera mò che ccore fece la negra Cannetella , e fi jastemmaje l' ora , e lo punto , che nne fu pparola ; e rrestanno fredda , e ghielata se faceva autro tanto pasto de chianto , quanto le mancava lo civo , 'mmaledecenno la sciorte , e desgrazianno le stelle , che l' avessero arreddotta da lo Palazzo Riale a la stalla , da li proffumme a lo fieto de la lotamma ; da li matarazze de lana varvaresca a la paglia ; e da li buone muorze cannarute a la remmasuglia de li Cavalle , la quale vita stentata passaje na mano de mise ch' era dato de magnare la biava a li cavalle, e non se vedeva da chi , e lo relievo de la tavola sostentava lo cuorpo sujo : ma 'ncapo de tanto tiempo affacciannose pe no pertuso , vedde no bellissemo giardino , dov' erano tante spallere de cetrangole , tante grotte de cedra , tante quatre de sciure , e ppiede de frutte , e pergole d' uva ch' era na gioja a bedere : pe la quale cosa le venne golio de na bella pigna de 'nzoleca , ch' aveva allommata , e ddisse fra se stessa : voglio scire guatta guatta e zeppoliarennella , e bengane chello che benire vole , e cada lo Cielo : che pò essere maje da ccà a cient' anne , chi 'nce lo bole dire a mmaritemo ? e ca lo ssapesse pe ddesgrazia , che mme vò fare , all' utemo chessa è 'nzoleca , non cornecella . Cossì scette , e se recreaje lo spirito assottigliato pe la famme . Ma da llà a poco 'nnanze lo tiempo stabeluto venne lo marito , e no Cavallo de chillo accusaje Cannetella , ca s' aveva pigliata l'uva . Tale che sdegnato Scioravante , cacciato da miezo li cauzune no cortiello la voze accidere ; ma essa 'nginocchiatase 'nterra lo pregaje a tenere la mano ad isso , pocca la famma cacciva lo Lupo da lo vosco , e tanto disse , che Scioravante le disse , io te la perdono pe sta vota , e te dò la vita pe llemosena : ma si n' autra vota te tenta chillo , che scria , e saccio ca te ca te faje vedere a lo sole , io nne faccio mesesca de la vita toja ; perzò stamme 'ncellevriello ca vao 'n autra vota fore , e starraggio da vero sett' anne, e ssorca deritto , ca non te vene cchiù 'mparo , ed io te scontro lo biecchio , e lo nnuovo . Cossì ditto partette , e Cannetella fece na sciomara de làgreme , e sbattenno le mmano , e ppisannose lo pietto , e ttirannose le zervole , diceva : O che non ce fosse maje 'ngriata a lo munno ; pocca doveva avere sta ventura ponteca . O patre mio , e comme m' aje affocata ? ma che mme doglio de patremo , s' io stessa m' aggio fatto lo danno , io stessa m' aggio fravecata la mala sciorta ? ecco desederato la capo d' oro , pe ccadere 'nchiummo , e morire de fierro . O comme 'nce lo bole , ca pe volere d' oro li diente , faccio le ddente d' oro ; chisto è ccastico de lo Cielo , ca doveva fare a boglia de Patremo , e non avere tanta vierre , e mmeruojere : chi non 'ntenne mamma , e patre , fa la via , che non sape ; Cossì non c' era juorno , che non facesse sto riepeto ; tanto che l' uocchie suoje erano fatte doje fontane , e la facce era tornata smascata , e gialloteca , che bedive na compassione ; dove erano chille uocchie frezziante ; dove chelle meladiece ? dove lo refillo de chella vocca ? no l' averria canosciuta lo patre stisso  . Ora 'ncapo de n' anno passanno pe ddesgrazia da chella stalla lo chiavettiero de lo Rrè canosciuto da Cannetella , lo chiammaje ,e scette fora ; ma chillo , che se 'ntese chiammare per nnomme , nè ccanoscenno la povera fegliola , tanto era stravisata , appe a strasecolare ; ma 'ntiso chi era , e comme se trovava cossì scagnata dall' essere sujo , parte per la pietate de la giovane , parte pe se guadagnare la grazia de lo Rrè , la mese drinto na votte vacante , che portava 'ncoppa a na sarma e trottanno a la vota de Bello Puojo , jonze a le quattr' ore a lo Palazzo de lo Rrè ; dove tozzolato la porta , e affacciatose li serveture , e 'ntiso , che era lo chiavettiero , le fecero na 'ngiuriata a doje sole , chiamannolo animale senza descrezzione , che beneva a chell' ora a sconcecare lo suonno de tutte ; e ca n' aveva buon mercato , si non le tiravano quarche savorra , o mazzacano a la