HOME PAGE
PUBBLICAZIONI
INCONTRI BIBLIOSITOGRAFIA SCUOLA
CV
E-MAIL
ADALINDA GASPARINI              PSICOANALISI E FAVOLE

MARIA 'E SU BUSCU

Custa fit una femina battia e fit locandera; aiat una posada chi b’andaiat meda zente: istranzos, biazantes e gai. Custa femina fit meda bella e benian finza dae luntanu pro si fagher selvire dae issa. E tottu l’ammiraini e li faghian meda cumplimentos.
Custa femina teniat pro caridade una nebode, chi l’aggiuaiat in coghina. Fit pisedda e sa tia la cheriat bene. Ma cando cudda pisedda est diventada signorina, s’est fatta pius bella che a issa, e tando cudda fit gelosa.
Beniat sa zente e tottu naraian:
- Bella sa tia, ma pius bella est Maria.
In custa locanda b’accudiat puru zente mala: bandidos, ladrones, brigantes, ezzetera. E una die b’est andadu custu bandidu chi tottu lu timiana ca nachi fit malu che chentu diaulos.
Cudda femina s’est accolziada e l’ha nadu si occhiat sa netta, ca oramai no la podiat mancu pius bidere.
 - Deo bos dao su chi cherides – l’ha nadu – ma la devides bocchire. Su inari bi lu dò cando mi giughides su coro e Mariedda imboligadu cun sa camisja sua.
 - Emmo – nachi – già lu faghimus.
S’incras ha giamadu sa netta e l’ha nadu:
- Mariè: oe hasa tribagliadu meda. Pasadi unu pagu. A bi cheres andare a sa festa? Bi faghen una festa manna, in bidda. A nd’has gana?
- Emmo, già nd’appo gana.
- E tando, faghe gai. Como tue ti pones su estire nou e andas. Ma mì: no passes in s’istradone, chi est troppu longu: passa in su buscu, chi est pius acculzu.
Cudda pisedda, totta cuntenta, s’ha postu su estire nou e ch’est bessida dae domo, allegra che furferalzu.
Bi fu custu buscu mannu. Issa, comente l’aiat nadu sa tia, ch’est bintrada in mesu ca nachi fit pius acculzu a sa festa.
Camina, camina, a unu zeltu puntu nd’essini custos bandidos: fin doighi, armados de fusile e de pugnales.
- Frima in cue! – nachi. Cudda, s’iscura, s’est assustada malamente.
- E ite cherides? – ha nadu – Deo no appo nudda, seo povera…
- Su coro tou cherimus – nachi su capubanda.
- Su coro meu? Ello e proite? E itte bos appo fattu, deo?
- Tue nudda – la nadu cuddu – ma tia tua nos hat impromissu unu muntone e inari pro su coro tou cun sa camisja.
Tando cudd’iscuredda s’est imbenujada, pianghende, e l’ha nadu:
- Nono, no mi occhedas, pro caridade! Chi no mi occhides, bos fattu tottu su chi cherides. Deo isco coghinare, isco samunare, cosire sa robba… Pro amore’ e Deus, no mi occhedas!
E tando nd’han appidu dolu, ca fit pianghende e puro ca fit gai bella.
- E andat bene! – nachi su capuband – Già ti lassamus campare. Beni cun nois, chi in domo nostra no b’ha mancu una femina pro coghinare e samunare. A tia tua già l’amus a dare su coro e unu cane.
E gai l’han salvada. Giutta si che l’hana a domo e l’han posta subitu a tribagliare. Daboi hana occhidu unu cane ezzu chi teniana, nde l’hana ogadu su coro, l’hana imboligadu cun sa camisja de Mariedda e che l’han giuttu a sa tia.
In custa domo, sos doighi bandidos la trattaian bene, ca issa fit trabagliadora e ischiat coghinare bene. A pianu a pianu si sun tottu affezionados e la cherian bene comente a una sorre. E issa puro li cheriat bene, puro si fin bandidos.
Cando essiana pro furare, issa si ch’inserraiat in domo ca timiat chi sa tia l’aeret pissighida finzas a cue.
Una die che sun bessidos tott’umpare e a sera no fin ancora torrados. Issa lo hat aisettados totta notte ma no si idiat nisciunu. Tando ha pensadu chi l’aian arrestados sos carabineris o chi l’aian bocchidos. E gai fit, infatti. Cudda pisedda est restada sola.
- E corno comente fatto, comente no fatto – naraiat. Fit meda asciucconada, s’iscuredda. Ma pois, pianu pianu, s’est rassegnada a istare a sa sola. A de die istaiat in domo, e su sera essiat a cazza pro si campare. E gai est passadu meda tempus.
Una die intendet custu burdellu mannu, in su buscu: ticchirrios, isparos, caddos currende.
- Ite hat a essere? – ha nadu, assustada. Tando b’essit appianu e si che cuat in d’unu maccione. Abbaidat e bidet custos omines chi fini a cazza e porcavros. Tando s’est unu pagu assentada. Ma no s’est movida dae su maccione.
A unu zeltu puntu ha bidu custu belle giovanu a caddu, chi fit puntende unu polcavru. Partit su colpu, e faddidu si l’hada. Tando pissighit s’animale, isparat, e si l’ha faddidu pro sa sigunta olta. A sa e tres, issa puro puntat su fusile e isparat contemporaneamente a isse. E moltu hat su polcavru.
