L'ORO DEL RENO
1869

Preludio e scena I
Nel fondo del Reno
Crepuscolo verdastro, più chiaro verso l'alto, più scuro verso il basso. La parte superiore è piena d'acqua fluttuante, che corre senza posa da destra a sinistra. Verso il fondo, le onde si sciolgono in una nebbia umida sempre più tenue. Dappertutto si ergono dal fondo scabre scogliere.
e3d5a7
 Tutto il fondo è un selvaggio dentato groviglio. Intorno ad uno scoglio nel mezzo della scena, che con punta sottile si erge fino all'acqua corrente più densa ed in più chiara luce crepuscolare, una Figlia del Reno nuota in cerchio con mossa graziosa. Al canto di Woglinde si accompagna quello della sorella Wellgunde. Esse si danno la baia e cercano di afferrarsi per gioco. Flosshilde, la terza Figlia del Reno, ammonisce le sorelle di non dimenticare il loro compito, che consiste nel custodire  “l' oro del Reno" nascosto nello scoglio; ma alla fine si unisce anch'ella ai giochi delle sorelle. Così guizzano, simili a pesci, di scoglio in scoglio scherzando e ridendo

Nel frattempo, attraverso un oscuro anfratto è salito dall'abisso Alberich, arrampicandosi ad uno scoglio. Egli s'arresta, avvolto ancora dall'oscurità, e contempla il gioco delle Figlie del Reno con crescente compiacenza. Il nano, dall'aspetto ripugnante, vorrebbe unirsi anch'egli ai giochi delle tre graziose sorelle e cerca di attirare su di sé la loro attenzione. Le fanciulle interrompono il gioco, non appena odono la voce di Alberich. Subito sospettose e memori del proprio compito, esse si raccolgono sullo scoglio per impedire ad Alberich l'accesso al tesoro. Ma le dichiarazioni amorose del nano deforme suscitano ben presto l'ilarità delle tre fanciulle, che non gli risparmiano i loro strali pungenti. Sottovalutando con troppa leggerezza il loro goffo spasimante, esse prendono a farsi beffe di lui in una schermaglia che diviene sempre più crudele. Si separano nuotando in qua e in là, ora più basso, ora più alto, per eccitare Alberich alla loro caccia.

"Furore ed amore" lo spingono a strenui quanto inutili tentativi di afferrarle. Con terribile rapidità dà la scalata ad uno scoglio dopo l'altro, cerca di prendere ora l'una ora l'altra fanciulla; ma sempre gli sfuggono con strilli di gioia. - Incespica, precipita al fondo, poi di nuovo si lancia a nuova caccia verso l'alto. Finalmente Alberich si rende conto di essersi prestato involontariamente allo scherno delle tre fanciulle.
Rimane in muto furore, lo sguardo rivolto in alto, là dove viene poi improvvisamente attratto e vincolato dallo spettacolo che segue. Attraverso la corrente è penetrata dall'alto una luce sempre più chiara, che poco per volta, in un punto elevato dello scoglio di mezzo, si accende in un sfolgorio d'oro dai chiari raggi abbaglianti.

Le fanciulle si sperdono con stridi e risalgono verso la superficie in direzioni diverse. Attonite, le tre custodi dell'oro ascoltano adesso Alberich, da loro finora crudelmente deriso, maledire l'amore. Strappa con terribile violenza l'oro dallo scoglio e rapido precipita con esso verso il fondo, dove subito scompare. Improvvisamente si forma una densa notte. Le fanciulle scendono precipitosamente verso il fondo, dietro al rapitore. Le onde precipitano con loro verso il fondo.
Gli scogli scompaiono nella profondissima tenebra, l'intera scena si riempie da cima a fondo di nere ondate.
Nell'albore del giorno si rende visibile una regione aperta su vette montane. Wotan, ed accanto a lui Fricka, ambedue nel sonno, giacciono da una parte sul suolo fiorito.