chiricoccola . Lo Rrè sentuto sto remmore , e dittole da no Cammariero chi fosse , lo fece subeto trasire , conzideranno , che mentre a n' ora cossì nsolita se pigliava sta fiducia , quarche gran cosa era accaduta , e scarrecata la sarma lo chiavettiero , stompagnaje la votte da donne scette Cannetella ; la quale 'nce voze autro che pparole ad essere canosciuta da lo Patre ; e si non era pe no puorro , ch' aveva a lo vraccio deritto , essa poteva tornaresenne : ma comme s' accertaje de lo ttutto , l' abbracciaje , e basaje millanta vote , e ssubeto fattole fare no scaudatiello , e polizzatela , e rresediatala tutta , la fece fare colazione , ca de la famme allancava ; e decennole lo patre , chi mme l' avesse ditto ( figlia mia ) de vederete de ssa manera ? che facce è chessa ? chi t' ave arreddutta a sto male termene ? ed essa respose , accossì va, Segnore mio bello . Chillo Turco de varvaria , m' ha fatto patere strazie de cane , che me so bista a tutte l' ore co lo spireto a li diente ; ma non te voglio dicere chello , ch' aggio passato ; perchè quanto sopera lo sopportamiento umano , tanto passa la credenza de l' ommo . vasta so ccà , Patre mio , e non me voglio partire maje cchiù da le piede tuoje , e 'nnanze voglio essere Vajassa a la casa toja , che Regina a la casa d' autro , nnanze voglio na mappina dove tu staje , che non manto d' oro da te llontana ; nnanze voglio votare no spito a la Cocina toja , che tenere no scettro a lo bardacchino d' autro . Tra chisso miezo tornato Scioravante da fora le fu referuto da li cavalle , che lo Chiavettiero n' avesse fojuta Cannetella drinto la votte ; lo quale sentuto chesto , tutto scornato de vregogna , e tutto scaudato de de sdegno , corze a la vota di Bello Puojo , e trovato na vecchia , ch' abbetava faccefronte lo Palazzo de lo Rrè , le disse : quanto te vuoje pigliare , maddama mia , e lassame vedere la figlia de lo Rrè ; e cercannole chella ciento docate , Scioravante se mese mano a la guarnera , e 'nce le ccontaje subeto uno 'ncoppa l' autro , la quale pigliatose lo fatto , lo fece saglire 'ncoppa l' astraco , da dove vedde Cannetella fora na loggia , che s' asciuttava li capille , la quale comme se lo core l' avesse parlato , votatase a chella parte , s' addonaje de l' agguajeto , e derrupatase pe le scale , corze a lo Patre , gridanno : Segnore mio , se no me facite a sta medesema pedata na cammera co ssette porte de fierro , io so barata . Pe sto ppoco te voglio perdere , disse lo Rrè , che se spenna n' uocchio , e se dia sfazione a sta bella figlia : subeto toccata jocata , foro stampate le pporte , la quale cosa saputa Scioravante , tornaje a a vecchia , e le disse , che autra cosa vuoje da me ? va a la casa de lo Rré co scusa de vennere quarche scotella de russo, e trasenno dove sta la figlia , miettele destramente fra li matarazze sta cartoscella , decenno mentre 'nce la miette sotta lengua ; tutta la gente stiase addormentata , e Cannetella stia sulo scetata . La Vecchia accordatose pe cient' autre docate , lo servette de bona 'ngresta. O nigro chi fa prattecare a la casa soia ste brutte cajorde , che co scusa de portare cuonce , te conciano 'ncordovano lo nnore , e la vita . Ora fatto ch' appe la Vecchia sto buono afficio , venne tale suonne spotestato a chille de la casa , che parevano tutte scannate : schietto Cannetella stava coll' uocchie apierte : pe la quale cosa sentenno scassare le pporte commenzaje a gridare comme cotta de fuoco , ma non c' era chi corresse a le buce soje de manera tale , che Scioravante jettaje tutte le ssette porte a tterra , e ttrasuto drinto la cammera , s' afferraje Cannetella co tutte li matarazze pe pportaresella : ma comme voze la sciorte soja , cascata 'nterra la cartoscella che 'nce pose la Vecchia , e sparpogliata la porvera se scetaje tutta la casa , che ssentenno li strille de Cannetella corzero tutte pe fi a li cane , ed a le gatte , e ddato de mano all' Uorco ne fecero tonnina , restanno 'ncappato a la medesema tagliola , ch'aveva sparato a la sfortunata Cannetella , provanno a ddanno sujo ,