Tando su giovanu – chi fit su fizu e su Re – est faladu dae caddu e ha bidu chi s’animale aiat duas ballas in conca, ca proite isse puro l’aiat colpidu.
- Chie hat isparadu cun megus? – ha nadu.
- Nisciunu – nachi sos cumpanzos.
- E tando in custu buscu b’est un attero cazzadore. Chilcadelu!
Si pone ne in chilca, cun sos canes addaneanti sighende sas trattas. E arrivini a custa domo. Intrana e acciappana a issa cun su fusile ancora caldu.
- Tue has isparadu? – ha nadu su prinzipe.
- Emmo – nachi issa, unu pagu birgunzosa.
- Has miria bona. Comente ti giamas?
- Maria ‘e su buscu.
- E ite bi faghes in custu logu e brigantes?
E tando cudda l’ha raccontadu totta s’istoria: sa tia chi la cheriat bocchire, ca fit gelosa, sos bandidos chi l’aian salvada e si che l’aian giutta a domo, e tottu cantu.
- Si est beru su chi m’has contadu – nachi – calicunu hat a pagare cara sa gelusia.
Tando che l’ha giutta a corte reale e ha fattu giamare cudda locandera. Candu cudda ha bidu sa netta ancora bia e in cumpanzia de su fizu e su Re, s’est assustada, l’est bennidu unu mancamentu e coro e est crebada.
Daboi su prinzipe si l’ha cherfida cojuare. Hana fattu una festa manna…ma a mie mi c’hana dispacciadu.
Cera una vedova che faceva la locandiera; aveva una locanda dove si recava molta gente: stranieri, viandanti e così via. Questa donna era molto bella, tanto che venivano da molto lontano per farsi servire da lei. E tutti l’ammiravano e le facevano tanti complimenti.
La donna teneva con sé, per dovere di carità, una nipote povera, che l’aiutava in cucina. Era piccola e la zia le voleva bene. Ma quando la bambina diventò signorina, si fece più bella di lei, tanto che la zia diventò gelosa.
Arrivavano gli avventori e dicevano:
- È bella la zia, ma è ancora più bella Maria.
In questa locanda andava anche gente cattiva: banditi, ladroni, briganti, eccetera. Un giorno ci andò un bandito temuto da tutti perché dicevano che era cattivo come cento diavoli.
La locandiera gli si avvicinò e gli chiese di uccidere la nipote, perché non poteva più nemmeno vederla.
- Vi darò quel che vorrete – gli disse – ma dovete ucciderla a ogni costo. Vi darò i soldi quando mi porterete il cuore di Mariedda avvolto nella sua camicia.
- D’accordo – rispose il bandito – lo facciamo.
L’indomani la donna chiamò la nipote e le disse:
- Maria: oggi hai lavorato molto. Riposati un poco. Vorresti andare alla festa? Fanno una gran festa, in paese. Ti piacerebbe andarci?
- Si, mi piacerebbe.
- E allora, facciamo così. Ora tu indosserai un vestito nuovo e andrai alla festa. Ma, bada: non passare per lo stradone, che è troppo lungo: passa per il bosco, che farai prima.
La ragazza, felice e contenta, indossò il vestito nuovo e uscì di casa, allegra come un passerotto.
C’era questo gran bosco, nelle vicinanze. La ragazza, così come le aveva consigliato la zia, vi entrò per raggiungere prima il luogo della festa.
Cammina cammina, ad un certo punto sbucarono i banditi: erano dodici, armati di fucili e di pugnali.
- Ferma dove sei! – le intimarono.
La poverina si spaventò moltissimo.
- Che cosa volete? – domandò - Io non possiedo nulla, sono povera.
- Vogliamo il tuo cuore –, rispose il capobanda.
- Il mio cuore? E perché? Io non vi ho fatto niente di male.
- Tu no – esclamò il bandito –, ma tua zia ci ha promesso un mucchio di soldi se le porteremo il tuo cuore con la tua camicia.
Allora la poverina si inginocchiò, in lacrime, e disse:
- Non uccidetemi, per carità! Se non mi ucciderete, farò tutto quel che vorrete. Io so cucinare, so lavare, so cucire i vestiti… per l’amor di Dio, non uccidetemi!
E allora ne ebbero pietà, perché piangeva e anche perché era così bella.
- Va bene! – esclamò il capobanda – Ti lasceremo vivere. Verrai con noi, giacché in casa nostra non c’è nemmeno una donna che cucini e che ci lavi i panni. A tua zia faremo avere il cuore di un cane.
Così la risparmiarono. La portarono alla loro casa e la misero subito al lavoro. Poi uccisero un vecchio cane, gli levarono il cuore, lo avvolsero nella camicia di Mariedda e lo portarono alla locandiera.
In questa casa i dodici banditi la trattavano bene, perché lei lavorava molto e sapeva cucinare saporitamente.
Pian piano le si affezionarono tutti e le volevano bene come ad una sorella. Anche lei voleva loro bene, anche se erano dei banditi.
Quando uscivano per rubare, lei si rinchiudeva in casa perché temeva che la zia la perseguitasse anche laggiù.