Scena II
Regione libera su vette montane
Il giorno sorgente illumina con crescente splendore una rocca dai merli scintillanti, che si erge nello sfondo su una vetta rocciosa. Tra di essa e la parte anteriore della scena, è da supporre una valle profonda, attraverso la quale scorre il Reno.
Fricka si sveglia: il suo sguardo cade sulla rocca. Il dio Wotan, parlando nel sonno, rivela di desiderare ardentemente una roccaforte per gli dei, che sia testimonianza di "umano onore" e di "potenza eterna". Sua moglie Fricka lo sveglia; il suo sguardo viene subito trattenuto dalla vista della rocca, la realtà sembra ora dar corpo ai vagheggiamenti del sogno. Ma Fricka gli ricorda a qual prezzo tutto ciò è avvenuto: Wotan ha incaricato i due giganti Fasolt e Fafner di costruire la fortezza; senza far sapere nulla a Fricka ed alla sorella Freia, la custode degli "aurei pomi" dell'eterna giovinezza, il dio si è impegnato in gran segreto a dare ai giganti Freia come compenso del loro lavoro. Wotan si difende dalle accuse di Fricka ricordandole che è stata proprio lei ad avergli suggerito l'idea di erigere una rocca: preoccupata unicamente dalla fedeltà del consorte, sempre errante per il mondo, Fricka sperava di stringerlo a sé allettandolo con la "superba dimora" e le "molli suppellettili". Ma al posto della agognata dimora, ammonisce Fricka, Wotan si è fatto erigere una vera e propria roccaforte a difesa del dominio degli dei, cosa che tuttavia non gli impedisce assolutamente di cercare altrove, come sempre ha fatto, "mutamento e vicenda". Wotan rammenta allora alla moglie che per ottenerla in sposa ha dovuto dare in offerta un occhio; ma comunque, aggiunge Wotan per calmarla, quando ha dato la sua parola ai giganti non parlava sul serio e ora non ha la benché minima intenzione di rispettare i patti convenuti. Wotan tuttavia si trova costretto prima del previsto a rendere ragione dell'una o l'altra delle sue asserzioni.

Sopraggiunge infatti Freia in cerca di aiuto. Wotan le chiede bruscamente di Loge, il dio del fuoco e dell'astuzia, accrescendo ulteriormente l'agitazione e la sfiducia di Fricka. Loge non solo gli ha dato il consiglio di stringere il patto coi giganti, ma gli ha anche promesso che avrebbe escogitato una scappatoia per eluderlo. Entrano Fasolt e Fafner, ambedue in figura di giganti, armati di forti randelli. Wotan li esorta senza mezzi termini a scegliere un'altra ricompensa al posto di Freia. Fasolt ingenuamente cerca di esporre al dio la sua differente concezione del diritto e del rispetto degli accordi stabiliti. Fafner, più realista del fratello, ritiene invece che sia meglio rapire a forza Freia; egli sa bene infatti che alla dispensatrice degli "aurei pomi" dell'eterna giovinezza gli dei non possono assolutamente rinunciare. Fasolt e Fafner si slanciano verso Freia. Froh e Donner accorrono in fretta e si portano davanti alla sorella per proteggerla. Donner brandisce il martello. Wotan, interponendo la lancia fra i contendenti, tra lo stupore attonito di Fricka e Freia impedisce che la discussione degeneri ulteriormente. Con suo grande sollievo giunge infatti Loge, salito su dalla valle nello sfondo. Il dio del fuoco ha esaminato pietra per pietra la grandiosa costruzione, trovandola eretta a dovere e senz'alcuna ombra di imperfezioni. Non vi è quindi alcuna ragione per venir meno all'impegno preso con i giganti. Wotan dapprima accusa Loge di voler declinare su di lui tutte le responsabilità e in questo modo di voler trarsi d'impaccio, ma poi finisce per difenderlo quando Donner minaccia di colpirlo con il suo pesante martello. Loge propone esitante una differente soluzione.

In tutto il mondo, nell'acqua, nell'aria, sulla terra, egli è andato alla ricerca di un solo uomo che non tenesse in sommo grado "la donna e l'amore". Dopo una lunga ricerca però, quando ormai disperava, ha incontrato finalmente le Figlie del Reno; esse gli hanno raccontato di Alberich, il cui amore avevano schernito, ma che alla fine aveva maledetto l'amore impadronendosi dell'oro. Loge ha promesso alle fanciulle che avrebbe chiesto a Wotan di aiutarle a ritornare in possesso del tesoro. Più rapidamente dello stesso Wotan, i giganti fiutano la proposta di Loge. Egli infatti spiega che il possessore dell'anello forgiato con quell'oro godrà di un potere illimitato. Fricka, che subito fa cadere le sue precedenti riserve nei confronti dell'astuto semidio, si fa confermare da questi che, se si ornerà dell'oro del Reno, potrà finalmente essere sicura della fedeltà del proprio marito. Wotan stesso, come sotto l'influsso di un crescente incantesimo, vuole sapere come si fa ad ottenere un anello dall'oro. La spiegazione di Loge, che solo la solenne rinuncia all'amore dà potere sulla "magia di rune" che "costringe l'oro in anello", finisce però per scoraggiare Wotan.