Che non c' è peo dolore ,
De chi co l' arme propie acciso viene.



C'era una volta il re di na vota il re di Poggio Bello, che aveva più desiderio di avere un erede di quanto i becchini non vogliano che ci siano funerali per raccogliere la cera. Al punto che fece voto alla dea Siringa, che se le avesse fatto nascere una figlia le avrebbe messo a nome Cannina, in onore suo, che si era trasformata in canna; e pregò e strapregò tanto che ricevette la grazia, e quando la moglie Renzolla diede alla luce una bella pisciona, la chiamò come aveva promesso. Crescendo come una pianta ben annaffiata, diventò alta come una pertica, e il re le disse:
- Figlia mia, il Cielo di benedica, ti sei fatta grande e forte come una quercia, e per te è il momento buono per avere la compagnia di un maritino  degno di questa bella persona e mantenere il nome del nostro casato. Siccome sei la pupilla dei miei occhi e ti voglio un bene dell'anima, vorrei farti contenta, e allora ti chiedo che genere di marito vorresti, che tipo di uomo ti potrebbe andare a genio. Lo vuoi erudito o grezzo? Giovanino o attempato? Scuro di carnagione o bianco e rosso? Alto alto o di statura contenuta? Di vita stretta o largo come un bue? tu scegli, e io ti assecondo.
Cannina, che sentì queste generose proposte, ringraziando il padre, gli disse che aveva dedicato la sua verginità a Diana, e non voleva in nessun modo strafogarsi con un marito. Ma siccome il re continuava a pregarla e a strapregarla, disse:
- Per non mostrarmi insensibile di fronte al tuo grande amore, sarò contenta di seguire la vostra volontà, purché mi sia dato un uomo tale che non ce ne siano altri come lui nel mondo intero.
Il padre dopo queste parole tutto contento si mise affacciato a una finestra dalla mattina alla sera, squadrando, misurando e scandagliando tutti quelli che passavano dalla piazza, e quando passò un uomo elegante e di bell'aspetto, il re disse alla figlia:
- Corri, Cannina, affacciati, e vedi se questo è l'uomo su misura per te.
Allora lei acconsentì a farlo salire, e gli prepararono un bellissimo banchetto con tutto quello che si poteva desiderare, e mangia che ti mangia, al possibile fidanzato cadde una mandorla, che, chinatosi, raccolse con destrezza, mettendola sotto la tovaglia. Alla fine del ricco pasto se ne andò, e il re disse a Cannina:
- Allora, ti piace il fidanzato, vita mia?
E lei:
- Levamelo davanti questo torsolo, perché un uomo grande e grosso come lui non doveva lasciarsi scappare di bocca una mandorla.
Il re, sentito questo, ricominciò ad affacciarsi alla finestra, e quando ne passò un altro bello e ben fatto, chiamò la figlia per sapere se quest'altro potesse entrare nelle sue grazie. Cannina rispose che lo facesse salire, e così il giovane fu chiamato su, gli fu preparato un altro banchetto, e poi, quando finirono di mangiare il giovane se ne andò. Allora il re domandò alla figlia se le piaceva e lei disse:
- Che vuoi che me ne faccia di questo pezzente? avrebbe dovuto avere al suo seguito almeno due servitori che lo aiutassero a togliersi il mantello!
- Se così stanno le cose, è un pasticcio - disse il re - queste sono le scuse di chi non vuol pagare, e tu cerchi il pelo nell'uovo per non accontentarmi. Ma devi deciderti, perché voglio farti sposare, e trovare una radice abbastanza forte da far germogliare gli eredi del mio casato.
A queste parole accese di collera, Cannina rispose:
- Per dirvelo fuori dai denti e proprio come lo sento, babbo mio e mio signore, voi zappate sul mare, e fate male i conti con le dita, perché non mi assoggetterò mai ad anima viva, se non avrà la testa e i denti d'oro. Il povero re vedendo quanto la figlia era testarda, fece gettare un bando, che se c'era nel suo regno qualcuno come quello che voleva sua figlia, si facesse avanti, che gliela avrebbe data in sposa col regno come dote.
Questo re aveva un acerrimo nemico, che si chiamava Fioravante, e non poteva vederlo nemmeno dipinto, e quello, avendo sentito il bando, siccome era una gran negromante, fece apparire una compagnia di diavoletti e comandò loro che gli facessero diventare la testa e i denti d'oro. Gli risposero che era difficilissimo rendergli questo servizio, che era una cosa stranissima, e sarebbe stato più agevole dargli le corna d'oro, cosa più comune a quei tempi, ma nonostante tutto, costretti dalle fatture e dagli incantesimi, fecero quello che voleva. Quando si vide con la testa e i denti d'oro, Fioravante passò sotto le finestre del re, che appena vide proprio quello che stava cercando chiamò la figlia. Appena Cannina lo vide, disse:
- Questo è proprio lui, non potrebbere essere meglio di così se me lo fossi impastato con le mie stesse mani.