Un giorno i banditi uscirono insieme, ma quella sera non rientrarono. Lei li aspettò per tutta la notte, ma nessuno arrivò. Allora pensò che fossero stati arrestati dai carabinieri o che fossero stati addirittura uccisi. E infatti era proprio così. E lei rimase sola.
- Ed ora come farò, come non farò – si lamentava. Era molto spaventata, poverina. Ma poi, pian piano, si rassegnò a viver da sola.
Durante il giorno se ne stava rinchiusa in casa, e la sera andava a caccia per procurarsi da vivere. Così passò molto tempo.
Un giorno sentì un gran chiasso: grida, spari, cavalli che correvano.
- Che cosa sarà mai? – si domandò, spaventata.
Allora uscì in silenzio e si nascose dietro un grosso cespuglio. Guardò, vide tanti uomini che andavano a caccia di cinghiali. Allora si tranquillizzò un poco. Ma non si mosse dal suo nascondiglio.
Ad un certo punto vide un bel giovane a cavallo, che prendeva di mira un cinghiale. Partì il colpo, ma fallì il bersaglio. Allora inseguì l’animale, sparò di nuovo e fallì per la seconda volta. La terza volta, anche la ragazza puntò il fucile e sparò contemporaneamente al giovane. E uccise il cinghiale.
Allora il giovane – che era il figlio del Re – smontò da cavallo e si accorse che la bestia aveva due pallottole in testa perché anche lui l’aveva colpita.
- Chi ha sparato insieme a me? – domandò.
- Nessuno – risposero i compagni.
- E allora in questo bosco c’è un altro cacciatore. Cercatelo!
Si misero alla ricerca, con i cani in testa al gruppo che seguivano le tracce. Finché raggiunsero la casa di Mariedda. Entrarono e trovarono la ragazza col fucile ancora caldo.

- Hai sparato tu? – le domandò il principe.
- Si – rispose lei, un po’ timida.
- Hai una buona mira. Come ti chiami?
- Maria del Bosco.
- Che cosa ci fai in questo luogo di briganti?
Allora lei gli raccontò tutta la storia: della zia che voleva ucciderla, per gelosia, dei banditi che l’avevano salvata e portata a casa loro, e tutto il resto.
- Se è vero ciò che mi hai raccontato – disse il principe –, qualcuno pagherà cara la sua gelosia.
Così la portò alla corte reale e fece chiamare la locandiera. Quando la donna vide la nipote ancora viva e in compagnia del figlio del Re, si spaventò, le venne un colpo al cuore e schiattò.
E poi il principe volle sposare Mariedda. Fecero una gran festa… ma a me mi cacciarono via.



___________________________________________
TESTO

Versione Logudorese e traduzione italiana: Enna, Francesco, Sos contos de foghile. 2 voll. Vol. 1: Racconti e fiabe.Contos e Contascias; vol. 2: Racconti e leggende. Contos e Paristorias; Genova: Fratelli Frilli Editori, 2004; vol. 1; pp. 150-157. Raccontata da Salvatore Fadda di Pozzomaggiore [Raccolta prima del 1973].
Versione tratta da Il posto delle favole.... http://www.ilpostodellefavole.com/mariaESuBuscu.asp; consultato il 31 ottobre 2018.
___________________________________________

IMMAGINE Immagine reperita online, riferimento mancante.
___________________________________________
NOTE


 ©
Adalinda Gasparini
Online dal  10 gennaio 2010
Ultima revisione  31 ottobre 2018