Ma alla notizia che un altro - il nano Alberich - ha già compiuto il sacrificio ed ha forgiato l'anello, Wotan si sente sempre più attratto dall'idea di rubare il magico monile. Tuttavia egli non ne vuole sapere del consiglio di Loge di restituire poi l'anello alle Figlie del Reno, ed ancor meno della proposta dei giganti, che si dichiarano disposti a rinunciare a Freia in cambio dell'oro. Accecato dall'improvvisa sete di ricchezza e di potere, il dio non interviene nemmeno quando Freia viene trascinata via dai giganti in gran fretta: sarà tenuta in pegno da loro finché non riceveranno l'oro.

Gli dei, che quel giorno ancora non si sono nutriti dei pomi di Freia, rapidamente ne sentono le prime conseguenze. Una livida nebbia riempie la scena con densità crescente; attraverso di quella, gli dei prendono un aspetto sempre più pallido e invecchiato; tutti guardano con ansia ed aspettazione a Wotan, il quale tiene fisso lo sguardo al suolo. Loge, che in quanto semidio meno risente della mancanza degli "aurei pomi", fa forza su Wotan perché egli si decida a scendere nel regno sotterraneo del Nibelheim e a strappare l'oro ad Alberich. Ma il consiglio di restituire alle Figlie del Reno il tesoro, una volta strappatolo ad Alberich, continua ad essere rifiutata bruscamente dal signore degli dei. Loge tuttavia si dichiara disposto ugualmente ad aiutarlo.
Procede e scompare lateralmente in un crepaccio, dal quale subito emana un vapore di zolfo. Wotan scende nel crepaccio seguendo Loge; il vapore di zolfo, che da quello esce impetuosamente, si diffonde su tutta la scena e la riempie di una fitta nuvola. Da diverse parti si nota in lontananza una luce crepuscolare d'un rosso scuro: crescente fragore, come di fabbri, si fa intendere dovunque.
Si perde il rombo delle incudini. Si rende visibile una caverna sotterranea che si stende a perdita d'occhio, e sembra sboccare in tutte le direzioni in stretti pozzi.

Scena III
Nibelheim

Alberich, trascina fuori da una stretta laterale Mime, strillante. Il nano, fino a poco prima umile e sottomesso, infierisce ora sul fratello, merito dell'anello e del potere magico che esso gli ha conferito.
Minacciato dalla frusta di Alberich, un esercito di Nibelunghi fruga continuamente nelle viscere della terra alla ricerca del metallo che poi provvede a lavorare.

Il dominatore di questo mondo sotterraneo strappa violentemente a Mime il magico elmo d'oro, che questi ha forgiato con grande abilità e che ora vorrebbe furtivamente tenere per sé. Alberich mette alla prova la capacità dell'elmo di trasformare chi lo porta. La sua figura scompare; in vece sua si vede una colonna di nebbia. Resosi invisibile punisce il fratello per aver cercato di occultare l'elmo. Mime si torce sotto i colpi di frusta, il cui rumore s'intende, senza che si vegga neppure la frusta. Alberich si volge verso i Nibelunghi intenti al lavoro sfogando su di loro tutta la sua improvvisa ebbrezza di potere. La colonna di nebbia si dissipa verso il fondo; si ode in sempre maggior lontananza Alberich che fa chiasso e contesta.
Mime dal dolore si è abbattuto al suolo. Wotan e Loge scivolano giù dall'alto per un crepaccio. Il lamento di Mime per la brutale tirannia del fratello viene accolto dagli ospiti divini più con ilarità che con compassione. Al ritorno di Alberich Mime è in preda al panico. Corre spaurito qua e là.

Alberich, che si è tolto l'elmo magico dal capo e l'ha appeso alla cintura, spinge avanti a sé, dalle più profonde cavità inferiori verso l'alto, una schiera di Nibelunghi, brandendo la frusta. Essi sono carichi di oggetti d'oro e d'argento, che, sotto la costante costrizione di Alberich, raccolgono tutti in un mucchio, e così cumulano un tesoro. Alla vista dei due intrusi Alberich si insospettisce. Egli mostra loro qual'è l'uso che sa fare dell'anello e del potere che esso gli conferisce.
Trae l'anello dal dito, lo bacia e lo protende minaccioso. Con ululi e stridi i Nibelunghi - e tra essi Mime  - si disperdono e sgattaiolano in tutte le direzioni, giù verso i pozzi.