Quando Fioravante si voleva alzare per andarsene, il re gli disse:
- Aspetta un po', fratello, quanta furia! pare che tu abbia l'argento vivo addosso e il fuoco sotto la coda, piano, che ti do bagagli e servitori per accompagnare te e mia figlia, perché voglio dartela in sposa.
- Vi ringrazio, - disse Fioravante, - non importa, basta solo un cavallo, me la schiaffo sulla groppa, perché a casa mia non mancano i servitori, e di mobili ce n'è tanti quanti sono i granelli di sabbia.
Dopo una lunga discussione Fioravante l'ebbe vinta, e dopo averla messa i ngroppa al cavallo partì, e a sera, quando dal bindolo del cielo levano i cavalli rossi, per metterci i buoi bianchi, arrivò a una stalla e fece entrare Cannina, alla quale disse:
- Sta' in campana, io devo fare un salto a casa mia, e ci vogliono sette anni per arrivarci, perciò bada bene di aspettarmi dentro a questa stalla, non uscire, non farti vedere da nessuno, che te la farei ricordare finché campi, finché sei viva e vegeta. Cannina le rispose:
- Io sono soggetta a te, ed eseguirò i tuoi comandi per filo e per segno, ma vorrei sapere solo che cosa mi lasci per campare in questo tempo.
Fioravante rispose:
- Ti basterà quel che avanza della biada ai cavalli.
Considera ora con che cuore lo sentì la povera Cannina, e quanto maledisse il giorno e l'ora che ne aveva parlato, e restando fredda come un pezzo di marmo, si nutriva di pianto quando non aveva nulal da mangiare, maledicendo le stelle che l'avevano ridotta dal palazzo reale alla stalla, da profumi alla puzza di letame, da materassi di lana barbaresca alla paglia, e dai bocconi più prelibati e succulenti agli avanzi dei cavalli.
Passò diversi mesi così, vivendo di stenti, non c'era altro da mangiare che la biada dei cavalli, fornita da non si sa chi,  e gli avanzi di quella tavola sostentavano il suo corpo. Ma dopo tanto tempo, gettando lo sguardo da un buco nel muro, vide un bellissimo giardino, nel quale erano tante  spalliere di  cetrangolo, tante grotte di cedro, tante aiuole di fiori, e piante da frutto, e pergole d'uva che era una bellezza a guardarle, tanto che le venne voglia di un bel grappolo d'inzolia che aveva adocchiato, e si disse:
- Voglio uscire quatta quatta e andarmela a prendere, e venga quel che deve venire, cascasse il cielo, che cosa mai può succedere nei prossimi cent'anni? chi mai dovrebbe andare a dirlo a mio marito? e se per disgrazia lo venisse a sapere, che mi potrebbe fare, alla fine questa è inzolia, non corniolo.
Così uscì fuori, e si ricreò lo spirito rifinito per la fame. Ma di lì a poco, in anticipo sul tempo stabilito, arrivò suo marito, e uno dei cavalli accusò Cannuccia di aver preso l'uva. Pieno di sdegno Fioravante tirò fuori un coltello dai pantaloni e voleva ucciderla, ma lei si inginocchiò per terra e lo pregò di trattenere le mani, perché la fame faceva uscire anche il lupo dal bosco, e tanto pregò che Fioravante le disse:
- Ti perdono, per questa volta, ti lascio la vita perché mi fai pena: ma se il diavolo torna a tentarti, e vengo a sapere che ti sei fatta vedere dal sole, di te ne farò un tritello: stattene accorta che ora me ne vado per la seconda volta, e veramente starò lontano sette anni, e fila diritto, perché non avrai sconti di pena, e ti farò pagare l'arretrato e il nuovo.
Partì appena ebbe detto queste parole, e Cannuccia ruppe in un fiume di lacrime, e percuotendosi con le mani, e battendosi il petto, e strappandosi i capelli, diceva:
- Ah! Non fossi mai venuta al mondo, se doveva toccarmi questa sorte amara! O padre mio, come mi hai annegata? Ma perché mi lamento di mio padre, se il mio danno me lo sono fatto da me, se io stessa ho fabbricato la mia mala sorte? Ecco la testa d'oro dei miei desideri, per precipitare come un piombo e morire di ferro, proprio questo ci voleva, che per avere i denti d'oro faccio io il dente d'oro, questo è castigo del Cielo, perché dovevo rispettare la volontà del babbo, e non farmi venire tante fisime e paturnie. Chi mamma e babbo non sente, fa la strada che non sa.
E così non c'era giorno in cui non ripetesse questo lamento, tanto che i suoi occhi erano diventati due fontanelle, e il viso le si era fatto tanto molle e giallastro da far pietà: dov'erano quegli occhi scintillanti, dov'era il rosso delle guance che piaceva più dii quello delle mele più costose? dove il sorriso di quella bocca? Nemmeno suo padre l'avrebbe riconosciuta.
Ma ecco che dopo un anno passò per caso dalle parti della stalla il bottinaio del re, che Cannuccia riconobbe, e lo chiamò, e uscì fuori: ma quello, a sentirsi chiamare per nome, e non riconoscendo la povera figliola, da quanto era svisata, si sentì strasecolare. Ma avendo sentito chi era , e in che modo si era trovata così diversa da se stessa, un po' perché la giovane gli faceva compassione , un po' per ingraziarsi il re, la mise dentro a una botte svuotata del bottino, che portava sopra a una soma, e trottando alla volta di Poggio Bello in quattro ore arrivò al palazzo reale, è bussò alla porta. I servitori che si affacciarono, vedendo che era il bottinaio, gliene dissero di tutti i colori, chiamandolo animale senza garbo, perché veniva a quell'ora a disturbare il sonno di tutti, e che gli era andata bene, se non gli tiravano in capo qualche sasso o qualche pietrone. Il re, sentendo questo rumore, si fece dire da un cameriere chi c'era, e lo fece subito salire, riflettendo che se si era preso tanta libertà a un'ora così insolita, doveva essere successo qualcosa di grosso.  Il bottinaio, scaricata  la soma, stappò la botte dalla quale uscì Cannuccia, e non le bastarono le parole: se non fosse stato per una verruca  che aveva sul braccio destro, avrebbe anche potuto andarsene. Ma appena il babbo fu sicuro di tutto, l'abbracciò e le diede mille baci, poi le fece preparare un bagno caldo e dopo averla tutta ripulita e rassettata, le fece servire una bella colazione, perché sbiancava dalla fame. E intanto il padre le diceva:
- Chi me l'avrebbe detto, figlia mia, che ti avrei visto in queste condizioni? che faccia è mai questa? che ti ha ridotta in questo modo?
E lei rispose:
- Così vanno le cose, signore mio bello. Quel turco rinnegato mi ha fatto patire strazi da cani, che per tutto il tempo mi sono sentita con lo spirito fra i denti, ma non voglio dirti quello che ho passato, perché quello che va oltre la sopportazione degli esseri umani va anche oltre la loro possibilità di crederlo. E allora basta, padre mio, io non voglio mapi più allontanarmi dai tuoi passi, e preferisco essere serva in casa tua che regina in casa d'altri, meglio uno straccio dove sei tu che un manto d'oro lontana da te, voglio girare uno spiedo nella tua cucina più che impugnare uno scettro sotto al baldacchino di un altro.
Intanto che succedevano queste cose, Fioravante era tornato da fuori, e i cavalli gli riferirono che il vuotacessi aveva fatto fuggire Cannuccia in una botte, e lui, sentendo questa bella notizia, ribollendo dallo sdegno, corse verso Poggio Bello, e trovata una vecchia, che abitava  in faccia al  palazzo del re, le disse:
- Chiedimi quello che vuoi, madama, ma fammi vedere la figlia del re.
E siccome quella gli chiese cento ducati, Fioravanti mise mano alla tasca e glieli contò uno sull'altro. Lei allora se li prese e lo fece salire in cima al terrazzo, da dove vide Cannuccia sotto a un loggiato, che si asciugava i capelli. Lei, come se gliel'avesse detto i lcuore, si voltò in quelal direzione, e accortasi dell'agguato, si precipitò giù per le scale, e corse dal padre, gridando:
- Signor mio, se non mi fate subito una camera con sette porte di ferro, sono fritta.
- Per così poco dovrei perderti? - disse il re - Costi pure un occhio della testa, si faccia quel che chiede questa mia bella figlia.
Detto fatto, furono lavorate le porte, e quando Fioravante lo seppe, tornò dalla vecchia e le disse:
- Che altro vuoi da me? va' a casa del re con la scusa di vendere qualche vasetto di rossetto, e quando entri dalla figlia, mettile destramente sotto il letto questa cartina, mentre ce la metti, senza farti sentire devi mormorare queste parole: "tutta la gente sia addormentata e solo Cannina sia svegliata".
La vecchia si accordò per altri cento ducati e lo servì a puntino. Disgraziato chi fa entrare in casa sua queste brutte zozzone, che con la scusa di portare trucchi, ti impiastricciano l'onore e la vita!
Appena la vecchia ebbe portato a  termine questo bel servizio, venne un sonno irresistibile agli abitanti della casa, e si addormentarono così profondamente che parevano tutti scannati: solo Cannina teneva gli occhi aperti, e così, quando sentì forzare le porte cominciò a gridare come se la stessero bruciando sul rogo, ma siccome non c'era nessuno che accorresse alla sua chiamata, Fioravante buttò giù tutte e sette e porte, e entrando a diretto nella camera, acchiappò Cannina con tutti i materassi per portarsela via. Ma come volle il suo destino, cadde in terra la cartina che ci aveva messo la vecchia e la polvere si sparpagliò sul pavimento: allora tutta la casa si svegliò, e sentendo gli strilli di Cannina accorsero tutti, anche i cani e i gatti, e messe le mani sull'orco ne fecero una poltiglia, così restò preso dalla stessa trappola che aveva teso alla sfortunata Cannina, sperimentando a sue spese che:

Non c'è al mondo peggior dolore
Di chi colpito dalle sue armi muore.






___________________________________________
TESTO

Giovan Battista Basile (Napoli, 1634–1636), Lo cunto de li cunti.; Cannetella, Trattenemiento primmo de la Jornata terza.
Fonte: Collezione di tutti i poemi in lingua napoletana. Tomo vigesimo. Lo Cunto de li Cunte e Le Muse Napolitane. Tomo I. Napoli: Presso Giuseppe-Maria Porcelli 1788; pp. 258-267 (
Contiene le Giornate I-III).
A differenza delle altre favole di Basile, che abbiamo tratto dal testo restaurato da Michele Rak (vedi: http://www.letteraturaitaliana.net/pdf/Volume_6/t133.pdf; ultimo accesso: 16 dicembre 2011), per questa favola, come per Lo polece, abbiamo scelto una versione settecentesca, per mostrare come poteva essere pubblicato un testo diverso da quello sopra citato. Come per le fiabe dialettali, abbiamo riprodotto, editandolo, il testo originario, ivi compresi gli spazi fra le parole e i segni d'interpunzione, oltre alle parole rese in maniera oggi inaccettabile, come Rrè, invece di re. Abbiamo modificato gli a capo in funzione del formato della presente pagina, come per le fiabe dialettali. La modifica che abbiamo apportato editando a questo testo è la sostituzione della lettera s scritta con una f, scrivendo cossì e ossa invece di cofsì e ofsa, pisciava invece di pifciava, grafia in disuso e oggi di difficile lettura. Per accedere online al testo settecentesco citato: http://www.archive.org/stream/ilpentameronede00basigoog#page/n262/mode/2up; ultimo accesso: 16 dicembre 2011.
___________________________________________
TRADUZIONE
© Adalinda Gasparini, 2011.  La riproduzione di questo testo è consentita a fini non commerciali, fatta salva la citazione del copyright e della presente fonte.
___________________________________________
IMMAGINE
Warwick Goble: Giambattista Basile. Stories from the Pentamerone. E. F. Strange, editor. Warwick Goble, illustrator. London: Macmillan & Co. 1911. (http://en.wikipedia.org/wiki/Warwick_Goble)
Fonte: http://goble.artpassions.net/; ultimo accesso: 4 ottobre 2018.