Wotan e Loge, rendendosi conto di essere ospiti indesiderati, cercano di placare la collera di Alberich, il quale reagisce minacciandoli e assumendo un arrogante atteggiamento trionfalistico. Loge deve fare ricorso a tutta la sua abilità diplomatica per frenare Wotan, che vorrebbe scagliarsi sul nano, e per lasciare cullare Alberich nella sua illusione di superiorità. Questo nano vanaglorioso infatti non riesce a resistere alla tentazione di ostentare i poteri magici che gli conferisce il suo elmo e di impressionare i due ospiti mostrando loro ciò che sa fare con esso. Subito scompare. In vece sua un immane gigantesco serpente si torce al suolo; si erge e protende le fauci spalancate verso Wotan e Loge. Sempre più inorgoglito e blandito nella sua vanagloria da Loge, Alberich si lascia convincere a dare una seconda prova, questa volta fatale, della sua abilità di trasformista. Scompare; gli dei scorgono sulla roccia un rospo che striscia verso di loro. Wotan pone il piede sul rospo. Loge si accosta alla sua testa e prende in mano l'elmo magico. Alberich improvvisamente è tornato visibile nella sua reale figura, e in atto di torcersi sotto il piede di Wotan. Loge ha tirato fuori una corda di corteccia e con essa lega ad Alberich mani e piedi. Ambedue afferrano il nano ben legato, che cerca furiosamente di riluttare, e lo trascinano insieme con loro per lo stesso crepaccio donde sono scesi. Colà essi dispaiono, salendo verso l'alto. Il mutamento porta ancora una volta davanti alle fucine.

Scena IV
Regione libera su vette montane
La vista è ancora velata dalla nebbia livida come alla fine della seconda scena. Wotan e Loge, recando con sé Alberich legato, emergono dal crepaccio. Gli dei deridono il loro prigioniero e gli dicono qual'è il prezzo del riscatto che dovrà pagare per riavere la libertà: il tesoro accumulato col lavoro dei Nibelunghi. Alberich cerca di consolarsi fra sé e sé col pensiero che l'anello compenserà ogni perdita. Loge gli scioglie il nodo della mano destra. Alberich tocca l'anello con le labbra e mormora segretamente un comando. I Nibelunghi salgono dall'abisso carichi degli oggetti del tesoro. Alberich subisce l'onta di essere visto prigioniero dai suoi sudditi; ordina quindi ad essi, non appena hanno terminato di consegnare il tesoro e di ammassarlo dinanzi a Wotan e Loge, di tornare immediatamente al Nibelheim al lavoro. Bacia il suo anello e lo protende con atto imperioso. Come colpiti dal fulmine, i Nibelunghi timidi e paurosi fanno ressa verso il crepaccio, nel quale rapidi discendendo s'insinuano. Per sommo scorno di Alberich, Loge, dopo che tutto l'oro è stato versato, mette insieme al riscatto anche l'elmo magico, mentre Wotan, con grande sgomento del nano, pretende pure l'ultima cosa rimastagli: l'anello. Il prigioniero cerca invano di opporsi al dio; Wotan gli strappa violentemente il gioiello dal dito. Finalmente libero il nano maledice solennemente l'anello, da lui stesso ottenuto in seguito ad una maledizione; poi scompare rapido nel crepaccio. La densa nebbia del fondo si chiarisce a poco a poco, Wotan sprofondato nella contemplazione dell'anello infilato alla sua mano, non ha prestato attenzione alle ultime parole di Alberich. Dalla nebbia sempre più diradatasi appaiono Donner, Froch e Fricka, che apprendono con sollievo che è stato procurato l'oro per riscattare Freia. Il davanti della scena è tornato nuovamente del tutto luminoso; l'aspetto degli dei riconquista con la luce la primitiva freschezza; sullo sfondo tuttavia permane ancora un velo di nebbia, così che la rocca lontana rimane invisibile.

Fasolt e Fafner entrano conducendo Freia in mezzo a loro. La quantità del riscatto sarà stabilita, secondo quanto ordina Fasolt, ammucchiando il tesoro dei Nibelunghi fino a fare scomparire interamente la figura di Freia. Freia viene posta nel mezzo dai due giganti. Essi conficcano quindi ai due lati di Freia i loro randelli nel suolo, in modo da misurare un'altezza e larghezza eguale alla persona di lei. Loge e Froch ammucchiano in fretta gli oggetti preziosi tra i due pali. Impotenti e sdegnati gli dei, sono costretti ad assistere al triste spettacolo di come Freia rappresenti per gli avidi giganti una mera merce di scambio. Wotan si trova ora a patire gli stessi tormenti di Alberich per coprire le ultime fessure che ancora si intravedono nel tesoro. I giganti chiedono infatti l'elmo magico ed infine lo stesso anello. Ma Wotan, costi quel che costi, non ha la minima intenzione di rinunciare anche ad esso; Fasolt allora fa atto di voler riprendere in pegno Freia, questa volta per sempre. Fafner trattiene Fasolt che continua ad incalzare; tutti assistono costernati. Wotan si ritrae in disparte incollerito. La scena si è nuovamente oscurata.