___________________________________________
NOTE


Ca vedive no fusillo , e te la schiudive co l' uocchie, tanto era bella Così Basile si rivolge direttamente all'ascoltatore durante la favola, procedimento non comune.

Chesta è l' affezzione , che puorte a lo sango tujo ? Chisto è ll' ammore , che mmustre a chi chiammave Popella dell' arma toja ? Cossì scraste da lo core chi è pparte de lo sango tujo ? (neretto nostro)

Le due metafore del sangue nella lamentazione di Porziella rimandano alla straordinaria affezione del re per lo polece, che cresce ...nnotrennolo ogne ghiuorno co lo sango de lo proprio vraccio (neretto nostro). La pulce verrà scuoiata, la figlia verrà consegnata a un orco cannibale: il re non si prende cura del suo sangue, sia inteso come quello che fa mangiare dalla pulce, sia inteso come sua figlia, sua sola discendenza.
A proposito del sangue come seme, si ricordi che nella fisiologia antica lo sperma era una trasformazione del sangue, che attraversando i diversi organi ne acquisiva le virtù vitali, per poi sbiancarsi passando finalmente nel cervello:
 
    Sangue perfetto, che mai non si beve
dall'assetate vene, e si rimane
quasi alimento che di mensa leve,
    prende nel core a tutte membra umane
virtute informativa, come quello
ch'a farsi quelle per le vene vane.
    Ancor digesto, scende ov'è piú bello
tacer che dire; e quindi poscia geme
sovr'altrui sangue in natural vasello.
    (Purgatorio, XXV, vv. 37-45)


Ricordiamo questi versi di Dante come esempio di una grande favola scientifica: nello sperma era contenuto l'intero homunculus, che cresceva nutrendosi nel grembo materno; per questa ragione i figli erano sangue del sangue del padre. La madre poteva imprimere sul nascituro i propri tratti somatici e di carattere, come ogni tipo di imperfezione e deformità, con la propria immaginazione. Il Tribunale della Santa Inquisizione mandò al rogo come eretica una donna che aveva dato alla luce un bambino deforme a causa dei suoi pensieri perversi. (Per questa teoria e le sue conseguenze pratiche nei secoli, vedi: Thomas Laqueur, Making Sex. Body and Gender from the Greeks to Freud; Harvard: Harvard University Press, 1990; tr. it. L'identità sessuale dai greci a Freud; Roma-Bari: Laterza, 1992).


Ca li brocchiere so de chiuppe .... vide fieto de lo culo mio, ca vo fare dell' ommo, e mmettere legge a lo Patre...





Qui Benedetto Croce traduce: ...il brocchiere è di pioppo, e annota: Cioè: la difesa è di poca resistenza. (Giambattista Basile, Il Pentamerone, traduzione e introduzione di Benedetto Croce; prefazione di Italo Calvino. Roma-Bari: Laterza 1974; 3 voll. Vol. 1, p. 61). A parte la questione fra singolare - il brocchiere secondo Croce - e plurale -  li brocchiere  secondo il testo napoletano che abbiamo editato in questo file - poco importante ai fini del senso della reprimenda del padre che non tollera che la figlia abbia una volontà diversa dalla sua, non comprendiamo il senso della traduzione italiana di Michele Rak: i bicchieri sono di pioppo (Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti. Testo restaurato della prima edizione napoletana del 1634-1636, traduzione italiana e note di Michele Rak. Milano: Garzanti, 1986. p. 113 ), né la conseguente nota: la rottura rituale del bicchiere, di difficile documentazione all'epoca, vale anche come metafora del campo della sessualità? (ibidem, n. 7, p. 122).
Brocchiere (provenzale broquier, francese bouclier, lat. buccŭla) è un termine tuttora presente nel vocabolario italiano, e indica lo scudo di legno che secondo l'uso spagnolo veniva portato in parata dai cavalieri. Il nome gli derivava dalla brocca, o borchia, che portava al centro. Come gemma significa sia pietra preziosa che germoglio, così brocchia significa sia  borchia, ornamento simile a un bottone, sia germoglio o un piccolo ramo. Parola anche pascoliana: Oh Valentino vestito di nuovo, | come le brocche dei biancospini! (Canti di Castelvecchio, 1907; http://it.wikisource.org/wiki/Canti_di_Castelvecchio/Canti_di_Castelvecchio/Valentino; ultimo accesso 16 divcembre 2011).
Uno scudo da parata, una protezione di legno, non di metallo che protegge solo se l'altro, trovandosi in una parata o a teatro, non rivolge una vera arma contro il fragile brocchiere. Consideriamo un errore la trasformazione in bicchiere, e preferiamo il plurale al singolare: il re dice alla figlia che non può ergersi contro la sua volontà perché non ha che uno scudo di legno, e perché non ha vere armi per contrastarlo.
A questo punto la condizione incestuosa di Porziella e di tutte le Pelle d'asino di questa antologia che va da Mirra al XIX secolo mostra come l'incesto sia da intendere come un misconoscimento non solo delle relazioni di parentela, ma come misconoscimento in generale della diversità dell'altro. Nell'incesto la figlia diventa la moglie, il padre marito, il fratello sposo, sposa la madre, si ha nella stessa persona il fratello e il marito e il figlio. La centralità dell'incesto non dipende dalla necessità evolutivistica di favorire la discendenza con incroci il più possibile esogamici, ma dal problema nucleare dell'uomo, che lo pone sempre in contraddizione con se stesso: sapere e non sapere della morte, rispecchiarsi nei figli e perderli come scìpecchi quando crescono, abbandonare i genitori per ritrovarli nello specchio invecchiando, quando sono già morti, dimenticare il passato e ricordarlo sempre, e anche ritrovarlo davanti come rimosso che torna, lutto da elaborare. Il padre di questa favola ha una ricchezza di significazioni che ci paiono sottolineate dai richiami di Basile al lettore (vedi sopra).
Il re di Altomonte dice alla figlia che le sue armi sono di legno e non di metallo, buone per una parata, non per un duello, e che insomma lei non può sfidarlo, perché a lui basta levare il braccio e non le resterebbe più una sola ciocca di capelli sul capo. L'orco cannibale è l'opposto complementare del re, creatura deforme senza legge né religione al quale il re che detiene e amministra il potere fallico consegna la sua unica figlia, che ha amato tanto, come la figlia inutilmente ha cercato di ricordargli.
I sette fratelli hanno doti meravigliose, che pare non fruttino tanto, se la loro madre, con la quale vivono, si sente svenire dalla fame e va mendicando sul limitare del bosco: solo entrando in relazione con la città, attraverso l'attante femminile che la città ha perduto, perdendo così anche la sua sola erede, possono arricchirsi. Da una parte la città con un re che non tollera che sia messo in discussione il suo primato fallico, che così facendo rischia di annientare il lato femminile, dall'altra un bosco abitato da un orco cannibale, che possiede questo femminile, e sette figli illegittimi, in altre fiabe settimini, quindi magici, per il rischio di morte che miracolosamente hanno scampato. Insieme ai sette figli della mendicante, con le risorse che gli esseri umani cercano fuori dalla città, risorse che l'ordine fallico deve bandire, può tornare al suo posto la figlia del re, che avrà anche un marito come si deve. Il padre re, racconta Basile, si era cento volte pentito di quel che aveva fatto, e rese ricchi i sette fratelli e la loro mamma, felice che avessero eliminato l'orco portatore di una minaccia crudele e antropofagica.
L'invaghimento del re per la pulce porta a vedere un parallelo fra l'insetto cresciuto quanto un castrato col suo sangue, che fa scuoiare quando gli pare e piace, e Porziella, la figlia vista come una propria appendice:

vide fieto de lo culo mio , ca vo fare dell' ommo, e mmettere legge a lo Patre.

Anche nell'esortazione poco precedente, a tacere mettendosi la lingua nell'ano, il padre umilia la figlia dicendole che le sue parole sono equivalenti a quel che riguarda l'ano, che puzzano, e del resto lei stessa equivale a un aria uscita dal culo del padre. Questo motivo della figlia nata da una scorreggia ha effetti comici nella favola di Basile Viola, qui Violetta, dove un orco dopo una scoreggia si volta e vedendo una bella fanciulla, che proprio in quel momento era entrata nel suo giardino, pensa che sia sua figlia formata con l'aria del suo corpo, e la tiene amorevolmente con sé.
















Online dal 3 giugno 2012
Ultima revisione 5 ottobre 2018