Dal crepaccio laterale nella roccia rompe un bagliore azzurrino; nel quale appare improvvisamente Erda, che sale dal fondo, ergendosi fino a mezza persona. La dea della terra e madre delle tre Norne che tessono il filo del destino, mette in guardia Wotan dal trattenere per sé l'anello, su cui grava la maledizione del Nibelungo. Prima che il dio possa farle alcuna domanda, Erda scompare nuovamente donde era venuta. Wotan vuol precipitarsi nel crepaccio dietro la sparente, per trattenerla. Froch e Fricka gli si gettano incontro e lo trattengono. Wotan medita, fisso lo sguardo avanti a sé. Tutti guardano ansiosi verso Wotan, il quale tornando in sé dopo un profondo meditare, afferra la sua lancia e la vibra quasi a segno di eroica deliberazione. Getta l'anello sul tesoro. I giganti liberano Freia, ella s'affretta lietamente agli dei.

Fafner apre subito un sacco enorme e si appressa al tesoro per ammassarvelo dentro. Fasolt reclama inutilmente dal fratello la sua parte, e a nulla gli giova l'appellarsi al giudizio degli dei. Seguendo il subdolo consiglio di Loge, Fasolt cerca di prendersi per lo meno l'anello. La maledizione di Alberich comincia già a colpire. Fafner, vibrando il randello con un colpo stende Fasolt al suolo; strappa quindi in fretta l'anello al morente, lo chiude nel sacco, poi, a suo agio, v'insacca tutto il tesoro.

Tutti gli dei assistono atterriti in silenzio solenne. Wotan vorrebbe inseguire Erda e chiederle ulteriori consigli, ma Fricka gli ricorda la rocca appena costruita, che appartiene finalmente agli dei e che attende ancora di essere presa in possesso da loro. La costruzione è tuttora avvolta da un "afoso vapore" e da una "livida nuvolaglia". C'è bisogno di un temporale che porti via l'atmosfera opprimente. Donner sale su un'alta roccia sul declivio che scende a valle, e di là vibra il martello; durante quel che segue, le nebbie si addensano intorno a lui. Donner scompare interamente in una nuvola temporalesca, che si addensa sempre più scura. Si ode il martello di Donner cadere pesantemente sulla roccia. Un potente fulmine sfugge alla nuvola; segue un tuono violento. Froch è scomparso anche lui nella nuvola. Durante "l'incantesimo della tempesta" Fafner ha raccolto nel sacco tutto il tesoro dei Nibelunghi e si è quindi allontanato con il suo bottino.

Donner esorta suo fratello Froch a tracciare un ponte che li conduca alla montagna antistante ed alla rocca sita su di essa. Improvvisamente la nuvola si dissipa; dai loro piedi con luce abbagliante parte un arcobaleno a foggia di ponte, sopra la valle su fino alla rocca; la quale, illuminata dal sole che tramonta, raggia nel più vivo splendore. Wotan e gli altri dei si perdono muti nella mirabile visione. Wotan, come preso da un gran pensiero, saluta la fortezza dove troverà sicura dimora insieme a Fricka e gli altri dei, e le dà il nome di Walhalla. Prende Fricka per la mano e s'avvia lentamente con lei verso il ponte; Froch, Freia e Donner seguono. Loge non è affatto convinto di questa pace apparente e nutre il presentimento che gli dei si stiano avviando lentamente verso la loro fine. Seguendoli ad una certa distanza e con aria dinoccolata si ricongiunge infine agli altri dei. Dal fondo della valle si odono le voci delle Figlie del Reno. Il loro ammonimento di restituire l'oro sottratto suona quanto mai sgradevole alle orecchie di Wotan. Loge consiglia sarcasticamente alle fanciulle di consolarsi della perdita dell'oro rimirando il "nuovo splendore degli dei". Gli dei ridono e passano sul ponte. Accompagnati dal lamento delle Figlie del Reno, si avviano verso la rocca.